vivere in sicurezza

Click here to load reader

Post on 16-Oct-2021

0 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Pubblicazione vivere in sicurezza_semidefinitivo14 giugno (1).pubIniziativa realizzata con il contributo della
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza
CORPO DI POLIZIA LOCALE dell’UTI della Carnia
GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DI AMARO, CAVAZZO CARNICO,
TOLMEZZO e VERZEGNIS
in collaborazione con l’IRSS - Istituto di Ricerca Sviluppo Sicurezza
con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Servizio affari istituzionali e locali, polizia locale e sicurezza.
Rielaborazione testi e grafica: Gestione Associata tra i Comuni di Amaro, Cavazzo Carnico, Tolmezzo e Verzegnis
La sicurezza è uno degli aspetti fondamentali che incide sulla qualità della vita e sul modo di vivere. Soprattutto per le fasce più deboli della popolazione, in particolare gli anziani, è fondamentale essere informati e consapevoli che la nostra sicurezza dipende anche da noi, dalle nostre abitudini e dai nostri comportamenti. I Comuni della Conca tolmezzina, grazie anche al finanziamento regionale in materia di politiche per la sicurezza, hanno prodotto questa pubblicazione che vuole essere uno strumento che renda le nostre comunità consapevoli delle situazioni ed abitudini che possono mettere tutti noi in pericolo e dare consigli e strumenti utili per auto-tutelarsi. Sicurezza a 360 gradi, dalle truffe e raggiri ma non solo: sicurezza quando siamo fuori casa, quando utilizziamo le nuove tecnologie e soprattutto quando siamo a casa nostra, luogo che deve essere protetto non solo da truffatori, ladri o malintenzionati ma anche da situazioni pericolose e incidenti che possiamo creare noi stessi con cattive o distratte abitudini. Facciamo rete costruiamo insieme la nostra sicurezza. Laura Zanella, Gianni Borghi, Francesco Brollo, Renzo Lunazzi
Sindaci dei Comuni di
Il perché di questa pubblicazione
PRESENTAZ IONE
Le truffe sono reati commessi da chi, per mezzo di artifici o di raggiri, induce una persona in errore e ad effettuare atti che la danneggiano e favoriscono il truffatore o altri soggetti, procurando per questi ultimi un profitto che corrisponde ad un danno inferto alla vittima di truffa.
Sicurezza dalle truffe
TRUFFE
TRUFFATORI un identikit In genere i truffatori non sono persone violente, hanno spesso modi cordiali, gentili e persuasivi. Possono essere uomini o donne, giovani o anziani, hanno un aspetto distinto, elegante e molto rassicurante. Non fidiamoci dell’abbigliamento e della documentazione, i truffatori studiano tutto nei dettagli e sono sempre adeguati alla situazione in modo da non destare sospetti.
Operano con abiti civili e se occorre indossano falsi cartellini di
riconoscimento, tute da lavoro ed anche uniformi di servizio o vesti religiose.
I truffatori sono esperti comunicatori, molto abili a parlare e nel manipolare le persone, disorientando la vittima con un fiume di parole. Spesso raccontano cose complicate usando termini difficili da comprendere allo scopo di confondervi o per guadagnare la vostra fiducia.
Possono tentare di ingannare da soli o con l’aiuto di uno o più complici. A volte si spacciano per vecchi conoscenti o amici di qualche vostro parente.
LE TRUFFE PIÚ RICORRENTI Tutte le truffe si basano sulla creazione di situazioni verosimili che portano le persone a fidarsi e a non fare troppe domande.
È necessario, di fronte ad una situazione imprevista, essere prudenti, non fidarsi delle apparenze e non dare nulla per scontato.
Conoscere le truffe più diffuse e le tecniche messe in campo dai
truffatori è il primo strumento di prevenzione per non cadere in raggiri.
Si cu re zz a da
lle tr
uf fe
DA RICORDARE Nessun funzionario di posta o banca si presenta a casa per controllare banconote o chiedere soldi.
Gli impiegati di enti pubblici, se hanno bisogno di contattarvi vi invitano presso la loro sede e non vengono mai a casa vostra.
Gli enti socio assistenziali come l’INPS o l’INAIL non hanno personale operativo che faccia telefonate o visite a domicilio a titolo di prevenzione, accertamento o per ragioni amministrative.
Le Aziende di Servizi Pubblici (elettricità, gas, acqua) non fanno riscossione di bollette non pagate porta a porta.
CONSIGLI UTILI Non fare entrare in casa sconosciuti se prima non si è verificata ed accertata l’identità.
Se abbiamo dubbi chiediamo nome e cognome e informiamo che
chiameremo l’ufficio e/o l’Ente a cui dicono di appartenere (chiamate i numeri che conoscete non fidatevi di quelli che forniscono loro) per verificare se hanno mandato qualcuno. Se non riusciamo a verificare, chiediamo che
ripassino in un altro momento e se insistono informiamoli che
chiameremo le forze dell’ordine.
Se qualcuno si presenta come rappresentante delle Forze dell’Ordine,
controllare in strada che sia parcheggiata la vettura di servizio, capire
bene il motivo della visita, controllare con cura il tesserino di riconoscimento e osservare i dettagli della divisa.
Se vi siete accorti che una persona che ha suonato alla porta è un truffatore
avvisate anche gli altri (le persone che abitano nel vostro condominio o
nella vostra via) e telefonate alle forze dell’ordine perché ne siano informati.
Sicurezza dalle truffe Aprire la porta di casa a sconosciuti è una delle situazioni a cui prestare massima attenzione. I truffatori possono dichiarare di appartenere ai più conosciuti enti, aziende pubbliche ed istituzioni. A volte possono presentarsi anche come rappresentanti delle Forze dell’Ordine.
Si cu re zz a da
lle tr
uf fe
FA L S I F U N Z I O N A R I E U OM I N I I N D I V I S A
CONSIGLI UTILI Non firmiamo niente senza essere sicuri di quello che stiamo facendo. A volte firmiamo contratti che nascondono truffe solo perché non abbiamo avuto la pazienza di leggerli fino in fondo.
Prima di firmare chiedere consiglio a persone di fiducia più esperte,
farsi lasciare una copia del contratto, facendo eventualmente tornare il venditore.
Non lasciamo che il venditore ci metta fretta o ci metta sotto pressione per arrivare alla firma, prendiamo tempo.
Se abbiamo firmato un contratto pretendiamone una copia.
Verificare la possibilità di recesso e controllare che la data sul contratto accanto alla nostra firma sia quella giusta, perché il termine entro cui si ha diritto al recesso inizia da quella data.
Diffidiamo da prezzi troppo bassi e offerte troppo allettanti.
Evitiamo televendite se non siamo esperti del prodotto che viene
venduto, quali quadri o gioielli, o se non è possibile indagare sulla correttezza dell’azienda che propone l’acquisto.
Le truffe commerciali sono messe in atto da venditori scorretti, che ricorrono a trucchi e inganni al limite tra lecito e illecito. Le vendite e la stipula di contratti, soprattutto per acquisti a distanza (attraverso televisione, internet o telefono) ma anche le vendite porta a porta, richiedono di prestare grande attenzione.
DIRITTO DI RECESSO Per i contratti stipulati a distanza il consumatore ha 14 giorni di tempo per recedere dall’acquisto, esercitabile senza dover fornire alcuna spiegazione e senza dover sostenere costi diversi da quelli previsti dalla legge (costi supplementari di consegna e/o costi di restituzione del bene). Il termine di 14 giorni decorre:
• in caso di acquisto di servizi, dal giorno della conclusione del contratto;
• in caso di acquisto di bene, dal giorno in cui il consumatore ne viene in possesso.
Sicurezza dalle truffe
S O T TO S C R I Z I O N E D I C ON T R AT T I
Si cu re zz a da
lle tr
uf fe
Investire i propri risparmi o chiedere un prestito sono situazioni delicate in cui la prudenza non è mai troppa e il rischio di venire truffati resta sempre molto alto
CONSIGLI UTILI
Un investimento ha sempre un costo: chiedete, sempre per iscritto, tutti i possibili costi dell’investimento.
Decidete solo se avete capito come funziona esattamente l’investimento non abbiate timore a fare domande per comprendere tutti i rischi.
Richiedete ed esaminate documentazioni e contratti e fateli esaminare da un esperto.
Non fatevi mettere fretta nella decisione, alcuni consulenti disonesti cercano di farvi credere che certi affari vadano conclusi rapidamente per beneficiare dei
relativi guadagni: prendete tutto il tempo necessario per decidere. Se dobbiamo fare una spesa teniamo conto delle nostre entrate e dei soldi su cui possiamo contare senza fare il passo più lungo della gamba.
Il pagamento rateale coinvolge tre soggetti: chi compra, chi vende e una società finanziaria. Il rivenditore riceve subito quanto gli spetta e il consumatore
versa la rata mensile alla finanziaria. L’unica tutela è la scelta della società venditrice: rivolgiamoci a venditori già conosciuti o presenti sul mercato da tempo. La società finanziaria non ha responsabilità sugli inadempimenti del venditore. Se la merce è difettosa o non viene consegnata è impossibile sospendere il pagamento.
Se non siamo stati in grado di pagare una o più rate, non cadiamo nell’errore di cercare altri prestiti: rinegoziamo il vecchio debito con la banca o la finanziaria, riducendo l’ammontare della rate e allungando la scadenza.
Nei prestiti al consumo fate attenzione al “tasso 0”: molto spesso, infatti, corrisponde a “0” il T.A.N. (Tasso Annuo Nominale) ma il T.A.E.G. (Tasso Annuo Effettivo Globale) - che comprende tutte le spese per avere il finanziamento, per chiudere il conto, per l’assicurazione, ecc. – può essere molto oneroso.
I N V E S T I M E N T I E P R E S T I T I Sicurezza dalle truffe
Si cu re zz a da
lle tr
uf fe
Sicurezza dalle truffe
CONSIGLI UTILI Non raccontare a sedicenti maghi, santoni o cartomanti fatti della propria vita privata e non fornire recapiti personali perché qualsiasi informazione può rivelarsi loro utile per mettere in atto minacce e ricatti o effettuare furti.
Non incontrare mai da soli questi personaggi e possibilmente registrare ogni conversazione. Non dare retta ai loro eventuali interventi televisivi e alle loro pubblicità, sono solo investimenti commerciali ingannevoli. Non farsi ingannare da immagini e libri sacri o foto e registrazioni in compagnia di personaggi famosi o da diplomi altisonanti: sono tutte strumentalizzazioni.
CONSIGLI UTILI Dubitate dei giochi semplici e facili, di cui è ovvia la soluzione. Alcune emittenti televisive propongono falsi telequiz dalle risposte facili promettendo vincite di somme telefonando e azzeccando la risposta. Chi prova a chiamare dovrà però comporre numeri telefonici i cui costi del servizio sono esorbitanti e dovrà compiere molti tentativi per prendere la linea perché le linee risulteranno sovraccariche.
Sono sempre più frequenti i casi di finti maghi, cartomanti e sedicenti santoni che truffano le persone, approfittando della sensibilità, ingenuità e debolezza della vittima prescelta. Sebbene l’attività di astrologo, chiromante o veggente non sia vietata dalla legge, esistono una serie di illeciti sanzionati quali l’esercizio del mestiere di ciarlatano, la circonvenzione di incapace, l’estorsione.
Va ricordato che nel gioco, anche quello legale (Lotto, Enalotto, ecc.) l’unica certezza è la vincita per chi gestisce il sistema. A maggior ragione quando si tratta di gioco d’azzardo.
Si cu re zz a da
lle tr
uf fe
FA L S I M AG H I
G I O C H I D ’ A Z Z A R DO V I N C I T E F AC I L I
Sicurezza dalle truffe
In luoghi affollati (corriera, mercato, feste, sagre, ecc.) i borseggiatori spesso operano spintonando, urtando, per poi allontanarsi rapidamente.
CONSIGLI UTILI Non tenete grosse somme di denaro all'interno del portafoglio. Quando
uscite tenete nella borsa i documenti e le chiavi di casa separati dai soldi. Conservate in casa una fotocopia dei documenti che possono essere smarriti e/o sottratti (carta d'identità, passaporto, patente di guida, libretto della pensione, bancomat, carte di credito) per rendere più facile l'emissione del duplicato o del nuovo documento da parte degli uffici competenti. Utilizzare borse con cerniere o altro tipo di chiusura. Indossare la borsa a tracolla
con l’apertura rivolta verso il corpo. Tenere la borsa sul lato opposto dello scorrimento dei veicoli. Nei luoghi affollati non tenere zaini facilmente apribili sulle spalle. Non lasciate mai la borsa sul carrello della spesa, sul sedile dell’auto in vista, sul cestino della bicicletta. Non tenere il portafoglio nella tasca esterna dei pantaloni.
I N P O S TA E I N B A N C A
Sicurezza fuori casa Recarsi in banca o all’ufficio postale per prelevare soldi contanti è una operazione molto comune che richiede alcune accortezze per essere fatta in modo sicuro.
B O R S EGG I
Uscire di casa ci mette in contatto con l’incontro di molteplici persone e con diverse situazioni e realtà che ci richiedono di prestare attenzione.
FUOR I CASA
Sicurezza fuori casa
CONSIGLI UTILI Durante i prelievi di denaro non distrarsi, non fate vedere la digitazione dei numeri, non fate vedere quanti soldi avete ritirato e divideteli mettendoli possibilmente in posti diversi.
Custodite separatamente le tessere Bancomat o Postamat dai loro
rispettivi codici Pin. Se all’esterno della banca o dell’ufficio postale vedete delle persone che vi
insospettiscono o temete che qualcuno vi stia aspettando non uscite da soli. Dopo un prelievo di denaro non fermatevi a parlare con sconosciuti. Non andate in banca o in posta in orari di punta, evitando la confusione e
se possibile fatevi accompagnare da un parente o un conoscente.
Prediligete l’accredito della pensione su un conto corrente e la
domiciliazione delle utenze.
P E R S T R A DA E A L L ’ A P E R TO
Sicurezza fuori casa Camminare per strada o passeggiare nei parchi e all’aria aperta è una buona abitudine per una vita sana ma richiede l’adozione di precauzioni per non mettersi in situazioni di possibile pericolo.
CONSIGLI UTILI Evitare di camminare su strade isolate, evitare di sostare, soprattutto di notte, in luoghi poco frequentati e poco illuminati. Camminare sul marciapiedi opposto rispetto al senso di marcia dei veicoli, così da
poter controllare chi si avvicina in auto e in moto, tenersi vicino al muro o comunque lontano dal margine del marciapiede Se si rientra a casa tardi farsi possibilmente accompagnare e mai da sconosciuti.
Portare sempre con sé un telefono cellulare per le emergenze, tenerlo a portata di mano e aver cura che la batteria sia carica.
Per strada non farsi avvicinare dagli estranei e non fermarsi a dargli ascolto facendosi distrarre, diffidare dalle richieste degli sconosciuti.
In bicicletta non appoggiare mai la borsa sul manubrio o nel cestino.
Si cu re zz a fu or i c as
a
Sicurezza fuori casa Sia che viaggiamo con i mezzi pubblici che con la nostra auto è necessario prestare attenzione e avere delle accortezze per
rendere il viaggio sicuro.
CONSIGLI UTILI Se siete sui mezzi pubblici mantenete la borsa o lo zaino in modo da poterla proteggere da eventuali borseggiatori.
Fare attenzione alla ressa durante la salita o la discesa dai mezzi pubblici, spinte o contatti con altri passeggeri possono far sospettare un borseggio.
In automobile, anche se ci si allontana per pochi istanti, chiudere sempre lo sportello a chiave (verificare manualmente la chiusura) e tenere chiuso i finestrini (soprattutto negli incroci, semafori, e parcheggi).
Non tenere la borsa sul sedile dell’auto o in un posto visibile e facilmente raggiungibile.
Non parcheggiare l’auto in luoghi isolati e poco frequentati e non lasciare, all’interno della vettura, borse e oggetti di valore visibili dall’esterno.
Attenzione alle soste in autogrill, parcheggiare l’auto possibilmente in vista dove è possibile osservarla. Fare attenzione a chi si rende disponibile a dare una mano per aiutarti (ad es.
gomma bucata) o ti contesta un danno subito (cd. truffa dello specchietto)
S U I M E Z Z I
Truffa dello specchietto
Consiste nel far credere al conducente di un’auto di essere responsabile di un danno e chiedere di liquidare subito al finto danneggiato una somma di denaro senza coinvolgere la compagnia assicurativa. Non accettare per nessun motivo e non consegnare denaro, fermare se possibile altre persone e chiamare le forze dell’ordine.
Se si ha il sospetto di essere seguiti o osservati entrare nel negozio o pubblico esercizio più vicino o fermare qualcuno per strada, se possibile un agente di pubblica sicurezza, per non restare da soli e chiedere aiuto.
Si cu re zz a fu or i c as
a
La rete e le nuove tecnologie offrono moltissime possibilità ma nascondono anche dei rischi derivati soprattutto da una mancanza di consapevolezza e di conoscenza approfondita del loro funzionamento.
Si cu re zz a in in
te rn et
Sicurezza in internet
CONSIGLI UTILI
Proteggete le informazioni confidenziali. Fate sempre delle copie di backup di documenti e immagini importanti. Trasferite i dati sensibili, ad esempio con gli acquisti online o l’online banking, solo in modo crittografato. Un collegamento crittografato è riconoscibile dall’URL che inizia con “https” invece che con il solito “http”. Non indicate i vostri dati personali su siti pubblici (ad esempio nei social network come Facebook). Non condividete mai le password e cambiatele regolarmente.
Scegliere una password complessa, meglio se lunga almeno otto caratteri, che contenga numeri, lettere e possibilmente anche il maiuscolo e il minuscolo e/o i caratteri speciali. Non mettere a disposizione i propri dati di accesso a social networks, caselle di posta elettronica ecc.
Installate un programma antivirus. Quest’ultimo rileva i programmi dannosi sul vostro PC, li blocca e li rimuove. Anche il cosiddetto firewall aumenta la protezione. Esso funziona come un buttafuori, controllando lo scambio di dati tra il computer e Internet. Un computer che non ha un programma antivirus aggiornato è più vulnerabile. Se il nostro computer ha una videocamera integrata, è opportuno controllare che non sia sempre attiva, ma si accenda solo tramite un preciso comando. Nei presunti controlli di sicurezza non inserite mai numeri di conto corrente o altre credenziali di accesso.
Non aprire le mail e gli allegati che arrivano da mittenti sconosciuti. Prestate attenzione quando aprite allegati di posta elettronica. Gli allegati e-mail possono contenere programmi dannosi come virus, worm e trojan. Anche negli allegati provenienti da mittenti conosciuti possono essere inclusi tali programmi.
Controllate gli allegati prima di aprirli, servendovi di un programma antivirus.
INTERNET
Vivere in una casa “tranquilla” rappresenta il desiderio di tutti, alcuni semplici accorgimenti possono renderla maggiormente sicura da truffatori, ladri e malintenzionati ma anche da incidenti ed episodi pericolosi che possono essere dovuti alle nostre abitudini o disattenzioni
Sicurezza in casa
CANCELLI E PORTE E FINESTRE
Ricordate di chiudere sempre il portone d'accesso al condominio e/o il portone di casa. Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha suonato.
Installare, ad esempio, una porta blindata con spioncino e serratura di sicurezza. Aumentate, se possibile, le difese passive e di sicurezza.
Se abitate in un piano basso o in una casa indipendente, mettete delle
grate alle finestre oppure dei vetri antisfondamento.
Sono accorgimenti utili l'installazione di videocitofoni e/o telecamere a circuito chiuso e di dispositivi antifurto, collegati possibilmente con i numeri di emergenza (non informare nessuno del tipo di apparecchiature di cui si è dotati).
Non lasciare messaggi attaccati alla porta che avvertono che in casa non c'è nessuno.
Se vi accorgete che la serratura è stata manomessa o che la porta è
socchiusa, non entrate in casa e immediatamente chiamate il 112 NUE.
Se appena entrati vi rendete conto che la vostra casa è stata violata, non toccate nulla, per non inquinare le prove, e telefonate subito alle forze di polizia 112 NUE.
Si cu re zz a in ca
sa
CHIAVI DI CASA
Accertarsi che la propria chiave di casa non sia facilmente duplicabile.
Se si perdono le chiavi subito cambiare la serratura. Evitare di attaccare al portachiavi targhette con nome ed indirizzo che, in caso di smarrimento, fanno individuare la casa o l'appartamento.
Non lasciate mai la chiave sotto lo zerbino o in altri posti
facilmente intuibili e vicini all'ingresso, non dimenticarsi la chiave nella serratura.
Se è necessario fare una copia delle chiavi di casa, provvedere personalmente o incaricare una persona fidata recandosi da un ferramenta di fiducia.
CONSERVAZIONE OGGETTI DI VALORE
Conservate i documenti personali e importanti, oltre che gli oggetti di valore,
nella cassaforte o in un altro luogo…