gazzettino 122 b

Download Gazzettino 122 b

Post on 22-Mar-2016

214 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Un progetto del Consorzio Siena Promuove per illuminare la città in occasione delle feste natalizie. Accordo dei commercianti Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche • Anno III • numero 122 • Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008 • www.alsaba.it Chiuso in redazione il 4 ottobre 2010 • Tiratura 9.000 copie • Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico “Angelo Blu” alle pagine 8 e 9 L’alzata dell’Oca Giuliano Catoni 3 4

TRANSCRIPT

  • Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche Anno III numero 122 Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell8 aprile 2008 www.alsaba.itChiuso in redazione il 4 ottobre 2010 Tiratura 9.000 copie Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico Angelo Blu

    Il Natale che verr

    Un progetto del Consorzio Siena Promuove per illuminare la citt in occasione delle feste natalizie. Accordo dei commercianti

    alle pagine 8 e 9

  • A pezzie bocconi

    Alessandro Romani, un architetto nato a Scansano nel 1799, si era trasferito a Siena nel 1842. Non ostante fosse pieno di problemi per mandare avanti la famiglia (aveva 10 figli!), era comunque molto interessato a ci che accadeva intorno a lui; si occupava di politica, di storia, di archeologia, di botanica e stilava un diario giornaliero, ora conservato in 47 quaderni nella Biblioteca Comunale. Convinto liberal-democratico, al tempo del governo provvisorio propose in-sieme con altri nel Circolo Popolare Senese di abbattere la Fortezza medicea, simbolo delloppressione granducale, e di usare le due caserme che vi si trovavano, una come istituto di belle arti e laltra come circolo ricreativo popolare. Ma credo fermamente comment nel diario che non ne ver-r fuori niente, perch il popolo in Siena non conta niente.Il 14 ottobre 1849 Leopoldo II con la famiglia inaugur la ferrovia Siena-Empoli, che lingegnere Giuseppe Pianigia-ni aveva progettato e portato a compimento, insieme con un singolare personaggio: il segretario-gerente della Societ costruttrice Policarpo Bandini. Nel suo diario Romani quel giorno annot che circa 400 forestieri erano arrivati a Siena per loccasione e che , mentre il Pianigiani fu applaudito con tutto lentusiasmo possibile, pochi furono gli applausi al granduca.Dato che il treno partiva dalla stazione provvisoria di Maz-zafonda, allimbocco settentrionale della galleria di Monta-rioso non ancora terminata, i disagi per i partecipanti alla cerimonia furono notevoli. Intanto gli omnibus di padrone fiorentino osserva il Romani facevano pagare un pavolo a testa a chi andava da Siena alla via ferrata e viceversa, ap-profittandosi secondo il solito della circostanza [] I militi sono ritornati a Siena alle 3 circa zuppi e infangati come maiali [] La pioggia dirottissima caduta i giorni avanti e oggi ha fatto conciare le donne come zinghere. Molte hanno lasciato le scarpine nella pantenna e gli convenuto ritorna-re a Siena con lomnibus, pagando una lira a testa per atto di umanit. Gran malumore nelle Contrade per i danni sofferti dalla pioggia, avendo sciupato vestiario e bandiere.Proprio una bandiera, quella dellOca, fu protagonista di un episodio ricordato nelle cronache del Palio corso il 2 luglio 1850, sempre alla presenza del granduca. Lalfiere dellOca infatti come riporta il Comucci giunto che fu sotto la ringhiera del Casin dei Nobili ove aveva preso posto Leopol-do II, fatta la sbandierata, collalzata che culmina il giuoco della bandiera, la spinse tanto in alto da sorpassare di alcuni metri la ringhiera stessa, in guisa che il granduca istinti-vamente alz il capo per seguire nello spazio la bandiera e quindi labbass per accompagnarla per tornare in basso. Con questo movimento, senza pensarci, venne ad imitare il gesto di chi saluta col capo. Quante risate, quanta gioia de-st tale atto non pu dirsi.Quella bandiera tricolore, non ostante la forzata sostituzio-ne del colore rosso col rosa, era sempre appaludita freneti-camente dai liberali e a lei aveva reso omaggio finalmente anche il granduca!LOca, che aveva il miglior cavallo, avrebbe dovuto vincere anche questo Palio dopo quello straordinario del 21 ottobre 1849 , ma cadde al terzo giro e vinse la Chiocciola col fan-tino Folaghino.

    Lalzata dellOca

    Giuliano Catoni

    Ella, un video a Site transitoire

    34

    Torna anche questanno, in citt e in provincia, il Festival Contemporaneamente Barocco, ideato a progettato dallassociazione centro studi musica antica Ludus Tonalis, con la direzione artistica di Alessio Rosati. Giunto alla terza edizione e realiz-zato con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi, il Festival sostenuto e promosso da tutte le istituzioni del territorio, in primis Comu-ne e Provincia di Siena.La manifestazione si articola lungo diciotto gior-ni di eventi, distribuiti in spazi diversi ed emo-zionanti come chiese e musei e un progetto didattico che coinvolger 400 studenti della provincia: il Festival inizier l8 ottobre al Teatro dei Rinnovati con limprovvisazione di Stefano Bollani, per concludersi il 26 ottobre, ancora ai Rinnovati, con lo spettacolo La viola celtica. Arie e danze della tradizione scozzese e irlandese. La manifestazione sceglie di porre lartista come punto di sintesi tra antico e contemporaneo: non si chiude tra i confini della musica antica, ma la usa per creare suggestioni ed emozioni contem-poranee. Il Festival non nasce con intenzione archivistica o bibliografica spiega il direttore ar-tistico Alessio Rosati qui non si tratta di espor-re delle salme, come chiaramente dimostrato dallapertura affidata a Stefano Bollani. Voglia-mo piuttosto rimanere in equilibrio sul presen-te, grazie ad artisti contemporanei cui si chiede di dare una versione personale di una musica, quella barocca, che anche inconsciamente ci ha influenzato tutti. Non dobbiamo e non vogliamo dare al pubblico lillusione di vivere quellepoca, vorremmo invece spingerlo ad assaporarne le suggestioni.

    Suggestioni che arriveranno, senza dubbio, gra-zie anche alle splendide location scelte per gli eventi: i teatri dei Rinnovati e dei Rozzi, certa-mente, ma anche le chiese San Martino, San Giorgio, Santa Maria degli Angeli e San Vigilio e i musei, dai Magazzini del Sale al Museo ar-cheologico di Chianciano Terme, dai musei civici di San Gimignano al Palazzo Corboli di Asciano, resi disponibili grazie alla collaborazione con la Fondazione Musei Senesi e con la Soprintenden-za. Particolare attenzione, da questo punto di vista, va riservata alla chiesa di Santa Maria degli Angeli, conosciuta come il Santuccio, che si trova in via Roma: Un gioiello dellarchitettura senese poco conosciuta, restaurato con grande sforzo e finalmente accessibile come ha ricorda-to Francesca Giannino, in rappresentanza della Soprintendenza dei beni architettonici.Una parte importante del Festival Contempora-neamente Barocco sar, infine, quella del progetto formativo che coinvolger 19 scuole per lo pi elementari, con oltre 400 studenti di tutta la pro-vincia. A loro sar dedicato un percorso didattico articolato in tre incontri: uno al Teatro dei Rozzi dove potranno conoscere e prendere possesso dello spazio teatrale, uno con listallazione didat-tica e interattiva allestita ai Magazzini del Sale, un terzo in Pinacoteca. Alcuni spettacoli saranno a ingresso gratuito (previa prenotazione telefonica), altri saranno a pagamento, 12 euro il costo del biglietto intero, 6 il ridotto. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito del festival www.fcbs.it oppure ai numeri del call center del Comune 0577 292615 292614.

    Nicola Panzieri

    Bollani apreContemporaneamente

    Barocco

    LAssociazione Site transitoire, in collaborazione con Nerval Teatro, presenta Ella. Si tratta di un video, un adattamento speciale per il site transitoire di Jean-Paul Philippe, ideato da Maurizio Lupinelli e Eu-genio Sideri, con la regia Maurizio Lupinelli e la direzione artistica Alessandra Rey e Jean-Paul Philippe. Con Ella si celebra il decimo evento realizzato intorno alla scultura monumentale Site transitoire di Je-an-Paul Philippe installata nel 1993 nelle Crete senesi nel comune di Asciano. Maurizio Lupinelli, attore storico della compagnia ravennate Teatro delle Albe, lartista invitato a confrontarsi per questanno con gli elementi antropomorfi della scultura. Sedia, sarcofago, finestra e labirinto diventano il cantiere corporale in cui agisce Lupinelli, attore artaudiano, in questo adattamento speciale di Ella di Herbert Achternbusch, autore contemporaneo tedesco, drammaturgo, pittore e noto sceneggiatore per Werner Herzog (Cuore di vetro). Lupinelli riallestisce questo spettacolo che nel 2001 gli era valso 6 segnalazioni al Premio Ubu come Miglior attore italiano. la voce di una donna che rivive nelle parole del figlio raccontando la propria follia con frasi frantumate, grida damore lanciate dallinferno in cui costretta a vivere. Levento, che si terr sabato 9 ottobre alle 17.30 alla Mediateca di Asciano e che si avvale del contributo della Banca Monte dei Paschi di Siena, si celebra come nei primi spettacoli realizzati al Site transitoire durante il tramonto, quando il sole cala nellappiombo della finestra monumentale.

  • Rocca, la carica dei milleSuccesso delliniziativa Invito a Palazzo: oltre 1.300 persone visitano la sede storica del Monte dei Paschi

    4 mercoled 6 ottobre 2010 4 4 3 cultura

    Grande successo della giornata organizzata dallABI Invito a Palazzo. Pi di 1300 persone nella sola giornata di sabato scorso hanno infatti visitato Rocca Salimbeni durante la manifestazione, alla quale ave-va aderito anche Banca Monte dei Paschi di Siena.La sede storica di Banca Monte dei Paschi di Siena rimasta aperta dalle 10 alle 19 ed ha registrato unal-tissima affluenza di turisti e amanti dellarte che han-no potuto ammirare la collezione, larchivio storico e le sale pi prestigiose della banca.Invito a Palazzo, uniniziativa giunta ormai alla nona edizione dellAssociazione Bancaria Italia-na che promuove lapertura delle sedi storiche e di interesse artistico di oltre 50 banche, con pi di 90 palazzi di solito accessibili solo agli addetti ai lavo-

    ri. Dalle ore 10,00 alle 19,00 di sabato 2 ottobre gli appassionati darte hanno potuto visitare la sede di Rocca Salimbeni a Siena e Palazzo Orlandini Del Bec-cuto a Firenze in via de Pecori.Come per ledizione del 2009 anche questanno stato possibi