Dalla teoria dei beni pubblici alla nuova economia ... ?· 3.2.2!Lo!sviluppo!del!capitalismo!cognitivo!e!la!crisi!del!paradigma!arrowiano!e!mertoniano!…

Download Dalla teoria dei beni pubblici alla nuova economia ... ?· 3.2.2!Lo!sviluppo!del!capitalismo!cognitivo!e!la!crisi!del!paradigma!arrowiano!e!mertoniano!…

Post on 17-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

<p>Dalla teoria dei beni pubblici alla nuova economia politica dei commons Decentralised Citizens ENgagement Technologies Specific Targeted Research Project Collective Awareness Platforms </p> <p>Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License</p> <p>FP7 - CAPS Project no. 610349 D-CENT Decentralised Citizens ENgagement Technologies Lead beneficiary: CNRS </p> <p>D3.2 Dalla teoria dei beni pubblici alla nuova economia politica dei commons 30 April 2015 Version number: 1 Authors: Carlo Vercellone Francesca Bria Andrea Fumagalli Eleonora Gentilucci Alfonso Giuliani Giorgio Griziotti Pierluigi Vattimo Editors and reviewers: Francesca Bria Kelly Armstrong </p> <p>The work leading to this publication has received funding from the European Unions Seventh Framework Programme (FP7/2007 - 2013) under grant agreement n 610349. The content of this report reflects only the authors view and that the Commission is not responsible for any use that may be made of the information it contains. </p> <p> FP7 CAPS - 2013 D-CENT D3.2 Managing the commons in the knowledge economy </p> <p>Page 2 of 157 </p> <p> ! </p> <p>Executive!Summary!..............................................................................................................................................................!4!Introduzione:!Comune!e!beni!comuni!tra!teoria!e!storia:!elementi!per!unintroduzione!metodologica!...........................................................................................................................................................................!6!</p> <p>1.! Dalla!teoria!dei!beni!pubblici!alla!nuova!economia!politica!dei!commons:!una!prospettiva!storica!e!teorica!........................................................................................................................................................................!13!1.1! La!teoria!samuelsoniana!dei!beni!pubblici!come!fallimento!del!mercato!......................................!13!1.1.1!I!beni!privati!e!la!questione!delle!esternalit!.........................................................................................!14!1.1.2!I!beni!pubblici!o!collettivi!come!fallimenti!del!mercato!....................................................................!16!1.1.3! I!cosiddetti!beni!misti:!beni!di!club!e!beni!comuni!..........................................................................!18!</p> <p>1.2! Garret!Hardin!e!la!tragedia!dei!commons!....................................................................................................!20!1.2.1!Il!postulato!dellimpossibile!autogoverno!dei!beni!comuni!:!delle!ipotesi!riduttrici!............!21!1.2.2! Commons!e!sovrasfruttamento!delle!terre:!la!tesi!di!Hardin!smentita!dalla!prova!dei!fatti! 22!</p> <p>1.3! Lapproche!dOstrom:!la!dfinition!des!biens!communs!entre!caractristiques!intrinsques!des!biens!et!construction!sociale!de!la!gouvernance!du!commun!................................................................!25!1.3.1!Common!Pool!resources!closed!acces.!versus!res!nullius!................................................................!26!1.3.2.!La!propriet!del!commune!pensata!come!bundle!of!rights!............................................................!27!1.3.3.!Una!nuova!tipologia!dei!beni!pubblici!e!comuni!fondata!sul!concetto!di!sottraibilit!........!30!1.3.4 Principi!di!gestione!e!concezione!cooperativa!dellindividuo:!al!di!l!dellhomo!oeconomicus!....................................................................................................................................................................!32!1.3.5!Conclusioni:!nodi!aperti!e!irrisolti!della!nuova!economia!politica!dei!beni!comuni!.............!34!</p> <p>2.!Capitalismo!cognitivo!e!approccio!del!comune!al!singolare!............................................................................!39!2.1!I!principi!teorici!e!metodologici!delle!teorie!del!Comune!al!singolare!................................................!40!2.1.1!Dalle!caratteristiche!intrinseche!dei!beni!al!lavoro!come!fondamento!ontologico!del!comune!...............................................................................................................................................................................!41!</p> <p>2.1.2!Dai!beni!comuni!al!Comune!al!singolare:!una!nuova!prospettiva!teorica!......................................!44!3.!Comune!e!commons!nella!dinamica!contraddittoria!tra!KBE!capitalismo!cognitivo!...........................!46!3.1!Da!un!sistema!di!welfare!state!verso!un!sistema!di!commonfare!..........................................................!49!3.1.1!Capitale!immateriale!ed!economia!della!conoscenza:!il!ruolo!motore!delle!istituzioni!del!welfare!...............................................................................................................................................................................!49!3.1.2!Resistenza!al!movimento!di!privatizzazione!e!esperimenti!di!un!modello!di!commonfare!...............................................................................................................................................................................................!57!3.1.3!I!comuni!della!cultura!:!il!Teatro!Valle!Occupato!e!la!Fondazione!Teatro!Valle!bene!comune!...............................................................................................................................................................................!66!</p> <p> FP7 CAPS - 2013 D-CENT D3.2 Managing the commons in the knowledge economy </p> <p>Page 3 of 157 </p> <p>3.1.4!Il!comune!giuridico:!iscrivere!il!concetto!di!comune!e!di!beni!comuni!nelle!regole!stesse!di!funzionamento!delle!amministrazioni!pubbliche!locali!...............................................................................!69!</p> <p>3.2!Leconomia!della!conoscenza!e!del!numerico!tra!dinamica!dei!commons!e!nuove!enclosures!....!76!3.2.1!!La!conoscenza!come!bene!pubblico!e!prodotto!di!un!settore!specializzato!:!il!paradigma!fordista!di!Arrow!e!Merton!.......................................................................................................................................!76!3.2.2!Lo!sviluppo!del!capitalismo!cognitivo!e!la!crisi!del!paradigma!arrowiano!e!mertoniano!della!conoscenza!............................................................................................................................................................!80!3.2.3!I!brevetti:!un!male!necessario!o!un!male!inutile?!.................................................................................!84!3.2.4!La!rivoluzione!informazionale!del!PC!e!della!rete:!!allinizio!fu!il!comune!.............................!92!</p> <p>4.!Conclusioni!.........................................................................................................................................................................!128!References!...............................................................................................................................................................................!136!Annesso!1.!Diritti!di!propriet!intellettuale!e!appropriazione!privata!dei!saperi!tradizionali!e!delle!sementi!!....................................................................................................................................................................................!145!</p> <p>A)! Quando stato possibile brevettare le sementi?!...................................................................................!145!B)! Tematica ecologica legata alla bio-diversit!...............................................................................................!147!C)! Legami tra software libero e la libert dei semi!!.....................................................................................!149!D)! Casi di resistenza!...............................................................................................................................................!152!</p> <p> FP7 CAPS - 2013 D-CENT D3.2 Managing the commons in the knowledge economy </p> <p>Page 4 of 157 </p> <p>Executive Summary Questo rapporto presenta una analisi approfondita del concetto dei beni comuni e di una </p> <p>possibile declinazione politica e gestionale nel contesto di una economia della conoscenza. La </p> <p>ricerca presenta una iniziale rassegna critica della letteratura insieme ad unanalisi concreta dello </p> <p>sviluppo dei commons e dei beni comuni. </p> <p>Il rapporto sar strutturato in tre sezioni. Nella prima, intitolata Dalla teoria dei beni pubblici </p> <p>alla nuova economia politica dei commons vedremo come, per la nuova teoria dei commons </p> <p>della Ostrom, un elemento centrale di definizione dei beni comuni resta la natura particolare di </p> <p>certi beni, in continuit con lapproccio a-storico e statico di classificazione dei beni (privati, </p> <p>pubblici, comuni, di club) condotta dalla teoria economica dispirazione neoclassica. </p> <p>Nella seconda sezione svilupperemo lapproccio del comune al singolare elaborato, con il </p> <p>concorso di molteplici ricerche nel quadro della tesi del capitalismo cognitivo1. </p> <p>La terza tratter dellanalisi storica e empirica dellorigine, del senso e delle principali poste in </p> <p>gioco della dinamica del comune partendo dal ruolo chiave delle trasformazioni del lavoro alla </p> <p>base di uneconomia fondata sulla conoscenza. </p> <p>Durante tutto questo percorso, nelle tre sezioni saranno sistematicamente affrontati differenti </p> <p>aspetti cruciali relativi alle forme di regolazione suscettibili dassicurare la sostenibilit dei </p> <p>commons e di favorirne lo sviluppo come nuova forma centrale dellorganizzazione economica </p> <p>e sociale. </p> <p>Questa ricerca offre un quadro teorico esaustivo, affrontando tutte le questioni concettuali e storiche sullevoluzione della teoria dei beni comuni. Allo stesso tempo offre per degli esempi pratici e normativi sui modelli di autogoverno dei commons, nel contento delleconomia della conoscenza. Questa analisi offre al progetto DCENT possibili modelli di gestione democratica </p> <p> 1 Ricordiamo che le basi di questa ipotesi di lettura sono presentate nel D3.1. Theoretical Framework on future knowledge-based economy.!</p> <p> FP7 CAPS - 2013 D-CENT D3.2 Managing the commons in the knowledge economy </p> <p>Page 5 of 157 </p> <p>delle risorse e infrastrutture comuni che sono alla base delle esperienze di democrazia partecipata in Spagna, Islanda e Finlandia, con lobiettivo di raggiungere una sostenibilit nel </p> <p>medio e lungo periodo. Nello specifico, lanalisi qui proposta informa: (1) la ricerca sul mercato dellidentit e sulla contrapposta rivendicazione dei dati sociali come beni comuni digitali e il bisogno di infrastrutture di informazione e comunicazione pubbliche e comuni non basate sulla logica del mercato e della sorveglianza (D3.3); (2)i modelli per implementare una moneta del comune che possa sostenere le attivit di movimenti sociali e comunit produttive (D3.5); (3) il rapporto finale (D1.3) sui modelli di sostenibilit e limpatto generale di questo progetto. </p> <p>Molti degli esempi qui proposti, dalle ri-municipalizzazione dellacqua, lautogestione di spazi </p> <p>culturali, al movimento del free software e dei makers, illustrano pratiche collettive che </p> <p>istituiscono nuovi spazi, istituzioni o norme di condivisione partecipata e democratica. Questi </p> <p>esempi rappresentano pratiche di riappropriazione e gestione del comune, nuove pratiche di </p> <p>lavoro, di creazione e di produzione basate sulla collaborazione e sulla condivisione. </p> <p>Inoltre dalle esperienze concrete qui analizzate, emerge lidea che il concetto di beni comuni </p> <p>possa costituire unalternativa concreta, ivi compreso sul piano giuridico (Rodot, 2011). Il </p> <p>comune dunque il prodotto di una costruzione sociale e istituzionale che mostra forme di </p> <p>governing e di cooperazione sociale che ne assicurano la produzione, la riproduzione e la </p> <p>distribuzione. Le nuove istituzioni del comune che emergono da queste pratiche costituenti </p> <p>costituiscono un principio generale dautogoverno della societ e dauto-organizzazione della </p> <p>produzione sociale, proponendo una nuova articolazione tra comune, pubblico e privato. </p> <p>Ovviamente, laffermazione di queste nuove pratiche un processo complesso che deve </p> <p>poggiare su istituzioni che gli corrispondono e assicurino la riproduzione nel tempo e nello </p> <p>spazio dei commons e dei beni comuni: modi di gestione fondati sullautogestione e leconomia </p> <p>collaborativa; rapporti di scambio fondati sulla reciprocit e la gratuit; regimi giuridici che, </p> <p>come linvenzione del copyleft per il free software, garantiscano laccumulazione di uno stock di </p> <p>common pool ressources; norme di distribuzione che permettano limplicazione attiva dei </p> <p>commoners nello sviluppo dei commons, garantendo per esempio un basic income. </p> <p> In questo contesto, diventa sempre pi essenziale e urgente definire i termini di un modello </p> <p>alternativo di regolazione di una societ e di una economia della conoscenza al cui centro la </p> <p>logica dei commons svolgerebbe un ruolo essenziale. </p> <p> FP7 CAPS - 2013 D-CENT D3.2 Managing the commons in the knowledge economy </p> <p>Page 6 of 157 </p> <p>Introduzione: Comune e beni comuni tra teor ia e stor ia . E lementi per un introduzione metodologica 2 </p> <p>Pubblico e privato appaiono ancora come i due poli indiscussi dellorganizzazione </p> <p>economica e sociale e delle forme di propriet. Tanto nel dibattito sulle politiche economiche </p> <p>che sulle alternative sistemiche, tra questi due poli sembra non esserci niente, o per lo meno </p> <p>cosi sembrava fino alla riscoperta recente della tematica del comune e dei beni comuni sia nella </p> <p>teoria economica3 che nel dibattito politico. Ponevamo laccento a proposito sul termine </p> <p>riscoperta. Infatti, le forme di propriet e di gestione fondate su beni comuni sono in realt </p> <p>anteriori a quelle fondate sul pubblico e sul privato. </p> <p>Per parafrasare Fernand Braudel, possiamo affermare che la questione del comune e dei beni </p> <p>comuni una vecchia storia che precede, attraversa e scavalca lo sviluppo capitalistico e della </p> <p>modernit. Per ragioni storiche inerenti allo sviluppo delle forze produttive e delle istituzioni, </p> <p>essa ha preso in primo luogo la forma dei commons fondiari legati alla sacralit della natura e </p> <p>alla gestione della terra e delle risorse n...</p>

Recommended

View more >