a.s. 2018/2019 classe 2b geomusica viaggio nelle ... santa lucia أ¨ una canzone napoletana,...

Download A.S. 2018/2019 Classe 2B GEOMUSICA viaggio nelle ... Santa Lucia أ¨ una canzone napoletana, scritta

If you can't read please download the document

Post on 17-Jun-2020

3 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • A.S. 2018/2019

    Classe 2B

    GEOMUSICA

    viaggio nelle tradizioni musicali europee

  • Ciao mi chiamo Jean Baptiste Lully e sono un compositore ballerino e strumentista italiano naturalizzato francese.

  • Ho trascorso gran parte della mia vita alla corte di Luigi XIV, ottenendo nel 1661 la naturalizzazione francese. Dopo svariati tentativi sono riuscito ad adattare i melodrammi musicali italiani alla lingua francese scrivendo le mariage Forcé.

    Ciao,mi chiamo Soledad e sono una ballerina di flamenco, un ballo molto conosciuto nel mondo.Ci sono però diversi tipi di flamenco, dipende da quale parte della Spagna deriva. Io vi parlerò di quello dell’ Andalusia. Questo è un ballo che nasce nel Settecento. All’inizio non era uno spettacolo ma solo uno sfogo. Si cantava senza

    chitarra e le donne e gli uomini non si muovevano molto ma battevano solo le mani e facevano alcuni saltelli a tempo con i piedi. Con il tempo anche l’estetica è diventata importante.

  • Le donne: Indossano abiti abbastanza lunghi e di colore rosso e nero. Hanno i capelli legati maggiormente con una cipolla bassa e in mezzo c’è incastrata una rosa.

  • Santa Lucia è una canzone napoletana, scritta da Teodoro Cottrau e pubblicata come barcarola a Napoli nel 1849. I versi del brano celebrano il pittoresco aspetto del rione marinaro di Santa Lucia, sul golfo di Napoli, cantato da un barcaiolo che invita a fare un giro sulla sua barca, per meglio godere il fresco della sera. La canzone divenne immediatamente un successo nazionale. La canzone è famosa in Svezia e viene cantata durante la processione di Santa Lucia che si svolge il 13 dicembre: questa festa è guidata da una ragazza con una veste bianca che in persona Lucia è seguita da due damigelle con in testa la corona con le stelle. Le damigelle donano biscotti allo zenzero al pubblico.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Canzone_napoletana https://it.wikipedia.org/wiki/Golfo_di_Napoli https://it.wikipedia.org/wiki/Borgo_Santa_Lucia https://it.wikipedia.org/wiki/1849 https://it.wikipedia.org/wiki/Napoli https://it.wikipedia.org/wiki/Barcarola https://it.wikipedia.org/wiki/Teodoro_Cottrau

  • Ciao, mi chiamo CARL CZERNY, sono un allievo di Beethoven , il mio paese è la Germania. Ho iniziato a suonare il pianoforte all’età di dieci anni, scrissi numerosi esercizi che ancora oggi costituiscono la base dell’insegnamento del pianoforte.

    Ricordo quando il mio maestro compose la sesta Sinfonia, detta Pastorale, tra il 1807 e l'inizio del 1808. Fu eseguita per la prima volta il 2 dicembre 1808 al Theater an der Wien. Il manoscritto originale si trova nella Beethovenhaus. Beethoven a quell'epoca passava molto tempo in campagna e ne era affascinato. Lo stare a contatto con la natura lo colpiva nell'intimo creandogli quell'immenso piacere e gioia di partecipare in prima persona alla vita campestre, quel cercare in essa il raggiungimento della pace. Io andai in campagna con lui e lo vidi comporre. Beethoven volle mettere anche un sottotitolo all'opera, che chiamò "Pastorale", così come aveva fatto anche precedentemente con la Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore op.55 "Eroica"; per evitare dubbi in merito al fatto che i temi della sinfonia non erano per niente descrittivi, volle aggiungere al sottotitolo: "più espressione del sentimento che pittura dei suoni". Ed è con questo spirito che Beethoven compose la Sesta Sinfonia.

    https://it.wikipedia.org/wiki/1807 https://it.wikipedia.org/wiki/Sinfonia_n._3_(Beethoven) https://it.wikipedia.org/wiki/Beethovenhaus https://it.wikipedia.org/wiki/Manoscritto https://it.wikipedia.org/wiki/Theater_an_der_Wien https://it.wikipedia.org/wiki/1808 https://it.wikipedia.org/wiki/1808

  • Ciao sono Natasha, una ballerina russa. Il mio ballo preferito è Kalinka. È considerata la canzone russo- polacca più famosa dei tempi. È stata scritta nel 1860 dal compositore Ivan Petrovič Larënov. Mi ricordo quando venne suonata per la prima volta nella città di Saratov come parte di uno spettacolo teatrale, ero lì ed stato bellissimo. Dopo venne adattata per la prima volta in Polonia nella città di Varsavia. Questa canzone contiene molti significati tra cui la parola Kalinka che si riferisce ai frutti del viburno( una pianta bellissima). La mia parte preferita della canzone è il ritornello che è riferito a Kalinka. La sua particolarità è che aumenta di velocità ogni volta che viene cantato!

  • Uè, mi chiamo Marta e vivo a Napoli. Mi piace cantare e ballare le opere tradizionali e infatti faccio parte della compagnia di canto popolare praticamente da una vita! Quest’anno metteremo in scena La Gatta Cenerentola, un’opera che mi piace molto! Da quando nel 1976 è stata recitata per la prima volta dalla nostra compagnia abbiamo acquisito molta fama! Abbiamo anche partecipato a molti festival internazionali e nel 1992 ci siamo esibiti a Sanremo, questa fu la mia prima esibizione ed è stato davvero emozionante! Vi do’ alcune informazioni sull’opera: è stata scritta da Roberto De Simone nel 1976 e si ispira ad una fiaba contenuta ne lo Cunto de li Cunti. Si tratta di un impasto tra musica popolare e musica colta, e ovviamente il testo è in napoletano! Questo racconto narra della vicenda di Zezolla, figlia di un principe, che sposa una donna molto scontrosa con lei, che la costringe a servire lei e le sue sei figlie dandole il nome di Gatta Cenerentola e una volta cantano una tarantella intitolata “Oi mamma ca mo’ vene”, quello è certamente il pezzo che preferisco in tutta l’opera! La ragazza prova ripetutamente ad uccidere la

  • matrigna ma non ci riesce. Un giorno Zezolla riceve in dono un dattero, una zappa, un secchiello d’oro e una tovaglia di seta, così pianta il dattero e cresce una pianta da cui esce una fata. Quando Cenerentola decide di andare a una festa la fata la veste in modo molto elegante. Alla festa il re si innamora di lei e la vicenda si conclude come la classica storia di Cenerentola. E con questo ho detto tutto, nu’ saluto!

    _____________________________________

  • Mi chiamo Wolfgang Amadeus Mozart ma molti mi chiamano solamente Mozart. Sono un musicista austriaco e iniziai a comporre all'età di 5 anni. Sono il primo tra i musicisti più importanti ad essersi svincolato dalla servitù feudale e a intraprendere una carriera come libero professionista. Una delle mie più importanti composizioni è la sinfonia n. 40 che scrissi a Vienna il Luglio del 1788. Mio padre non accettò la mia opera, la considerò troppo malinconica e piena di dissonanze.

  • Ciao, mi chiamo Malina e sono una ballerina di danza classica russa. Ho iniziato a ballare all'età di 4 anni e anche se faccio danza classica conosco tutti i balli popolari russi.Quelli più frequenti sono il girotondo, la danza pliaska e le danze giocose. Anche se conosco i balli e le musiche popolari le mie preferite restano sempre quelle classiche. Il mio sogno più grande è quello di riuscire ad arrivare a ballare al Bolshoi, il teatro più famoso della Russia.

    I balletti classici russi sono molti,ma i più famosi sono lo schiaccianoci, Romeo e Giulietta,il lago dei cigni e la bella addormentata nel bosco.I passi di danza sono i più vari,ma il mio preferito resterà sempre il valzer.

  • Ciao mi chiamo Vasile e sono un cantante rumeno e ho cantato Mai vino seara pe la noi , una delle mie canzoni preferite. Fu scritta dalla cantante Loana Radu , una cantante di grande successo al suo tempo in Romania, lei nacque a Bucarest per caso nel 1917 il suo debutto accadde nel 1936 dopo aver lasciato il marito, fantastico vero?! Grazie al marito della sorella si iscrisse ad un concorso di musica popolare per la radiodiffusione e da lì iniziò una splendida carriera. Grazie per avermi intervistato e alla prossima. Ah e aspetta mi stavo per dimenticarmi di dirvi che il ritmo della musica rumena è vivace e articolato a invito

  • agli spettatori ed esecutori a danzare e ogni festa è buona per ballare e divertirsi tutti insieme in armonia anche io prima di diventare un un'artista ballavo con loro ed era divertentissimo.

    Ciao, io sono Peter Freudenthaler, il cantante della band Fool’s Garden. Il mio paese è la Germania e i compositori sono: il chitarrista Volker Hinkel, bassista Thomas Mangold, tastierista Roland Röhl è il batterista Ralpf Wochele. Ma nel 2003 tre

  • membri hanno lasciato la band, per fortuna questi furono sostituiti è il nome cambiò in “Fools Garden.” La canzone Lemon tree ha riscosso molto successo nel 1996, questo per vari motivi, uno di questi era lo spot pubblicitario del limoncello.

    Lemon tree parla di un ragazzo e ragazza che si sono appena lasciati, subito dopo il ritornello che evidenzia due aspetti: il primo è il forte contrasto tra ieri e oggi senza lei, la seconda parla di un cielo che è il punto di riferimento positivo dell’ex ragazza, il contrario il ragazzo che essendo negativo vede solo un albero di limoni.

  • Ciao sono Miguel Angel Berna sono nato a Saragozza e ho cominciato a ballare la JOTA a 8 anni. Vi voglio raccontare e far ripercorrere l

Recommended

View more >