francesco silvestri università di napoli federico ii studi di ingegneria geotecnica sismica...

Download Francesco Silvestri Università di Napoli Federico II STUDI DI INGEGNERIA GEOTECNICA SISMICA Argomenti di Ingegneria Geotecnica – Giornata in ricordo di

Post on 02-May-2015

219 views

Category:

Documents

5 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Francesco Silvestri Universit di Napoli Federico II STUDI DI INGEGNERIA GEOTECNICA SISMICA Argomenti di Ingegneria Geotecnica Giornata in ricordo di Filippo Vinale 21/09/09 SantAngelo dei Lombardi Terremoto (Vittorio Papa, 2008)
  • Slide 2
  • Il modello concettuale per la valutazione del rischio sismico Elementi necessari per quantificare il livello di Rischio Sismico locale ( ): Pericolosit sismica (H, hazard) probabilit che si verifichi un dato evento sismico nel tempo e nello spazio = pericolosit sismica regionale (P) x risposta sismica locale (S) Vulnerabilit (V) sensibilit al danneggiamento di un sistema urbanizzato = V. dellambiente fisico x V. del costruito x V. di infrastrutture/servizi a rete = = (V F ) x (V C ) x (V R ) Esposizione (E) perdita percepita dalla comunit e delle risorse interessate Quantificazione del Rischio Sismico locale: valutazione del prodotto simbolico = H V E
  • Slide 3
  • Inter-disciplinariet dellanalisi del rischio sismico P P = Pericolosit sismica regionale (SISMOLOGIA APPLICATA) S S = Risposta sismica locale (effetto Sito) (GEOFISICA/ING. GEOTECNICA) V F V F = Vulnerabilit dellambiente Fisico (GEOLOGIA/ING. GEOTECNICA) V V C = Vulnerabilit del Costruito V R V R = Vulnerabilit delle Reti (INGEGNERIA/URBANISTICA) Fenomeni deformativi
  • Slide 4
  • 1.Il monitoraggio e lanalisi di fenomeni sismici 2.La caratterizzazione geotecnica dei terreni 3.Lanalisi di risposta sismica e la valutazione del rischio La lista della spesa
  • Slide 5
  • 1. Il monitoraggio e lanalisi di fenomeni sismici (dal bradisismo flegreo al terremoto aquilano)
  • Slide 6
  • Preistoria: la crisi bradi-sismica flegrea 1983-84 Sciame del 13.X.83 (circa 350 eventi!) Evento del 4.X.83 (M L =4.0, I=VII) 16.IV.1985: convenzione UniNa - Regione Laurea Papa & Silvestri
  • Slide 7
  • Rete mobile Wisconsin gennaio-maggio 1984: 12 velocimetri 3D (21 siti) Monitoraggio sismico nei Campi Flegrei
  • Slide 8
  • Database accelerometrico per larea flegrea Banca dati accelerometrica (O.V. + Facolt di Ingegneria) costituita da 16 eventi (M L
  • Danni lievi Danni di media entit Danni elevati (crolli > 75%) Medioevo: la Microzonazione Sismica di Benevento Area con edifici e muri crollati dopo il terremoto storico del Sannio nel 1688 (1988 1991) (2000 2003) PROGETTO TRAIANO
  • Slide 10
  • Simulazione campo di moto prodotto dallevento sismico del Sannio 1688 (I max = XI, M 6.7) PGA a BN per 150 accelerogrammi sintetici PGA avg 0.35g Moto sismico di riferimento per la citt di Benevento Iannaccone et al. (2002)
  • Slide 11
  • 150 ACC15 ACC Maximum acceleration (g)0.3360.335 Maximum relative velocity (cm/s)0.5490.547 Maximum relative displacement (cm)0.0500.049 Arias intensity (m/s)0.4470.461 a RMS (g)0.1270.128 Trifunac duration (sec)1.5811.534 Characteristic intensity0.0570.058 Maximum Spectral Acceleration (g)0.8890.879 Maximum Spectral Velocity (cm/s)69.79875.694 Spectral acceleration at 0,3 s (g)0.5940.555 Spectral acceleration at 1 s (g)0.3760.403 Fundamental frequency (Hz)1.4761.498 Cosenza - Manfredi factor, ID15.31115.374 PGA/PGV61.22261.261 Mean Square frequency (Hz)2.9062.842 Per le analisi di risposta sismica locale, 150 segnali sintetici ridotti a: - 15 (criterio della max verosimiglianza) - 8 (clustering basato su PGA, PGV, I a ) Riduzione del database accelerometrico Vinale et al. (2003)
  • Slide 12
  • spalla (formazione Corleto Perticara) coronamento banchina base diga fondazione (formazione Serra Palazzo) Tempi moderni: monitoraggio della diga di Camastra
  • Slide 13
  • f 1 = 3.3 Hz stazioni accelerometriche CIMA terremoto Molise 31.X.2002 rapporti spettrali cresta / spalla Interpretazione razionale delle misure Sica et al. (2008)
  • Slide 14
  • I MCS = IX-X I MCS = VI Storia contemporanea: monitoraggio sequenza aquilana Marzorati et al. (2009)
  • Slide 15
  • Polarigramma degli H/H medi SSR (H/H Onna/Monticchio), M L 3 HVSR (H/V) su 12 terremoti con M L 3 Onna Monticchio Marzorati et al. (2009) Interpretazione per valutazione effetto di sito
  • Slide 16
  • 2. La caratterizzazione geotecnica dei terreni (dal sottosuolo dei centri abitati ai terreni da costruzione)
  • Slide 17
  • Caratterizzazione del sottosuolo del C.D.N. Campagna di indagini: - centinaia sondaggi e CPT - prove laboratorio standard - 4 verticali per prove CH-DH - prove di colonna risonante Fattori stratigrafici fondamentali: - profondit substrato (tufo) variabile (20-50 m) - lente di torba (0-3m) assente nella zona SW Vinale (1988)
  • Slide 18
  • Carta e sezione geologica (mod. da Improta et al., 2005) Propriet geotecniche da prove o letteratura Terreno VSVS D0D0 l v (kN/m 3 )(m/s)(%) Riporti antropici (R)17130 30050.0010.01 Detriti, colluvioni (Dt)18-19250 -33030.00290.0371 Alluvioni recenti (ALG)18-19200 50020.0010.01 Alluvioni terrazzate (GS)19-21630 -75010.0020.02 Fluvio lacustri fini (FLF)1970030.0050.05 Fluvio lacustri grossi (FLG)20300 50010.0020.02 Conglomerati rissiani (CR) Alterati20600 80010.00150.042 Cementati23800 9000.50.020.2 Argille plioceniche (AGA) Superficiali21.3450 60030.0090.103 Profonde22.580020.0090.106 Caratterizzazione del sottosuolo del centro urbano di Benevento (mod. da Improta et al., 2005) (Costanzo et al., 2007)
  • Slide 19
  • 4. Modello geostatistico 3D di V S Luso dei sistemi informativi territoriali 1. Modello digitale del terreno (DTM) 2. Georeferenziazione sondaggi 3. Colonne stratigrafiche
  • Slide 20
  • Modello geotecnico di sottosuolo del Centro Direzionale di Napoli E W Vinale (1988)
  • Slide 21
  • G/G 0 (%) D (%) cella RCTS mod. Isenhower-Stokoe terreni piroclastici dellarea flegrea Il laboratorio di Dinamica delle Terre dellUniversit di Napoli Papa et al. (1988)
  • Slide 22
  • argille plioceniche di Benevento cella THOR Levoluzione della specie dOnofrio (1996)Penna (2004)
  • Slide 23
  • Prove di laboratorio UniNa-AMRA per larea aquilana
  • Slide 24
  • Lattivit sperimentale in sito dellUniversit di Napoli
  • Slide 25
  • Guys, have you seen my suitcase? Le prime prove in foro: il test-site del Fucino argilla del Fucino Mancuso et al. (1988)
  • Slide 26
  • Le prove CH-DH-SASW-RC sul rilevato della diga di Bilancino Mancuso et al. (1993)
  • Slide 27
  • receivers source SASW SDMT Le prove SASW sul rilevato della diga di Camastra Pagano et al. (2008)
  • Slide 28
  • Le prove MASW nei siti CASE (LAquila) Curva di dispersione teorica vs sperimentale Inversione con metodo Monte Carlo Riporto Limo argilloso Ghiaia Evangelista L. et al. (2009)
  • Slide 29
  • 3. Lanalisi di risposta sismica e la valutazione del rischio (dalle zone urbane alle infrastrutture)
  • Slide 30
  • Profondit tufo, Spessore torba Analisi della risposta sismica del Centro Direzionale di Napoli Analisi 1D (SHAKE) verticali raggruppabili in 3 famiglie di forme spettrali simili Amplificazioni, Frequenze naturali SW NE f input =2.5Hzf input =3.3Hz Vinale (1988)
  • Slide 31
  • Carta di MS del Centro Direzionale di Napoli Vinale (1988)
  • Slide 32
  • Analisi della risposta sismica del centro urbano di Benevento Sezione fiume Sabato Risposta in superficie con analisi FEM (QUAD4M) Santucci de Magistris et al. (2008)
  • Slide 33
  • Sezione sul fiume Sabato Analisi bidimensionale Analisi della risposta sismica 2D vs 1D Santucci de Magistris et al. (2008)
  • Slide 34
  • Zone 6 Zone 5 Zone 4 Analisi RSL 1D 7 zone omogenee in termini di spettri medi di sito Carta di MS della citt di Benevento Zone 3 Zone 2 Zone 1* Zone 1 Santucci de Magistris et al. (2008)
  • Slide 35
  • Analisi della risposta sismica della diga di Camastra 57 m Sezione maestra Modello FEM (GEFDYN) Accelerogrammi di progetto invaso sisma Sica & Pagano (2009)
  • Slide 36
  • Friuli Tolmezzo Japan KGS Japan MYG Japan SZO Montenegro PH Montenegro UH Valnerina 50 m Valutazione dei fenomeni deformativi del corpo diga Cedimenti in cresta correlabili allenergia sismica rilasciata (Intensit di Arias) Sistema di early warning (implementato su diga di Conza) Sica & Pagano (2009)
  • Slide 37
  • Centralit dellIngegneria Geotecnica nello sviluppo degli studi interdisciplinari di Rischio Sismico Limportanza del confronto continuo e dellintegrazione con le competenze sismologiche, geofisiche, geologiche, strutturali, urbanistiche Luso intelligente delle tecnologie avanzate in campo sperimentale, analitico, di acquisizione e trattamento dei dati Saper cogliere lessenziale dalla moltitudine di informazioni e di analisi Linsegnamento di Filippo Vinale
  • Slide 38
  • Grazie, DUX!

Recommended

View more >