enya franceschini 3^c rim. indice premessa; premessa gli anni 20; gli anni 20 lindustria...

Download Enya Franceschini 3^C RIM. Indice Premessa; Premessa Gli anni 20; Gli anni 20 Lindustria automobilistica; Lindustria automobilistica Boom dellindustria

Post on 02-May-2015

214 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Enya Franceschini 3^C RIM
  • Slide 2
  • Indice Premessa; Premessa Gli anni 20; Gli anni 20 Lindustria automobilistica; Lindustria automobilistica Boom dellindustria delle costruzioni; Boom dellindustria delle costruzioni Crescente costruzione di case; Crescente costruzione di case Rivoluzione dei consumi e nuovi stili di vita; Rivoluzione dei consumi e nuovi stili di vita I crediti ipotecari; I crediti ipotecari Diventare ricchi allistante; Diventare ricchi allistante Ottimismo ingiustificato; Ottimismo ingiustificato Primi segnali di degrado; Primi segnali di degrado Profitti in crollo; Profitti in crollo La recessione. La recessione
  • Slide 3
  • Premessa Al termine della prima guerra mondiale gli USA erano diventati la prima potenza economica mondiale, raggiungendo livelli di ricchezza esorbitanti.
  • Slide 4
  • Gli anni20 Gli anni 20 furono i pi importanti per la storia americana in quanto si verific una notevole crescita economica anche grazie alle nuove tecnologie industriali.
  • Slide 5
  • Lindustria automobilistica Il principale sviluppo si verific nellindustria automobilistica. Questo sviluppo generato anche dallintroduzione di nuove modalit organizzative e produttive (fordismo e taylorismo) comport labbassamento dei prezzi delle automobili. Nel 1926 ogni famiglia americana ne possedeva una.
  • Slide 6
  • Boom dellindustria delle costruzioni La diffusa propriet di automobili port ad un boom dellindustria delle costruzioni ovvero, la crescente costruzione di strade che collegavano la campagna alla citt.
  • Slide 7
  • Crescente costruzione di case Si cominciarono a costruire sempre pi case in campagna e la gente abbandon gli appartamenti del centro per trasferirsi in case pi spaziose nella campagna.
  • Slide 8
  • Rivoluzione dei consumi e nuovo stile di vita Le case dovevano essere attrezzate di nuovi beni di consumo durevoli e la crescente domanda di essi increment i consumi di elettrodomestici. Nel 1928 la popolazione americana godeva dunque di uno stile di vita agiato.
  • Slide 9
  • I crediti ipotecari Ovviamente le famiglie americane non disponevano dei capitali per finanziare tutti questi acquisti. Le banche, in una situazione di tale euforia ed ottimismo concedevano molto facilmente i crediti ipotecari (una sorta di mutuo). Le famiglie americane acquistavano quindi tutti i beni a credito.
  • Slide 10
  • Diventare ricchi allistante Centinaia di societ, per finanziare la loro espansione, avevano cominciato ad emettere azioni a prezzi esorbitanti e i capitalisti si indebitavano per acquistarli, sicuri che il loro valore sarebbe aumentato.
  • Slide 11
  • Ottimismo ingiustificato A questo punto i capitalisti si erano indebitati con gli agenti di borsa che a loro volta si erano indebitati con le banche. Vi era una grande euforia, e tutti erano convinti che il processo di espansione sarebbe stato illimitato.
  • Slide 12
  • Primi segnali di degrado Il magnate dellindustria automobilistica Ford forte dei suoi successi effettu grandi investimenti per lanciare un nuovo modello di automobili. Nel 1928 rivers sul mercato 800.000 nuove automobili del modello A, proprio nel momento in cui il mercato automobilistico stava rallentando in quanto quasi tutte le famiglie possedevano unautomobile. Le vendite non funzionarono e migliaia di automobili rimasero invendute.
  • Slide 13
  • Profitti in crollo Essendosi indebitato molto per costruire il modello A che per non riusciva a vendere, Ford non riusciva a recuperare attraverso le vendite i costi sostenuti. Quando i piazzali della fabbrica si riempirono di automobili invendute, fu chiaro che i profitti fossero in crollo totale.
  • Slide 14
  • La recessione Il crollo delle vendite port ad un taglio della produzione con conseguente licenziamento di milioni di operai. Tutto questo caus una recessione che gli economisti attribuiscono ad un eccesso di investimenti che dal settore automobilistico pass poi a tutti gli altri settori economici elettrodomestici, settore immobiliare, banche, agricoltura...

Recommended

View more >