avvento 2017 - buonpastorecaserta.it · tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli! ... non...

of 5/5
Parrocchia Buon Pastore Caserta Avvento 2017 L’Avvento è un tempo di attesa vigilante e di speranza, ma anche un invito al cambiamento e a uno stile di vita più autenticamente cristiano. In più occasioni la Parola di Dio ci invita alla revisione di vita. A Natale, la povertà di una mangiatoia scelta volontariamente da nostro Signore e la scelta preferenziale per gli ultimi e i poveri descritta in tutto il Vangelo ci sprona necessariamente a cambiare il nostro stile di vita riscoprendo il valore della sobrietà, dell’essenzialità e della solidarietà. A Natale la parola regalo/dono è certamente la più usata, quella che ci porta via più tempo, ansia e soldi , ma non ci riempie il cuore . A Natale è Dio che si fa dono, che si offre interamente alla nostra attesa, senza alcun risparmio. Il Bambino del presepio porta tutto l’amore di Dio. Il tempo di Avvento - Natale è il tempo in cui Cristo Signore ci insegna l’impegnativo cammino per diventare, come Lui, un dono vero e gratuito d’amore per gli altri. ( rete interdiocesana NSDV ) Natale è …. Natale è accogliere la vita come dono di Dio. Natale è rinnovare la speranza che tutti un giorno possiamo sentirci fratelli . Natale è sanare le nostre relazioni in famiglia, nel vicinato, sul lavoro. Natale è offrire a tutti un sorriso che viene dal cuore. Natale è sapersi riconciliare con un nemico, donando perdono. Natale è ascoltare con simpatia chi ti sta accanto e asciugare le lacrime di chi soffre. Natale è condividere il pane con chi ha fame e impegnarsi a creare, ognuno secondo le proprie responsabilità, condizioni di pace e fraternità. ( programma mensile dicembre 2011) E venne ad abitare in mezzo a noi . In che senso Gesù è venuto ad abitare in mezzo a noi? Per capire il modo di abitare di Gesù bisogna recuperare il principio dell’Incarnazione: la sua condivisione della gioia e dei dolori delle persone che incontrava sul suo cammino; il loro bisogno di amore, di salute, di relazioni sincere, di riconciliazioni; il suo andare a trovare e ad accogliere i lontani del suo tempo. Non è senza significato il fatto che Gesù non abbia fissato un suo recapito. Egli stesso si recava in mezzo alla gente, dove la gente viveva, lavorava, soffriva. in questo percorso di Avvento, rifletterà sul senso dell’abitare in quattro realtà diverse: la famiglia, la parrocchia, il territorio, il creato. Abitare la famiglia significa accogliere Gesù con la stessa fede, con la stessa cura, con lo stesso amore e la stessa gioia con cui lo hanno accolto Maria e Giuseppe, guida e modello di ogni famiglia umana. Abitare la parrocchia è viverla come "famiglia di Dio, come fraternità animata dallo spirito d'unità"; come "casa di famiglia, fraterna ed accogliente"; come "fontana del villaggio" alla quale tutti ricorrono per la loro sete. Abitare il territorio non vuol dire solo “vivere in un territorio” o farsi vivere da un territorio, ma vivere il territorio e far vivere il territorio: le relazioni, i bisogni, le risorse reali e potenziali, i valori, le credenze, le tradizioni, la religione, il sistema socio - politico - culturale … Abitare il creato vuol dire riconoscere la natura come uno splendido libro nel quale Dio ci parla e ci trasmette qualcosa della sua bellezza e della sua bontà. Se ci accostiamo alla natura e all’ambiente con questo spirito, la sobrietà e la cura scaturiranno in maniera spontanea. ( programma mensile dicembre 2016)

Post on 17-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Parrocchia Buon Pastore

Caserta Avvento 2017

LAvvento un

tempo di attesa

vigilante e di

speranza, ma

anche un invito

al cambiamento

e a uno stile di

vita pi

autenticamente

cristiano.

In pi occasioni la Parola di Dio ci invita

alla revisione di vita. A Natale, la povert di

una mangiatoia scelta volontariamente da

nostro Signore e la scelta preferenziale per

gli ultimi e i poveri descritta in tutto il

Vangelo ci sprona necessariamente a

cambiare il nostro stile di vita riscoprendo

il valore della sobriet, dellessenzialit e

della solidariet.

A Natale la parola regalo/dono certamente

la pi usata, quella che ci porta via pi

tempo, ansia e soldi , ma non ci riempie il

cuore .

A Natale Dio che si fa dono, che si offre

interamente alla nostra attesa, senza alcun

risparmio. Il Bambino del presepio porta

tutto lamore di Dio. Il tempo di Avvento-

Natale il tempo in cui Cristo Signore ci

insegna limpegnativo cammino per

diventare, come Lui, un dono vero e

gratuito damore per gli altri.

( rete interdiocesana NSDV )

Natale .

Natale accogliere la vita

come dono di Dio.

Natale rinnovare la

speranza che tutti un

giorno possiamo sentirci

fratelli .

Natale sanare le nostre

relazioni in famiglia, nel

vicinato, sul lavoro.

Natale offrire a tutti un sorriso che viene dal cuore.

Natale sapersi riconciliare con un nemico, donando

perdono.

Natale ascoltare con simpatia chi ti sta accanto e

asciugare le lacrime di chi soffre.

Natale condividere il pane con chi ha fame e

impegnarsi a creare, ognuno secondo le proprie

responsabilit, condizioni di pace e fraternit.

( programma mensile dicembre 2011)

E venne ad abitare in mezzo a noi.

In che senso Ges venuto ad abitare in mezzo a noi? Per capire il modo di abitare di Ges bisogna recuperare il principio dellIncarnazione: la sua condivisione della gioia e dei dolori delle persone che incontrava sul suo cammino; il loro bisogno di amore, di salute, di relazioni sincere, di riconciliazioni; il suo andare a trovare e ad accogliere i lontani del suo tempo. Non senza significato il fatto che Ges non abbia fissato un suo recapito. Egli stesso si recava in mezzo alla gente, l dove la gente viveva, lavorava, soffriva.

in questo percorso di Avvento, rifletter sul senso dellabitare in quattro realt diverse: la famiglia, la parrocchia, il territorio, il creato.

Abitare la famiglia significa accogliere Ges con la stessa fede, con la stessa cura, con lo stesso amore e la stessa gioia con cui lo hanno accolto Maria e Giuseppe, guida e modello di ogni famiglia umana.

Abitare la parrocchia viverla come "famiglia di Dio, come fraternit animata dallo spirito d'unit"; come "casa di famiglia, fraterna ed accogliente"; come "fontana del villaggio" alla quale tutti ricorrono per la loro sete.

Abitare il territorio non vuol dire solo vivere in un territorio o farsi vivere da un territorio, ma vivere il territorio e far vivere il territorio: le relazioni, i bisogni, le risorse reali e potenziali, i valori, le credenze, le tradizioni, la religione, il sistema socio - politico - culturale

Abitare il creato vuol dire riconoscere la natura come uno splendido libro nel quale Dio ci parla e ci trasmette qualcosa della sua bellezza e della sua bont. Se ci accostiamo alla natura e allambiente con questo spirito, la sobriet e la cura scaturiranno in maniera spontanea. ( programma mensile dicembre 2016)

Fai acquisti utili e consapevoli preferendo prodotti basso impatto ambientale e sociale. Fai visita ad una bottega del commercio equo e solidale dove troverai prodotti che regalano gioia a chi li riceve e dignit a chi lo produce, rispettosi dell'uomo e dell'ambiente e che raccontano altre culture, profumi e sapori.

Per i tuoi regali di Natale lasciati consigliare, pi che dalla pubblicit, dalla certezza che quello che hai scelto sia sobrio -ovvero senza eccessi ne sprechi e utile. Accompagnali magari con un biglietto scritto con un po' di cura, o con un gesto, con una parola, con un abbraccio, riscoprendo il vero significati del dono.

Non presentarti agli altri con falsi sorrisi ma comunica ci che custodisci nel cuore e sorprendili con un regalo gradito, la tua presenza e se fai un regalo ad un bambino

(non regalare armi giocattolo), cerca di essere presente quando aprir il pacco, gioendo con lui della sorpresa fatta.

Interrogati su quanto cibo sprechi, compra il giusto e condividi la parte rimante di quanto avresti speso con i pi bisognosi. Per il cenone non usare stoviglie usa e getta, preferisci ai soliti cibi dei prodotti locali e a Km O, fai attenzione agli imballaggi ricordandoti di praticare in maniera corretta la raccolta differenziata.

Non impegnare il tempo

natalizio solo in attivit

materiali e nella

soddisfazione di bisogni

egoistici non

indispensabili, ma dedica

un congruo tempo anche

alle relazioni con gli altri,

alle esigenze spirituali e

all'aiuto reciproco.

Accogliete il parente o il

vicino che magari

resterebbe da solo

durante le festivit.

Versa una percentuale dei

regali natalizi oppure della

tredicesima per un progetto di

solidariet. Non facciamo

regai solo a noi stessi, ma

anche a chi ha maggiore

bisogno. Pu essere

un'occasione per insegnare a

figli e nipoti il senso della

generosit e dell'altruismo.

Consigli scomodi

Fonte : Rete inter diocesana dei nuovi stili di vita

Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo se vi dicessi Buon Natale senza

darvi disturbo.

Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti lidea di dover rivolgere auguri

innocui, formali, imposti dalla routine di calendario.

Mi lusinga addirittura lipotesi che qualcuno li respinga al mittente come indesiderati.

Tanti auguri scomodi, allora, miei cari fratelli!

Ges che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza

spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera,

di silenzio, di coraggio.

Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale

del vostro letto duro come un macigno, finch non avrete dato ospitalit a uno

sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra

carriera diventa idolo della vostra vita; il sorpasso, il progetto dei vostri giorni; la

schiena del prossimo, strumento delle vostre scalate.

Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla dove deporre con

tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo

struggimento di tutte le nenie natalizie, finch la vostra coscienza ipocrita accetter

che il bidone della spazzatura, linceneritore di una clinica diventino tomba senza

croce di una vita soppressa.

Giuseppe, che nellaffronto di mille porte chiuse il simbolo di tutte le delusioni

paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre

tombolate, provochi corti circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando

non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime

segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.

Gli angeli che annunciano la pace portino ancora guerra alla vostra sonnolenta

tranquillit incapace di vedere che poco pi lontano di una spanna, con laggravante

del vostro complice silenzio, si consumano ingiustizie, si sfratta la gente, si

fabbricano armi, si militarizza la terra degli umili, si condannano popoli allo sterminio

della fame.

I Poveri che accorrono alla grotta, mentre i potenti tramano nelloscurit e la

citt dorme nellindifferenza, vi facciano capire che, se anche voi volete vedere una

gran luce dovete partire dagli ultimi.

Che le elemosine di chi gioca sulla pelle della gente sono tranquillanti inutili.

Che le pellicce comprate con le tredicesime di stipendi multipli fanno bella

figura, ma non scaldano.

Che i ritardi delledilizia popolare sono atti di sacrilegio, se provocati da

speculazioni corporative.

I pastori che vegliano nella notte, facendo la guardia al gregge , e scrutano

laurora, vi diano il senso della storia, lebbrezza delle attese, il gaudio

dellabbandono in Dio.

E vi ispirino il desiderio profondo di vivere poveri che poi lunico modo per

morire ricchi.

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza.

(Don Tonino Bello)

con stile verso il NATALE I nuovi stili di vita sono azioni quotidiane, possibili a tutti, che rappresentano un

nuovo modo di vivere la propria quotidianit. Si parte da un livello personale per

passare necessariamente a quello comunitario fino a raggiungere i vertici del

sistema socio-economico e politico verso mutazioni strutturali globali. Gli obiettivi:

Nuovo rapporto con le cose: il consumismo sfrenato ci ha condotto a

possedere tantissime cose facendoci diventare dipendenti da esse. E

necessario passare dal consumismo sfrenato al consumo critico, dalla

dipendenza alluso sobrio e etico.

Nuovo rapporto con le persone: costruire relazioni umane che sono la

base di una vita felice e ricca spiritualmente; costruire rapporti

interpersonali rispettosi della diversit, vista non come minaccia ma come

ulteriore fonte di ricchezza.

Nuovo rapporto con la natura: rispetto dellambiente. Riutilizzare gli

oggetti, riciclare facendo la raccolta differenziata, riparare - prima di gettare

- gli oggetti sono solo alcune delle azioni atte a responsabilizzare luomo nei

riguardi della natura.

Nuovo rapporto con la mondialit: solidariet, intesa come apertura nei

confronti degli altri, per un mondo pi giusto. Fenomeni di razzismo, di

xenofobia e di discriminazione, soprattutto nei confronti degli stranieri, sono

sempre pi frequenti.

LAvvento si un tempo di attesa vigilante e di speranza, ma anche un

invito al cambiamento e a uno stile di vita pi autenticamente cristiano. In

pi occasioni la Parola di Dio ci invita alla revisione di vita. A Natale, la

povert di una mangiatoia scelta volontariamente da nostro Signore e la scelta preferenziale per gli ultimi e i poveri descritta in tutto il Vangelo ci

sprona necessariamente a cambiare il nostro stile di vita riscoprendo il

valore della sobriet, dellessenzialit e della solidariet.

Fiaba della bicicletta nel fosso Vieni, andiamo a cercare altre fiabe!.

Troviamone una bella per!.

Hai ragione, quella di prima era triste. Bongo teneva Chiara per mano. Davanti ai loro occhi passavano giocattoli di ogni tipo. Ti piacerebbe sentire una fiaba ancora da accadere?.

Cosa vuoi dire?. Che racconta una storia che non ancora successa.

Che bello, raccontamela!.

Ecco, la vedi questa bicicletta?.

Bella, tutta colorata!.

Ecco, allora ci sar una volta.., un bambino bianco che avr questa bicicletta. Un giorno, mentre pedala in una stradina, la ruota finisce su un sasso e il bambino cade. Non si fa molto male, ma la ruota davanti della bicicletta si rompe .Il bambino la guarda, poi la getta in un fosso.Me ne compro unaltra dice, e torna a casa arrabbiato .La bicicletta sta ora in fondo al fosso, sola, triste e bagnata perch la pioggia iniziata a cadere .Il giorno dopo arriva un bambino verde. Vede la bici nel fosso e si ferma a guardarla.Chiss chi che lha gettata via?- dice il ragazzo. - A me serve proprio un manubrio, perch il mio rotto. Cos smonta il manubrio dalla bici nel fosso e lo monta sulla sua.Il giorno dopo ancora arriva un bambino blu. Anche lui vede la bicicletta nel fosso.Manca il manubrio dice ma quasi nuova. Cos smonta i pedali e li mette al posto di quelli della sua bici che sono un po arrugginiti. Mentre torna a casa incontra un bambino giallo, con una bici senza fanalino. Perch non vai a prenderlo a quella bici che sta nelfosso?, gli dice. Il bambino giallo lo ascolta e va anche lui a prendere il pezzo che gli serve. La bicicletta nel fosso non per niente triste, anzi sorride ogni volta che gli smontano un pezzo. Credeva di finire l, buttata via, solo per una ruota rotta, invece continua a vivere su tante altre biciclette. Ogni giorno arriva un bambino di colore diverso e prende un pezzo per la sua bici, fino a quando rimane solo la ruota rotta.La bicicletta nel fosso ora un po triste: Mi rimasta solo una ruota rotta .Nessuno la prender .Non serve a nessuno. Due giorni dopo arriva un vecchietto. Vede la ruota tutta storta e la prende in mano. Fa per ributtarla nel fosso, quando gli viene in mente che pu servirgli per aggiustare una vecchia carriola. La raddrizzer, dice. Cos la prende e se la porta a casa. La bicicletta ora felice: viaggia dappertutto, il manubrio con il bambino verde, i pedali con quello blu, il fanalino con quello giallo, la ruota con la vecchia carriola del nonno e tutti gli altri pezzi con tanti bambini colorati: perch il mondo bello quando pieno di colori!

(tratto da FIABE NEI BARATTOLI di Marco Aime)