volantino pedemontana (febbraio 2008)

2
La realizzazione dell'Autostrada Pedemontana è ormai prossima: i progetti definitivi sono conclusi e nella primavera 2009 saranno appaltati i progetti esecutivi e le opere che riguardano la tratta B2 (attuale Milano-Meda). Si prevede che i lavori avranno inizio nel 2010. È evidente che un'opera di tali proporzioni avrà un notevole impatto sul nostro territorio, che verrà attraversato ogni giorno da migliaia di veicoli in più con conseguenti ripercussioni sulla nostra viabilità già estremamente problematica. Se è vero che il tracciato del progetto non può più essere modificato, è anche vero che Meda non può rassegnarsi passivamente a tutti i disagi che quest'opera porterà con sé. Per reagire è indispensabile innanzitutto essere consapevoli del problema. La Lista Civica "Con Buraschi per Meda" intende dare il proprio contributo all'informazione dei cittadini, che fino ad oggi hanno avuto ben poche occasioni per conoscere l'argomento. Questo volantino affronta in modo sintetico le domande ricorrenti che si pongono i cittadini a proposito della Pedemontana. Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.conburaschipermeda.it/pedemontana.html N PEDEMONTANA: SE LA CONOSCI LA EVITI? www.conburaschipermeda.it LISTA CIVICA CON BURASCHI PER MEDA TRATTO DAL PROGETTO PRELIMINARE, GIUGNO 2006

Upload: paola-ceppi

Post on 09-Mar-2016

222 views

Category:

Documents


0 download

DESCRIPTION

Il volantino preparato a febbraio 2008 e distribuito dalla Lista Civica "Con Buraschi per Meda" espone in modo sintetico i principali problemi legati alla realizzazione della "Pedemontana" sul nostro territorio.

TRANSCRIPT

Page 1: Volantino Pedemontana (febbraio 2008)

La rea l izzaz ione de l l 'Autostrada Pedemontana è ormai prossima: i progetti definitivi sono conclusi e nella primavera 2009 saranno appaltati i progetti esecutivi e le opere che riguardano la tratta B2 (attuale Milano-Meda). Si prevede che i lavori avranno inizio nel 2010.

È evidente che un'opera di tali proporzioni avrà un notevole impatto sul nostro territorio, che verrà attraversato ogni giorno da migliaia di veicoli in più con conseguenti ripercussioni sulla nostra viabilità già estremamente problematica.

Se è vero che il tracciato del progetto non può più essere modificato, è anche vero che Meda non può rassegnars i passivamente a tutti i disagi che quest'opera porterà con sé.Per reagire è indispensabile innanzitutto essere consapevoli del problema.

La Lista Civica "Con Buraschi per Meda" intende dare il proprio contributo all'informazione dei cittadini, che fino ad oggi hanno avuto ben poche occasioni per conoscere l'argomento.

Questo volantino affronta in modo sintetico le domande ricorrenti che si pongono i cittadini a proposito della Pedemontana.

Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.conburaschipermeda.it/pedemontana.html

NN

PEDEMONTANA:

SE LA CONOSCILA EVITI?

www.conburaschipermeda.it

LISTA CIVICA CON BURASCHI PER MEDA

TR

AT

TO

DA

L P

RO

GE

TT

O P

RE

LIM

INA

RE

, GIU

GN

O 2

00

6

Page 2: Volantino Pedemontana (febbraio 2008)

PEDEMONTANA: COS'È? COSA COMPORTA PER MEDA?> Cos'è la Pedemontana?

> Ma riguarda anche Meda?

> Quindi la superstrada sarà demolita?Ma come raggiungeremo Milano?

> E per raggiungere i paesi vicini?

È un'autostrada che collegherà Bergamo con l'Aeroporto di Malpensa e che sarà percorsa quotidianamente da più di 200.000 veicoli.

Sì, la Pedemontana passerà anche da Meda e per farlo demolirà buona parte dell'attuale superstrada Milano-Meda.Inoltre taglierà una parte di campo sportivo (zona ex Icmesa) e demolirà alcune abitazioni private.

Per raggiungere Milano potremo utilizzare la nuova autostrada ma dovremo pagare il pedaggio. A Meda infatti è previsto un casello di entrata ed uscita con sistema di rilevamento elettronico.

Come già detto la superstrada sarà demolita, quindi molte uscite saranno soppresse e per raggiungere i paesi vicini saremo costretti ad usare strade di arroccamento ad una corsia per senso di marcia.

Di conseguenza i l traffico locale aumenterà sensibilmente, sia a causa del casello, "passaggio obbligato" per immettersi nell'autostrada, sia a causa dei veicoli che per evitare il pedaggio utilizzeranno strade locali.

> Ma l'amministrazione precedente non ha evidenziato questi problemi?

> E l'attuale amministrazione?

L'unico atto della precedente amministrazione è stata una delibera del Consiglio Comunale del 17/01/2005.

In questa delibera è stata votata all'unanimità l'opposizione al progetto preliminare dell'opera. In particolare si chiedeva di lasciare intatta la superstrada Milano-Meda e si riteneva indispensabile l'interramento della linea Milano-Asso delle FNM.

A questo documento non è seguito nessun altro atto, e in Comune non è presente alcun documento ufficiale né corrispondenza tra l'Amministrazione Comunale e Pedemontana Lombarda SpA.

Un problema così grave è stato archiviato e letteralmente dimenticato.Letteralmente dimenticato, in quanto nel Piano Urbano del Traffico di Meda (redatto nel 2006) non c'è alcun riferimento al progetto Pedemontana!

L a G i u n t a non s ta tenendo in considerazione l'unico documento emanato dal Comune (delibera 2005), sta anzi operando in senso opposto, ritenendo che la richiesta di uno o due sottopassi possa essere sufficiente a risolvere l'incremento del traffico.

Tale mutamento di indirizzo appare poco coerente, tanto più che diversi membri della Giunta attuale sono tra i firmatari della delibera di soli 3 anni fa.

> Aumenteranno anche le code ai passaggi a livello?

> Ci saranno ripercussioni anche a Meda Sud?

> Riceveremo qualcosa in cambio di tutti questi disagi?

Certo! I veicoli in entrata e in uscita dal casello di Meda dovranno necessariamente transitare sulla nostra città, quindi ci saranno più code, in particolare nei pressi dell'attraversamento ferroviario.A Meda ci sono 7 passaggi a livello e le code si formano regolarmente davanti a ciacuno di loro già oggi. Un paio di sottopassi o cavalcavia non assorbirebbero il traffico di tanti passaggi a livello sommato a quello prodotto dalla pedemontana.

Purtroppo sì. In particolare in Via Tre Venezie e in Via Vignazzola confluirà il traffico delle strade di arroccamento sostitutive della superstrada.

L'unica contropartita prevista è data dalle opere di compensazione ambientale “da destinarsi prioritariamente a boschi, prati stabili, filari, siepi e reti ciclopedonali”, così come si legge nei documenti di Pedemontana.È previsto infatti un intervento di "ricucitura" dei parchi regionali, iniziativa in sé buona ma che coinvolgerà solo marginalmente il territorio medese, territorio che invece sarà tra i più danneggiati dal passaggio dell'autostrada.

Per questo Meda deve chiedere anche qualcosa di più: qualcosa che possa davvero far fronte all'enorme flusso di veicoli che si riverserà sulla nostra città.