povo2 - .metallurgia delle polveri ilaria cristofolini e alberto molinari l’efficacia della...

Download Povo2 - .Metallurgia delle Polveri Ilaria Cristofolini e Alberto Molinari L’efficacia della Metallurgia

Post on 23-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Anno 3, Numero 4, marzo 2012Rivista di informazione del Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie IndustrialiRegistrazione: Tribunale Civile di Trento - Numero 10 del 21 giugno 2010 del Registro StampaPoste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% GIPA/TN

http://www.unitn.it/dimti

Programma doppio dottorato: a Trento e a Boulder in Colorado per sviluppare nuovi protesi vascolariWalter Bonani

Robust design orientato al miglioramento delle caratteristiche dimensionali e geometriche di componenti meccanici prodotti per Metallurgia delle PolveriIlaria Cristofolini, Alberto Molinari

LISA: una sfida scientifico-tecnologica a cavallo tra fisica, ingegneria meccanica e dei materialiMatteo Benedetti, Daniele Bortoluzzi

pag. 3 pag. 5 pag. 7

Povo2Rendering del secondo padiglione del Polo Scientifico-Tecnologico Ferrari di Povo che ospiter i nuovi laboratori dellarea Ingegneria Industriale dellUniversit di Trento.

203_12_newsletter_DIMTI.indd 1 30/03/12 10:14

Anno 3, Numero 4, marzo 2012

Il DIMTI si trasforma. Lo statuto di Ateneo, che raccoglie su questo specifico punto le richieste della legge Gelmini, la motivazione ma anche loccasione per una revisione della struttura e della composizione del dipartimento. In grande maggioranza si deciso di contribuire alla nascita di un nuovo dipartimento che raccoglier competenze e interessi pi generali nel campo dellIngegneria Industriale. Non muter soltanto, e ancora una volta, la denominazione del DIMTI, inizialmente Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e quindi Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e delle Tecnologie Industriali: il Dipartimento attuale si scioglie e si rifonda, con una partecipazione che meglio collega interessi e competenze di Ateneo per ricerche e applicazioni verso il mondo della produzione. Si chiude, in questo modo, un percorso che era iniziato con la stessa nascita del Dipartimento, al quale il nome inizialmente scelto, Dipartimento di Ingegneria dei Materiali, forse aveva attribuito una collocazione parziale e non sempre facilmente leggibile anche da chi ne faceva parte, e che la modifica di denominazione (con laggiunta: e delle Tecnologie Industriali) aveva meglio rappresentato, validandone lampia collaborazione con le aziende e dichiarandone in maniera pi esplicita gli interessi verso le tecnologie non solo di prodotto ma anche di processo.

Il DIMTI si trasforma, e nel corso di questanno cambieranno non solo nome e composizione, ma anche la sede, trasmigrando nel secondo padiglione del Polo Scientifico-Tecnologico Ferrari di Povo. Si completa con la realizzazione del polo Ferrari il disegno di tanti anni fa del Rettore Fabio Ferrari che ha dato inizio alla facolt di Ingegneria, e che gi tanti anni fa comunicava il suo sogno-progetto di realizzare in collina un polo di didattica e ricerca, un quartiere della scienza e della tecnologia, fertile e fertilizzante per se stesso e per il territorio.

Cambia lorganizzazione logistica del DIMTI, nato per fotografia del tempo come somma di laboratori, e disegnato invece per il polo Ferrari come struttura condivisa in cui gli spazi e le tante attrezzature scientifico-tecnologiche, identificati per tipologia di attivit, favoriranno essi stessi la trasformazione che porter i ricercatori del nuovo dipartimento a comunicare e collaborare meglio sia tra di loro che verso il mondo della scienza e della tecnologia.

Editoriale

Claudio MigliaresiDirettore del DIMTI

In copertina: Rendering del secondo padiglione del Polo Scientifico-Tecnologico Ferrari di Povo

Eventi 2012

Per maggiori informazioni:http://www.unitn.it/dimti

PAT Cenacoli Project Closure Meeting Klaus Mller, in memoriamHybrid organic-inorganic materials for wood and paper surface modification: chemistry and analysis techniques2 Aprile 2012, Sala Conferenze, Facolt di Ingegneria, Trento.

Workshop on: Nanotechnologies for HealthCare 25-26 Maggio, 2012, Castello del Buonconsiglio, Trento.

VIII Workshop Italiano Sol-Gel21-22 giugno 2012, Sala Stringa, FBK, Trento.Sito web: http://www.solgel2012.ing.unitn.it/

Summer School on Biomaterials and Regenerative MedicineBioinspired and biomimetic materials and scaffolds: from nature communication and design strategies 9-13 Luglio 2012, Riva del Garda, Trento.

34 Convegno Nazionale AIM di Metallurgia7-9 novembre 2012, Grand Hotel Trento, Trento.

2

203_12_newsletter_DIMTI.indd 2 30/03/12 10:15

Anno 3, Numero 4, marzo 2012

Programma doppio dottorato: a Trento e a Boulder, in Colorado, per sviluppare nuovi protesi vascolari

Walter BonaniDIMTI

La scorsa estate presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica dellUniversit del Colorado a Boulder (UCB) ho discusso il mio progetto di dottorato dal titolo A multicomponent bioactive tissue-engineered blood vessel. stato latto conclusivo di un progetto svolto nellambito di un programma di doppio dottorato in co-tutela tra il DIMTI e il Dipartimento di Ingegneria Meccanica dellUniversit del Colorado (UCB) siglato nel 2007.Il progetto stato condotto sotto la guida del Prof. Claudio Migliaresi e della Dott.ssa Antonella Motta del DIMTI, e della Prof.ssa Wei Tan della UCB, e ha avuto come oggetto lo sviluppo di un nuovo modello di protesi vascolare bioriassorbibile con propriet meccaniche anisotrope e la capacit di controllare spazialmente il rilascio di molecole bioattive. Gli studenti di dottorato che partecipano a questo speciale programma hanno lopportunit di sviluppare il lavoro di tesi sotto la guida congiunta di tutor appartenenti a ciascuna delle due Istituzioni e sono tenuti a trascorrere un periodo di almeno due anni in ciascuno dei due Atenei. Il programma di doppio dottorato rappresenta dunque unopportunit unica di fare una esperienza all-round allestero.

Certamente chi vuole entrare in un programma di questo tipo deve essere pronto a mettersi in discussione, e a mettere in discussione la propria idea di ricerca e di dottorato. Per me, dopo pi di due anni trascorsi negli Stati Uniti, il bilancio senzaltro ampiamente positivo. Ho potuto condurre la mia ricerca con grande indipendenza, e sono stato coinvolto in un confronto critico quasi quotidiano con il tutor e con un gruppo allargato di docenti che aveva il compito di seguire, guidare ed infine giudicare i risultati ottenuti. Gli ovvi problemi di ambientamento sono stati ripagati dal valore dellesperienza, dalla vivacit della vita del campus, dalla possibilit di viaggiare con relativa facilit attraverso gli States, dalla possibilit di sperimentare un diverso stile di vita e conoscere nuovi amici e innumerevoli diverse culture.Il Dipartimento di Ingegneria Meccanica dellUniversit di Boulder pu contare su almeno 25 professori a tempo pieno che operano in diverse aree di ricerca, e serve circa 700 studenti (con oltre 100 studenti di dottorato). Il corpo docente molto giovane e dinamico e la ricerca incentrata principalmente su Ingegneria Biomedica (applicazioni vascolari, biomeccanica, apparecchiature biomediche), Energia e Ambiente (risorse rinnovabili, air quality, trasporto termico su nanoscala) e Micro/Nanoscale Engineering (Atomic layer deposition, Nanometric thermoelectric devices). Molto stretti sono i legami con il mondo dellindustria e con le grandi universit private e pubbliche del paese, in cui molti dei professori si sono formati. Nel 2010 la scuola di dottorato stata classificata al sesto posto tra i 175 programmi di dottorato di Ingegneria Meccanica degli Stati Uniti dal National Research Council.Boulder una citt di 95000 abitanti non lontana da Denver (la capitale del Colorado) situata ai piedi del Front Range a 1650 m.s.l.m, proprio dove le Grandi Pianure incontrano le Montagne Rocciose. La citt, di per s molto caratteristica, ospita lUniversit del Colorado con le sue famose costruzioni in mattoni rossi del campus che conta quasi 40000 studenti; ha prodotto nel corso degli anni 6 premi Nobel e 17 astronauti. In citt e nei dintorni si possono trovare una quindicina di centri di ricerca deccellenza (tra cui il centro nazionale di ricerca atmosferica NCAR e listituto metrologico statunitense NIST). Boulder ogni anno viene classificata tra le citt pi vivibili e salutari degli Stati Uniti e recentemente la rivista Forbes lha indicata come la citt pi smart degli Stati Uniti. Boulder, che ospita la Naropa University (unica universit buddista riconosciuta negli Stati Uniti), una delle citt pi enviromentally friendly degli States, una delle capitali mondiali dellarrampicata sportiva, degli sport outdoor in genere ed dotata di una vita culturale molto effervescente.

College of Engineering, Boulder Sezione dello scaffold multicomponente3

203_12_newsletter_DIMTI.indd 3 30/03/12 10:15

Anno 3, Numero 4, marzo 2012

PROGETTO DI RICERCA: Robust design orientato al miglioramento delle caratteristiche dimensionali e geometriche di componenti meccanici prodotti per Metallurgia delle PolveriIlaria Cristofolini e Alberto Molinari

Lefficacia della Metallurgia delle Polveri (MdP) come tecnologia net shape strettamente collegata alla possibilit di garantire una buona precisione ai componenti sinterizzati, sia per quanto riguarda le dimensioni che per quanto riguarda la geometria. Da alcuni anni in corso un ampio progetto volto ad individuare leffetto dei diversi stadi del processo convenzionale di MdP sulla precisione dimensionale e geometrica dei componenti. Nellambito di questo progetto si sono strutturate le collaborazioni con diversi partners industriali: Hgans AB, SACMI, GKN SinterMetals, AMES, TFM. Per ogni stadio del processo si sono quindi individuati i principali parametri che possono avere influenza sulle

caratteristiche dimensionali/geometriche dei componenti e seguendo un approccio Design

Recommended

View more >