1 università degli studi di napoli - federico ii bcs e attivita riproduttiva nella specie bovina...

Download 1 Università degli Studi di Napoli - Federico II BCS E ATTIVITA RIPRODUTTIVA NELLA SPECIE BOVINA Rossella Di Palo

Post on 01-May-2015

218 views

Category:

Documents

4 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • 1 Universit degli Studi di Napoli - Federico II BCS E ATTIVITA RIPRODUTTIVA NELLA SPECIE BOVINA Rossella Di Palo
  • Slide 2
  • 2 Introduzione Il body condition score un metodo visivo e tattile che d la possibilit di valutare la condizione corporea di un animale, basandosi su una scala di punteggio numerica, continua in un intervallo determinato, che varia in relazione alla tipologia di attitudine prestata dallanimale. Pu essere considerato un utile strumento d'analisi della gestione aziendale, in grado di fornire delle indicazioni di massima sul razionamento adottato e sul "management" della stalla.
  • Slide 3
  • BCS Body Condition Score riflette le interazioni tra: Body Condition Score riflette le interazioni tra: Nutrizione Nutrizione Produzione Produzione Stato Sanitario Stato Sanitario Stima meglio del peso vivo delle misurazioni lineari e delle loro combinazioni lo stato di ingrassamento. Stima meglio del peso vivo delle misurazioni lineari e delle loro combinazioni lo stato di ingrassamento. Si attua mediante esame visivo e palpazione di determinate regioni del corpo. Si attua mediante esame visivo e palpazione di determinate regioni del corpo. La variazione del tessuto adiposo sottocutaneo correlata alla variazione in toto. La variazione del tessuto adiposo sottocutaneo correlata alla variazione in toto. Il metodo valido per tutte le razze. Il metodo valido per tutte le razze. Le differenze tra genotipi determinano una diversa relazione tra BCS e grado di adiposit totale di cui si deve tenere conto nella determinazione del punteggio relativo al livello ottimale. Le differenze tra genotipi determinano una diversa relazione tra BCS e grado di adiposit totale di cui si deve tenere conto nella determinazione del punteggio relativo al livello ottimale.
  • Slide 4
  • a) MISURAZIONE DELL'ACQUA CORPOREA Si stima la quantit di acqua corporea per mezzo di un marcatore (ossido di deuterio, ossido di tritio, urea, potassio, ecc.); con idonee equazioni di correlazione si risale agli altri componenti. b)TECNICHE DI VISUALIZZAZIONE Ultrasuoni: Ultrasuoni: mediante la diversa velocit di passaggio delle onde sonore attraverso i diversi tessuti si misurano, ad esempio, lo spessore del grasso sottocutaneo e l'area dei L.dorsi. Tomografia computerizzata Tomografia computerizzata: visualizzazione tridimensionale di una sezione trasversale dei corpo per mezzo di raggi X. Risonanza magnetico nucleare: Risonanza magnetico nucleare: si tratta di una tecnica non ancora utilizzata sugli animali, secondo quanto riportato da SEHESTED (1987), la cui accuratezza compete con quella della tomografia computerizzata. Metodi di misurazione del tessuto adiposo corporeo
  • Slide 5
  • c) MISURAZIONE DELLE DIMENSIONI DEGLI ADIPOCITI SOTTOCUTANEI Mediante biopsia si rilevano le variazioni di diametro degli adipociti in relazione allo stadio di ingrossamento. d) MISURAZIONI SOMATICHE Dal peso vivo e/o dalle domensioni corporee si pu stimare la composizione corporea. e) BODY CONDITION SCORE (BCS) Valutazione dello stato di ingrassamento mediante palpazione e/o visione di alcune regioni corporee e assegnazione di un punteggio in base ad una scala di riferimento.
  • Slide 6
  • In caso di accumulo: Il grasso muscolare aumenta in una prima fase fino a 150g di grasso/kg PV; Il grasso perirenale tende a stabilizzarsi quando si raggiunge i 250-300g grasso/kg PV; Il grasso omentale e mesenterico aumentano in maniera lineare; Il grasso sottocutaneo aumenta proporzionalmente secondo un andamento curvilineo.
  • Slide 7
  • Le variazioni di peso riscontrate nelle varie fasi fisiologiche non riguardano uniformemente tutti i tessuti e gli organi ma interessano significativamente il tessuto adiposo. Esiste una differenza razziale nella distribuzione dei depositi adiposi: Frisona depositi intra-addominali Razze da carne sottocutanei. Indipendentemente dalla razza il grasso intramuscolare costituisce il pi grande deposito adiposo (25-45% del totale) mentre quello sottocutaneo raggiunge il 30% circa nei soggetti obesi.
  • Slide 8
  • Le variazioni di peso riscontrate nelle varie fasi fisiologiche non riguardano uniformemente tutti i tessuti e gli organi ma interessano significativamente il tessuto adiposo. In caso di deficit oltre le 5 Mcal/d saranno mobilizzate anche riserve proteiche. Esiste una differenza razziale nella distribuzione dei depositi adiposi: Frisona depositi intra-addominali Razze da carne sottocutanei. Indipendentemente dalla razza il grasso intramuscolare costituisce il pi grande deposito adiposo (fino al 45% del totale) mentre quello sottocutaneo raggiunge il 30% circa nei soggetti obesi.
  • Slide 9
  • In caso di mobilizzazione: In valore assoluto la perdita maggiore si ha a carico del tessuto adiposo intramuscolare ma percentualmente la perdita maggiore del tessuto sottocutaneo. Le variazioni di spessore avvengono in maniera uniforme nellambito di ogni singolo deposito anche se in maniera selettiva. Lentit dei depositi quindi un ottimo indice dello strato fisiologico e nutrizionale.
  • Slide 10
  • 10 Criteri di determinazione nella vacca da latte Regioni da valutare: groppa, natica, base della coda, fianco, torace. Ogni variazione di 1 punto di BCS corrisponde ad una variazione di 82 kg di EBW Bovina da latte 1 gravemente emaciato 2 magro 3 In forma 4 grasso 5 obeso
  • Slide 11
  • Come valutare il BCS nella vacca da latte: I punti anatomici da considerare nellattribuzione del punteggio del BCS sono i seguenti: a) angolosit laterale del bacino che comprende larea che racchiude la tuberosit iliaca, larticolazione coxofemorale e la tuberosit ischiatica; legamenti sacro-iliaci e sacro-ischiatici; area caudale compresa tra il legamento sacro-ischiatico e la tuberosit ischiatica (attacco della coda); superficie tra la tuberosit iliaca ed ischiatica
  • Slide 12
  • Slide 13
  • Angolosit del bacino Angolosit del bacino Legamenti Legamenti Tuberosit iliache e ischiatiche Tuberosit iliache e ischiatiche Vertebre Vertebre
  • Slide 14
  • Slide 15
  • BCS < 2 Angolosit pronunciata; legamenti estremamente visibili; tuberosit spigolose; apofisi spinose e trasverse evidenti
  • Slide 16
  • Angolosit demarcata; legamenti ancora visibili; tuberosit rotondeggianti (moderata copertura muscolare percettibbili depositi adiposi); apofisi distinguibili alla pressione. Angolosit demarcata; legamenti ancora visibili; tuberosit rotondeggianti (moderata copertura muscolare percettibbili depositi adiposi); apofisi distinguibili alla pressione. BCS 3
  • Slide 17
  • BCS 3,5 Angolosit arrotondata; legamenti appena visibili; tuberosit rotonde; Apofisi non demarcate (consitente copertura muscolare evidenti depositi adiposi) Angolosit arrotondata; legamenti appena visibili; tuberosit rotonde; Apofisi non demarcate (consitente copertura muscolare evidenti depositi adiposi)
  • Slide 18
  • BCS 4,5 Angolosit appena percettibile; legamenti non visibili; tuberosit tendenti al convesso; apofisi non distinguibili; mancanza di depressione tra trasversi e spinosi. Angolosit appena percettibile; legamenti non visibili; tuberosit tendenti al convesso; apofisi non distinguibili; mancanza di depressione tra trasversi e spinosi.
  • Slide 19
  • BCS 5 Vacca obesa
  • Slide 20
  • Quando valutare il BCS: Importante valutare il BCS della mandria per definire se il problema generalizzato o riferibile al singolo soggetto. La valutazione andrebbe effettuata per ogni stadio del ciclo produttivo. Possibilit di confronto di gruppi simili in diversi periodi dell'anno o con diversi schemi nutrizionali. Valutazione del BCS al momento del cambio di livello alimentare, Nell'immediato post-partum Al picco della lattazione A met' lattazione All'asciutta.
  • Slide 21
  • Slide 22
  • Slide 23
  • 23 Correlazione tra BCS e attivit riproduttiva nella bovina dal latte
  • Slide 24
  • 24 RAPPORTO TRA BCS NEL PERIODO DEL PERIPARTO E FUNZIONE RIPRODUTTIVA NELLA VACCA DA LATTE La fertilit degli animali risulta oggi uno dei punti critici della redditivit degli allevamenti di bovini. Negli ultimi decenni le produzioni hanno avuto un incremento molto forte, grazie sia al miglioramento genetico sia alle migliori condizioni di allevamento e sanitarie. Aumento notevole dello stress degli animali Aumento notevole dello stress degli animali Riduzione delle performance riproduttive
  • Slide 25
  • 25 Periodo di transizione Durante le ultime 3 settimane di gravidanza, lo stato endocrino della vacca si modifica molto rapidamente per prepararsi a sostenere la secrezione di latte. Marcato aumento del fabbisogno di nutrienti per soddisfare lo sviluppo fetale e l'attivit della mammella; assunzione di sostanza secca spesso inferiore alla richiesta. La perdita di 1,0-1,5 punti di BCS nel periodo di transizione: aumenta il rischio nel post-partum di malattie metaboliche e riproduttive; ritarda la prima ovulazione dopo il parto; riduce la probabilit di gravidanza; allungamento dell'intervallo parto-prima inseminazione. (Garnsworthy e Webb, 1999; Kadokawa e Martin, 2006).
  • Slide 26
  • 26 Post partum La fase pi critica linizio della lattazione, quando lingestione di alimenti non sufficiente a controbilanciare i bisogni energetici del picco di lattazione debito energetico mobilizzazione fino al 60% o anche pi dei d