la grotta gigante quale polo turistico eco-sostenibile e stazione ... · pdf fileabstract the...

Click here to load reader

Post on 20-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Abstract

The Grotta Gigante, attracting 70,000 visitors a year, is the second most popular tourist attraction in Trieste, and is among the top destinations in the friuli-Venezia Giulia Region. out of the 70,000 annual visitors, a large part is re-presented by students from different kinds of schools at all levels, from kindergarten to university, and for this rea-son educational programs have been organized so that all students can draw the greatest benefit possible from their educational excursion to the Grotta Gigante. The Grotta Gigante is also one of the most important underground scientific research stations in the world.

KeywordsGrotta Gigante, Education, Scientific Research, Tourist Caves, Communication

Riassunto

La Grotta Gigante, con settantamila visitatori annui il se-condo polo turistico della Provincia di Trieste e tra i primi della Regione friuli Venezia Giulia.Dei settantamila visitatori annui, buona parte rappre-sentata da studenti di scuole di ogni ordine e grado, dalla scuola materna alluniversit, per i quali sono stati appron-tati appositi programmi didattici in modo che tutti gli stu-denti possano ricavare il massimo profitto dalla visita di istruzione alla Grotta Gigante.La Grotta Gigante inoltre, a livello internazionale, tra le pi importanti stazioni ipogee di ricerca scientifica.

Parole ChiaveGrotta Gigante, Didattica, Ricerca scientifica

La Grotta Gigante quale polo turistico eco-sostenibile e stazione scientifica

Alessio FABBricAtore1

1 Direttore Grotta Gigante, Borgo Grotta Gigante 42/a (Sgonico Trieste) tel. e fax: 040.327.312, e-mail: info@grottagigante.it sito internet: www.grottagigante.it

Atti del XXi Congresso nAzionAle di speleologiA sessione turismo 240

Introduzione

La Grotta Gigante stata aperta al pubblico nel l908 ad opera del Club Touristi Triestini. Da allora numerosi sono stati i miglioramenti realizzati sia allinterno che allesterno della Grotta. allinterno citiamo la realizzazione nel 1996 del Sentiero Carlo finocchiaro, progettato dalling. aurelio amodeo, che permette di effettuare il periplo completo della cavit.

nel dicembre del 2005, stato inaugurato il nuovo Cen-tro accoglienza visitatori della Grotta Gigante, struttura re-alizzata in armonia con lambiente carsico in cui inserita ed costituita da una area polifunzionale, da una area museale e da una destinata a Sala daspetto.

La scelta delle tipologie costruttive e dei materiali del Centro accoglienza visitatori della Grotta Gigante stata determinata da valutazioni inerenti limpatto ambientale, leco compatibilit dei materiali utilizzati, la tradizione edi-le di questa specifica area carsica e le esigenze struttura-li, manutentorie e di sicurezza. Lintero comprensorio del Centro accoglienza visitatori compatibile con i criteri di visitabilit previsti, dalla vigente normativa, per i diversa-mente abili. Limpianto di illuminazione esterna rispetta i parametri relativi allinquinamento luminoso

Complessivamente sono stati edificati mc 1.342 su una superficie coperta di mq 475, mentre i rimanenti mq 3.059 della propriet sono destinati a verde, parte fronte piazza-le e parte lato posteriore della costruzione.

Dellarea verde si ritenuto indispensabile provvedere al Recupero ambientale e paesaggistico con tre ben pre-cise finalit di allestimento vegetazionale:

1. finalit botanico-ambientali;

2. finalit storico-paesaggistiche;

3. finalit sociali-educative.

obiettivo primario fornire ai visitatori abituali della Grot-ta Gigante, per lo pi giovani scolaresche e famiglie, una visione il pi possibile armoniosa e piacevole in grado di favorire un rapporto gradevole e continuativo con il sito.

Successivamente nel 2009 stato realizzato il pro-getto di Rifacimento dellimpianto elettrico e rispondenza alla normativa vigente. il nuovo impianto elettrico tiene conto della riduzione delle spese di gestione, al fine del contenimento dei consumi energetici, e dellimportanza dellaspetto scenografico, valorizzando le concrezioni e i colori naturali della Grotta stessa. stata inoltre realizzata lilluminazione demergenza e di sicurezza di tutti i percorsi e sentieri della Grotta, accessibili al pubblico, con funzio-ne in s.a. (sempre accesa) per garantire lilluminamento minimo, pari a cinque lux sui gradini e tre lux in piano. Le lampade demergenza sono collegate ad un gruppo di con-tinuit specifico e dedicato al solo circuito in oggetto.

stato preservato il consumo energetico del nuovo impianto elettrico, relativamente al dimensionamento ri-dondante di tutti i cavi di distribuzione ai diversi circuiti ed al dimensionamento delle apparecchiature di protezio-ne, caratterizzate da un funzionamento con caratteristica dintervento di back up, a fronte di un notevole migliora-mento dellilluminazione della Grotta e dellinstallazione di apparecchiature di sicurezza ( stato installato un siste-ma audiocomunicazioni e messaggi audio evacuazione conforme con le specifiche iEC 60849, configurato in un rack principale con suddivisione in zone, identificate come diverse postazioni per la comunicazione al pubblico delle informazioni inerenti le visite guidate, per la diffusione di messaggi di emergenza pre-registrati, in caso di evacua-zione del pubblico, e per consentire la connessione a sor-genti audio locali opportunamente espandibili in potenza e sonorit). Sono stati inoltre stesi 600 metri di fibra ottica e 1.500 metri di cavo coassiale e di cavo multi coppia cat. 5 per lamplificazione dei segnali radio dellimpianto audio.

stato rilevato che mediamente lassorbimento di cor-rente elettrica risulta pari al valore di 45 a, ne consegue che il valore risultante di potenza elettrica attiva dellintero impianto (Grotta e Centro visitatori) inferiore di quasi il 50% rispetto ai valori rilevati prima dellintervento.

Le stazioni scientifiche

Le grotte turistiche, per la facilit di accesso, rappresen-tano sicuramente il luogo ideale ove studiare e monitorare lambiente ipogeo. Sia in italia che allestero molte sono le cavit turistiche dove vengono effettuati studi scientifici.

Fig. 1 Planimetria della Grotta Gigante realizzata con la tecnologia laser scanner

a. faBBRiCaToRE La Grotta Gigante quale polo turistico eco-sostenibile e stazione scientifica 241

La Grotta Gigante, con i settantamila visitatori annui, il secondo polo turistico della provincia di Trieste e tra i primi della regione friuli Venezia Giulia.

Dei settantamila visitatori annui oltre il 20% rappre-sentato da studenti di scuole di ogni ordine e grado, dalla scuola materna alluniversit, per i quali sono stati appron-tati appositi programmi didattici in modo che tutti gli stu-denti possano ricavare il massimo profitto dalla visita di istruzione alla Grotta Gigante.

La Grotta Gigante inoltre, a livello internazionale, tra le pi importanti stazioni ipogee di ricerca scientifica.

allinterno della Grotta sono installati i Pendoli, sensi-bili strumenti atti a rilevare i movimenti della crosta terre-stre. i Pendoli forniscono una serie storica unica di misure continue di deformazione della crosta terrestre. La gestio-ne di tali misurazioni fa capo al Dipartimento di Matema-tica e Geoscienze dellUniversit di Trieste e allistituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Sempre allinterno della Grotta troviamo la Stazione si-smografica digitale a banda larga gestita nellambito di un accordo di collaborazione tra listituto nazionale di oce-anografia e Geofisica Sperimentale ed il Dipartimento di Matematica e Geoscienze dellUniversit di Trieste.

allesterno della Grotta Gigante, nellarea verde di per-tinenza, ubicato losservatorio climatologico del Carso e la Stazione epigea per le misurazioni della dissoluzione carsica. Losservatorio climatologico del Carso fa parte della rete meteorologica regionale del friuli Venezia Giu-lia e si inserisce nella rete europea transfrontaliera, atti-va dal 1966. alla strumentazione meccanica tradizionale

Fig. 3 Grotta Gigante.

La Grande Camera

Fig. 2 I pendoli, strumenti atti a rilevare i movimenti della crosta terrestre

Atti del XXi Congresso nAzionAle di speleologiA sessione turismo 242

stata affiancata una stazione meteorologica elettronica di nuova generazione con trasmissione dati via gprs e visualizzazione degli stessi in tempo reale sul web e sul mega schermo ubicato nella sala daspetto del Centro ac-coglienza visitatori Grotta Gigante. in allegato la relazione: La stazione meteorologica di Borgo Grotta Gigante: osser-vatorio climatico del Carso.

La Stazione epigea per le misurazioni della dissoluzio-ne carsica, attiva dal 1979, indaga sullentit dellabbas-samento delle superfici rocciose calcaree ad opera delle acque di precipitazione meteorica. Le misurazioni sono effettuate in accordo con il Dipartimento di Matematica e Geoscienze dellUniversit di Trieste.

nella Grotta Gigante sono stati effettuati studi relativi alla radiografia, con raggi cosmici, per lesperimento Cho-oz, che ha permesso la Radiografia muonica della Grotta Gigante, ovvero la ricostruzione della forma della volta del-la Grotta a partire dalla misura del flusso di raggi cosmici provenienti dalle varie direzioni e confrontata con i dati ge-ologici disponibili. La radiografia risultata il frutto di una collaborazione tra listituto nazionale di oceanografia e ge-ofisica sperimentale e listituto nazionale di fisica nucleare.

Di notevole interesse inoltre gli studi archeologici, effettuati dalla Soprintendenza del friuli Venezia Giulia e dal Dipartimento di Scienze dellantichit dellUniversit di Trieste che documentano la frequentazione della Grotta dal neolitico al Bronzo antico-medio e gli studi di pale-ontologia effettuati dal Museo civico di st

View more