Strategy 1 2012 (prof. dagnino)

Download Strategy 1 2012 (prof. dagnino)

Post on 24-Jan-2015

685 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

TRANSCRIPT

<ul><li> 1. Strategia dImpresa - IntroduzioneEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012</li></ul><p> 2. Crisis Strategy Short Termism Vs. Long Termism Cash Flow vs. Growth and Profit Product/Process Technology and Innovation Cost Reduction Lower Break Even Levels Flexibility and Restructuring Fast Strategy Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 3. Price of a Barrel and CashflowsEstimated Operating Cashflow, 2009 (Billion US$) $35 per Barrel$70 per Barrel -12.9+ 6.4 -5.1 + 6.7 +0.5 +21.4 Shell -15.1+ 2.2 Total +5.3 +12.9 -2.2 +4.3 Total amount -29.5+54.9Source: Financial Times, Wed. February 4, 2009 p.13Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 4. Big Corporations (1/5) In 2006 Nokias MarketCap was about 64 B with 34 B revenues. Coca-Colas Market Value is 114 B$ (23 times Sierra Leones GDP) General Electrics MarketCap is 350 B$. Microsofts market value is about 290 B$. Google was born in 1999 with 1 Mln$ investment, today its Market value is150 B$.Sergey Bib BrinLarry Bib Page 34 years old 34 years old Single single Working 7 days on 7 Working 7 days on 7 Shares his office with Bib Shares his office with Bib His fortune is 14 Bn$ His fortune is 14 Bn$ Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 5. Big Corporations(2/5)buys Born on September the 7th, 1998 is the mostBorn in february 2005; used research engine It is a Video-Portal with a growth of 606% ; The Most downloaded and used global map And 100 Mln users. Acquisition Price: 1,65B$; Its Share Value is growingat the rate of 8,5%Acquisition Expectation:Video Portals growth throughGoogles leadership:Improving Googles missionEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 6. Big Corporations(3/5)buys1995: first on-line market2003: Zennstrm e Friiss innovationchanges the TelecommunicationsindustryAcquisition price: $4,1 blnpriceEbays Market Cap: $41blnCapTotal investment recovery isforecasted in 2010Ebays added value:Improved comunication between buyers and sellers;New business lines pay-per-callDirect Integration between Skype and PayPalEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 7. Big Corporations (4/5)TOYOTA MOTOR CORPORATIONEstablishment: August 28, 1937Net Sales: 21,036 billion Yen = 180 B $Income Before Taxes: 2,087 billion Yen = 18 B $Net Income: 1,372,1 billion Yen = 12 B $ ChairmanNET REVENUESVEHICLE SALESFujio Cho President Katsuaki Watanabe SORRY THEY AREMARRIED,INDEED!!!Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 8. Market CAPS Market MarketCOMPANY ValueValueCOMPANYWall Street MilanGeneral Electric222 748 93.966 EniRoyal Dutch/Shell 191 002 60.336 Unicredito ItalianoMicrosoft Corp159 660 40.865 EnelExxon Corp. 157 970 37.629 GeneraliCoca-Cola 151 288 33.119 Telecom ItaliaIntel Corp. 150 838 26.824 Banca IntesaNippon T&amp;T146 139 20.950 San Paolo ImiMerck 120 757 13.750 STMicroelectronicsToyota Motor Co.116 585 13.700 RasNovartis104 468 12.816 MediobancaEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 9. Intellectual capital &amp; Market CAPS(1/2) MarketIntellectualR&amp;DvaluecapitalIntensity %General Electric222 748188 3102.1Royal Dutch/Shell 191 002114 3630.4Microsoft Corp159 660148 88316.9Exxon Corp. 157 970114 3100.4Coca-Cola 151 288143 977 -Intel Corp. 150 838131 5439.4Nippon T&amp;T146 139103 0713.7Merck 120 757108 1437.1Toyota Motor Co.116 585 70 8043.2Novartis104 468 82 03611.8 Fonte: Granstrand, O. (2001)Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 10. Airline Industry: Deregulation 1944EUROPE Strong Regulation (Chicago Convention)Bilateral Agreements Ryanairs entrance 1985 The deregulation allows Ryan Air toadopt a low cost business model 1987 I deregulation 1990 II deregulation III deregulation 1992 USAEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 11. Airline Industry Airline industry Growing market Low cost carriers invasion Increasing number of passengers Environmental Hurdles: terrorism and oil prices Uncertainty of operation resultsEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 12. Low Cost Business Model: Main CharacteristicsEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 13. Utile Fatturato300 1400250 12001000200800150600100400 50 20000 20012002 2003 2004 2005 2001 200220032004 200545%Struttura costi ROE Costi variabili40%Costi fissi ROS35%100030%80025% 60020%15%40010%2005% 00% 2003200420052003 20042005Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 14. Quanto vale 1%? 218 M 1% Italian TLC Market? 1% Italian BEER Market? 16 M 1% Italian ICE-CREAM Market? 5,5 M 1% Italian Banking funding Market? 11,215 B 1% Italian NEWSPAPERS Market? 50 M Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 15. THE CONCEPT OF STRATEGYEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 16. Definitions of StrategyStrategy: a plan, method, or series of actions designed to achieve a specific goal or effect Wordsmyth DictionaryLost Boy: Injuns! Lets go get em!John Darling: Hold on a minute. First we must have a strategy.Lost Boy: Uhh? Whats a strategy?John Darling: Its, er Its a plan of attack.- Walt Disneys Peter PanStrategy is the pattern of objectives, purpose, or goals and the major policies andplans for achieving these goals, stated in such a way as to define whatbusiness the company is in or is to be in and the kind of company it is or is tobe.-Kenneth Andrews, The Concept of Corporate Strategy (Homewood, IL: Irwin, 1971)A strategy is the pattern or plan that integrates an organizations major goals,policies and action sequence into a cohesive whole. A well-formulated strategyhelps marshal and allocate an organizations resources into a unique and viableposture based upon its relative internal competencies and shortcomings,anticipated changes in the environment, and contingent moves by intelligentopponents James Brian Quinn, Strategies for Change: Logical Incrementalism (Homewood, IL: Irwin, 1980)Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 17. Concetto di strategiaDal greco stratos che significa esercito o guida1. il piano generale per la disposizione ed impiego delle risorse al finedi ottenere una posizione favorevole sul mercato2. la determinazione degli obiettivi di lungo periodo e riguardaladozione di un determinato corso di azione che implica lallocazionedelle risorse disponibili necessarie al raggiungimento di tali obiettivi(Chandler 1962)3. il piano o percorso in cui vengono integrati i principali obiettivi,politiche e sequenza di azioni in maniera coesa (Quinn 1980)Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 18. Il concetto di strategia Collega unorganizzazione al suo ambiente diriferimento Usa le risorse e competenze di unimpresa perraggiungere i suoi obiettivi in un ambiente diriferimento Si occupa di ricercare e mantenere un vantaggiocompetitivo e non di pianificare singole azioni Non un programma dettagliato ma un temaunificatore che d coerenza e unicit di direzione alleazioni e decisioni dellazienda E un mezzo di comunicazione e di coordinamentoallinterno dellorganizzazione E un riduttore di complessit cognitiva E linsieme degli obiettivi di lungo periodo dellimpresae delle azioni volte al loro conseguimento Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 19. Strategie dimpresa e strategie militari: analogie e differenze Strategia e Tattica Strategie implicano sempre:- Scelte importanti- Ingenti impegni di risorse- Non sono facilmente reversibili Imprese ed eserciti analogie:- perseguono obiettivi definiti- situazione competitiva deriva da incompatibilit di obiettivi fra organizzazioni diverse- risorse impiegate- caratteristiche dellambienteDifferenza: grado di aggressivit obiettiviEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 20. The Evolution of Strategic Management 1950s1960s-early 70s Mid-70s-mid-80s Late 80s 1990s2000s BudgetaryCorporate PositioningCompetitiveStrategicDOMINANT planning &amp; planning advantageinnovation THEME control FinancialPlanningSelectingFocusing onReconcilingMAIN controlgrowth &amp;- sectors/markets. sources of size with ISSUESdiversification Positioning forcompetitiveflexibility &amp;leadership advantageagility CapitalForecasting.Industry analysisResources &amp; CooperativeKEY budgeting. Corporate Segmentation capabilities. strategy.CONCEPTS &amp; Financialplanning. Experience curve Shareholder Complexity. TOOLS planning Synergy Portfolio analysis value.Owning E-commerce. standards. Knowledge Management Coordination CorporateDiversification.Restructuring. Alliances &amp;MANAGE-&amp; control by planning depts. Global strategies. Reengineering. networksMENT IMPLIC- Budgetingcreated. Rise of Matrix structures Refocusing.Self -organiz ATIONSsystems corporate Outsourcing. ation &amp; virtualplanningorganization Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 21. La natura della strategia Interdipendenza fra concorrenti Scarsit di risorsePer esempio:Gli scacchi e il poker sono ben diversi da:- Il bingo fortuna!- Il tiro al bersaglio abilit tecnica!La creazione di un Vantaggio Competitivo Sostenibilepu ridurre la sensibilit dellimpresa allinterazionecompetitivaEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 22. Scopo della strategia Obiettivo della strategia :Raggiungere il successo dimpresa- Profitto superiore alla media- Sopravvivenza nel lungo periodoRendimento del capitale investito &gt; costo del capitale investitoEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 23. Sources of Superior ProfitabilityINDUSTRY ATTRACTIVENESSCORPORATERATE OF PROFIT STRATEGYWhich businessesABOVE THE should we be in? COMPETITIVELEVEL How do wemake money? COMPETITIVE ADVANTAGEHow shouldBUSINESSSTRATEGYwe compete? Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 24. Sources of Superior Profitability CORPORATECORPORATE HEAD OFFICE STRATEGY BUSINESS Division ADivision B STRATEGY R&amp;D R&amp;DFUNCTIONALSTRATEGIES HRHR Finance Finance ProductionProduction Marketing/SalesMarketing/Sales Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 25. Tipologie di decisioni Strategiche (con chi competere, dove ecome) Organizzative (come organizzare le funzioni,ad esempio, la funzione marketing o diproduzione) Operative (come organizzare la vendita)Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 26. Formazione delle strategieEvoluzione degli studi sul tema Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 27. 1. Lapproccionormativo-progettualeQuesto filone si propone di fornire al soggettostrategico una metodologia per laformulazione delle strategie nelle diversesituazioni di contesto.E qui evidente la distinzione tra il momento diformulazione ed implementazione dellastrategia Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 28. La scuola normativa- progettuale Lapproccio alla strategia fortemente deterministico e razionale Le diverse fasi sono:- Analisi dello scenario di offerta e domanda- Determinazione degli obiettivi dimpresa- Formalizzazione di piani di lungo termine e piani di azione a breve Limiti:1) Eccessiva progettualit della formulazione (scarsa attenzione adaspetti emergenti del processo strategico)2) Scarso rilievo dato al tessuto organizzativo allattodellimplementazioneEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 29. 2. Lapproccioprocessuale-decisionale Questo approccio considera la strategia unprocesso decisionale complesso Il soggetto decisore composito, ovvero si trattadi una coalizione che coinvolge i diversi livellidellorganizzazione Il consenso si cerca mediante processi negozialidi risoluzione dei conflitti in cui contano lamotivazione e cultura aziendale Il focus si sposta dal cosa al come si decide Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 30. Le coalizioni decisionali Le priorit strategiche sono diverse aseconda di che parte dellorganizzazione gliattori rappresentano Vi sono anche influenze di soggetti esterniche possono esprimere vincoli e preferenze Labilit del decisore sta nel saper bilanciare idiversi interessi delle varie coalizioni Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 31. 3. Lapproccio evolutivo (o storico-descrittivo) Questo approccio analizza il modo con cui sisono evolute le azioni coerentemente agliobiettivi dimpresa Emerge la distinzione tra disegno (intenzioni) econdotta strategica (strategia realizzata) Il processo di cambiamento viene interpretatoin termini di ri-orientamento cognitivo,valorizzando il potenziale di apprendimentodelle imprese Si parla di approccio emergente Economia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 32. Lapproccio emergente Mintzberg critica la pianificazione intesa come analisi dellecondizioni interne ed esterne e conseguenti linee dazione, e dpi spazio alla creativit ed intuizione La strategia si modella in corso dopera: viene decisa eprogrammata una strategia ombrello nei tratti essenziali daaffiancare a una strategia emergente nei particolari Il processo decisionale si estende a tutta lorganizzazionesuperando la concezione unitaria di soggetto strategico tipicadellapproccio normativo-progettuale, e di coalizioni tipicadellapproccio processuale-decisionale, riconoscendo limportanzadei manager di front-office (che, in qualit di manager di confine,risultano comunque esclusi dalle coalizioni decisionali) Lidea della formazione della strategia come processo dinamiconon completamente razionale implica la rilevanza data in questoapproccio allapprendimento organizzativo dimpresaEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 33. Formazione delle strategie Il percorso di formazioneEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 34. La formazione delle strategieLa formazione della strategia il processo che va dalla dichiarazione dellintenzione strategica (strategiaintenzionale) a quella realizzata, attraverso lapporto di azioni ed informazioni che promanano dallinterno ed esternodellorganizzazioneEconomia e Gestione delle Imprese - Prof. G.B. Dagnino - Anno Accademico 2011-2012 35. La strategia intenzionale La strategia intenzionale si compone deipercorsi di sviluppo ed obiettivi che ilsoggetto strategico...</p>