e dintorni - · pdf file tanti auguri a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione...

Click here to load reader

Post on 19-Aug-2020

0 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Offidae dintorni AU

    TU N

    N O

    - IN VERN

    O 2016 N

    °38 D irettore Responsabile : N

    icola Savini

    Comune di Offida

    Trimestrale dell’Amministrazione Comunale

    Pag. 4 Intervista all’Assessore Davide Butteri

    Pag. 5 Terremoto: Offida affronta l’emergenza “ma pensa anche alla ricostruzione”

    Pag. 6 Energie Offida: intervista al Presidente Marchei

    Pag. 7 I vini offidani protagonisti nell’anno dedicato a Gioacchino Rossini

    Pag. 1o Premio cultura e impresa alla fondazione Lavoro Per La Persona

    Pag. 9 Un Natale tra jazz, tradizioni e teatro

    Pag. 8 Una nuova casa per l’Unione dei Comuni della Vallata del Tronto

    Pag. 11 II edizione del Festival Nazionale di Teatro Amatoriale

    Pag. 12 Brevi da Offida

    Pag. 13 Terremoti ad Offida dall’anno 1000 in poi

    Pag. 14 Detti, motti e fatti offidani

    Pag. 15 Sport: il bilancio del 2016

    distribuito gratuitamente a tutte le famiglie

  • redazione

    editoriale DIRETTORE EDITORIALE

    Valerio Lucciarini D.V. [email protected]

    DIRETTORE RESPONSABILE

    Nicola Savini [email protected]

    DIRETTORE ESECUTIVO

    Alessandro Straccia [email protected]

    RESPONSABILE AREA DEMOS e SPORT

    Mauro Marselletti [email protected]

    RESPONSABILE RELAZIONI ESTERNE

    Emanuela Voltattorni [email protected]

    RESPONSABILE RELAZIONI CON ASSOCIAZIONI

    Alessandra Premici [email protected]

    COORDINATORI REDAZIONALI

    Piero Antimiani [email protected]

    Serena Antonelli [email protected]

    HANNO COLLABORATO

    Lucia Ladowski Consorzio Sportivo Offida

    Non si assume come propria l’opinione di quanti collaborando con “Offida e dintor- ni”, esprimono liberamente giudizi ed af- fermazioni con scritti e servizi a loro firma. E’ vietata la riproduzione totale o parziale dei testi, disegni, foto riprodotte su questo numero del giornale, senza autorizzazione.

    Care concittadine e cari concittadini,

    il 2016, purtroppo, sarà ricordato come l’anno dei grandi terremoti che hanno coinvolto e martoriato la nostra regio- ne, il nostro territorio ed anche il nostro comune inserito nella lista normativa del cosiddetto cratere. Dopo eventi di tale portata che sconvolgono la vita delle persone, delle imprese, delle istituzioni generando paure, timori, condizio- ni disagiate e una diversa percezione della dimensione dei problemi, si è obbligati a cambiare, a rimodulare lo stato delle priorità, ognuno nel proprio contesto. Esiste un prima ma, soprattutto, esiste un dopo. Dobbiamo metterci nelle condizioni migliori possibili per reagire e ri- partire con più forza, più tenacia e più determinazione di pri- ma. Oltre alle condizioni di sostegno che la legge prevede e che ci consentiranno di darci una mano per ripartire, noi, la nostra collettività, possiede delle risorse straordinarie in grado di rimetterci nella giusta carreggiata del progresso e della crescita con il protagonismo di chi non si sente secon- do a nessuno. Con questo spirito auspico che guarderemo al nuovo anno. Per quanto riguarda la responsabilità che il sottoscritto ri- copre, insieme a tutti i rappresentanti l’Amministrazione Comunale, possiamo certamente dire di essere riusciti, nel miglior modo possibile, a gestire la fase di emergenza attra- verso una modalità che ha, addirittura, anticipato la gestio- ne e l’attività degli enti nazionali e regionali. E’ chiaro, però che anche per noi, per la Pubblica Ammi- nistrazione, evidentemente, esiste un prima e un dopo. Abbiamo dovuto apportare le varianti indispensabili nella programmazione amministrativa. In un primo momento le necessarie ipotesi prevedevano di dare precedenza a nuove iniziative facendo a meno di realizzare quelle programma- te. Successivamente, invece, siamo stati in grado di riuscire a cogliere ulteriori e grandi opportunità finanziarie che ci consentono di ottemperare alle scelte indispensabili senza modificare la programmazione individuata e configurata negli strumenti di sostenibilità operativa. Siamo a lavoro, in queste ore, per dare una risposta di sicurezza esempla- re sulle strutture che ospitano i servizi essenziali dando massima centralità a quelle scolastiche che, grazie ai lavori recenti di miglioramento sismico, hanno retto l’urto sismi- co nella maniera accertata dai tecnici delle sovrastrutture

  • 3

    competenti. Dopo il terremoto del 30 di ottobre scorso, però, siamo convenuti nel considerare matura la scel- ta di prevedere un nuovo Campus Scolastico che sia in grado di ospitare tutte le scuole di ogni ordine e grado, risolvendo, nel frattempo, il problema dei doppi turni scolastici attraverso l’individuazione di una nuova sede per la scuola media. Le norme non ci obbligano ad adeguare sismicamente i plessi scolastici anche in virtù del fatto della certificata tenuta strutturale degli esistenti. Ciò nonostante crediamo che sia questa la strada da anticipare e sulla quale lavorare da subito accelerando, parallelamente, una riconversione complessiva e obbligata del patrimonio pubblico sito nel nostro meraviglioso Centro Storico dando seguito all’obiettivo economico e di caratterizzazione territoriale della promozione turistica, in ogni sua sfaccettatura, finanche a garantire quella adeguata ricettività a cui non abbiamo ancora corrisposto nella misura indispensabile alla nostra naturale e attualizzata vocazione. Come si accennava, nel contempo, stiamo procedendo con l’attività ordinaria che vede al centro, sempre e comunque, il sostegno alle politiche sociali, vertice delle priorità nella piramide amministrativa senza trala- sciare gli altri settori. Nelle prossime settimane partiranno i lavori di quasi un milione di euro per il piano asfalti che interesseranno tutto il territorio comunale; sono iniziati i lavori di manutenzione straordinaria riferiti ai progetti di ristrutturazione delle strade bianche; inizieranno nel 2017, grazie al finanziamento del CIPE a cui siamo riusciti ad attingere, i lavori per la riqualificazione di Viale IV Novembre e di Piazzale Loris Annibaldi; approveremo i progetti per la pavimentazione delle piazzette storiche del nostro Centro Storico. Tutto que- sto rilanciando il territorio dal punto di vista culturale e turistico continuando a valorizzare il nostro settore primario che vede nell’agricoltura il punto di sintesi e di efficacia in grado di generare ed assicurare tenuta di visibilità alle nostre tradizioni e alla nostra storia. L’augurio che voglio fare a tutti noi è quello di essere uniti. Sentirci parte di una comunità, nelle differenzia- zioni naturali di partecipazione alla vita pubblica. La propensione all’unità sostanziale, autentica e semplice è l’arma vincente di ogni popolo affinché esso sia in grado di corrispondere ad una vivibilità personale perse- guendo, ognuno per la propria parte, il bene comune. “La vita è quello che succede mentre siamo occupati a fare altro” diceva John Lennon; cerchiamo di occupar- ci di più della vita anche mentre siamo occupati dalle responsabilità quotidiane che investono ognuno di noi ma sappiamo dare il giusto senso alla vita anche con la elevata aderenza individuale ad un progetto largo di cooperazione e collaborazione.

    A mio nome e dell’Amministrazione Comunale tutta, auguro a voi e alle vostre famiglie un gioioso e sereno Natale e un 2017 ricco di soddisfazioni personali e collettive, di riscatti, di successi e di felicità.

    Tanti auguri a tutti i dipendenti della pubblica amministrazione cittadina, alle associazioni di volontariato civi- le, sociale, culturale e sportivo.

    Un augurio speciale a tutte le bambine e a tutti i bambini, la nostra ricchezza e il motivo di impegno per un futuro migliore.

    Un abbraccio a tutti voi.

    Dalla Residenza Municipale, lì 15 dicembre 2016 Il Sindaco Dott. Valerio Lucciarini De Vincenzi

  • 4

    di Emanuela Voltattorni

    I DUE ANNI E MEZZO DELL’ASSESSORE DAVIDE BUTTERI

    Alla sua prima esperienza politica, l’Assessore all’O- peratività e al Territorio si è impegnato per il proget- to di riqualificazione del Cimitero e sull’importante piano asfalti. Oltre che per la valutazione dei danni e la ricostruzione postsismica.

    Davide Butteri, classe ‘84; Il suo as- sessorato è all’Operatività e al Terri- torio, con deleghe a Lavori e Opere Pubbliche, Patrimonio e Manuten- zione, Viabilità, Sicurezza, Protezio- ne Civile, Polizia Municipale, Politi- che Giovanili. Giudica positivi questi

    ultimi 2 anni e mezzo, sia a livello politico, sia lavo- rativo.

    Come e quando ha deciso di entrare in politica? “Mi contattò Valerio, quando era in lizza per il se- condo mandato, ma io all’inizio ero un po’ tituban- te. Solo dopo un paio di settimane di riflessioni, gli dissi di sì. Il ruolo che mi è stato affidato, riguarda il settore in cui ho studiato. Ma un cittadino, come lo ero io - anche se del mestiere – non poteva dall’e- sterno comprendere l’iter burocratico delle opere pubbliche. Appena insediato ho capito che c’era una sostanziale differenza tra il privato, che ero abituato a trattare, e il pubblico. Ecco perché sostengo che, in questo due anni e mezzo, sono cresciuto anche a livello lavorativo”.

    Da subito ha avuto a che fare con i problemi del Cimi- tero. Ci può aggiornare?