studio geologico tecnico ambientalev ?· 16.vag.remna 11.01.17 relazione geologica e geotecnica...

Download STUDIO GEOLOGICO TECNICO AMBIENTALEv ?· 16.VAG.REMNA 11.01.17 Relazione geologica e geotecnica Rev.…

Post on 15-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

STUDIO GEOLOGICO TECNICO AMBIENTALE

Dott. Geol. ANDREA VALENTE ARNALDI

Geotecnica - Geofisica - Prove geotecniche e geomeccaniche in sito e di laboratorio Sondaggi geognostici - Palificazioni - Tiranti - Consolidamenti - Monitoraggio geotecnico e strutturale

Verifiche di stabilit di pendii e di fronti di scavo - Bonifiche movimenti franosi Idrogeologia - Pozzi per acqua - Geotermia - Opere sotterranee (tunnel) - Discariche - Cave - Dighe

Idrologia ed idraulica - Sistemazioni fluviali e marittime - Ingegneria naturalistica Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA) - Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

Studi di Fattibilit Ambientale - Valutazione dincidenza Ambientale Caratterizzazioni, bonifiche e recuperi ambientali - Consulenze ambientali - Utilizzazione terre e rocce da scavo

Pianificazione territoriale - Piani di Protezione Civile Valutazione rischio sismico, idrogeologico ed ambientale

Provincia POTENZA Comuni POTENZA

VAGLIO BASILICATA

Oggetto IMPIANTO IDROELETTRICO "BASENTO 1

R4-RELAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Dati catastali Riferimenti normativi nazionali Riferimenti normativi locali

Foglio: vedasi elab. progettuali Mappale: vedasi elab. progettuali

Ordinanza P.C.M. n. 3274 del 20.03.2003 D.M. 14.01.2008

Autorit Interregionale di Bacino della Basilicata Piano stralcio per la difesa dal rischio idrogeologico P.U.C.

Denominazione Spett. RHHYDRO s.r.l.

Indirizzo Viale Monza 127 20125 Milano

Progettista REMNA s.r.l. Dott. Ing. Matteo Motta

Committenti

Indirizzo Via Appiani 12 20121 Milano

Il Tecnico

Dott. Geol. Andrea VALENTE ARNALDI

Codice documento

16.VAG.REMNA

Rev. Copie Data Redazione Verifica Approvazione Descrizione

00 n. 5 11.01.2017 Geol. Valente Arnaldi

Geol. Valente Arnaldi

Geol. Valente Arnaldi

1 emissione

10124 TORINO - Via Denina 3 (Giardini Reali) - Tel./Fax +39 011 6960115 18038 SANREMO (IM) - Via Manzoni 61 (Piazza Colombo) - Tel./Fax +39 0184 570051

12042 BRA (CN) - Strada San Michele 14 - Tel./Fax +39 0172 44016 +39 335 6458897

E-mail : geostudiovalente@tiscali.it www.geostudiovalente.com

Studio Geologico Tecnico Ambientale - Dott. Geol. Andrea VALENTE ARNALDI - Torino - Sanremo - Bra

16.VAG.REMNA 11.01.17 Relazione geologica e geotecnica Rev. 00 - Pag. 2 di 29

INDICE

1 PREMESSA Pag. 3

2 CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE Pag. 5

3 PERICOLOSITA GEOMORFOLOGICA Pag. 7

4 CARATTERISTICHE GEOLITOLOGICHE Pag. 8

5 CARATTERI SISMICI LOCALI Pag. 10

6 CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE ED IDROLOGICHE Pag. 15

7 MODELLO GEOTECNICO Pag. 16

8 OPERE DI FONDAZIONE ED OPERE DI SOSTEGNO Pag. 18

9 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Pag. 21

10 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Pag. 28

11 ALLEGATI Pag. 29

- Inquadramento topografico

- Documentazione fotografica aerea

- Carta geologica C.A.R.G. - Foglio Potenza

- Carta geologica C.A.R.G. Foglio Vaglio di Basilicata"

- Carta del rischio esondazione - P.A.I.

- Carta del rischio frane - P.A.I.

- Carta dellidrografia - PA.I.

- Sezione stratigrafica impianto idroelettrico (Sezione A2 di progetto modificata)

Studio Geologico Tecnico Ambientale - Dott. Geol. Andrea VALENTE ARNALDI - Torino - Sanremo - Bra

16.VAG.REMNA 11.01.17 Relazione geologica e geotecnica Rev. 00 - Pag. 3 di 29

1. PREMESSA

La presente relazione geologica e geotecnica a supporto di un progetto di costruzione di

un impianto idroelettrico sul fiume Basento, da eseguirsi allinterno di unarea sita nei Comuni di

POTENZA e VAGLIO BASILICATA (PZ), fa seguito ad un sopralluogo e ad unindagine

geologico - tecnica, eseguita in sito, su incarico conferito allo scrivente dalla REMNA s.r.l., nonch

dal Progettisti dellintervento, REMNA s.r.l. e Dott. Ing. Matteo Motta.

Le indagini, eseguite, estese ad un significativo intorno dell'area interessata dagli interventi, in

ottemperanza al Testo Unitario - Norme tecniche per le costruzioni (D.M. 14.01.2008), sono state

finalizzate alla definizione delle condizioni geologiche e geomorfologiche del sito ed alle

caratteristiche geotecniche dei materiali ricadenti nel volume significativo dei manufatti in progetto,

verificando i possibili scenari di rischio e le problematiche esecutive, con il preciso intento di

definirne le potenzialit di fruizione in relazione all'assetto territoriale, verificando le condizioni di

stabilit, l'eventuale presenza di elementi morfogenici dissestivi e lo stato di fatto, traendone le

opportune valutazioni sulla compatibilit degli interventi con la situazione idrogeologica,

geomorfologica e litologica locale.

Linsieme dei dati sopra riportati ha come finalit quella di fornire al Progettista

dellintervento utili indicazioni sui caratteri di portanza dei termini litologici presenti in sito, nonch

sulla scelta del pi idoneo piano di appoggio alle strutture di nuova realizzazione ed alcune

indicazioni di carattere tecnico sulle modalit desecuzione delle opere interagenti con il sottosuolo.

Pi precisamente stato definito un modello geologico - tecnico del volume di sottosuolo

interagente con le opere da realizzare, determinando le propriet geotecniche - geomeccaniche

iniziali per i diversi litotipi e le diverse zone domogeneit con riferimento al volume significativo,

al fine ottenere la corretta classificazione del sottosuolo.

Si pertanto proceduto allesecuzione di una serie di indagini di natura geologica, le

risultanze delle quali sono state riportate nella relazione geologica, questultima finalizzata alla

costruzione del modello geologico; nella relazione geotecnica, sulla base del modello geologico e

delle indagini geotecniche eseguite in sito, seguendo i dettami della normativa vigente (Decreto

Ministeriale 14.01.2008) e dello stato dellarte, stato poi ricostruito il locale modello geotecnico.

L'area in esame caratterizzata dal tratto di fiume Basento a valle della citt di Potenza, dopo

l'immissione in sinistra idrografica del torrente Tiera. I versanti sono caratterizzati dalla presenza di

infrastrutture viarie strategiche in sinistra idrografica, costituite dalla S.S. Basentana e dalla ferrovia

Potenza-Metaponto, mentre il versante destro costituito da aree agricole. E' presente nell'area la

condotta pensile primaria di adduzione dell'acquedotto Basento-Camastra, che passa dalla sponda

destra a quella sinistra mediante un attraversamento aereo del corso d'acqua. Le pendenze dei

versanti sono acclivi in corrispondenza dell'incisione del corso d'acqua via via digradanti verso

quote pi elevate. Il fiume Basento nel tratto interessato come detto particolarmente inciso, a

causa di un cambio di pendenza rispetto alle aree a monte e a valle. Al fine di ridurre le velocit

dell'acqua e l'erosione delle sponde sono stati realizzati argini in pietra e cemento e briglie in

successione, distanziate di circa 100 m l'una dallaltra, probabilmente per garantire la protezione del

rilevato ferroviario che si trova a poca distanza dal corso d'acqua. Le n. 3 briglie coprono un

dislivello complessivo di circa 10 m su 250 m di lunghezza, equivalente a una pendenza del 4% che

risulta doppia rispetto alla media del corso d'acqua.

Le opere fluviali risultano di notevoli dimensioni e in buono stato di conservazione, ad

eccezione di alcune fessurazioni e usure di manufatti secondari.

La briglia oggetto dintervento (briglia di monte) risulta di struttura a 3 livelli con gavete

dimensionate in modo da smaltire portate di magra, portate di piena ordinaria e portate di piena

eccezionale. E' presente una controbriglia posta circa 20 m a valle, che attualmente risulta erosa e

divelta dalla corrente.

Studio Geologico Tecnico Ambientale - Dott. Geol. Andrea VALENTE ARNALDI - Torino - Sanremo - Bra

16.VAG.REMNA 11.01.17 Relazione geologica e geotecnica Rev. 00 - Pag. 4 di 29

Le dimensioni sono di 45 m di larghezza complessiva del manufatto con spessore di 1,5 m. E'

presente un plinto di sostegno dell'acquedotto subito a monte della briglia, e uno subito a valle della

gaveta laterale della controbriglia divelta.

Il progetto prevede la realizzazione di un impianto mini idroelettrico della tipologia cosiddetta

a salto concentrato sfruttando la briglia esistente sul fiume Basento. Tale tipologia di impianti

considerata universalmente quella a minore impatto tra gli impianti idroelettrici, in quanto non

comporta sottensione dellalveo e quindi annulla limpatto principale che gli impianti idroelettrici

solitamente comportano sullecosistema, ossia la riduzione delle portate defluenti in alveo per tratti

pi o meno lunghi del corso dacqua. Le opere consistono essenzialmente in:

- Opera di presa: adeguamento della briglia esistente e installazione di una paratoia mobile, realizzazione di un canale con sgrigliatore.

- Scala di risalita per littiofauna: un manufatto consistente in una scala a bacini per la restante parte dellittiofauna.

- Vano turbina: un locale posto allestremit del canale dissabbiatore e destinato a ospitare turbina, generatore e tubo

Recommended

View more >