gli anni ‘60. il decennio della .20 gli anni ’60. il decennio della svolta capitolo 3 È il 21

Download Gli anni ‘60. Il decennio della .20 Gli anni ’60. Il decennio della svolta capitolo 3 È il 21

Post on 14-Feb-2019

219 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

19

1960. Lanno si apre con le di-missioni del Governo. Lin-carico viene affidato dalpresidente Gronchi a Tam-broni che forma lesecu-tivo. Il Governo si dimettesubito ma gli viene confer-mata la fiducia. Gravi esanguinosi incidenti frapolizia e dimostranti, si dimette il Governo che viene poi costituito da Fanfani.Completata lautostrada Milano-Genova. Giochi Olimpici estivi a Roma e inver-nali a Cortina. Duilio Loi mondiale di pugilato. Escono La dolce vita di Fellinie Rocco e i suoi fratelli di Visconti.

1961. Attentati in Alto Adige. Prime aperture della Dc al Psi. Muore Luigi Einaudi.Aperto laeroporto internazionale di Fiumicino. Sul mercato italiano arriva la la-vastoviglie. Muore Mario Sironi, uno dei pi noti artisti nel Novecento. La Juvevince il campionato di calcio.

1962. Fanfani si dimette da premier ma forma un nuovo Governo. Segni eletto Presi-dente della Repubblica. Approvato il disegno di legge per la nazionalizzazione del-lenergia elettrica. Gratis i libri per la scuola dellobbligo. Aperti i trafori automo-bilistici del Gran San Bernardo e del Monte Bianco. Bassani pubblica Il giardinodei Finzi Contini. Escono Otto e mezzo di Fellini e Leclisse di Antonioni. IlMilan vince lo scudetto.

1963. Nasce lEnel. Muore Giovanni XXIII, viene eletto Paolo VI. Nasce e si dimette ilGoverno Leone. Kennedy in Italia. A Giulio Natta il Nobel per la chimica. Primavettura italiana, la Fiat 2300, con lalternatore al posto della dinamo. Lo scudettoallInternazionale. Al Milan la Coppa dei Campioni.

1964. Governo presieduto da Moro. Muore Palmiro Togliatti. Si dimette il presidentedella Repubblica Segni, eletto Giuseppe Saragat. Inaugurata lautostrada Milano-Napoli. Prima linea metropolitana a Milano. Viene introdotto il congelatore nelmercato italiano. Muore il pittore G. Morandi. Nasce il western allitaliana al ci-nema con Per un pugno di dollari. ll Bologna vince lo scudetto, lInternazionalela Coppa dei Campioni.

1965. Paolo VI parla alle Nazioni Unite. LItalia ha la prima rete di distribuzione del me-tano. lanno de I pugni in tasca di Bellocchio e di Giulietta degli Spiriti diFellini. LInternazionale vince scudetto e Coppa dei Campioni. Benvenuti mondialedi pugilato.

1966. Governo presieduto da Moro. Alluvione a Firenze e in altre zone dItalia. Muoreil chirurgo Dogliotti a Torino. Nasce la Montedison dalla fusione Montecatini-Edi-son. LInternazionale vince lo scudetto. LItalia sconfitta dalla Corea ai mondialidi calcio.

1967. Paolo VI emana lenciclica Populorum Progressio. Scandali nei servizi segreti Si-far. Nasce la piccola Ferrari Dino 206 GT, la prima vettura di serie a linea ae-rodinamica. Muore Tot. In Tv i Promessi Sposi per la regia di S. Bolchi. AllaJuve lo scudetto. A Gimondi il Giro dItalia di ciclismo.

1968. Passa la legge per lelezione dei Consigli Regionali. Gli studenti occupano molteuniversit italiane con scontri con la polizia. Prima Leone poi Rumor formano ilgoverno. Paolo VI promulga la Humanae Vitae. Completata lautostrada Na-poli-Bari. Muore Salvatore Quasimodo, Nobel per la letteratura. LItalia vince gliEuropei di calcio. Il Milan conquista lo scudetto. Adorni mondiale di ciclismo.

1969. Sciopero nazionale dei metalmeccanici. Cade e risorge il Governo Rumor. AllaBanca Nazionale dellAgricoltura di Milano esplode una bomba: 16 morti e 98 fe-riti. Completata lautostrada Torino-Genova. La Fiorentina vince lo scudetto, ilMilan la Coppa dei Campioni.

3capitoloGli anni 60.Il decennio della svoltaGli anni 60.Il decennio della svolta

20

Gli anni 60. Il decennio della svoltacapitolo 3

il 21 settembre del 1960. Un gioved pomeriggio. Un giovane alla guida di unfurgone fa il giro del centro di Milano lasciando davanti a ogni edicola un paccodi giornali legati con lo spago. La Notte, quotidiano del pomeriggio, un giornaleche entrer nella storia della citt con la sua attenta osservazione dei problemi del ca-poluogo lombardo oltre che con la puntuale cronaca degli avvenimenti. Allinterno del-ledizione di gioved 21 settembre c una pagina che racconta una meraviglia del cor-po umano. Il titolo di grande richiamo: Gli speleologi della medicina ci faranno ilfilm dentro lo stomaco. Larticolo racconta come Leopoldo Celli allora 47 anni edEnrico Mirelli e altri giovani medici applicano lendoscopia digestiva. un documentogiornalistico storico che merita di essere riportato nelle sue parti essenziali:

Di quando in quando alcuni amici si trovano insie-me per studiare il funzionamento di un apparecchioche un giorno dovr cinematografare linterno delcorpo umano. Gli amici sono medici e appassionatidi cinematografia. Questi loro studi ci daranno in fu-

turo un nuovo congegno di cui si servir la scienza per la diagnosiprecoce di certe malattie e il controllo del loro decorso.Tutti sanno che una diagnosi esatta fatta in tempo utile dice algiornalista Leopoldo Celli, direttore del reparto endoscopico delpadiglione Granelli, presso la Clinica Medica dellUniversit di Mi-lano anche nei casi pi gravi, pu salvare un uomo. Perch nondovremmo dunque tentare con tutti i mezzi?Il prof. Celli scrive il giornale si dedica ormai da molti anni aguardar dentro il corpo umano. Con lui sono il suo assistente,dottor Enrico Mirelli, e altri medici endoscopisti. Sono loro chevogliono arrivare a farci il film nello stomaco, per veder benesecondo per secondo, tutto ci che vi accade. Per ora si limitano aguardarvi dentro con una specie di periscopio flessibile e a farne dellefotografie. Assicurano che linterno dello stomaco bellissimo.Sembra di visitare delle grotte favolose. Ci sono delle tonalit dirosso (linterno, per chi non lo sapesse, tutto rosso) meraviglioso.Per questo gli altri medici chiamano quelli del Centro gastroscopicogli speleologi, come se fossero gli scrutatori di abissi terrestri.Due parole continua La Notte sul paziente. Durante il sondaggionel suo corpo egli perfettamente sveglio e, per quanto sta in s, col-labora con i medici che lo visitano. Tranne come ovvio, un po difastidio, egli non sente alcun dolore in seguito a una anestesia localeche gli addormenta lorgano per un paio dore. Alla fine pu andar-sene tranquillamente, come se avesse fatto un comune esame radio-logico. I primi esperimenti di questo genere a Milano vennero fattinel dopoguerra. Si sa per che, per esempio, lesercito americano era

fornito da tempo di questi strumenti, molti dei quali vennero venduti perfino nei campiArar. Da allora la pratica si diffusa in tutta la penisola. I medici del centro gastrosco-pico dellUniversit visitano in media mille persone lanno.Fin qui La Notte.Esattamente un mese dopo larticolo, giunge a Birmingham, in Alabama, il primo fibro-scopio made by ACMI: lo studioso Basil I. Hirschowitz sera trasferito da Ann Arborin questa citt per dirigere la locale Unit di Gastroenterologia e per migliorare il fibro-scopio che due anni prima, assieme a Larry Curtiss e ai tecnici dellindustria ACMI,aveva realizzato. Lo strumento (ACMI 4990 fiberscope) viene ufficialmente presentatoalla classe medica da Hirschowitz nel 1961 in un articolo su Lancet (The Endoscopicexamination of the Stomach and Duodenal Cap with the Fiberscope). Questo stru-mento, utilizzando le fibre ottiche rappresenta una clamorosa novit mondiale e unasvolta decisiva nel settore della gastroenterologia. La novit era stata precedentementeannunciata da Hirschowitz il 16 maggio del 1957 con una comunicazione al Meeting

La testata del quotidianomilanese La Nottedel 21 settembre 1960(Biblioteca NazionaleBraidense dellAccademiadelle Belle Arti di Brera)

Larticolo del quotidiano conle interviste a Celli e Mirelli(Biblioteca NazionaleBraidense dellAccademiadelle Belle Arti di Brera)

21

Storia dellendoscopia digestiva in Italia

dellAmerican Gastrointestinal Society di Colorado Spring. Nella sala era presente Ru-dolf Schindler. I mesi successivi sono stati impiegati da Hirschowitz per collaudare lostrumento e trovare lazienda in grado di sponsorizzare il progetto.

Intanto in tutto il mondo si lavora ancora con lo strumento di Schindler,lendoscopio semirigido. In Italia lendoscopia praticata a Torino dovec Banche, a Milano con Mirelli allUniversit e con Gennari allIstitutoTumori, a Verona con Fiorini, prima a Pisa e poi a Firenze con Tonelli eMacchini, a Roma con Arullani e Luminari al San Camillo, allUniversitcon Nava, a Bari nella clinica di Rodolfo Resi. Si fa comunque poco, piper iniziativa dei singoli che seguendo programmi.

Tutti questi studiosi che fanno quello che possono per documentarequello che vedono non riescono a nascondere la loro ammirazionequando la prestigiosa rivista Lancet pubblica una novit per la pub-blicazione fino a ora sempre in bianco e nero le prime foto endo-scopiche a colori. Sulla scena arriva cos prorompente il fibroscopio afibre ottiche: una rivoluzione, al punto che Hirschowitz, convinto esoddisfatto dei risultati ottenuti, scrive su Lancet nel 1961 che lappa-recchio semirigido ormai obsoleto. Le industrie si contendono i pro-getti. Quella giapponese sembra avere la meglio. Ma nonostante iprogressi della tecnica c, fra i medici, un grande scetticismo. Addirittura nel libro diR.S. Fontana, il 1963, si afferma che lo strumento non pu essere accettato nellapratica clinica. Invece sono altri settori che si impossessano, come abbiamo gi detto,del fibroscopio, come quello aeronautico (la Rolls Royce lo utilizza per controllare lostato di usura allinterno dei motori degli aerei) e quelli della telefonia e delle trasmis-sioni via cavo di immagini Tv.Comunque, anche se in difficolt, il fibroscopio entra in Italia e si diffonde, come aRoma con Alessandro Paoluzi, a Milano con Mirelli e a Modena con Loiodice. Mirel-li tra i primi a utilizzare lendoscopio a fibre ottiche, lazienda importatrice glieloaveva lasciato in uso, ma lAmministrazione del Policlinico

Recommended

View more >