seminario di omiletica - torraccia.net biblica/panorama biblico.pdf · panorama biblico bibliologia...

of 12 /12
PANORAMA BIBLICO Note di bibliologia ‘Il miracolo della sacre Scritture’ Corso di studio 2014 Note e raccolta a cura di Valerio Mungai Chiesa Cristiana Evangelica ‘Koinonia’ Via Pasquale Tuozzi 47 Roma (Torraccia)

Author: vuongthuan

Post on 06-Feb-2018

225 views

Category:

Documents


4 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • PANORAMA BIBLICO Note di bibliologia

    Il miracolo della sacre Scritture

    Corso di studio 2014 Note e raccolta a cura di Valerio Mungai

    Chiesa Cristiana Evangelica Koinonia

    Via Pasquale Tuozzi 47 Roma (Torraccia)

  • Panorama biblico

    Gli strumenti dello studente biblico

    Il privilegio di possedere la Bibbia. Linvenzione della scrittura e in soprattutto della stampa (1453 aD) consent la diffusione della Bibbia si pensi che nel 4 secolo dC il costo di una sola copia della Scrittura redatta a mano da uno scriba equivaleva a 40 anni di paga di un legionario romano.

    ATTENZIONE ! Intenet offre moltissime risorse per lo studio biblico on line ma data la confusione dottrinale che caratterizza la cristianit di questo secolo opportuno verificare sempre le fonti e lattendibilit degli studi e delle interpretazioni proposte in molte diverse maniere: blog, files da scaricare, video, audio. Sar sempre utile chiedere al pastore e ai fratelli pi maturi un aiuto in merito.

  • Panorama biblico

    Bibliologia

    Studio n.1

    Per Bibliologia intendiamo quella branca della dottrina che riguarda le Sacre Scritture e che tratta la necessit, il titolo e l'ispirazione della Bibbia, nonch le origini del canone, i manoscritti e le versioni delle Sacre Scritture.

    Il fatto dell'esistenza di Dio fondato almeno su quattro ragioni fondamentali:

    1. L'intuizione: cio la percezione naturale di verit senza ragionamento; 2. La tradizione: quanto giunto fino a noi tramandato di padre in figlio (istruzione verbale); 3. La ragione: la ragione ci fa risalire al creatore: Romani.1:20; 4. La rivelazione: la tradizione giunta fino a noi contraffacendo la verit. La ragione, a causa del

    peccato, stata offuscata: Romani 1:21; ed allora Dio si rivelato a noi per mezzo delle Sacre Scritture.

    Il miracolo delle Sacre Scritture La Bibbia un miracolo che ogni credente ha il privilegio di possedere, sfogliare, meditare. La Bibbia non contiene la Parola di Dio, la Bibbia la Parola di Dio ed in quanto tale ci stata data per produrre quegli effetti che il suo unico Autore ha preordinato. Isaia 55:11

    1 Rivelazione delle Scritture

    Isaia 40:8 L'erba si secca, il fiore appassisce, ma la parola del nostro Dio dura per sempre

    Matteo 24:35 Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno

    Necessit delle Sacre Scritture Iddio si rivela agli occhi dell'uomo con l'immensit della Sua creazione; ma sebbene "i cieli raccontano la gloria di Dio e il firmamento annunzia l'opera delle Sue mani", questa rivelazione rimane di natura generica. Il Creatore del cielo e della terra doveva mostrarsi agli uomini e manifestarsi loro in maniera pi completa ed era logico, perci, che Dio scegliesse, nella Sua verit e sapienza, il mezzo migliore, affinch, attraverso i secoli, la Sua Verit fosse trasmessa integralmente. Se Dio si fosse affidato alla trasmissione orale o alla tradizione, il Suo messaggio sarebbe stato pervertito. Per questo Egli ha disposto che la Sua Parola fosse scritta, affinch fosse preservata nella sua purezza per essere la regola infallibile della fede e della condotta dei credenti.

    La rivelazione divina quindi:

    GENERALE: 1 espressa nella creazione Salmo 19:1,Romani 1:19-20 2 espressa nel cuore Romani 2:14-15,Eccl.3:11 La rivelazione generale ci comunica che: 1 Dio esiste 2 Dio potente 3 Dio ha la conoscenza 4 Dio buono (Atti 14:16-17)

    SPECIALE: Quando Dio parla. Infatti Dio ci ha parlato in molti modi e in molte maniere: 1 Esperienze personali (Dio disse a No, Genesi 6:13 , Abramo, Mos ecc.) 2 Tramite i profeti 3 Tramite suo Figlio Ges Cristo Ebrei 1:1-2

  • Quindi la rivelazione di Dio : 1 Desiderabile Luomo ha bisogno di una rivelazione 2 Logica Un Dio buono non pu non rivelarsi ai suoi figli Amos 3.7 3 Scritta La scrittura il metodo migliore per preservare la verit e trasmetterla nella sua

    integrit di generazione in generazione

    L ispirazione delle Sacre Scritture la Bibbia un libro soprannaturalmente naturale e naturalmente soprannaturale. Dal vocabolario della lingua italiana : arte dello scrivere e pronunciare omelie e sermoni disciplina che insegna il modo di comporre e recitare un discorso sacro 2Timoteo 3:16 , 2 Pietro 1:20-21 Queste solenni affermazioni indicano in Dio il divino Autore della Scrittura e quindi, tutto ci che questo divino Soffio ha prodotto dichiarato divinamente ispirato. Lispirazione il soffiare

    Carattere dellispirazione delle Scritture L'ispirazione l'influenza soprannaturale dello Spirito di Dio sulla mente umana, mediante la quale gli scrittori sacri furono sospinti a scrivere verit divine senza errori. Lispirazione :

    1. Divina e non umana Lispirazione degli agiografi non da confondere con quella di scrittori e poeti. Lo Spirito Santo lagente divino che sospinse gli scrittori sacri il termine originale phero

    2. Unica e non comune Non dobbiamo confondere l illuminazione con lispirazione. Lilluminazione promessa a tutti i credenti e ci aiuta a comprendere la Scrittura. Essa permanente e graduale nel cristiano fedele e in comunione con Dio Proverbi 4.18, e docente 1 Giovanni 2.27 Lispirazione stata invece un fatto saltuario e provvisorio. Pu essere anche inconsapevole , 1 Pietro 1-10-12 nei profeti ispirati ma non illuminati Giovanni 11-49-52 Caifa veicolo inconsapevole

    3. Dinamica e non meccanica Dio non ha dettato la Bibbia spogliando l'uomo della propria personalit,. Se tale teoria fosse vera, come si spiega il fatto che 222 citazioni su 275 dell'A. T. sono riportate nel N. T. uguali nella sostanza ma diverse nella forma? Perch il Padre Nostro riportato diversamente da Matteo e da Luca? Lo Spirito di Dio si servito delle facolt umane dei diversi scrittori lasciando che gli scritti sacri rechino i segni dellindividualit dello scrittore sacro

    4. Plenaria e non parziale L'ispirazione si estende a tutta la Bibbia, senza nessuna esclusione: 2Timoteo 3:16; la Rivelazione scritta completa e non ha assolutamente bisogno di aggiunte o modifiche: Apocalisse 22:18,19; da Essa non sparir uno iota o un apice: Matteo 5:18 (iota: la pi piccola lettera dell'alfabeto ebraico; Apice: un segno particolare sulle lettere ebraiche, oppure una consonante di cui a volte si faceva a meno). La Bibbia non contiene la Parola di Dio ma la Parola di Dio. Luca 11.28

    5. Verbale e non concettuale E difficile separare le parole dal pensiero e una parola un pensiero espresso. Quindi per ispirazione verbale delle Sacre Scritture intendiamo che lo Spirito Santo ha guidato gli scrittori anche nella scelta delle espressioni e delle parole da utilizzare, e ci avvenuto per tutta la Scrittura, nella sua interezza e totalit; L'ispirazione verbale della Parola di Dio esige il fatto che Dio, a volte, porta lo scrittore sacro a forzare le regole grammaticali e della sintassi per rivelare delle verit importanti: es Giovanni 8:58; "Prima che Abramo fosse nato IO SONO!"; non dice "IO ERO", secondo le regole della sintassi; questo per mostrare l'eterna preesistenza di Cristo!

    Le prove dellispirazione delle Scritture 1. Le Scritture asseriscono di essere ispirate a. Conferma interiore:. La Bibbia afferma di essere la Parola di Dio: Esodo 24:12; Isaia 34:16; Per

    oltre 2.600 volte sono ripetute frasi come: "Cos dice il Signore ... b. Conferma di Cristo: Matteo 5:18; Luca 18:31-33; 24:27,44; c. Conferma degli apostoli: Romani 3:2; 2Timoteo 3:16; 1Tessalonicesi 2:13;

    2. Appaiono come ispirate per a. Lesattezza della Scrittura la storicit e la scientificit della Scrittura b. Lunit della Scrittura 40 scrittori in circa 1600 anni ma un solo messaggio c. La profondit della Scrittura pu essere letta centinaia di volte ma sempre fresca Romani 11.33 d. La diffusione della Scrittura il libro pi tradotto al mondo e. Lattualit della Scrittura sebbene abbia migliaia di anni, come il pane, sempre attuale f. La preservazione della Scrittura i martelli si spezzano lincudine rimane g. Le profezie adempiute

    Alcuni esempi delle tante profezie messianiche adempiute: La nascita di Ges Michea 5:1 (710 a.C.) Matteo 2:1 Il suo tradimento per 30 sicli Zaccaria 11:12 (487 a.C.) Matteo 26:15 Le sue mani e i suoi piedi forati Salmo 22:16 (1050 a.C.) Giovanni 20:27

    3. Provano che sono ispirate Il migliore argomento apologetico riguardo alla Scrittura di ordine pratico. La Bibbia ha operato e opera ancora nella vita di milioni di persone di ogni nazione e razza rendendo possibile lo stesso miracolo di salvezza su tutta la faccia della terra Giovanni 9.25

  • Panorama biblico

    Bibliologia

    Studio n.2

    Il titolo delle Sacre Scritture Il termine "BIBBIA" deriva dal greco "biblos" (libro), e indicava il rotolo di papiro sul quale si scriveva nell'antico Oriente. Secondo alcuni studiosi il termine potrebbe risalire alla citt fenicia di Biblos, che era, nell'antichit il pi fiorente centro per il commercio del papiro. L'uso del termine "Bibbia", per indicare il Sacro Libro incominci forse nel IV sec. d.C., ai tempi di Girolamo (l'autore della versione latina delle Sacre Scritture conosciuta col nome di "Vulgata"), il quale generalizz l'uso dell'espressione: "I LIBRI SANTI" o, semplicemente "I LIBRI", (come venivano comunemente chiamate le Sacre Scritture). Questo termine che in greco era espresso al plurale neutro, cio "TA BIBLIA", nel latino della decadenza divenne singolare, femminile, e cio: BIBLIA.

    Il canone delle sacre Scritture La prima grande divisione dei libri biblici quella tra Antico e Nuovo Testamento. La Bibbia Ebraica chiamata con lacronimo Tankh; Le tre lettere TNKh componenti il ermine Tanakh sono le iniziali dell'espressione Torah, Nevi'im, Ketuvim , ovvero la Legge (il Pentateuco), i Profeti, gli Scritti (i nostri libri poetici e alcuni libri storici), e corrispondono alle tre parti in cui si divide l'opera. (Luca 24:44)

    Il termine "canone" viene dal greco "kanon", che significa "canna diritta, misura" ed anche "guida, regola" (Galati 6:16). Quindi, quando si parla del Canone delle Sacre Scritture, intendiamo l'insieme dei libri ispirati della Bibbia accettati da tutti come regola di fede e di condotta.

    LAntico Testamento stato composto in un periodo di circa 1550 anni, il Nuovo durante circa 45 anni.

    Nelle versioni cattoliche (per decisione del Concilio di Trento nel 1546) per avvalorare alcune dottrine come ad es. il purgatorio e la preghiera per i defunti sono presenti altri 12 libri definiti apocrifi ovvero nascosti oppure deuterocanonici ovvero del secondo canone. Questi libri non sono riconosciuti come ispirati n dagli Ebrei n tanto meno dalla chiesa primitiva. Contengono contraddizioni grossolane, imprecisioni storiche, e assurdit dottrinali. (es. "Era mia intenzione offrire un'esposizione ordinata e ben fatta degli avvenimenti. Se rimasta imperfetta e soltanto mediocre, vuol dire che non ero in grado di fare meglio" . 2 Maccabei 15:38). Le Chiese evangeliche non hanno mai accettato e riconosciuto questi libri come ispirati per le seguenti ragioni:

    a. N Cristo, n gli apostoli, n alcun scrittore del Nuovo Testamento fa mai riferimento ad essi. b. I primi padri della Chiesa non li hanno mai considerati ispirati. c. Questi libri non fanno parte dell'antico canone ebraico. d. Lo stesso Girolamo, l'autore della "VULGATA", nella sua versione li colloc in fondo, precisando che potevano essere utili per la lettura, ma non dovevano essere usati per stabilire delle dottrine. e. Furono aggiunti dopo che il canone dell'A T. era gi stato completato. f. Il modesto valore intrinseco e il contenuto dubbio - Contengono errori storici, cronologici e geografici: 1Maccabei 6:1-16; 2Maccabei 1:10-17; 9:1-17; - Fanno credere che le opere meritorie salvino dalla morte: Tobia 4:10; 12:9; - L'azione immorale e falsa compiuta da Giuditta viene considerata approvata da Dio: Giuditta 9:10, 13; - Si afferma che la creazione del mondo venne realizzata utilizzando materia preesistente: Sapienza 11:17; - Si afferma che le elemosine espiano il peccato: Ecclesiastico 3:30; - Baruc sostiene che Dio ascolta la preghiera per i morti: Baruc 3:4; - La chiesa cattolica fonda su questi libri la dottrina del Purgatorio: 2Maccabei 12:38-46.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Torahhttp://it.wikipedia.org/wiki/Profeti_ebraicihttp://it.wikipedia.org/wiki/Scrittijavascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Galati%206:16');

  • La lingua delle Sacre Scritture

    LAntico Testamento stato scritto in massima parte in ebraico. La scrittura ebraica, come la fenicia, presenta un alfabeto di 22 consonanti.

    Solo alcune piccole parti dell' AT. sono state scritte in Aramaico: (Genesi 31:47; Geremia 10:11; Daniele 2:4 a 7:28; Esdra 4:8 a 6:18; 7:12-26). La scrittura ebraica classica era composta di sole consonanti e naturalmente questo fatto rendeva delicata la trascrizione del testo sacro.

    Per un certo tempo la tradizione fu sufficiente ad assicurare la corretta lettura del testo, ma con l'andare del tempo, e soprattutto, con la dispersione, il popolo ebraico, assimilandosi ai popoli fra i quali viveva, perdeva l'esatta conoscenza della pronunzia del testo biblico, che era scritto, come sappiamo, con sole consonanti. Per prevenire ogni possibile contaminazione del testo, degli studiosi ebrei, i "SOFERIM (Scribi), tra il 400 a. C. e il 200 d. C. cercarono di fissare con esattezza il testo originale secondo le fonti manoscritte in loro possesso. Per preservare il testo da ogni corruzione, contarono i versi, le parole e le lettere di ogni libro dell' AT elencandoli alla fine del libro stesso.

    Questo lavoro fu la base di partenza per l'opera compiuta dai Massoreti, (da massora = Tradizione), rabbini ebrei, i quali, dal V al X sec. d. C., hanno compiuto un eccezionale lavoro. Hanno infatti stabilito, lavorando con i migliori manoscritti, il Testo esatto dell' AT ricopiandolo con meticolosa cura. I Massoreti hanno poi annotato, a margine di ogni foglio, il numero delle lettere, il numero di particolari espressioni, numero delle parole, la lettera in mezzo, la parola in mezzo di ogni singola riga, ecc. L'aspetto pi importante del loro lavoro fu l'aver ideato e realizzato un sistema di punti e trattini vocalici in mezzo alle consonanti, per permettere al lettore l'esatta pronunzia del testo scritto, senza incorrere in errore. Il Nuovo Testamento invece stato scritto interamente in greco, ad eccezione del vangelo di Matteo, redatto in ebraico o aramaico, ma quasi subito tradotto in greco. La lingua greca usata nel NT non la lingua classica dei letterati e dei grandi scrittori greci, ma il comune dialetto "koine" in uso tra il popolo.

    javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Genesi%2031:47');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Geremia%2010:11');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Daniele%202:4');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Daniele%207:28');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Esdra%204:8');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Esdra%206:18');javascript:ricerca('chiave_verso.php?input=Esdra%207:12-26');

  • Panorama biblico

    Bibliologia

    Studio n.3

    I manoscritti Larcheologia e la papirologia, scienza che studia gli antichi papiri e si occupa di questioni quali la loro decifrazione e datazione, sono discipline in continua evoluzione. Nel corso del XIX e del XX secolo sono state fatte in questi campi scoperte molto importanti per quanto riguarda lo studio delle Sacre Scritture e la ricerca dei collegamenti tra i testi che oggi conosciamo e i testi originari. Nel caso delle Sacre Scritture la ricerca si fa naturalmente tanto pi affascinante quanto pi i reperti e i frammenti si avvicinano al I secolo, il periodo in cui Ges e gli Apostoli hanno operato e nel quale erano ancora vivi i testimoni oculari di quegli eventi.

    I materiali utilizzati Con il termine papiro si indica non solo la pianta Cyperus papyrus, ma anche quel

    particolare tipo di materiale, simile a un "foglio di carta", che si ricava dal suo fusto e che anticamente era molto usato come supporto per la scrittura. Il fusto della pianta veniva tagliato in varie strisce sottili poi immerse in acqua. Dopo un certo numero di giorni, le strisce venivano disposte affiancate le une alle altre, con una leggera sovrapposizione, fino a formare un foglio unico. La pergamena (detta anche cartapecora) un prodotto della pelle di animale (pecora,

    capra, vitello) non conciata e composta di collagene, utilizzata come supporto scrittorio fino al XIV secolo. Prende nome dalla citt di Pergamo (nell'Asia minore) dove, secondo la tradizione riferita da Plinio il Vecchio, sarebbe stata inventata attorno al II secolo a.C., come sostituto del papiro. Pergamo aveva una grande biblioteca che rivaleggiava con la famosa Biblioteca di Alessandria.

    Un manoscritto pu essere definito:

    Autografo dal greco "autgrafos" : da auts (egli stesso) e grfos (disegnare scrivere). Apografo manoscritto che copia diretta dell'originale Apocrifo da kriptein uno scritto occulto, nascosto, di autore ignoto, di dubbia autenticit

    Le nostre traduzioni (es. NR, RIV, Diodati) sono autorevoli in quanto fatte sui manoscritti apografi ma a volte i diversi interpreti hanno tradotto gli originali adattandoli alle propria teologia, es. Genesi 3:15: Ella schiaccer la tua testa, e tu tenderai insidie al calcagno di lei" (Martini). Essa (progenie) ti triter il capo, e tu le ferirai il calcagno". (Diodati). simili sono la RIV e la NR. Questa (progenie)ti schiaccer la testa e tu le insidierai il calcagno" CEI. Questa discendenza ti colpir al capo e tu la colpirai al calcagno" (TILC).

    La forma dei manoscritti Papiri e pergamene erano utilizzati in forma di rotoli (volumen) .Dal II secolo d.C. in poi comincia a diffondersi una nuova forma di libro, il codex o codice sia in papiro che in pergamena. La vecchia forma a rotolo scompare in ambito librario, permane invece in ambito archivistico. Geremia 36:4 , 2 Timoteo 4:13

    Diversi categorie di manoscritti Vi sono circa 5306 manoscritti che contengono il NT greco o parti di esso e possono essere distinti in :

    Codici Onciali :sono i pi antichi e cos chiamati perch scritti tutti con lettere maiuscole (lat. unciali, cio alto un

    pollice), e senza spazio tra una parola e l'altra; manoscritti di questo tipo erano fatti di pergamena. Codici Corsivi :manoscritti redatti in corsivo con spazi tra una parola e l'altra; questi codici sono in genere copie di manoscritti onciali pi antichi. Palinsesti : erano manoscritti in cui il testo originale stato lavato o raschiato via, per far posto ad un altro testo. Su 241

    codici biblici in maiuscola, 55 sono palinsesti.

    I principali manoscritti dellAntico Testamento

    1 Il papiro di Nash: fino al 1947 era il manoscritto pi antico e pi famoso dell' A. T. Scoperto nel 1902, fu acquistato dall'inglese W. L. Nash da un antiquario egiziano che disse di averlo trovato nei dintorni di Fajum, in Egitto. Datato da alcuni al I sec. a. C. e da altri al I/Il sec. d. C., contiene soltanto alcuni frammenti del A. T. (Esodo 20:1-17; Deuteronomio 6:4-9).

    2 I manoscritti di Qumran Il ritrovamento, nel 1947, dei manoscritti di Qumran, localit sulle rive occidentali del Mar Morto, rappresenta senza dubbio una delle maggiori scoperte archeologiche del nostro secolo.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Fustohttp://it.wikipedia.org/wiki/Scritturahttp://it.wikipedia.org/wiki/Pellehttp://it.wikipedia.org/wiki/Collagenehttp://it.wikipedia.org/wiki/XIV_secolohttp://it.wikipedia.org/wiki/Pergamohttp://it.wikipedia.org/wiki/Asia_minorehttp://it.wikipedia.org/wiki/Plinio_il_Vecchiohttp://it.wikipedia.org/wiki/II_secolo_a.C.http://it.wikipedia.org/wiki/Papirohttp://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Biblioteca_di_Pergamo&action=edit&redlink=1http://it.wikipedia.org/wiki/Biblioteca_di_Alessandriahttp://it.wikipedia.org/wiki/Lingua_greca

  • A Qumran sono stati ritrovati, almeno in stato frammentario, tutti i libri della Bibbia ebraica , tranne quello di Ester, oltre ad altri testi apocrifi e agli scritti riguardanti la dottrina di Qumran. Il pi noto il manoscritto 1QIsA. Questo grande rotolo di Isaia, lungo quasi 7,5 metri risale a pi di 2.200 anni fa. Diciassette pezzi di pelle sono stati cuciti per formare questo rotolo. Su 54 colonne sono scritti tutti i 66 capitoli del profeta Isaia. Il suo testo consonantico assolutamente uguale a quello che conosciamo dalla Bibbia masoretica, i cui manoscritti pi antichi in nostro possesso risalgono al X secolo d.C.

    3 Il Codice di Leningrado Il Codice di Leningrado B 19

    A risale al 1008-1009 d.C. E' il pi antico manoscritto della Bibbia ebraica. Attualmente

    conservato a San Pietroburgo in Russia, alla Biblioteca Nazionale Russa, dove custodito dalla met dell'800. Esso deve il suo nome al fatto che quando il codice fu pubblicato, la citt era ancora chiamata Leningrado.

    I principali manoscritti del Nuovo Testamento Esistono pi di 24.000 antichi manoscritti completi e parziali del NT. In aggiunta ad essi abbiamo circa 86.000 citazioni di essi nella letteratura patristica (gli studiosi partendo dagli scritti dei padri della chiesa hanno ricostruito lintero NT ad eccezione di 11 versi) e alcune migliaia di lezionari (una elencazione sistematica dei brani delle Scritture).

    I papiri

    a Il Papiro 52 (II secolo dC). E' il pi antico manoscritto del N.T. Sembra risalire al 125.

    Nessun'altra opera dell'antichit ha testimonianze manoscritte cos vicine agli originali. Tra la redazione finale di Giovanni posta dalla maggioranza degli studiosi verso la fine del I secolo d.C. e questo papiro vi sono comunque meno di 50 anni.. In quei pochi centimetri sono contenuti sulla facciata anteriore i versetti 31-33 del capitolo 18 del vangelo di Giovanni e in quella

    posteriore i versetti 37-38 dello stesso capitolo.

    b I Papiri Bodmer (II secolo dC) Fa parte di una collezione costituita da una cinquantina di

    manoscritti in greco. Il P 66 ,conosciuto anche come Bodmer II, un codice papiraceo in maiuscola (onciale biblico), comunemente datato al II sec. d.C. contenente il Vangelo di Giovanni. Misura 15,2 x 14 cm e consta di sei fascicoli, di cui restano 104 pagine. E' conservato presso la Bibliotheca Bodmeriana a Cologny (ne i pressi di Ginevra).

    c I Papiri Chester Beatty I papiri Chester Beatty prendono il loro nome dall'inglese che li acquist nel 1930-31.

    Attualmente si trovano a Dublino. Il P45 conteneva in origine su 55 bifogli (110 fogli = 220 pagine), non solo i 4 Vangeli, ma anche gli Atti degli Apostoli. Purtroppo in pessimo stato di conservazione; non rimane che: Matteo (da 20, 24 a 21, 19; da 25, 41 a 26, 33), Marco (da 4, 36 a 9, 31; da 11, 27 a 12, 28), Luca (da 6, 31 a 7, 7; da 9, 26 a 14, 33).

    I codici a. Codice Vaticano: Questo uno dei manoscritti pi importanti; un magnifico Codice. E chiamato "Vaticano" perch

    conservato a Roma nella biblioteca vaticana, sin dal 1481. Comprende lA. T. a partire da Genesi 46:28 (versione greca dei LXX), e il N. T. fino ad Ebrei 9:14. E' stato datato intorno al IV sec. d. C. composto da 759 fogli di pergamena (617 fogli A. T. e 142 N. T.); ogni foglio ha le dimensioni di cm. 27,5 x 27,5 e contiene 3 colonne di 42 righe ciascuna. Probabilmente ha avuto origine ad Alessandria d'Egitto.

    b. Codice Sinaitico: venne alla luce in due riprese; nei 1844 e nel 1859. Risale al IV/V sec. d. C. formato da 346 fogli e

    mezzo; ogni foglio misura cm. 43x37,8, con sopra scritte 4 colonne di 48 righe ciascuna. In questo manoscritto si trova gran parte dell' A. T. e il N. T. in forma quasi completa. In appendice riporta due scritti cristiani extra-biblici: l'epistola di Barnaba e il Pastore di Erma. Questo manoscritto fu scoperto nel monastero di S. Caterina, sul monte Sinai da Costantino Tischendorf, al tempo libero docente nell'universit di Lipsia. Visitando il convento di S. Caterina, scorse in una sala un cesto pieno di vecchie pergamene; seppe che altre pergamene come quelle erano servite per accendere il fuoco, e che la stessa fine avrebbero fatto le rimanenti. Osservate attentamente le pergamene, il Tischendorf scopr che esse contenevano parte della versione greca dell' A. T. Portate le pergamene a Lipsia, le pubblic, destando grande interesse. Ritornato nel 1859 nel monastero, cerc per vari giorni altro materiale. Non trovando nulla, stava per ripartire, quando un inserviente del convento lo condusse nella sua stanza. Quivi il Tischendorf si trov davanti una gran quantit di pergamene. Esaminatele attentamente, scopr che contenevano, oltre alla versione greca dell' A. T. il N. T. al completo, il testo greco dell'epistola di Barnaba, che nessuno, fino ad allora era stato capace di rintracciare, e il testo greco del libro noto col nome "Pastore di Erma". Il Codice Sinaitico conservato al British Museum, al quale fu venduto per 100.000 sterline, nel 1933, dalla Biblioteca imperiale di Pietroburgo. c. Codice Alessandrino: Secondo quanto informa una nota apposta sulla prima pagina della Genesi, questo gruppo di

    pergamene venne in possesso del Patriarca di Alessandria nel 1098, (donde il nome di "Alessandrino"): nel 1621 il Codice giunge a Costantinopoli e nel 1627 il Patriarca di questa citt lo don al Re d'Inghilterra; e da allora si trova al British Museum. Molto probabilmente fu scritto in Egitto nel V sec. d. C. Delle 820 pagine originarie, ne restano 773; ogni pagina misura cm. 32x26, con due colonne di scrittura di 49/51 righe. Contiene l' A. T. greco con qualche lacuna e il N. T. con omissioni di un certo rilievo. Riporta, inoltre, anche uno scritto extra-biblico: l'epistola di Clemente Romano. d. Codice di Efrem: questo Codice un Palinsesto; cio un Codice dal quale stato cancellato il testo biblico per

    scrivervi qualcos'altro. Questo manoscritto su pergamena venne composto intorno alla met del V sec. d. C. forse in Egitto. In orine aveva 238 pagine; se ne conservano 64 della versione greca dell' A. T. e 145 del N. T. in greco. Le pagine misurano cm. 33 x 26 e sono scritte in una sola colonna di 40/46 righe. Nel XII secolo il testo biblico venne raschiato per trascrive le opere di Efrem il Siro, dottore della Chiesa. Solo nel 1843 si scopr, grazie a Tischendorf, che le righe sbiadite che si vedevano sotto, erano un testo biblico raschiato. Questo Codice conservato a Parigi nella Biblioteca nazionale.

  • Panorama biblico

    GENESI Studio n.4

    La prima parola che troviamo in Genesi in ebraico bereshit ovvero nel principio; Genesi deriva dalla parola greca dal medesimo significato. Le pi importanti dottrine bibliche traggono le loro origini dal libro della Genesi. La dottrina del peccato, della redenzione, della giustificazione, la personalit di Dio, Israele, la promessa di un Messia, ecc. La Genesi ci parla delle origini delluniverso, del sistema solare, dellatmosfera, della vita, dellumanit, del matrimonio, del male, delle nazioni, del linguaggio, delle religioni. Nel NT esistono almeno 200 citazioni e riferimenti al libri della Genesi

    SCHEDA DELLA GENESI

    Titolo Nel principio

    Scrittore Mos

    Capitoli 50

    Epoca Dalla creazione alla morte di Giuseppe

    Luoghi Mesopotamia, Canaan, Egitto

    Data comp. 1400 1440 aC

    Tema Lorigine di tutte le cose

    Versi chiave 1:1, 3:15, 12:2-3, 50:20

    Genesi il libro delle origini e qualcuno lo ha anche definito il nocciolo della trama:

    1. Lorigine del mondo Cap. 1 2. Lorigine dellumanit Cap. 1-3 3. Lorigine del peccato Cap. 3 4. Lorigine della redenzione Cap. 3 5. Lorigine della famiglia Cap. 4 6. Lorigine delle nazioni Cap. 4-10 7. Lorigine della confusione Cap. 11 8. Lorigine di Israele Cap. 12-50

    Lo scrittore Per la Bibbia lo scrittore del Pentateuco Mos uomo di Dio (2 Cronache 30:16). Tra il 1440 e il 1446 aC La testimonianza dellAT Deuteronomio 31:24-25 Neemia 8:1 il libro della legge di Mos La testimonianza di Ges Giovanni 5:39 - 46-47 egli ha scritto di me Luca 24:44 La storia di Mos senzaltro una delle pi avvincenti dellAT il suo nome appare 864 volte nella Bibbia. Salvato da morte certa dalla figlia del faraone Esodo 2:5 che gli pose nome salvato dalle acque v.10 Allevato alla corte del faraone, cerca di aiutare il suo popolo ma uccide un egiziano e deve fuggire In Madian incontra Jethro, si sposa e fa il pastore di pecore Esodo 3:1 Dio gli appare in un pruno ardente e lo manda in Egitto a liberare Israele Esodo 3:10 Troviamo un riassunto della sua straordinaria esistenza in Ebrei 11:24-29

    Schema del libro La Genesi con i suoi 50 capitoli uno dei libri pi corposi della biblioteca di Dio. Interpretando in senso letterale le et dei patriarchi rilevabili dalle genealogie della Genesi potremmo stabilire che luomo stato creato intorno al 4000 aC e lintero libro copre un periodo di circa 2500 anni.

    Sezioni del libro Capitoli Anno aC

    La creazione 1-2 4004

    La tentazione e la caduta delluomo 3

    Genealogia da Adamo fino a No 5

    Corruzione dellumanit, No , il diluvio 6-9 2348

    Genealogie di Sem Cam Jafet 10

    La torre di Babele 11:1-9

    La vita di Abramo 11-25 1996

    La vita di Isacco 20-35

    La vita di Giacobbe 25-49 1690

    La vita di Giuseppe 37-50

    La creazione Nel principio Dio cre i cieli e la terra Nessun essere umano era presente quel giorno, nessun testimone mortale, nessuno pu descrivere quei giorni se non lautore del creato, lEterno, Colui che esiste prima della creazione Salmo 90:2

  • Noi crediamo in un Dio progettista e architetto delluniverso, di tutte le sue perfezioni e le sue leggi Dio crea dal nulla Ebrei 11:3 , Isaia 48:12-13 ; Geremia 27:5

    La creazione delluomo Genesi 1:26 Poi Dio disse: 'Facciamo l'uomo a nostra immagine e a nostra somiglianza

    Appare sulla scena per la prima volta il serpente lavversario di Dio e delluomo La donna tentata per prima ma la responsabilit e delluomo Genesi 3:12 - Osea 6:7 Il piano di redenzione era gi pronto: Genesi 3:15, 1 Pietro 1:20, Matteo 25:34

    Le origini delle civilt in Mesopotamia Dal greco terra tra i due fiumi e culla delle civilt. Gli scavi archeologici degli ultimi 200 anni hanno riportato alla luce le prime civilt (Sumeri, Babilonesi e Assiri) che si sono sviluppate nella terra tra i due fiumi e delle citt che solo la Bibbia ricordava come Ur la patria di Abramo Genesi 11:31 Il biblico giardino di Eden si trovava in Mesopotamia Genesi 2:10-14

    No e il diluvio Genesi 6:5 E l'Eterno vide che la malvagit degli uomini era grande sulla terra, e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo. . Ma No trov grazia agli occhi dell'Eterno

    E la corruzione del genere umano di ogni tempo No (consolazione) invece una bella figura del credente di ogni tempo Genesi 6:9. Dopo il diluvio Dio stabilisce un patto con No , il primo tra Dio e luomo Genesi 9:13

    Posterit di No Genesi 6:10 E No gener tre figliuoli: Sem, Cam e Jafet. Cam manca di rispetto al padre e subisce una maledizione Da Cush figlio di Cam nascer Nimrod (noi ci ribelleremo) il primo tiranno della storia fondatore di Babele Genesi 10:8-9 Babilonia rester nella scrittura come la culla dei culti idolatrici e nemica del popolo di Dio dalla Genesi allApocalisse. La costruzione della torre di Babele narrata al cap. 11 la manifestazione di questa ribellione contro Dio.

    Le origini di Israele La parte pi significativa del libro della Genesi (dal cap. 11 al cap. 50) occupata nella narrazione della vita di Abramo, Isacco e Giacobbe i tre grandi patriarchi origine del popolo di Dio : Israele.Dio stesso si presenta come il Dio dei tre patriarchi (i vostri padri) con i quali ha stipulato un patto: Esodo 3:15, Esodo 6:8

    Eventi nella vita di Abramo Capitoli

    La genealogia di Abramo in Caran 11

    La chiamata di Abramo 12

    Esperienze in Canaan 12-15

    Il patto della circoncisione Abraamo 17

    La distruzione di Sodomia e Gomorra 18-19

    La nascita di Isacco 21

    Abraamo provato crede contro speranza 22

    Morte di Sara 23

    Una sposa per Isacco 24

    Morte di Abraamo 25

    Abramo lamico di Dio Genesi 12:1 Il SIGNORE disse ad Abramo: Va' via dal tuo paese, dai tuoi parenti e dalla casa di tuo padre, e va' nel paese che io ti mostrer , Primo patriarca e padre degli Ebrei, che erano particolarmente orgogliosi dellessere suoi discendenti Giovanni 8:33, 39-40,53-58 .. la testimonianza di Ges. Dio scelse Abramo e lo chiam ad uscire dal suo paese mentre ancora si trovava a Ur Atti 7:2-4. Possiamo leggere un riassunto della sua vita di fede in Ebrei 11:8-19

    Le promesse di Dio ad Abramo Genesi 12:2 io far di te una grande nazione, ti benedir e render grande il tuo nome e tu sarai fonte di benedizione. Le promesse di Dio ad Abramo: Una discendenza Genesi 15:5-6 Un paese Genesi 15:7. Abramo a 99 anni divenne Abraamo = padre di moltitudini. Abramo il padre dei credenti perch fu il primo ad avere una cos grande fede nel Signore Genesi 15:6 La sua fede lo port a credere fermamente che quello che Dio promette lo mantiene Romani 4:16-22. La sua fede non vacill neppure davanti alla richiesta di offrire Isacco in sacrificio Ebrei 11:19. La sua fede e la sua pazienza sono un esempio per tutti noi Ebrei 6:12-13. Abramo fu chiamato a lasciare: 1 il suo paese Giovanni 17:16 Quello che Ges chiama il mondo la nostra Ur 2 i suoi parenti gli amici e i parenti spesso che non ci aiutano ad ubbidire alla chiamata di Dio; erano idolatri legati alle loro tradizioni (cosa penseranno i parenti ?) a volte non aiutano neppure i parenti credenti (Lot) Giosu 24:2-3 3 la casa di suo padre la cosa pi difficile il legame pi forte la nostra famiglia non significa abbandonare i

    genitori o la propria famiglia 1 Timoteo 5:8, ma significa mettere Dio prima di loro: Matteo 10:37

    La fede di Abramo Abramo il padre dei credenti perch fu il primo ad avere una cos grande fede nel Signore Genesi 15:6 La sua fede lo port a credere fermamente che quello che Dio promette lo mantiene Romani 4:16-22 La sua fede non vacill neppure davanti alla richiesta di offrire Isacco in sacrificio Ebrei 11:19 La sua fede e la sua pazienza sono un esempio per tutti noi Ebrei 6:12-13

  • Panorama biblico

    GENESI Studio n.5

    Isacco lerede della promessa Isacco (sorriso) il figlio della promessa, ebbe il suo nome direttamente da Dio (Genesi 17:19) probabilmente per la cosa aveva fatto sorridere Sara oramai novantenne Genesi 18:11. Quando Isacco fu divezzato Sara obblig il marito a cacciare via Agar e Ismaele (Genesi 21:10) Secondo il racconto della Genesi il luogo del sacrificio era un monte nel paese di Moria , dove in seguito fu eretto il tempio di Salomone Qualcuno ha addirittura ipotizzato che il luogo indicato da Dio ad Abramo fosse il Golgota stesso. Colui che ha risparmiato Isacco non risparmi il suo unigenito filgliuolo Romani 8:32 lAgnello che Dio ha provveduto.

    Il Terrore di Isacco Considerando la prova della fede di Abramo (Genesi 22) spesso non ricordiamo che quella prova

    fu grande anche per Isacco, che bench giovane aveva compreso di essere lolocausto richiesto. Chiss quanta paura ebbe quel giorno (Genesi 22:7-10) ; Giacobbe poteva ben chiamare il Dio di suo padre Il terrore di Isacco Genesi 31:42 e 53 Secondo il racconto della Genesi il luogo del sacrificio era un monte nel paese di Moria (ordinato da Dio). Molti ipotizzano che il luogo sia a Gerusalemme (chiamato Monte del Tempio o Monte Moria), dove in seguito fu eretto il tempio di Salomone e dove oggi sorge il duomo islamico della roccia. Qualcuno ha addirittura ipotizzato che il luogo indicato da Dio ad Abramo fosse il Golgota stesso. Colui che ha risparmiato Isacco non risparmi il suo unigenito filgliuolo Romani 8:32 lAgnello che Dio ha provveduto.

    Isacco e Rebecca Il capitolo 24 Una delle pagine pi romantiche della Bibbia. Abramo ormai attempato, si preoccupa di trovare moglie a suo figlio ed incarica un suo fedele servitore Eliezer (Genesi 15:2) di recarsi in Mesopotamia presso il suo parentado. Eliezer si rimette a Dio e viene guidato in maniera miracolosa fino alla casa di Labano (Genesi 24:12-14) Lincontro tra Isacco e Rebecca descritto in Genesi 24:63-65 . Isacco aveva 40 anni quando spos Rebecca ma dovette attendere altri 20 anni per avere una discendenza in Giacobbe ed Esa. Genesi 25:26 Come Sara anche Rebecca era sterile ma il Signore rispose alla preghiera del marito. Genesi 25:21. Isacco prega costantemente per la moglie dimostrando in

    questo una certa somiglianza con il padre.

    Isacco in Canaan e nel paese dei Filistei Isacco al contrario del padre non viaggi molto; la sua vita fu una vita abbastanza sedentaria e ci volle una carestia per farlo muovere. E curioso che Isacco si ritrov nella stessa situazione del padre e commise lo stesso errore. Genesi 20:2 e Genesi 26:7 Dio parla ad Isacco

    Dopo Gherar Isacco si ritira a Beer Sceba dove si fermer. Il luogo significativo per i tre patriarchi: Abramo vi scav un pozzo, vi invoc il Signore e vi dimor Genesi 21:33 22:19 Isacco vi scav un pozzo, vi invoc il Signore e vi dimor Genesi 26:23 25 Giacobbe vi abit , vi invoc il Signore Genesi 46:1-4 Non temere furono le parole che il Signore rivolse a Isacco non doveva pi avere paura di Dio Problemi in famiglia Isacco e Rebecca ebbero due figli molto diversi ed ognuno esprimeva apertamente la sua preferenza Genesi 25:27-28 creando tra i due una rivalit che sfoci nel tempo in un pericoloso sentimento di odio Genesi 27:41 . Dio non ha riguardi personali Deaut.10:17 e neppure Ges li aveva Luca 20:21 Isacco preferiva Esa a Giacobbe , ritenendolo il maggiore e quindi lerede della promessa nonostante non manifestasse i sentimenti di Abramo. Esa fu un motivo di profonda amarezza per i suoi genitori, disubbidendo apertamente alla volont del Signore e dei suoi Genesi 26:34-35 27:46 Genesi 28:6-9 Isacco benedice Giacobbe al posto di Esa

    Prima di uscire di scena Isacco impartisce la sua benedizione a Giacobbe invece che a Esa Ebrei 11:20 Visse 180 anni e venne seppellito insieme a suo padre nel sepolcro da lui comprato a Mamre nel campo di Macpela

    Genesi 35:28-29. La storia di Isacco non avventurosa come quella degli altri patriarchi, eppure Dio si presenta anche come il Dio di Isacco testimoniando cos di avere approvato la sua vita.

    Giacobbe il soppiantatore La nascita di Giacobbe fu miracolosa quanto quella di suo padre Isacco e il Signore le diede un importante rivelazione sul destino dei gemelli che non sapendo portava in seno - Genesi 25:21-23 Giacobbe, con un sotterfugio, (un piatto di lenticchie) si fece cedere dal fratello la primogenitura. Questo situazione provocher lodio di Esa e Giacobbe sar costretto a fuggire per lungo tempo.

    Al servizio dello zio Labano

    Al suo arrivo in Mesopotamia (il paese degli orientali) Giacobbe incontra la famiglia del fratello di sua madre Labano e viene accolto con ospitalit. Labano era padre di Lea e Rachele e Giacobbe sinnamor della seconda. Genesi 29:27. Secondo lusanza del tempo, per chiedere la mano di una figlia occorreva una dote e il giovane Giacobbe non possedeva altro che le sue mani e lamore per Rachele. Genesi 29:18-20 . Ma Labano lo ingann (chi la fa laspetti) e Giacobbe dovette lavorare altri 7 anni.

  • Vicende familiari La vita familiare di Giacobbe non fu tra le pi tranquille; il conflitto tra le due sorelle/mogli crebbe fino a divenire una specie di competizione; Lea non si sentiva amata ma era fertile Rachele invece era amata e sterile. Con i primi tre figli Lea sperava di conquistare lamore di Giacobbe ma il quarto Giuda lo dedic al Signore Genesi 29:31-35 ; la situazione degener fino ad abbassare il rapporto coniugale a una forma di commercio. (v.14-16). Non a caso Dio aveva stabilito per ogni uomo una sola moglie (Genesi 2:24)

    Ritorno in Canaan Genesi 31:3 Il SIGNORE disse a Giacobbe: Torna al paese dei tuoi padri, dai tuoi parenti, e io sar con te.I

    l rapporto con Labano fu problematico e i due si raggirarono pi volte a vicenda; Giacobbe dopo venti anni di duro lavoro (Genesi 31:41) riceve in sogno una rivelazione da Dio e, fugge con tutta la sua famiglia per ritornare in Canaan. (Genesi 31:3) . Labano insegu il nipote ma Dio lo ferm con un sogno e tra i due , a fatica, viene ristabilita la pace e un patto di non aggressione Genesi 31 La famiglia di Giacobbe:

    Lea Reuben (1) Simeone (2) Levi (3) Giuda (4) Issacar (9) Zabulon (10)

    Rachele Giuseppe (11) Beniamino (12)

    Bila (serva di Rachele) Dan (5) Neftali (6)

    Zilpa (serva di Lea) Gad (7) Asher (8)

    Giacobbe diventa Israele

    Fino al quel giorno Giacobbe nonostante i sogni e le visioni non ha mai veramente conosciuto Dio. Anche quando prega Dio rimane il Dio di mio padre (Genesi 32:9) espressione rivelatrice. Al guado dello Jabboc Giacobbe, temendo lira del fratello Esa (sebbene fossero passati 20 anni), implora il Signore, fa guadare il torrente a tutta la sua famiglia e rimane di nuovo solo. E il momento pi importante della sua vita di pellegrino, in cui il suo indomito carattere doveva essere spezzato e vinto; un uomo lott con lui Dio che prende liniziativa (Atti 9:5) chi si arrende a Dio veramente

    vincitore e Dio cambia il suo nome da soppiantatore a vincitore. Giacobbe la figura di quanti passano a Peniel (volto di Dio) e ne risalgono trasformati. Dopo essersi riconciliato con il fratello Giacobbe sposta le sue tende prima a Succot poi a Sichem Genesi 33:20 Eresse qui un altare e lo chiam El-Elo-Israel. (il potente Dio di Israele) LEterno non pi solamente lIddio di Abramo e di Isacco ma anche il suo Dio.

    Idoli domestici

    Altri problemi familiari attendevano il patriarca; se le mogli sembrano ormai tranquillizzate sono ora i figli a creare nuovi gravi problemi alla famiglia; Simeone e Levi compiono un massacro per vendetta , (Ruben si macchier di un altro grave peccato Genesi 35:22 per non parlare di quello che tutti fecero a Giuseppe) Genesi 49:5. Cera un problema nascosto nelle tende di Giacobbe: dei stranieri ; Rachele stessa li aveva rubati dalla casa di Labano suo padre e per poco non causarono grossi problemi a tutta la famiglia Genesi 31:21. Dio parla nuovamente a Giacobbe riporta Giacobbe a Betel (casa di Dio), dove per la prima volta gli era apparso Genesi 35:1. Un luogo speciale, il luogo del primo incontro, ma ora tempo di una nuova esperienza: Genesi 35:2-3. Rachele morir a Betlemme partorendo Beniamino il dodicesimo figlio del patriarca. Il capitolo 36 della Genesi riporta la genealogia di Esa padre degli Edomiti che saranno in seguito quasi sempre avversari e nemici del popolo di Israele

    Giuseppe il salvatore Gli ultimi 13 capitoli della Genesi si concentrano sulla straordinaria storia di Giuseppe (Il Signore ha aggiunto) il figlio della vecchiaia di Giacobbe, ma soprattutto il primo e desideratissimo figlio dellamata Rachele (Genesi 37:3)

    Tre generazioni di patriarchi, Isacco, Giacobbe e Giuseppe hanno in comune la nascita miracolosa: Sara, Rebecca e Rachele infatti erano donne sterili.

    Giuseppe figura del Cristo erede odiato

    Giuseppe Riferimenti Cristo Ges Riferimenti

    Erede amato Genesi 37:3 Erede amato Ebrei 1:2 Giovanni. 3:35

    Odiato dai fratelli Genesi 37:4-5-8 Odiato dai fratelli Giovanni 1:11 - 15:18-25

    Inviato del padre Genesi 37:13 Inviato del padre Giovanni 14:24 - Ebrei 10:7

    Tradito dai suoi fratelli Genesi 37:18 Tradito dai suoi fratelli Marco 3:19 Giovanni 19:15

    Venduto da Giuda Genesi 37: 26-28 Venduto da Giuda Matteo 26:15

    I capitoli 39 e 40 della Genesi descrivono le grandi prove che il giovane Giuseppe dovette attraversare prima di vedere quanto il Signore gli aveva promesso. Per circa 13 lunghi anni Giuseppe sar considerato come uno schiavo, accusato di crimini mai commessi e rinchiuso in una fossa. Ma in ogni situazione il Signore era con Giuseppe Genesi 39:2 e 21-23 In tutto e per tutto Giuseppe sostenne la prova Quanto Giuseppe aveva sognato mentre era ancora un adolescente si realizz puntualmente; tutto quello che la bocca del Signore ha ordinato trover il suo adempimento. Con un saggio comportamento porter i suoi fratelli. A un sincero ravvedimento (Giuda in particolare fece un accorata confessione Genesi 44:18) e ristabilir la comunione interrotta per tanti anni. Anche la carestia divenne una benedizione.

    Sullintera storia di Giuseppe potrebbero essere proclamate le consolanti parole di Romani 8:28.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Leahhttp://en.wikipedia.org/wiki/Reuben_%28Bible%29http://en.wikipedia.org/wiki/Simeon_%28Biblical_figure%29http://en.wikipedia.org/wiki/Levihttp://en.wikipedia.org/wiki/Issacharhttp://en.wikipedia.org/wiki/Zebulunhttp://en.wikipedia.org/wiki/Rachelhttp://en.wikipedia.org/wiki/Joseph_%28Hebrew_Bible%29http://en.wikipedia.org/wiki/Benjaminhttp://en.wikipedia.org/wiki/Bilhahhttp://en.wikipedia.org/wiki/Dan_%28Biblical_figure%29http://en.wikipedia.org/wiki/Naphtalihttp://en.wikipedia.org/wiki/Zilpahhttp://en.wikipedia.org/wiki/Gad_%28Biblical_figure%29http://en.wikipedia.org/wiki/Asher