casertafocus 37

Download Casertafocus 37

Post on 17-Mar-2016

218 views

Category:

Documents

3 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

settimanale di caserta e provincia in distribuzione gratuita

TRANSCRIPT

  • CaSERTa. E prevista sabato 9 no-

    vembre la manifestazione Caserta

    vuole vivere promossa dalle parroc-

    chie del capoluogo per protestare

    contro laumento delle patologie tu-

    morali dovute allemergenza ambien-

    tale divenuta ormai insostenibile in

    provincia di Caserta e in regione

    Campania. Lappuntamento alle

    10,30 in piazza Pitesti, davanti alla

    chiesa del Buon Pastore da dove

    prender le mosse il corteo silen-

    zioso. La manifestazione attraver-

    ser il rione Cappiello, viale

    Beneduce, corso Trieste, via Maz-

    zini, sino a concludersi in piazza

    della Prefettura.

    Don antonello giannotti, cosa si-

    gnifica Caserta vuole vivere?

    I cittadini casertani hanno voglia di

    vivere e di godersi il creato. Pur-

    troppo, a causa di tutti i rifiuti che

    sono seppelliti nel nostro sottosuolo,

    in molti casi, questa cosa non pos-

    sibile. I veleni che sono stati ammas-

    sati ci stanno uccidendo lentamente.

    Il cancro, ormai un problema che

    colpisce quasi tutte le famiglie. Non

    c bisogno di nessun registro dei tu-

    mori per dire che la situazione

    drammatica. Lo scorso anno, su cen-

    tocinquanta funerali che ho cele-

    brato, purtroppo, centotrenta sono

    stati di persone morte di tumore.

    Nella mia parrocchia ho una bimba

    di tredici anni che combatte contro la

    leucemia: questa cosa non giusta.

    Dallesigenza di consentire a tutti di

    godere della magnificenza del

    creato, abbiamo deciso di organiz-

    zare questa marcia per rappresen-

    tare questo nostro desiderio alle

    istituzioni.

    La chiesa si sta facendo carico di

    questa battaglia in maniera forte,

    ma solo la chiesa, senza il soste-

    gno delle istituzioni non andr

    molto lontano...

    Un proverbio africano dice pi o

    meno che, se si parte da soli, si ar-

    riva subito, mentre se si parte in tanti,

    si arriva lontano. Noi vogliamo es-

    sere in tanti, per questo, in questa

    nostra iniziativa, abbiamo coinvolto

    tutte le associazioni religiose e lai-

    che, del nostro territorio per cercare

    di far sentire forte la voce di questa

    terra.

    Uccisi dai veleniDon Antonello a capo della marcia di Caserta

    COMMERCIO ecco idoni della CameraConfesercenti ringrazia la giunta

    della Camera di commercio per il

    Natale e il microcredito. Pag.3

    Finalmente si fa sul serio. Dopo

    un mese di litigi, scontri, accuse e

    anche qualche sberla,

    finalmente il Partito democratico

    voter per lelezione del nuovo

    segretario. Un appuntamento,

    quello di domani, di

    unimportanza capitale dal

    momento che il nuovo segretario

    avr il compito di imporre quel

    cambio di passo al Pd che non

    riesce pi ad essere protagonista

    dopo luscita del vate di Tuoro

    Sandro De Franciscis. Per

    ottenere questo risultato i

    democratici si sono affidati a due

    ragazzotti di belle speranze che

    dovrebbero rappresentare lo

    spartiacque tra presente e

    passato del Pd. Ma perch il

    condizionale? Beh la carta diden-

    tit, da sola non

    condizione sufficiente per

    segnare il cambio di passo...

    Linnovazione data dal metodo,

    non dallet di chi lo mette in

    campo... E chiaro che la

    freschezza legata alla giovent

    rappresenta un elemento

    importante e, quindi, cari Roseto

    e Vitale, dimostrate di essere

    il nuovo, non la novit del

    momento... Il Pd, se vuole

    realmente tornare ad essere com-

    petitivo, ha bisogno di un nuovo

    approccio sul territorio,

    di una nuova capacit di continua a pag.2

    diFrancesco Marino

    Leditoriale

    continua a pag.2

    Pd, la necessitdel nuovo nondella novit...

    Don antonello giannotti

    CASO POLVERINO terremoto nel PdlLarresto del consigliere regionale

    apre anche la partita allinterno del

    partito per Santa Lucia. Pag.4

    PD finalmente sivota il segretarioDomani congresso provinciale dalle

    9 alle 20 con la sfida tra Roseto e Vi-

    tale. Pag.5

    CASAGIOVE VIVAnasce il comitatoI cittadini di Casagiove si organiz-

    zano dopo le polemiche legate alla

    Terra dei fuochi. Pag.6

    OZI Antropolipunta al turismoIl sindaco presenta la nuova edizione

    della rassegna che si svolger a

    Capua. Pag.8

    CATURANO lancia ilpatto istituzionaleSindaco e consiglieri provinciali in-

    sieme per lavorare alla crescita di

    Maddaloni Pag.10

    OUTLET via liberaallampliamentoIl sindaco De Angelis sgombera le

    polemiche: c la volont di tutta la

    maggioranza Pag.11

    Per informazioni328.3997148

    casertafocus@gmail.com

    www.casertafocus.net

    Agenzia Generale della Unipol Assicurazioni

    LO.DE. S.r.l.Via Roma 74 - Maddaloni - Tel. 0823/432715 - fax 0823/203600

    Anno IV n. 3709/11/2013

    distribuzione gratuita

    Periodico dinformazione della Provincia di CasertaDirettore responsabile, Francesco Marino - Editore, PF edizioni srl, via Daniele, 45 - Caserta - Tipografia, Centro Offset Me-ridionale srl - Localit Lo Uttaro - Caserta - Tel 08231873101. Testata registrata presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere(CE) n. 771 del 30/09/2010 - Per informazioni: 328.3997148 - E-mail: casertafocus@gmail.com - www.casertafocus.net

  • 2 09/11/2013 CASERTA

    continua da pag.1

    coinvolgimento della base per ri-

    dare quel vecchio entusiasmo ad un

    partito che, alla sua nascita, sem-

    brava destinato a governare a Ca-

    serta per almeno un ventennio e

    che, invece, finito subito in posi-

    zioni di retroguardia senza neanche

    accorgersene.

    Ma come si fa ad ottenere questi ri-

    sultati? Purtroppo per i democratici

    non esiste una ricetta precostituita...

    Sta alla bravura di Vitale e Roseto,

    mettere in campo metodi differenti

    rispetto al passato recente per rivi-

    talizzare un partito al collasso.

    Lunico dato certo che, da solo,

    nessuno va da nessuna parte. Se

    Vitale crede di poter governare

    senza Roseto o Roseto crede di

    poter governare senza Vitale si sba-

    glia di grosso, la loro sar una no-

    vit che, molto presto sar liquidata

    come meteora sul palcoscenico no-

    strano. La forza di un Pd che si

    candida a rappresentare il nuovo

    vuole e deve essere la squadra,

    con uninterpretazione diversa di

    vincitori e vinti. I due candidati alla

    segreteria si devono rendere conto

    che le battaglie di posizionamento

    che si sono combattute in questi

    anni, non sono le loro battaglie, de-

    vono capire che il tempo di vincitori

    e vinti, di buoni e cattivi passato.

    Il segretario che sar eletto sar

    nuovo solo se avr la capacit di in-

    cludere tutte quelle forze che parte-

    cipano al congresso, altrimenti sar

    la novit destinata ad essere fagoci-

    tata e annientata dai vecchi volponi

    del Partito democratico.

    Ora dipende dai due candidati se

    hanno voglia di essere nuovo o no-

    vit...

    Il popolo del centrosinistra aspetta

    fiducioso e interessato alla fine-

    stra...

    segue dalla prima

    Consegneremo le nostre richieste

    alle istituzioni perch siamo convinti

    che il nostro territorio pu essere an-

    cora recuperato.

    Certo drammatico pensare che i

    riflettori sul problema ambientale

    si sono accesi solo dopo che un

    camorrista andato in televi-

    sione...

    Purtroppo tutti sapevano... Sono

    trentanni che si trascina questa si-

    tuazione senza che nessuno fa nulla

    di concreto. I dati sono eloquentis-

    simi come testimoniano gli indici di

    mortalit per patologie tumorali che

    si registrano tra la zona dellagro

    aversano e quella del napoletano.

    Vi sentite gli ispiratori di un nuovo

    ambientalismo?

    San Francesco era ambientalista.

    Lui rispettava il creato come un dono

    di Dio. Concetti come fratello sole e

    sorella luna, sono di unattualit spa-

    ventosa.

    Oggi non c pi nulla che ricordi

    tutto questo. I cittadini, molto spesso

    sono peggio dei camorristi perch

    non hanno alcun rispetto del nostro

    ambiente. Basta pensare alla serie

    sterminata di mini-discariche che si

    sono venute a creare nel quartiere

    Petrarelle per gli sversamenti abusivi

    che vengono effettuati dai casertani.

    Non c un marciapiede pulito in citt

    proprio a causa dellincivilt di molte

    persone.

    Avete pronta una piattaforma con

    delle richieste da consegnare alla

    prefettura al termine della marcia?

    Certamente. Sono dei punti molto

    chiari che riteniamo indispensabili se

    vogliamo affrontare in maniera seria

    il problema ambientale. Innanzitutto,

    dobbiamo inasprire le pene nei con-

    fronti di chi inquina, dando un se-

    gnale forte da questo punto di vista.

    C bisogno, poi, di una mappatura

    del territorio, dal momento che ne-

    cessario capire quali sono i terreni in-

    quinati e quali no. Parte della nostra

    economia si basa sullagricoltura e,

    quindi, non possiamo permetterci di

    distruggerla. Per tutelare i nostri pro-

    dotti e preservarli anche dalla fobia

    diffusa, dobbia essere in grado di

    identificarne la provenienza. I pozzi

    che si trovano nellarea di Lo Uttaro,

    devono essere