sommario 1 2008 · 4 ruolo dell’acido ialuronico nell’artrosi ... della capsula articolare e...

of 40/40
Direzione scientifica Villa Sandra Via Portuense, 798 - 00148 Roma Fondatore LUIGI VITTORIO DE STEFANO Editore VILLA SANDRA S.p.A. Direttore Responsabile DANIELLA DE STEFANO Redattore Capo LIVIO FALSETTO Vice Redattore Capo SERGIO GIGLI Comitato di redazione PAOLO AGOSTINUCCI SERGIO ANIBALDI CARLO BADARACCO MICHELE BILANZONE ANTONELLA CALABRESE MARIO E. D’IMPERIO FADI EL FAKHRI LUIGI FEDERICO EMILIA FINAMORE FRANCESCO FREGA ADRIANA GALLO MASSIMO GASPARRI SABRI HASSAN ROBERTA LAPREZIOSA CHIARA LEPRE ALBERTO LUSSO ANTONIO LUZZO DANIELA OLIVA LUCA PARENTE RODOLFO QUADRINI PAOLO SORANI EDUARDO STORNAIUOLO STEFANO TRICARICO MAURO TRIFERO SALVATORE VARRICA Fotografia FEDERICO MARIA POZZAR Stampa Mondo Stampa S.r.l. - Roma Iscritto sul Registro Stampa del Tribunale di Roma n. 00031 in data 17 gennaio 1990 © 1990 - Villa Sandra S.p.A. Tutti i diritti riservati Finito di stampare nel mese di settembre 2015 Sommario 4 RUOLO DELL’ACIDO IALURONICO NELL’ARTROSI (Relazione della terapia di viscoinduzione e di viscosupplementazione) Dott. Sergio Anibaldi 8 RIMEDI E CURE MEDICHE TRA EMPIRISMO E ILLUMINISMO QUANTO È CAMBIATA OGGI LA CULTURA DEL BENESSERE? Dott. Mario E. D’Imperio 14 LA SECONDA LETTURA Dott. Carlo Anibaldi 15 IL PRINCIPIO DI PETER (OVVERO: IL TEMPO DEI SOMARI) Dott. Carlo Anibaldi 17 DECRESCITA RESPONSABILE OVVERO LATOUCHE IN SINTESI Dott. Carlo Anibaldi 19 MOTO, VIAGGI E MAL DI SCHIENA Prof. Dott. Antonio Gabriele 33 FORSE NON TUTTI SANNO CHE... A cura di: Dott. Livio Falsetto “ASPIRINA DI SERA, BUON TEMPO SI SPERA” Dott. Livio Falsetto 35 MALATTIA E SINDROMI RARE A cura di: Dott. Livio Falsetto SINDROME DI GILBERT Dott. Livio Falsetto CASA DI CURA PRIVATA VILLA SANDRA CENTRO DI RIABILITAZIONE MOTORIA E FUNZIONALE In copertina: Achille fascia un braccio a Patroclo ferito. Coppa del vasaio greco Sosias (500 a.C.).

Post on 24-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Direzione scientificaVilla Sandra

Via Portuense, 798 - 00148 Roma

FondatoreLUIGI VITTORIO DE STEFANO

EditoreVILLA SANDRA S.p.A.

Direttore ResponsabileDANIELLA DE STEFANO

Redattore CapoLIVIO FALSETTO

Vice Redattore CapoSERGIO GIGLI

Comitato di redazionePAOLO AGOSTINUCCISERGIO ANIBALDICARLO BADARACCOMICHELE BILANZONEANTONELLA CALABRESEMARIO E. DIMPERIOFADI EL FAKHRILUIGI FEDERICOEMILIA FINAMOREFRANCESCO FREGAADRIANA GALLOMASSIMO GASPARRISABRI HASSAN

ROBERTA LAPREZIOSACHIARA LEPREALBERTO LUSSOANTONIO LUZZODANIELA OLIVALUCA PARENTE

RODOLFO QUADRINIPAOLO SORANI

EDUARDO STORNAIUOLOSTEFANO TRICARICOMAURO TRIFERO

SALVATORE VARRICA

FotografiaFEDERICO MARIA POZZAR

StampaMondo Stampa S.r.l. - Roma

Iscritto sul Registro Stampadel Tribunale di Roma

n. 00031 in data 17 gennaio 1990

1990 - Villa Sandra S.p.A.Tutti i diritti riservati

Finito di stampare nel mese di settembre 2015

Sommario4 RUOLO DELLACIDO IALURONICO NELLARTROSI(Relazione della terapia di viscoinduzione e diviscosupplementazione)Dott. Sergio Anibaldi

8 RIMEDI E CURE MEDICHE TRA EMPIRISMO EILLUMINISMOQUANTO CAMBIATA OGGI LA CULTURA DEL BENESSERE?

Dott. Mario E. DImperio

14 LA SECONDA LETTURADott. Carlo Anibaldi

15 IL PRINCIPIO DI PETER(OVVERO: IL TEMPO DEI SOMARI)Dott. Carlo Anibaldi

17 DECRESCITA RESPONSABILEOVVERO LATOUCHE IN SINTESIDott. Carlo Anibaldi

19 MOTO, VIAGGI E MAL DI SCHIENAProf. Dott. Antonio Gabriele

33 FORSE NON TUTTI SANNO CHE...A cura di: Dott. Livio FalsettoASPIRINA DI SERA, BUON TEMPO SI SPERA Dott. Livio Falsetto

35 MALATTIA E SINDROMI RAREA cura di: Dott. Livio FalsettoSINDROME DI GILBERTDott. Livio Falsetto

CASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRACENTRO DI RIABILITAZIONEMOTORIA E FUNZIONALE

In copertina: Achille fascia un braccio a Patroclo ferito. Coppa del vasaio greco Sosias (500 a.C.).

SOMMARIO 3_2015 (1-2):sommario 01/09/15 13:31 Pagina 1

CONVENZIONATA CON LA REGIONE LAZIO PER

RIEDUCAZIONE MOTORIA E FUNZIONALE00148 Roma - Via Portuense, 798 - Tel. 06/655.951 - Fax 06/657.23.33 - www.villasandra.it - [email protected]

Direttore sanitario: Dott. MARIO E. DIMPERIO

ANGIOLOGIA (*)ECODOPPLER VASCOLARE (*)Prof. Luciano BattagliaDott. Gaetano Luigi Nappi

CARDIOLOGIAELETTROCARDIOGRAMMAECOCARDIO-DOPPLER (*)HOLTER (*)Dott. Salvatore VarricaDott. Fernando MazzeiDott. Pierluigi MottironiDott.ssa Susanna GregoDott.ssa Fabiana Di VeroliDott.ssa Francesca PastoriDott.ssa Vienna Mancini

DERMOSIFILOPATIADott.ssa Sabina Villani

ALLERGOLOGIA e PATCH TESTDott. Paolo Agostinucci

ECOGRAFIA e FLUSSIMETRIA (*)Dott. Filiberto De Simone

FISIATRIADott.ssa Roberta LapreziosaDott. Alberto Lusso

DIABETOLOGIA e ENDOCRINOLOGIA (*)Dott. Gianfranco Croce

M.O.C. (Densitometria ossea) (*)Dott. Eduardo Stornaiuolo

NEUROLOGIA ELETTROENCEFALOGRAMMANEUROPSICHIATRIADott. Giovanni Cuomo

ELETTROMIOGRAFIA - NEUROLOGIA (*)Dott. Rodolfo QuadriniDott. Francesco PujiaDott.ssa Chiara Lepre

NEFROLOGIADott. Sabri Hassan

OCULISTICA - ORTOTTICA (*)Dott. Stefano Da DaltDott. Franco SalernoDott. Roberto RizzoDott. Roberto Sgrulletta

ODONTOIATRIADott. Matteo Savona

ORTOPEDIA e TRAUMATOLOGIADott. Sergio AnibaldiDott. Antonio BertinoDott. Ignazio Di ToccoDott. Gianluca FalconeDott. Marco VillaDott. Emiliano Roefaro

OSTETRICIA e GINECOLOGIACOLPOSCOPIA e ANDROSCOPIA - PAP TESTDott. Paolo Pellarin

OTORINOLARINGOIATRIAESAME AUDIOVESTIBOLARE (*)Dott. Mario DEmiliaDott. Enrico PiccirilloDott.ssa Norma RosatiDott. Carlo BadaraccoDott.ssa Alessia Saccoccio

PNEUMOLOGIAESAME SPIROMETRICO (*)Dott.ssa Manuela Serpilli

REUMATOLOGIADott.ssa Cinzia MartisDott. Federico DonatiDott.ssa Adriana Gallo

UROLOGIA, UROFLUSSIMETRIA,ESAMI URODINAMICO (*)Dott. Paolo CialoneDott. David Granata

RADIODIAGNOSTICAMAMMOGRAFIA (*)ORTOPANORAMICADott. Francesco Frega

TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) (*)RMN (Risonanza Magnetica Nucleare)Dott. Pietro Sedati

DIETOLOGIA NUTRIGENETICA (*)Dott. Camillo Gilostri

DERMATOLOGIA ad INDIRIZZO ESTETICO (*)Dott. Camillo GilostriDott.ssa Ema Shehi

GASTROENTEROLOGIADott. Edmondo Vittoria

ENDOSCOPIA DIGESTIVA (*)Prof. Mauro Trifero

LABORATORIO ANALISIDott.ssa Mariangela Giorgione

Le specialit con lasterisco (*) non sono inconvenzione.

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO

CENTRO EMODIALISIDott. Hassan Sabri Shamsan

CASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

SOMMARIO 3_2015 (1-2):sommario 01/09/15 13:31 Pagina 2

Bocca sana in corpo sanoStudio odontoiatrico Casa di Cura Villa Sandra

Responsabile Dott. Matteo SavonaSpecialista in Ortodonzia e Gnatologia

La Casa di Cura Villa Sandra lieta di comunicare lapertura del nuovo ambulatorio odontoiatrico.Tale scelta si resa opportuna per offrire ai nostri pazienti unulteriore specialit nel campo Medico.Considerate le notevoli ed importanti correlazioni tra le diverse branche della medicina, i denti e lappa-rato della masticazione vengono reputate causa e fulcro di molte alterazioni del nostro organismo.Oggi abbiamo lopportunit di una cooperazione deccellenza tra i nostri specialisti, coadiuvati da macchi-nari e tecnologie allavanguardia, per ottenere un completo inquadramento e risoluzione delle problemati-che del paziente.La salute orale, oltre che al semplice mal di denti, correlata a disturbi di masticazione, cervicali, sinto-mi riferiti allorecchio fino ad arrivare ad alterazioni posturali.Inoltre appurata la correlazione tra salute orale (presenza di batteri), alitosi, malattie cardio-vascolari ediabete. Di recente stato applicato un protocollo per chi effettua terapie per losteoporosi che indiriz-za il paziente ad effettuare visite periodiche odontoiatriche per le probabili complicanze che tali farma-ci possono causare.Le terapie odontoiatriche sono effettuate con protocolli scientifici continuamente aggiornati: Visita e prevenzione. Igiene e sbiancamento. Ortodonzia e bite. Impianti e protesi.Grazie allesperienza della nostra struttura nel campo della riabilitazione motoria abbiamo voluto allar-gare i nostri orizzonti ed includere questa specialit per una completezza diagnostica e terapeutica.

bocca sana PUBB_1:bocca sana 01/09/15 13:31 Pagina 1

Estetica e PUBB_2:bocca sana 01/09/15 13:32 Pagina 1

venuto improvvisamente a mancare il dott. Livio Falsetto. Non

mai facile comunicare una notizia del genere. In questo caso ancora

pi doloroso, perch Livio, oltre a essere lanimatore, il deus ex ma-

china di questa rivista, era un amico. Intendo ricordarlo a nome di

tutti coloro che collaborano alla pubblicazione dei Quaderni di Villa

Sandra: la Sig.ra Daniella De Stefano, il Direttore Responsabile, il

Comitato di Redazione, tutti gli autori che in questi anni hanno contri-

buito, con i loro pezzi, ad arricchire la rivista.

Per me il dott. Livio Falsetto, ha rappresentato un mentore e un

amico con cui condividere opinioni, progetti, anche personali, non ne-

cessariamente legati ai contenuti dei Quaderni ed difficile accettare

la sua assenza.

Per tutti, la sua martellante richiesta di articoli stata da sti-

molo e sprone.

Limpegno a fare del nostro meglio perch la pubblicazione della

rivista mantenga gli stessi parametri di professionalit ed eccellenza

da lui sempre ricercati sentito e doveroso da parte di tutti, anche se

non sar possibile eguagliare la sua competenza e le sue capacit. Ci

proveremo, per onorarne la memoria e lopera.

Siamo vicini alla famiglia e ai suoi cari in questo tristissimo mo-

mento, con i quali condividiamo il dolore e il cordoglio.

GRAZIE LIVIO

a nome di tuttiSergio Gigli

NECROLOGIO (pag3):Layout 1 01/09/15 13:32 Pagina 3

4

Lartrosi la causa pi frequente di disabi-lit nellanziano. Pu essere definita co-me una patologia cronica delle cartilaginiarticolari, con interessamento secondario della si-novia, della capsula articolare e dellosso.Il costo sociale dellartrosi elevatissimo: negli

USA si stima che nel 2020 il costo dellosteoartro-si sar intorno ai 100 miliardi di dollari.In Italia si calcola che lartrosi sintomatica colpi-

sca almeno 4.000.000 di soggetti, producendo costitotali enormi. Occorre infatti pensare non soltanto aicosti della chirurgia protesica, necessaria nella faseavanzata della malattia, ma anche agli interventi dicontenimento o controllo della patologia, come laterapia farmacologica, infiltrativa o la riabilitazione,che spesso superano i costi chirurgici.Solo per impianti o revisioni di protesi danca,

in Italia si contano circa 100 mila ingressi in salaoperatoria ogni anno.Sta diminuendo anche la fascia di et in cui si

ricorre alla chirurgia protesica, non pi limitata so-lo a pazienti con oltre 60 anni.Il bersaglio del processo artrosico sempre la

cartilagine articolare a carico della quale si realiz-zano tutte quelle alterazioni, sia precoci che tardiveche caratterizzano la malattia. Potenziali fattori di rischio sono tutti quegli ele-

menti in grado di agire sulla cartilagine, o per altera-zione progressiva della sua normale struttura (perlet, sesso, per predisposizione genetica o per pro-cessi dinfiammazione) o perch agiscono sul carico

che si esercita sulla cartilagine stessa (i fattori mec-canici, lobesit, le endocrinopatie, i traumi) o perentrambe le cause insieme, determinando in ultimounalterazione del normale equilibrio articolare.Quando la cartilagine articolare si danneggia, per-

de la sua caratteristica lucentezza e presenta chiazzegiallastre, granulose, di varia estensione, per assume-re poi aspetto finemente accidentato, vellutato (dege-nerazione velvetica); successivamente si ha perditadi tessuto con ulcerazioni che possono raggiungerelosso sottostante. Losso epifisario presenta rima-neggiamento che ne deforma il profilo e presenta fe-nomeni di reazione connettivo-vascolare, che porta-no alladdensamento (eburneizzazione) o alla rarefa-zione a seconda che sia o meno sottoposto a carico.Al confine tra cartilagine articolare e inserzione

periostea, in fase avanzata si formano cercini mar-ginali detti anche osteofiti.

Ruolo dellacido ialuronico nellartrosi(Relazione della terapia di viscoinduzione e diviscosupplementazione)

DOTT. SERGIO ANIBALDISpecialista ortopedia e traumatologia - Resp. II U.O. Riabilitazione motoria Casa di Cura Villa Sandra, Roma

ARTROSI

1_ S ANIBALDI Ruolo dell'acido (4-7):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 4

5Ruolo dellacido ialuronico nellartrosiDott. SERGIO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

La flogosi ed i suoi mediatori giocano un ruoloattivo sia nella genesi sia nella progressione deldanno cartilagineo. Le citochine infiammatoriemettono in movimento lintera cascata di mediatoridella risposta infiammatoria.

SINTOMATOLOGIA E DIAGNOSI

Il sintomo pi frequente il dolore di tipomeccanico che si accentua con il movimento e siriduce con il riposo e perci raramente ad insor-genza notturna, a meno che non sia concomitanteun processo infiammatorio. Con levolvere del quadro pu essere presente

anche a riposo e accompagnarsi a rigidit mattuti-na di breve durata ed una limitazione funzionaleprogressiva, pi o meno invalidante a seconda dellesedi articolari coinvolte. Lartrosi viene diagnosticata soprattutto sulla

base di criteri radiologici e sintomatologici: lesa-me obiettivo e le indagini radiografiche consentonodi porre una diagnosi di certezza.

TERAPIA

Lartrosi non pu essere curata definitivamente;ad ogni modo, il rispetto di alcune regole precau-zionali e la somministrazione di farmaci antidolori-fici possono attenuare il dolore e, soprattutto, evi-tare la degenerazione della malattia.In generale, devono essere incoraggiate le tera-

pie non farmacologiche, quali la riduzione del pesocorporeo (indispensabile in un obeso affetto da ar-trosi) e lesercizio fisico costante, al fine di mante-nere una buona mobilit articolare.

Le indicazioni terapeutiche sono quelle comuni atutte le forme di artrosi: terapie fisiche e riabilitativeanche in ambiente termale, antiinfiammatori non ste-roidei, condroprotettori per rallentare i processi de-generativi e trattamento farmacologico intra articola-re con sostanze atte a migliorare la lubrificazione ar-ticolare. Quando la malattia evoluta la soluzionechirurgica rappresentata dallartroprotesi, pu of-frire grandi vantaggi e migliorare la qualit di vitain modo consistente.

IL RUOLO DELLACIDO IALURONICO

Lutilizzo terapeutico crescente dellacido ialuro-nico ha fatto diventare questa molecola oggetto dinumerosi studi biologici e si scopre che non ha solofunzione di riempitivo nello spazio extracellulare,ma un mediatore di funzioni cellulari complesse.Le tappe fondamentali di questi studi stato in

primo luogo la scoperta dei recettori cellulari e del-la proteina CD44, una proteina transmembrana,monomerica, altamente glicosilata la cui funzione quella di legare lacido ialuronico ed altre glico-proteine. Il legame di CD44 allacido ialuronico, influen-

za ladesione cellulare alla matrice, langiogenesi,la proliferazione, la migrazione e ladesione cellu-la-cellula.Nellarticolazione normale ci sono strette inter-

dipendenze funzionali e metaboliche tra il liquidosinoviale, la cartilagine articolare, la membrana si-noviale e losso sub-condrale, nonch tra la matri-ce cartilaginea e i condrociti e tra i proteoglicanidella matrice e le fibre collagene.

1_ S ANIBALDI Ruolo dell'acido (4-7):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 5

6 Ruolo dellacido ialuronico nellartrosiDott. SERGIO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Lacido ialuronico gioca un ruolo cruciale nelmantenere queste interdipendenze funzionali e me-taboliche e lomeostasi dellambiente articolare.

La cartilagine ha propriet biomeccaniche pe-culiari che ne determinano la grande resistenza alleforze di carico e basso attrito nei movimenti. La componente cellulare della cartilagine rap-

presentata dai condrociti e nella matrice extracellu-lare troviamo il 20-40% di macromolecole struttu-rali (proteoglicani, glicosaminoglicani, collagenedi tipo II) e un 60-80% di acqua, gas, piccole pro-teine, metaboliti e cationi.LAcido Ialuronico consente ai proteoglicani di

generare aggregati con peso molecolare molto alto,capaci di trattenere grandi quantit di acqua.

Razionale per limpiego dellAcido Ialuroniconellosteoartrosi

Lacido ialuronico, per la sua igroscopicit, ingrado di legare grandi quantit dacqua (un grammodi acido ialuronico pu assorbire tre litri dacqua).

Azione dellacido ialuronico nel liquido sinoviale

Controlla la distribuzione dei soluti. Responsabile della viscosit. Azione lubrificante e ammortizzante. Separa le superfici articolari in carico.

Azione dellacido ialuronico sulla cartilagine

Componente della lamina splendens. Aggregante dei proteoglicani. Ammortizzante dei condrociti. Determina il turgore e la deformabilit elastica

della cartilagine.

Controlla la diffusione dei soluti. Controlla i rapporti tra condrociti, PG e colla-

geni cartilaginei.Nellartrosi sia la concentrazione che il peso

molecolare dellacido ialuronico endogeno intrarti-colare sono diminuiti. Nella cartilagine artrosica lamatrice alterata a causa della perdita di acido ia-luronico, con conseguenze sulla vitalit e sulla sin-tesi condrocitaria.

VISCOINDUZIONE EVISCOSUPPLEMENTAZIONE MEDIANTEACIDO IALURONICO

Scopi della terapia infiltrativa: Controllare il dolore. Mantenere o migliorare la mobilit articolare. Limitare il deterioramento funzionale. Arrestare/rallentare liter evolutivo dellartrosi.Le preparazioni intra-articolari di acido ialuro-

nico con PM compreso tra 500 e 1000 KDa sareb-bero da preferirsi perch sufficientemente grandiper interagire con i recettori cellulari e perch ab-bastanza piccole da penetrare nella membrana si-noviale.Losservazione che i risultati clinici superano il

tempo di dimezzamento dellacido ialuronico eso-geno intra-articolare (< 24 ore) supporta lipotesiche il solo ripristino delle propriet reologiche nonpu spiegare gli effetti metabolici ed anti infiam-matori a lungo termine. Mediante la VISCOINDUZIONE (HA 500-730

KDa) lacido ialuronico stimola significativamentei processi riparativi, induce una significativa ridu-zione dellinfiammazione sinoviale, rallenta la pro-gressione del danno cartilagineo, aumenta il nume-ro dei condrociti vitali e aumenta lo strato amorfosuperficiale della cartilagine.Il concetto di VISCOSUPPLEMENTAZIONE

basato sullipotesi che liniezione intra-articolaredi acido ialuronico pu aiutare a ristabilire la vi-scoelasticit del liquido sinoviale, migliorando lafunzionalit articolare e riducendo il dolore

Indicazioni della viscosupplementazione: Dolore persistente, nonostante altre terapie

LAcido Ialuronico consente ai Proteoglicani digenerare aggregati con peso molecolare molto alto,

capaci di trattenere grandi quantit di acqua

1_ S ANIBALDI Ruolo dell'acido (4-7):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 6

7Ruolo dellacido ialuronico nellartrosiDott. SERGIO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

farmacologiche e non, in osteoartrosi radiologica-mente moderata, senza o con modesto versamento. Trattamento di secondo livello dopo un perio-

do di sinovite. OA dolorosa quando la protesi controindica-

ta o rifiutata dal paziente. In alternativa al trattamento con i FANS quan-

do controindicati, non tollerati o non efficaci.In conclusione, lacido ialuronico pu rappre-

sentare una valida opzione terapeutica per il tratta-mento dellosteoartrosi di grado moderato.

BIBLIOGRAFIA

Mar J., Romero Jurado M., Arrospide A., et al.,Analisi dei costi della viscosupplementazione con acidoialuronico in pazienti affetti da artrosi candidati aprotesizzazione del ginocchio, Revista Espaola de Ci-ruga Ortopdica y Traumatologa, 2013.

Borrs-Verdera A., Calcedo-Bernal V., Ojeda-Leven-feld J., Clavel-Sainz C., Efficacia e sicurezza a 6 mesidi una singola iniezione intra-articolare di acido

ialuronico al 2% e mannitolo nellartrosi del ginocchio,Revista espaola de Ciruga Ortopdica y Traumato-loga, 2012.

Park K.D., Nam H-S., Lee J.K., Kim Y.J., Park Y.,Effetti del trattamento di distensione capsulare ecogui-data con acido ialuronico nella capsulite adesiva dellaspalla, Archives of Physical Medicine and Rehabilita-tion, 2013.

Oka H., Akune T., Muraki S., Tanaka S., KawaguchiH., Nakamura K., Yoshimura N., Lefficacia a mediotermine della terapia infiltrativa con acido ialuronicosulla struttura articolare: uno studio caso-controllo ni-dificato,Modern rheumatology, 2012.

Kim Y.S., Park J.Y., Lee C.S., Lee S.J., efficaceliniezione intra-articolare di acido ialuronico nel-limpingement di spalla in fase precoce? Uno studioclinico multicentrico, randomizzato, in singolo cieco ecomparativo in aperto, Journal of shoulder and elbowsurgery, 2012.

1_ S ANIBALDI Ruolo dell'acido (4-7):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 7

8

Molti dei trattamenti medici sono nati e si so-no sviluppati insieme alla storia delluomo.Ma soprattutto nel Settecento molte curemediche furono perfezionate o inventate sotto la spin-ta di una cultura illuministica e moderna. Una voltasembravano apportare un contributo valido alla curadelle malattie, oggi ci fanno sorridere o rabbrividire.Alcuni di questi erano addirittura in uso fino a 50 annifa, altri per fortuna definitivamente archiviati anche setalvolta riesumati non tanto per la dimostrata efficacia,ma per il loro valore simbolico e taumaturgico.

Sciroppi e decotti alloppio. Nei primi decennidel 900 non era raro ricorrere agli oppiacei ancheper comuni rimedi fai da te contro raffreddori, inson-nia, crampi mestruali e perch no, la crescita dei den-tini. Per addormentare un bimbo infastidito dalladentizione si poteva ricorrere a sciroppi lenitivi con-tenenti morfina o simili sostanze (questa la pubbli-cit di un noto sciroppo alla morfina, il Mrs. Win-slows Soothing Syrup, in uso in Inghilterra e StatiUniti fino al 1930). La coltivazione del Papaverosomniferum risale alla met del quinto millennioavanti Cristo, circa 6500 anni fa. Intorno al 1522, Pa-racelso fece riferimento ad un elisir a base di oppioche chiam laudano, che significa lodare, in re-lazione alle sue capacit lenitive e psichedeliche. Inmolte regioni dellItalia Meridionale si ricorreva finoagli anni 60 al decotto di papavero somniferum an-che per il mal di pancia dei bambini e neonati.

Clisteri con fumo di tabacco. Nel Settecento sicredeva che un clistere a base di fumo potesse servi-

re come trattamento di rianimazione. Nel 1732 siadott la tecnica di insufflazione di fumo di tabaccoper via rettale per stimolare la ripresa della respira-zione. Persino nel 1918 durante la pandemia influen-zale chiamata spagnola il tentativo principale dirianimazione era linsufflazione rettale di caff e fu-mo di tabacco. Nel Settecento si riteneva che linte-stino fosse lorgano dotato di un collegamento diret-to con lapparato respiratorio, capace di assorbire fa-cilmente le sostanze farmacologiche, e che la stimo-lazione anale fosse unutile sollecitazione per la ri-presa dellattivit cardio-respiratoria. I clisteri a basedi fumo di tabacco erano ritenuti un potente stimo-lante del battito cardiaco; erano diffusi inoltre i cli-

Rimedi e cure mediche tra Empirismo eIlluminismoQuanto cambiata oggi la cultura del benessere?DOTT. MARIO E. DIMPERIODirettore Sanitario Casa di Cura Villa Sandra

Papavero somniferum.

2 D'IMPERIO Rimedi e cure (8-12):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 8

9Rimedi e cure mediche tra Empirismo e IlluminismoDott. MARIO E. DIMPERIOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

steri di fumo di carta, di semplice aria oppure di in-fuso di polvere di tabacco, di camomilla o sostanzeirritanti come sale o aceto. Per insufflare il fumo nelretto vennero costruiti vari strumenti come fornelli,soffietti e cannule. Si trattava di una pratica del tuttocomune tanto che lattrezzatura necessaria venivamontata vicino a canali e corsi dacqua. Si pensavache il retto fosse la via pi diretta per mandare aria aipolmoni, oltre che attraverso la bocca o il naso. Leinsufflazioni rettali a base di fumo furono impiegateper rianimare gli annegati, ma anche per curare altrisintomi, come il mal di testa, crampi addominali, e ledissenterie. Nel 1811, si scoprirono i primi effettidannosi della nicotina sul ritmo cardiaco, ma la prati-ca fu definitivamente abbandonata solo dopo la pri-ma guerra mondiale.

Acqua radioattiva. Ai primi del 900 lacqua ra-dioattiva era ritenuta in grado di curare le malattiementali e prevenire linvecchiamento, per la sua ca-pacit di stimolare lattivit cellulare; solo succes-sivamente viene scoperta lattivit cancerogenadelle radiazioni ionizzanti. Porzioni di acqua radioat-tiva furono impiegate anche per la produzione didentifrici, supposte e contraccettivi.

Sanguisughe. Limpiego delle sanguisughe inmedicina vanta una storia millenaria, anche se il pivasto utilizzo dei parassiti avvenne probabilmente inInghilterra tra il 700 e l800. La loro capacit di ri-succhiare il sangue sporco venne sfruttata per mol-teplici scopi, dalla cura delle malattie polmonari aquella delle epistassi, fino alle guarigioni di ferite arischio cancrena. Oggi vengono ancora impiegate inalcuni paesi per interventi di medicina estetica, pertrattare i casi di eccesso di ferro nel sangue oppureper curare le improvvise crisi ipertensive o lo scom-penso cardiaco acuto.

Urinoterapia. Lurina ha propriet antimicrobi-che, per il suo contenuto di urea, a meno che non siagi contaminata da uninfezione. Eppure bere la pro-pria urina stata una pratica utilizzata per millenni(ed ancora utilizzata) come rimedio contro lacne ela foruncolosi, i disturbi respiratori e il mal di testa.La pratica dellurinoterapia era prescritta dal medicoGaleno nellantica Grecia. Nellantica Roma Plinioconsigliava di trattare con lurina ferite, ustioni, cica-

trici e morsi di animali; inoltre lurina veniva usatacome sbiancante dei denti. Non esistono prove scien-tifiche sulla sua efficacia terapeutica. Viene ancoraimpiegata per disinfettare le ferite o contro le punturedelle meduse, rischiando per di infiammare ulte-riormente la parte colpita. Il ricorso allurinoterapiaper le presunte attivit anti-cancro inizia intorno allamet degli anni 70, ad opera di un medico greco,Evangelos Danopolous. Il dottor Danopolous sosten-ne di aver trattato con successo alcuni pazienti affettida cancro alla pelle, al labbro e al fegato utilizzandoun composto a base di urina. Unulteriore segnala-zione sulla presunta attivit anti-cancro dellurinote-rapia si deve ad un lavoro di Joseph Eldor, nel 1997,ritenuto poi privo di qualunque scientificit.

Terapie psichiatriche.Analizzando le cure per lapazzia si scopre che i primi trattamenti della storiadellumanit erano essenzialmente esorcismi, tortureo rituali a carattere taumaturgico: la malattia menta-le, come quasi tutte le altre patologie dellanima, ve-niva considerata di origine soprannaturale, sacra edunque si poteva immaginare, durante gli stati di sof-ferenza psichica, la presenza di demoni interni, talida governare lanima e il corpo. Ma soprattutto tra ilSettecento e lOttocento si sviluppano terapie psi-chiatriche alcune delle quali saranno in uso fino alsecondo dopoguerra. Tra esse ricordiamo: i bagniprolungati fino a dodici ore al giorno per 15 o 20giorni in cui il malato veniva bloccato in una vascacon la testa imprigionata in un collare di legno; sedierotanti che provocavano vertigini ed uno stato di in-debolimento generale; pompe che, dopo aver immo-bilizzato il paziente, servivano a stordirlo sotto po-tenti getti dacqua o irrigazioni attuate mediante un

Sanguisughe.

2 D'IMPERIO Rimedi e cure (8-12):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 9

10 Rimedi e cure mediche tra Empirismo e IlluminismoDott. MARIO E. DIMPERIOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

filo dacqua fredda lasciato colare sulla testa del pa-ziente; tecniche terrorizzanti per provocare uno sta-to di panico o una reazione allapatia (in alcuni casi imalati venivano appesi ad una corda e lasciati penzo-lare per qualche tempo, mentre si sparavano nelle vi-cinanze colpi improvvisi di pistola o grossi petardi);massaggi elettrici, manette di ferro, cinture incuoio e ferro; sonde metalliche per lalimentazio-ne forzata nei casi di anoressia; tecniche di soffoca-mento in cui si gettava sulla testa del malato un len-zuolo bagnato che veniva stretto sul collo fino a pro-vocare la perdita di coscienza; docce ghiacciate,purghe, e lobotomie (recidere o asportare le connes-sioni della corteccia del lobo frontale del cervello);vibratori per curare listeria femminile, termine concui si indicavano nellOttocento attacchi nevroticimolto intensi che venivano ricondotti a un malfun-zionamento uterino. Vogliamo inoltre ricordare latrapanazione del cranio: una delle pi antichepratiche chirurgiche (vi sono prove del suo utilizzonel Neolitico) serviva come metodo curativo e per ri-muovere gli spiriti maligni dalla mente del paziente.Anche se pu sembrare una pratica cruenta senzapossibilit di successo, se non lexitus, alcuni pazien-ti riuscivano a sopravvivere allintervento; daltrondele pratiche lobotomiche, in uso fino al secondo dopo-guerra, sono una variante della suddetta tecnica.

Pomate e tinture al mercurio. Bench gli effettitossici del mercurio siano noti sin dai tempi degli an-tichi Romani, il mercurio stato, fino a tempi recen-ti, largamente impiegato in campo medico e usatocome antisettico, nella cosmetica e nelle pomate. Co-loro che si ammalarono di sifilide prima dellavventodella penicillina, si videro prescrivere unguenti localio compresse a base di mercurio, sviluppando poidanni irreversibili al fegato, reni e sistema nervoso fi-no alla morte. In questo breve e non esaustivo elenco ho messo

in evidenza alcune pratiche mediche diffuse fino apochi decenni fa, degne di curiosit, ilarit, stupore,a volte orrore Ma ancora oggi la cultura del benes-sere nelle nostre societ occidentali si compenetra diconvinzioni non sempre supportate da serie argo-mentazioni scientifiche, cercando risposte tra medi-cina ufficiale, medicine alternative o tradizionali.

Quanto cambiata oggi la cultura del benessere?

La medicina ufficiale si caratterizza per limpiego dimetodi diagnostici ad alto contenuto tecnologico comeconseguenza delle sue esigenze di misurabilit dei fatticlinici. A livello terapeutico, i suoi principali tratti di-stintivi sono probabilmente il largo uso di farmaci pro-dotti chimicamente e di moderne tecniche chirurgiche.Naturalmente, sono stati soprattutto i farmaci a segnarei grandi successi della medicina ufficiale e ancor oggila prescrizione farmaceutica resta il fondamentale stru-mento terapeutico, spinto dai colossi delle industrie.Nonostante gli innegabili progressi, la medicina clinicaancora oggi mostra per scarsi interessi per gli aspettisociali della salute e della malattia, per gli interventi diprevenzione e per quelli riabilitativi. Questo scarso interesse per la prevenzione e per

gli aspetti sociali del benessere ha prodotto nelle so-ciet occidentali un sempre pi vasto ricorso a medi-cine alternative. Si parla talvolta di medicine com-plementari, a sottolineare la possibile coesistenzacon lapproccio ufficiale; olistiche, per la loro ten-denza ad operare sullessere umano inteso comeunit inscindibile di corpo, mente e spirito; natura-li, per il loro rifiuto di far ricorso a farmaci sintetiz-zati chimicamente, e pi in generale per limportanzaattribuita a uno stile di vita il pi possibile vicino airitmi della natura; dolci e omeopatiche, per il lo-ro approccio non aggressivo. Luso del plurale quidobbligo, poich si ha a che fare con un insieme dirimedi e culture di origine diversissima, accomunatisolo dal fatto di non appartenere n alla scienza bio-medica n alla tradizione popolare.Le medicine alternative, proprio per questa carat-

teristica, sembrano attribuire al paziente non sololattiva responsabilit di guarire, ma anche la respon-sabilit di essersi ammalato. Ci si ammala perchnon si dedica abbastanza attenzione al nostro corpo,alla nostra alimentazione, ai nostri bisogni vitali; per-ch i ritmi stressanti della vita quotidiana innescanoin noi dinamiche auto-distruttive, rispetto alle quali,come si visto, la malattia si presenta come un veroe proprio grido dallarme. Daltra parte, si denuncia talvolta che il rischio di

dipendenza psicologica e persino di ciarlataneria sia-no presenti sia nellambito della medicina alternativa

2 D'IMPERIO Rimedi e cure (8-12):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 10

11Rimedi e cure mediche tra Empirismo e IlluminismoDott. MARIO E. DIMPERIOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

che nellambito della medicina ufficiale. E se il bi-sogno di sicurezza la causa principale del ricorsoa terapie non ortodosse anche il rapporto dei pazienticon il medico improntato ad esigenze psicologichee sociali non strettamente mediche. E allora possiamo tracciare un confine tra medicina

ufficiale, alternativa e tradizionale? Le terapie erbori-stiche, potremmo chiederci, sono pi popolari, pi al-ternative o pi scientifiche? Che differenza c tra ilpotere carismatico del luminare della scienza medica,del pranoterapeuta e quello del guaritore rurale?

OLTRE LA FOLLIA. IL SANTA MARIA DEL-LA PIET: IL MUSEO DELLA MENTEEmanuele Pecoraro (Giornalista e saggista)

Non importante tanto il fatto che in futuro cisiano o meno manicomi e cliniche chiuse. impor-tante che noi adesso abbiamo provato che si pu farediversamente, ora sappiamo che c un altro mododi affrontare la questione; anche senza la costrizio-ne. (Franco Basaglia)

La nemesi storica non sar sufficiente a cancella-re e a riparare le colpe e gli errori del passato. Maquesta storia qui per ricordarceli (Adriano Pallotta)La legge 180 del 1978 di Franco Basaglia ha rap-

presentato un forte discrimine nel pensare il disturbomentale, proponendo una riforma dellassistenza psi-chiatrica ospedaliera e territoriale e un superamentodella logica manicomiale. Sono trascorsi quasi qua-

ranta anni dallistituzione della prima legge quadroche imponeva il trattamento sanitario obbligatorioma, al di l dellefficacia e delle continue proposte direvisione, necessario uno sguardo al passato percomprendere il presente. Lo spunto di riflessioneproviene da due testi di agevole lettura come Sceneda un manicomio (Edizioni Magi) di Adriano Pal-lotta, ex infermiere del Santa Maria della Piet,oggi trasformato in Museo della Mente e I folli(Meltemi Editore) di Franca Romano, antropologa efrequentatrice di alcune case-famiglia situate nelcuore di Roma, nel quartiere di Garbatella. Sono libriche raccontano memorie spesso dolorose, sogni, de-sideri e speranze di persone che hanno avuto il co-raggio di tornare a vivere e di raccontarsi, che inten-dono soffermare lattenzione del lettore sulla dimen-sione umana della sofferenza mentale, troppo spessotrascurata dai saperi specialistici e tecnici.... Il vero dramma quotidiano psicologico scri-

ve Adriano Pallotta , raccontando la sua quarantenna-le esperienza nel nosocomio romano prima della suadefinitiva chiusura. Gli infermieri si trovano comple-tamente soli con le loro responsabilit, da un lato, econ lassurda gestione manicomiale dallaltro... In ma-nicomio se un infermiere vuole alleggerire le dure con-dizioni di vita di un paziente lo fa a proprio rischio epericolo, assumendosene tutta la responsabilit giuridi-ca. Chi tenta di reagire a questa disagiata condizione dimalessere psicologico cozza contro il muro che proteg-

Santa Maria della Piet.

2 D'IMPERIO Rimedi e cure (8-12):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 11

12 Rimedi e cure mediche tra Empirismo e IlluminismoDott. MARIO E. DIMPERIOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

ge listituzione disumanizzante, che produce violenza acatena: di fronte alla violenza dei pazienti, linfermiereparadossalmente diventa aguzzino.... Eppure inizialmente non era cos. Il Santa Maria

della Piet, nei suoi oltre quattro secoli e mezzo distoria, ha subito notevoli trasformazioni. Dalla suaoriginaria sede, sorta in pieno centro a Piazza Colon-na nel 1548 come ricovero per i poveri forestieriche giungevano a Roma in occasione del Giubileodel 1550, venne trasformato nel 1728 in ospedale peri poveri pazzerelli con sede in via della Lungara,allora ben lontana dal centro della citt. Lisolamento del pazzo dal contesto sociale co-

minci a richiederne anche lisolamento fisico dallasociet civile.Nel 1909 per iniziativa del senatore Alberto Cen-

celli sulla collina di Monte Mario cominciarono i la-vori per il nuovo ospedale psichiatrico che inizi afunzionare il 28 luglio 1913 e fu inaugurato ufficial-mente da Vittorio Emanuele III il 31 maggio 1914.La struttura si estendeva su un territorio di 150 ettarie comprendeva 34 edifici in grado di ospitare 1059pazienti (ma il numero fu destinato a triplicarsi!).Mura e reti metalliche delimitavano la citt-giardino,nata al di fuori di Roma e destinata ad esserne inglo-bata. Le finestre erano coperte da una doppia grata diferro e anche lapertura dei vetri era misurata e con-trollata. Le porte, sempre chiuse a chiave, erano vigi-late da infermieri-secondini.Chi entrava al Santa Maria della Piet veniva in-

nanzitutto spogliato e privato della propria identit.Gli abiti venivano depositati in fagotteria per esseresostituiti da camicioni informi e uguali che favoriva-no lannientamento. Anche gli oggetti personali, co-me occhiali, libri e collane, venivano requisiti allen-trata perch considerati contundenti e potenzialmen-te pericolosi. Dallapproccio caritatevole del Settecento si pass

alla medicalizzazione dellet moderna e illuminista.Proprio nellOttocento fecero la loro prima comparsanuove terapie, frutto di un retaggio antico, quasi me-dievale. Le pi utilizzate furono senza dubbio il tran-quillizzatore, una sedia alla quale il paziente venivalegato con la testa posizionata su un sostegno e il gi-rotore, una tavola rotante che immobilizzava tramitecinghie il malato e che veniva fatta girare a velocit

vorticose per favorire il fluire del sangue al cervello.Invenzioni di Benjamin Rusch, considerato il padredella psichiatria americana, che ricordano le torture in-flitte a streghe ed eretici nel Cinquecento. A questemacchine si aggiunsero nel Novecento la malariote-rapia grazie alla quale il paziente era soggetto a feb-bre malariche e salutari spasmi, la insulinoshock-terapia, che induceva il malato a coma diabetici daiquali veniva poi risvegliato, la terapia elettroconvulsi-va, nota anche con lacronimo TEC o elettro-shock, per controllare il corpo grazie al passaggioviolento di scariche elettriche, dapprima sperimentatonel 1938 sui maiali del Mattatoio di Testaccio e anchesulluomo e la lobotomia che comportava la distru-zione chirurgica selettiva delle vie nervose con linten-to di modificare il comportamento. Per questa opera-zione chirurgica, il dottor Antonio Egas Moniz venneaddirittura insignito nel 1949 del Premio Nobel. Lo-biettivo principale era quello di annientare le memorierecenti e ancora oggi ci si chiede quanto potevano es-sere efficaci dato che la memoria costruita sulliden-tit, come elaborazione del proprio passato e possibi-lit di pensare al futuro in termini di cambiamento. Aquesti si aggiunsero i primi farmaci neurolettici e neu-roplegici, paralizzanti delle funzioni nervose, il cuiuso costante modifica nel tempo lefficacia della tera-pia. Come affermato dal neurologo Oliver Sachs lasonnolenza rende confusi i ricordi e i discorsi.E se labbattimento delle recinzioni storia recen-

te, riecheggiano tra quelle pareti le parole di unagrande poetessa, recentemente scomparsa come AldaMerini, che trascorse gran parte della sua vita al San-ta Maria della Piet e cos scriveva: si entra in mani-comio per imparare a morire!.

Elettroshok, dal film Qualcuno vol sul nido del cuculo.

2 D'IMPERIO Rimedi e cure (8-12):Layout 1 01/09/15 13:33 Pagina 12

13

Nel numero di Marzo di questo anno, nella Rivista Quaderni di VillaSandra sono stati pubblicati alcuni degli articoli scritti dal Dott. Carlo Ani-baldi.

In questo numero, continuiamo e concludiamo la pubblicazione dei suoilavori.

Nellinsieme, questa serie di scritti pu esere considerata un unicuum cheaffronta argomenti poco consueti e, apparentemente, relegati in ambiti iper-specialistici.

In realt, come abbiamo fatto notare in precedenza, rappresentano unasintesi del nuovo modo di considerare i fenomeni che caratterizzano questo no-stro mondo, fisico e biologico. Un modo che mette in discussione parte dei dog-mi che hanno caratterizzato la visione meccanicistica delle scienze attualmentepraticata. Che considera la fisica quantistica concetto essenziale per compren-dere fatti apparentemente in contrasto con dettami di ricerca finora utilizzati.

Ci rendiamo conto che i contenuti degli articoli possono apparire ermeticie di difficile comprensione, a una prima lettura, ma ci auguriamo anche chepossano servire da incentivo per approfondire la conoscenza.

Approfittiamo della disponibilit del Dott. Carlo Anibaldi per proporre unmodo alternativo di osservare, sperimentare e teorizzare, con lauspicio che gliargomenti proposti servano da stimolo per osservare il mondo e noi stessi dapunti di vista diversi da quelli a cui siamo abituati da secoli, ormai.

Buona lettura.

La Redazione

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 13

14 La seconda letturaDott. CARLO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Siamo abituati a pensare alla vecchiaia comelanticamera della morte, poich finisce semprecon essa e per questo ci spaventa. Proviamo a ri-considerare la cosa, visto che di l dovremo passa-re, in quanto non s mai vista unanticamera lungaventanni e pi. Ci deve allora essere una buona ra-gione se, pure oramai imbruttiti, mezzi sordi emezzi ciechi e con un filo di fiato e di forza, conti-nuiamo a girare a lungo interno al gorgo che ci in-ghiottir. La vecchiaia degli uomini fra le pilunghe in natura, poich la vita continua molti an-ni dopo che la facolt di procreare si spenta, do-po che le capacit creative in generale sono esauri-te. Ci sar pure un perch a questo, soprattutto seconsideriamo che in natura ben poco o nulla affi-dato al caso. Proviamo allora a considerare che sia-mo corpo e Anima, noi siamo cos, e allora il per-corso delluno non termina se non compiuto ilpercorso dellaltra. Il corpo smette di essere fun-

zionale e indipendente ma non se ne va, poichaspetta lAnima, che generalmente ha tempi parec-chio pi lunghi per svolgere il lavoro, che alla finepossiamo sintetizzare in una parola: capire, capirela natura e la stessa propria vita. Lanima ritorna acasa con noi ogni sera e non di rado ci tiene sve-gli la notte. Il nostro temperamento dunque, quelloche per tanti anni ha determinato scelte, amicizie,amori, abitudini, errori e allora forse il significatodi una lunga vecchiaia quello di capire il nostrodestino, riconnettersi ad esso, per riconoscere quel-la figura che porta il nostro nome e una storia dise-gnata nella nostra faccia. La vecchiaia ci consenteuna seconda lettura delle vicende della nostra vi-ta, le sue contingenze e i tanti momenti sprecati.Non dunque unet triste se la consideriamo unaoccasione irripetibile e imperdibile di vedere la no-stra vita come una metafora e finalmente compren-dere il senso di un lungo cammino.La divisione netta fra anima e corpo del tutto

artificiosa e addirittura, nelle religioni monoteiste,questa spaccatura il centro di ogni cosa che diaun senso al credere. Le cose non stanno cos emeno male... le trasformazioni del corpo e quelledellAnima sono infatti indissolubili... salvo inter-rompere il processo con una cannonata o una col-tellata... o una grave malattia... che comunque non quasi mai solo del corpo e fa perci parte del de-stino che ci scegliamo o ci costringono a scegliereper fame, miseria e umiliazioni infinite, del corpo edella mente.

La seconda letturaDOTT. CARLO ANIBALDICasa di Cura Villa Sandra

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 14

15Il Principio di Peter (ovvero: il tempo dei somari)Dott. CARLO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Il Principio di Peter(ovvero: il tempo dei somari)DOTT. CARLO ANIBALDICasa di Cura Villa Sandra

Nel Nord Europa, Negli Stati Uniti e, recente-mente, anche in Italia sono molti gli studiosi che sisono occupati di questioni connesse alla qualit deiServizi e delle problematiche connesse allout-co-me aziendale, pubblico e privato. Molte delle dina-miche che spesso riteniamo scontate in quanto in-site nellordine delle cose di questo mondo, inrealt sono spesso frutto di pregiudizi sullimmodi-ficabilit dei comportanti e causa del basso profiloche troppo spesso incontriamo nellofferta di servi-zi, pur ad alto costo per la collettivit.Fra i molti postulati utili a definire questo con-

cetto, ho scelto Il Principio di Peter (dello psico-logo canadese Laurence J. Peter che, assieme aRaymond Hull, formulava in chiave satirica ilmeccanismo della carriera aziendale), perch bensi presta alla semplificazione di studi complessi.Un individuo inserito in una scala gerarchica

inizia lattivit con un ruolo preciso, svolgendocompiti precisi.

Se svolge bene i suoi compiti viene promos-so, passando a compiti diversi. Dopo un certotempo, se anche questi nuovi compiti vengonosvolti bene, scatta una nuova promozione. Talipromozioni portano a posizioni dette apicali che,per definizione, devono essere occupate da perso-ne con una spiccata attitudine a risolvere pro-blemi.Il gioco delle promozioni continuer cos fino

al momento in cui lindividuo non sar pi in gra-do di svolgere i compiti assegnati. Da quel puntoin avanti non avr pi promozioni. Ha raggiunto ilmassimo della sua carriera. Per cui ecco il princi-pio: in ogni gerarchia, un dipendente tende asalire fino al proprio livello di incompetenza.Da questo principio discende che ogni posto chia-ve tende potenzialmente ad essere occupato da unincompetente, un soggetto cio in grado di crearepi problemi di quanti possa risolverne. Il chespiega molte cose sul funzionamento di parecchieistituzioni... e del fallimento dei cosiddetti governitecnici. Questi professori che diventano ministriad honorem, diventano degli asini storditi daisuoni in quellambiente nuovo che chiede loro mi-racoli sulla base di esperienze maturate altrove.Le societ anglosassoni, che pur hanno studia-

to questi fenomeni assai prima di noi, sembranoimpigliate in questo meccanismo in misura menodrammatica, probabilmente a causa della maggiordiffusione del pragmatismo della dottrina pro-testante che, come sappiamo, libera da senti-mentalismi ed assai pi rigida nelle questioni diprincipio. Molto difficile che il Direttore delle Ac-que del Tamigi, che ha la responsabilit della na-vigabilit del Tamigi, sia un manager di prove-nienza politica piuttosto che tecnica, oppure addi-

IL PRINCIPIO DI PETERin estrema sintesi curatada Carlo Anibaldi

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 15

16 Il Principio di Peter (ovvero: il tempo dei somari)Dott. CARLO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

rittura un manager privato assunto a suon di mi-lioni di euro dallo Stato per amministrare, senzarischi, i soldi dello Stato stesso, o, peggio ancora,un capitalista senza capitali che privatizzi gli utilie pubblicizzi le perdite. Il messaggio sotteso alprincipio in oggetto, anche in Italia, cominciavafinalmente ad essere recepito e nellaffidamentodi incarichi apicali emergeva la tendenza di confi-dare non tanto sulle persone-brave e/o brave-per-sone, quanto su persone qualificate nello specificocompito di risolvere problemi e conseguire obiet-tivi. Purtroppo nostra abitudine importare daiPaesi avanzati gli scatoloni (legge sulla privacy,management aziendale, controlli istituzionali,ecc...) per poi riempirli dei soliti contenuti di cuisiamo Maestri nel mondo. Siamo infatti tornatisenza vergogna allaffidamento a famiglie e ai fi-di degli incarichi apicali, in quanto lobbiettivo quello di fare o restituire favori, cio stipendi danababbi a spese del contribuente o persone debi-trici al posto giusto, non certo far funzionare la-zienda pubblica affidata. Si riaffaccia insomma ilconcetto borbonico di res publica a valore zerospaccato e della sfera familiare e di clan a valoreassoluto.Ovviamente nella categoria delle persone-brave

e/o brave-persone possiamo includere anche lepersone brave nel farsi raccomandare. Questa pra-tica non certo solo italiana, quello che per ci di-stingue la cuoriosa attitudine a vantarcene piutto-sto che a vergognarcene; in genere siamo infattidisponibili a concedere ammirazione ad un indivi-duo solo per le sue reali o supposte conoscenze

importanti. Tale ammirazione trascende le realicompetenze del soggetto e le sue effettive capacitnel dare soluzioni ai problemi.In definitiva, se da una parte indubbiamente

premiante promuovere Capostazione un bravoMacchinista, oppure Direttore Sanitario un bravoPrimario, o Ministro della Repubblica una bellaballerina, dallaltra, come ha cercato di spiegarciPeter, non sempre detto che questo consolidatomodo di operare faccia gli effettivi interessi dellerispettive aziende e degli utenti che vi afferiscono.La novit di questi ultimi tempi consiste nella

trovata antica dei tecnici nelle stanze dei botto-ni. Talmente antica questa trovata che nei secolis visto che nelle stanze dei bottoni i tecnicinon ci potevano proprio stare, stante che leffi-cienza ed efficacia solo una delle qualit dellapolitica e non pu raccoglierle tutte, altrimenti ba-sterebbe un Duce a far camminare una Nazionecome un treno, in velocit ed efficienza, ma la Sto-ria mostra da millenni che un Duce presto o tardifa carneficina del suo stesso popolo. In definitiva ilPrincipio di Peter mostrer come questi efficientitecnici chiamati a governare, con questa pro-mozione sono arrivati al loro livello di incompe-tenza e a meno di un miracolo creeranno allagente pi problemi di quanti siano in grado dirisolverne.

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 16

17Decrescita responsabile ovvero Latouche in sintesiDott. CARLO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Decrescita reponsabile ovveroLatouche in sintesiDOTT. CARLO ANIBALDICasa di Cura Villa Sandra

A guardarla giorno dopo giorno sui giornali esui telegiornali questa crisi mondiale, siamo no-stro malgrado tentati di seguirla passo passo, traslogan, paure, domande e speranze, entrando in di-scorsi ristretti che tolgono laria e la visione din-sieme. E allora ci ritroviamo a cercare un sal-vatore... ora individuato in un economista di fa-ma, ora in un novello Masaniello. Proviamo invecea considerare il mondo come un laboratorio, co-

me alla fine . In un laboratorio i fenomeni si os-servano e la loro interpretazione non lasciata aidilettanti e ai ciarlatani.

Diagnosi. La disintegrazione del tessuto in-dustriale distrugge la solidariet nazionale e au-menta la distanza tra la media statistica e la va-riazione reale dei livelli e dei modi di vita. Le di-suguaglianze aumentano a tutti i livelli. In ogniPaese, cos come su scala mondiale, si dilatano ledistanze fra i pi poveri e i pi ricchi, raggiun-gendo proporzioni inaudite (**).

Effetti a breve. Il controllo, provvisoria-mente rimpiazzato da una politica industriale allaricerca dei suoi principi, tende a perdere ogniconsistenza. La crisi dello Stato sociale e lo sman-tellamento dei sistemi di protezione sociale condu-cono semplicemente alla crisi dello Stato toutcourt. La spoliticizzazione dei cittadini e la sosti-tuzione delle istituzioni politiche con organi am-ministrativi finiscono con lo svuotare lo Stato-Na-zione del suo contenuto (**).

Effetti a medio-lungo termine. La deterri-torializzazione economica e asociale non sfociatanto in un nuovo ordine internazionale, o anchein un ordine mondiale, quanto in un disordine, nelcaos. Questo disordine gi in atto in molti paesisemi-industrializzati. Un ministro brasiliano hadetto a proprosito della regione di Sao Paulo: una Svizzera circondata da venti Biafra. Questotende a diventare vero su scala planetaria. Laddo-ve c unimpresa, un impianto industriale, com-merciale, un centro di ricerca, che sia a Singapo-re, nella Silicon Valley o nel Katanga, l regneran-no una relativa prosperit, una societ di consu-mi, o addirittura un sostituto regionale dello Stato

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 17

18 Decrescita responsabile ovvero Latouche in sintesiDott. CARLO ANIBALDICASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

sociale. Laddove non c mai stato nulla, laddoveimprese o uffici hanno chiuso i battenti, al Nordcome al Sud, emergono o persistono miseria e po-vert senza protezione sociale di alcun tipo e senzasolidariet. In questo mondo a macchia di leopar-do la politica scompare, mentre lamministrazionee la burocratizzazione si rinforzano, e gli apparatidi polizia diventano autonomi per gestire tensionispersonalizzate (**).

Rimedi. La societ post-industriale era imma-ginata come la societ del futuro, basata sui servi-zi, ad ogni livello... ed i beni, quelli attualmenteprodotti nelle fabbriche, sarebbero stati forniti dal-lattuale terzo mondo in espansione economica.Ma le cose non sono andate come previsto, poich

i modelli non hanno tenuto conto del fattore A...Avidity... che avrebbe dovuto essere sotto controllocostante grazie ad una legislazione ad hoc. Ma illegislatore, ovunque, s mostrato succube del po-tere finanziario e sappiamo come andata a fini-re. I rimedi suggeriti dallosservazione del labora-torio-mondo sono dunque orientati al contrarioesatto di ci che lo sta portando al disastro, e cioindirizzati alla decrescita e alla localizzazioneintesa come non globalizzazione, che abbimo vistolasciare indietro interi pezzi di mondo, e ovvia-mente allabolizione del PIL come strumento perla misura di benessere, che in una visione olisticadegli esseri umani davvero lultima cosa da con-siderare.La decrescita responsabile un concetto filoso-

fico prima che economico e dunque non pu esse-re imposto per legge, ammesso che appaiano sullascena legislatori tanto lungimiranti, e dunque ne-cessita di farsi strada nei singoli come la Weltan-shauung del terzo millennio, un vero capovolgi-mento della visione del mondo... il solo modo persalvarlo dal disastro incombente, dove la guerranucleare dei nostri incubi solo una metafora delNWO, il Nuovo Ordine Mondiale che alla fine farsolo un gran cumulo di macerie...

(**) Bibliografia Serge Latouche (Vannes, 12 gennaio 1940 un economista eun filosofo francese, sostenitore della decrescita conviviale e del localismo).Serge Latouche

3_sec. lett. C Anibaldi (13-18):Layout 1 01/09/15 13:34 Pagina 18

19

Bisogna ricordare che dal punto di vista inge-gneristico la progettazione e la realizzazio-ne delle moto ha fatto passi da giganti. Og-gi esistono moto che soddisfano tutte le esigenzead ogni et. Questo ha comportato, sulle strade, unaumento esponenziale di motociclisti novizi. Traquesti molti sono i motociclisti over 60 che han-no realizzato da grandi il sogno di una vita: lapropria motocicletta. Ma nonostante la maturitmanca spesso la saggezza di come affrontare lamoto:

Abbigliamento spesso inadeguato, con il caldopolo e mocassini!!. Caschi alla moda e poco sicuri. Posizione in sella istintiva e poco efficace. Carente preparazione fisica. Pericolosa ostentazione nel farsi vedere

(Fig. 1). La soluzione saggia di queste problematiche

ci guida nel campo della sicurezza.Chi va in moto resta giovane: usare la moto

ogni giorno un modo per fare ginnastica al cer-

Moto, viaggi e mal di schienaPROF. DOTT. ANTONIO GABRIELEMedico-ChirurgoSpecialista in: Ortopedia - Traumatologia - Fisiokinesiterapia - Patologia della cartilagine

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 19

20 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

vello ed al corpo. certamente un modo pi prati-co ed economico per muoversi rispetto allauto efunziona anche per chi inizia tardi. Questo il ri-sultato degli studi del team di ricercatori di BrainTraining (Nintendo DS): utilizzare regolarmente lamoto apporta benefici reali sia dal punto di vistadella reattivit cognitiva sia dal punto di vista del-lattenzione. Maggiore memoria e migliore elasti-cit mentale. Sembra che i motociclisti fedelimostrino maggior attenzione sul lavoro e maggiorbenessere generale forse perch guidare la moto pi faticoso che guidare qualsiasi altro mezzo.Questa fatica nel tempo si trasforma in allenamen-to psico-fisico. Risulta che il beneficio si apprezzianche per i diabetici cronici: lesercizio fisico con-tinuo di chi va in moto, come la palestra, riduce idosaggi di insulina necessari per condurre una vitanormale. Il mito delle due ruote da sempre appassiona le

generazioni, dal 1885 quando lingegnere tedescoGottlieb Dalmier invent la prima motocicletta

(telaio in legno e primo motore alimentato a ben-zina) ad oggi molta strada stata percorsa. Spettaallinglese Holden aver realizzato la prima moto-cicletta con propulsore a quattro cilindri, ma deifratelli Werner la motocicletta che raggiungeva 35Km/h. In Italia il 1909, 1913 ed il 1921 sono annistorici perch nascevano rispettivamente la Gile-ra, la Della Ferrara e la Guzzi. Gli anni 20 sonostati quelli che hanno visto la prima comparsadelle motociclette sulle strade. Simbolo di velo-cit, coraggio e modernit: diventa ben prestoqualcosa di irrinunciabile per chi pu permetter-sela, inarrivabile per chi non ha le possibilit manutre questo sogno proibito. Negli anni 60 le dueruote diventano un mezzo di trasporto di massacon il trionfo dellindustria italiana: Guzzi, Gile-ra, Parilla, Laverda, Benelli e Ducati (Fig. 2);battute sul campo la Triumph e la BMW, mentrele moto giapponesi non erano ancora presenti.Lindustria italiana imperversa poi con la Lam-bretta e con la Vespa (un mito tutto italiano). Do-po un periodo difficile degli anni 70 dovuto al-levoluzione dellautomobile, negli anni 80 lamoto ritrova i suoi fasti: giungono nel mondo lemoto giapponesi. Si presentano sullo scenariomoto da enduro, moto custom, moto da corsa,moto giganti dai motori possenti, ed anche tra gliadolescenti nasce la moda del motorino. Nondimentichiamo la Piaggio (Ciao, Si ed i vari mo-delli della Vespa). Negli anni 90 nasce una nuovagenerazione di moto: gli scooteroni. Dalla lineaaccattivante, agili, potenti (come una vera e pro-

Fig. 1 - Motociclista tutto fuori norma: casco, protezioniecc...

Fig. 2 - Ducati Scrambler anni 70.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 20

21Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

pria moto) si mostrano particolarmente versatilinel traffico cittadino: spostamenti in breve tempoe facilit nel trovare parcheggio. Lo sviluppo suc-cessivo dellingegneria meccanica e del design haportato poi altri prodotti: Custom, Naked, Carena-te. Le Carenate presentano una particolare cura

nellaerodinamica per aumentare le prestazioni. Inquesti casi il design anche il modo per caratteriz-zare questi modelli. Le Naked sono concepite senza protezioni aero-

dinamiche per permettere cos al proprietario dipersonalizzarle con una serie di accessori. Le Custom nascono in America (HARLEY-DA-

VIDSON) e trovano subito un mondo di estimatori.La ruota anteriore spostata in avanti rispetto al ma-nubrio, le cromature particolari, la moltitudine di ac-cessori le rendono preziose nella loro personalizza-zione: rendere la moto customize (personalizzata),unica per una serie di accessori infiniti (Fig. 3). Ogni moto caratterizzata da alcune misure

che determinano il suo comportamento dinamicoed il tipo di utilizzo. La geometria tutto e defini-sce le misure principali della ciclistica. La programmazione ingegneristica nel campo

delle motociclette ha portato allo studio di moltis-simi tipi di telai, adatti per ogni esigenza (Fig. 4);tutto questo per combattere le vibrazioni prodottedalla meccanica motoristica e dalla strada. La vi-brazione unenergia meccanica che entra nel cor-

po attraverso una superficie di continuit. Le vibra-zioni possono essere trasmesse attraverso le mac-chine o le superfici con cui luomo viene a contat-to, ed a seconda delle parti del corpo coinvoltevengono distinte in vibrazioni trasmesse al corpointero e vibrazioni trasmesse ad una parte delcorpo, al sistema mano-braccio. Le vibrazioni trasmesse al corpo intero (quelle

che attualmente ci interessano) son divise in vibra-zioni a bordo di macchine mobili o in prossimit dimacchine fisse; interessano tutto il corpo con pre-valenza del tronco e possono causare, a lungo an-dare, problemi circolatori, osteoarticolari (discopa-tie del rachide), neurologici (s.t. carpale), tendinei.Le vibrazioni trasmesse al corpo intero (whole

body vibration-WBV) possono essere determinate da: Macchine semoventi su gomma o cingoli

(escavatrici, trattrici, carrelli elevatori...); in questocaso le vibrazioni interessano i conducenti (seduti)e si trasmettono attraverso i sedili di guida. Mezzi di trasporto su gomma (autobus, ca-

mion, auto, moto), mezzi di trasporto su rotaia (tre-

Fig. 4 a - Telaio per moto chopper; b - sua applicazione.

(b)

(a)

Fig. 3 - Forse una eccessiva personalizzazione!

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 21

22 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

ni, tram, metropolitana), aeromobili (aerei, elicot-teri) imbarcazioni (lacustri, lagunari, marittime). Inquesto caso le vibrazioni interessano i conducenti,il personale di bordo ed i passeggeri e si trasmetto-no attraverso i sedili, i pianali, i lettini). Macchine fisse (magli, telai, mulini, rotati-

ve...) impiegate negli stabilimenti di metalmecca-nica, tessili, stamperia. In questo caso le vibrazioniinteressano i lavoratori in piedi e si trasmettono at-traverso il pavimento o le piattaforme metallichedelle macchine. Certamente a noi interessano imezzi di trasporto dove le vibrazioni sono prodottedal motore (regime di rotazione) e dalla traslazionedel mezzo (superficie di scorrimento, velocit, in-terfaccia mezzo-superficie). I disturbi che mag-giormente derivano dalle vibrazioni di questo tipodi mezzo sono causati dallinterazione con il man-to stradale. Classifichiamo: superamento di un gradino o di una buca, usual-

mente trattati nel dominio temporale (eventi discreti); irregolarit della superficie stradale, trattata

nel dominio delle frequenze (eventi casuali-ran-dom).

Patologie da vibrazioni trasmesse a corpo intero

Disturbi e lesioni a carico del rachide lomba-re: lombo-algie, lombo-sciatalgie, spondilo artrosi,osteocondrosi intervertebrale, discopatie, ernielombari... (Tav. I). Lesioni dellapparato cervico-brachiale. Danni al sistema nervoso periferico. Danno al sistema circolatorio. Danni al sistema gastroenterico. Danni al sistema produttivo (maschile e fem-

minile).Agli effetti dovuti alla traslazione del mezzo bi-

sogna aggiungere:Valori di picco come gli urti, le scosse e le buche. Posture scomode come posizione seduta a

lungo, torsione del tronco, guida scorretta col bu-sto molto flesso in avanti. Basse temperature, umidit e ventilazione. Stress.

Le vibrazioni possono, quindi, indurre lesioniallapparato muscolo scheletrico attraverso i se-guenti meccanismi: Sovraccarico meccanico dovuto a fenomeni di

risonanza della colonna vertebrale (nellintervallodi frequenza tra 3-10 Hz) con conseguente danno acarico dei corpi vertebrali, dischi ed articolazioniintervertebrali: linsorgenza delle patologie lomba-ri aumenta con laumentare della durata e dellin-tensit dellesposizione a vibrazioni trasmesse alcorpo intero (Fig. 5). Eccessiva risposta contrattile dei mm paraver-

tebrali, causata da intenso stimolo vibratorio e con-seguente fenomeno di strain e di affaticamentomuscolare. Le vibrazioni possono indurre lesioni a carico

dei dischi intervertebrali e delle superfici articolari:

Fig. 5 - Molteplici cause del mal di schiena.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 22

23Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Il disco intervertebrale, con lavanzare del-let, riduce progressivamente il suo contenutoidrico, il suo volume lelasticit delle sue strutturecentrali e periferiche (Fig. 6). Traumi ripetuti pro-ducono soluzioni di continuo nel disco con fuoriu-scita di ernie, compressioni radicolari e danni tal-volta irreversibili. Fenomeni degenerativi pi avanzati e pi dila-

zionati nel tempo possono essere causa di spondiloartrosi: alterazioni associate del disco interverte-brale e dei piani ossei adiacenti. Anche questa pa-tologia pu causare compressioni midollari e feno-meni reattivi ossei importanti. Il mal di schiena, del motociclista, ha molteplici

cause: Eccessive vibrazioni del mezzo. Scorretta posizione di guida. Continui e scorretti movimenti di torsione ed

estensione. Cattive condizioni della sella (la sella come le

scarpe quello che inizialmente sembra comodo conluso pu diventare uno strumento di tortura). Le sel-le sono disponibili in diverse versioni e diverse altez-ze. Nel determinare la caratteristica della sella non solo la forma ma anche limbottitura: un materialeespanso troppo rigido pu diventare una tortura, alcontrario se cede troppo velocemente, la posturapeggiora causando dolori nella zona della seduta, al-la schiena ed alle gambe) (figure dal catalogo HD). Manutenzione del mezzo trascurata.

Fretta nella partenza in moto (mancanza diuna ceck-list).La protezione del motociclista e del passeggero

inizia con lo studio del telaio, come detto preceden-temente, continua con quella del motore, dei pneu-matici, degli ammortizzatori anteriori e posteriore,degli ammortizzatori di manubrio e termina con lostudio della sella. Lo sviluppo informatico associa-to allo studio ingegneristico ha portato a risolverequasi tutte le problematiche pi importanti inerentialla moto: meccanica che vibra e che percorre su-

Fig. 6 - Patologia erniaria di un disco intervertebrale.

Protrusion in diskput pressure on nerve

Cross section and lateral views of lumbar disk

Tavola I - I parametri che possono influire sulle vibrazioni sono legati non solo al tipo di mezzo,ma anche al tipo di percorso,alla velocit di translazione, a fattori casuali (frenate improvvise ...)

ed a fattori soggettivi (tipo di guida)

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 23

24 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

perfici non omogenee. Basta pensare alla evoluzio-ne delle forcelle e degli ammortizzatori posteriorivarie forcelle dal capitolo. Quando si trattano i pro-blemi di smorzamento delle vibrazioni (ammor-tizzazione) bisogna soddisfare alcuni requisiti ri-chiesti alle sospensioni durante la marcia: Tenuta di strada. Stabilit. Controllo dellassetto. Confort.

IL PILOTA

In moto il pilota dovrebbe avere una inclina-zione del busto rispetto al terreno parallela al-lasse della tibia (Fig. 7). Questa posizione favo-risce la corretta ripartizione del peso tra seduta,pedaline e appoggio del piede, mani e braccia sulmanubrio. Le braccia sono allora naturalmentedistese e in pressione sulle manopole caricandocos lavantreno e mantenendo un controllo attivodel mezzo. La zona lombare resta cifotica percontrastare la retroversione meccanica del ba-cino in posizione seduta. La colonna dorsale al-lineata, le scapole sono fissate. ln questa posi-zione il capo in posizione orizzontale senza ec-cessivo stress sul tratto cervicale, che gi vienesollecitato moltissimo dal peso del casco e dallaforza dellaria.

IL PASSEGGERO

Il passeggero in moto non deve ostacolare i mo-vimenti del pilota: Non deve girarsi o alzare repentinamente la testa. Non deve muoversi sulla sella assestarsi so-

prattutto in curva. Deve accompagnare con il suo corpo i movi-

menti del pilota. Deve evitare di compromettere la stabilit del

veicolo. Deve fare attenzione alla strada per essere

pronto ad improvvise frenate o a cambi repentini didirezione. Il suo abbigliamento deve essere simile a

quello del pilota (casco, paraschiena, protezioni ri-gide sulle articolazioni, scarpe alte e guanti). Necessario linterfono per comunicare con il

pilota senza spostarsi dal proprio asse di equilibrio. Deve scegliere con il pilota la posizione miglio-

re di viaggio (in rapporto al tragitto ed al tipo di mo-to): posizione appollaiata, posizione abbracciata eposizione aggrappata ai supporti della moto.Quindi la struttura che risente di pi della moto

e del terreno la colonna. Il tratto cervicale che sopporta il peso del casco

(fortunatamente oggi sempre pi leggero) il trattopi esposto ai traumi ed agli stress c1imatici. Posturesbagliate, percorsi sconnessi, la forza dellaria sonocause frequenti di cervicoalgie. Un adeguato abbi-gliamento ed una mirata ginnastica possono aiutarcia combattere il mal di collo (Fig. 8 a, b).In sella si assiste alla retroversione del bacino (Fig.

9 a, b, c); la colonna lombare per contrastare questaretroversione si atteggia in cifosi, perdendo la suacurva fisiologica e subendo in pieno i traumi dellamoto Fig. 10 a, b, c, d. Bisogna eseguire degli eserci-zi a protezione del tratto lombare per costruirsi unbusto di muscoli (Fig. 11).Il tratto dorsale un fisiologico ammortizzatore

posto tra la cervicale e la lombare. Sostiene lebraccia in continua tensione per il controllo attivodel mezzo (Fig. 12 a, b, c, d).Una mirata e costante preparazione ginnica ci

permette di affrontare la moto e la strada nelle mi-gliori condizioni fisiche (Fig. 13 a, b).Fig. 7 - Posizione corretta del pilota.

Posizione corretta Posizione errata

In moto ancor pi che in automobile, si subiscono contraccolpi che si pos-sono tradurre in veri e propri microtraumi per i dischi intervertebrali, quan-do la postura adottata non quella corretta. Appoggiare sulla sella la zo-na corrispondente alle tuberosit ischiatiche. Mantenere la colonna alli-neata. La testa sar sul normale prolungamento del collo mentre i piedisaranno ben appoggiati. Cercare di mantenere la zona delle spalle rilas-sata evitando di tenere le mani troppo strette sul manubrio.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 24

25Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Fig. 8 a - Esercizi per i mm.sacro-spinali cervicali e trapezi.

(a)

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 25

26 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Segue Fig. 8 b

(b)

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 26

27Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Fig. 9 a - Colonna lombare-bacino nella stazione eret-ta; b - Colonna lombare-bacino nella posizione sedutacon antiversione del bacino; c - colonna lombare-bacinonella posizione seduta con retroversione del bacino.

Fig. 10 a - Posizione corretta in moto. b - Posizione scorretta dovuta all'affaticamento. c - Posizione eccessivamenteanteriorizzata. d - Posizione eccessivamente posteriorizzata (dott. Luca Russo).

Durante i lunghi viaggi, i tratti in rettineo sono quelli che maggiormente stancano la colonna vertebrale, la zonapolplitea e pubo-iliaca (ovvero la parte posteriore del ginocchio e la zona anteriore delle anche n.d.f.): rispetti-vamente la prima mantenuta in statica isometricamente dalla muscolatura che tende a stancarsi nel tempo,le seconde invece restando con un angolo chiuso tendono a limitare il flusso sanguigno che vi circola. I tratti distrada guidati, invece, permettono il movimento della colonna vertebrale e la relativa modifica dellangolo al gi-nocchio e dellanca, favorendo cos rispettivamente la contrazione e decontrazione della muscolatura paraver-tebrale e il circolo di sangue nelle zone poplitea e dellanca che sono due passaggi importantissimi della circo-lazione sanguigna. Iniziamo allora con il descrivere il corretto allineamento posturale dei segmenti corporei du-rante un viaggio prolungato in moto. Come sottolineato nelle righe precedenti queste indicazioni dipendonospesso strettamente dalla tipologia di mezzo che si guida (turistica, stradale, enduro) ma allo stesso tempopossono essere adattate da ognuno al proprio mezzo e stile di guida. Il busto dovrebbe avere uninclinazione ris etto al terreno parallela allasse della tibia. Questa condizione favorisce la corretta ripartizione del peso tra seduta, pedaline e appoggio del piede, mani ebraccia sull manubrio. Le bracci sono allora naturalmente distese e in pressione sulle manopole caricando coslavantreno e mantenendo un controllo attivo del mezzo. La zona lombare naturalmente arquata contrastan-do la retroversione meccanica che il bacino subisce in posizione seduta. La zona dorsale allineata e le sca-pole sono spinte posteriormente e in leggera adduzione. Il capo in questa poszione in una naturale posizioneorizzontale senza eccessivo stress sul tratto cervicale che viene sempre sollecitato moltissimo durante i viaggiin moto a causa del peso del casco e dellaria che deve affrontare.

(d)

Sullaltro opposto abbiamo poi la postura eccessivamente posteriorizzata che invece impone alle braccia di es-sere oltremodo distese caricando quindi in minima parte lavantreno. Il peso del corpo risulta essere posterioriz-zato e la schiena, troppo verticale, soffre dellassenza di curve dorsali e lombari gravando cos il peso in manie-ra verticale sui dischi intervertebrali. Anche in questa posizione il controllo del mezzo potrebbe risultare ridotto.

(a)

Postura scorretta da estremo affaticamento: la fatica di guida, la resistenza dellaria, la tipologia di seduta delmezzo e le caratteristiche posturali presonali possono indurre il motociclista ad assumere posizioni raccolte. Laschiena crea ununica curva e la zona lombare va in inversione rispetto alla sua posizione naturale, mandandocos in sofferenza i dischi intervertebrali specie in caso di scaffe del terreno o ancor peggio di marcate vibrazio-ni del mezzo che spesso sono presenti nelle zone delle pedaline o della sella. In questa posizione le bracciasono scariche e non si appoggiano correttamente sul manubrio facendo perdere carico allavantreno, il pesodel corpo prevalentemente posteriorizzato. Infine il capo orientato verso il basso, il che favorisce una situa-zione di iperestensione della zona cervicale per la naturale necessit di orizzontalizzazione dello sguardo.

(b)

(c)

Postura eccessivamente anteriorizzata: anche posizione in sella spesso dovuta alla stanchezza di guida. Si evita ri-spetto alla precedente di curvare eccessivamente la schiena scivolando anteriormente sulla sella. In questa posizionela colonna vertebrale relativamente allineata, ma le braccia sono piegate e non, scaricano pi il peso sul manubrioconsentendo cos la gestione pronta e rapida dello stesso. Le zone pi inficiate da questa postura in sella sono la zo-na poplitea e lanca che risultano essere molto chiuse, specie quella poplitea, limitando di conseguenza il passaggiodi sangue. Le ginocchia inoltre risultando anteriorizzate non consentono al piede di scaricare correttamente il pesosulle pedaline. Il peso del corpo in questo caso risulta essere anteriorizzato il che offre una sensazione di maggiorcontrollo del mezzo al pilota che poi nei fatti annullata dalla posizione errata delle braccia e dei piedi.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 27

28 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Fig. 11 - Esercizi per il potenzia mento generale: arti superiori, colonna, arti inferiori.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 28

29Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Fig. 12 a, b - Esercizi di potenziamento del tratto dorsale ed arti.

Esercizi: C. A quattro gambe(a)

(b)

C. Sdraiati sul ventre su un letto di traverso

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 29

30 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Segue Fig. 12 c

(c)

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 30

31Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Segue Fig. 12 d

(d)

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 31

32 Moto, viaggi e mal di schienaProf. Dott. ANTONIO GABRIELECASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

Fig. 13 a, b - Alcuni semplici esercizi di mobilizzazione bacino e colonna (dott. Luca Russo).

Di seguito si proprongo dei piccoli movimenti di mobilizzazione del bacino che possono risultare molto utili durante i lunghi viaggi per offrire beneficio alla colonna vertebrale che tende a restare spesso inqueste posizioni che abbiamo appena descritto. Il primo esercizio serve a riattivare il bacino sul piano sagittale e a comprendere quale sia la posizione meno faticosa e pi piacevole per la propria schiena.Come visibile in fotografia bisogna fare unarco con la zona lombare (antiversione del bacino) e poi una gobba con la stessa zona (retroversione del bacino), mentre tutti gli altri segmenti restano immobili. Il secondo esercizio ha lo scopo invece di mobilizzare il bacino, le spalle e la colonna vertebrale in toto sul piano frontale attraverso un movimento di inclinazione ed arco laterale aumentando la spinta sullasella di una natica per volta scaricando laltra. Tutte le altre zone del corpo restano ferme.

Si suggerisce di non svolgere mai questi movimenti in sella se non si ha la piena padronanza del mezzo e soprattutto la giusta conoscenza del movimento da svolgere onde evitare di perdere il controllo delmezzo. In questi casi sarebbe quindi preferibile fermarsi di tanto in tanto durante il viaggio e svolgere questi movimenti in sella a veicolo spento oppure scendendo dalla motocicletta e associando a questiesercizi delle lente ed ampie rotazioni del busto da entrambi i lati mantenendo le mani in appoggio sulle anche.

(b)

(a)

Al termine del viaggio sempre preferibile svolgere esercizi semplici di allungamento dei muscoli posteriori della coscia e del polpaccio (un esempio in fotografia)dal momento che per molto tempo questa muscolatura permane in una posizione meccanica di accorciamento e necessita quindi di essere stimolata in allunga-mento per migliorare il senso locale di benessere.

4_GABRIELE Moto Viaggi (19-32):Layout 1 01/09/15 13:35 Pagina 32

33

FORSE NON TUTTI SANNO CHE...

A cura di:DOTT. LIVIO FALSETTOConsulente Scientifico Casa di Cura Privata Villa Sandra, Roma

Aspirina di sera, buon giorno si speraDOTT. LIVIO FALSETTOConsulente Scientifico, Casa di Cura Villa Sandra, Roma

Se laspirina fosse stata inventata oggi non sa-rebbe in commercio perch non avrebbe po-tuto superare il vaglio della FOOD ANDDRUGS ADMINISTRATION: i suoi effetti collatera-li indesiderati, soprattutto sullo stomaco, non neavrebbero consentito luso medico. Per fortuna fuscoperta oltre un secolo fa e, con qualche alto ebasso, oggi lacido acetilsalicilico viene prodottosenza restrizioni nella quantit di 50.000 tonnellatelanno. superfluo elencare tutte le propriet diquesto glorioso farmaco. Ci limitiamo, in questasede, ad evidenziarne lultima pubblicata di recente

sul EUROPEAN JOURNAL OF CARDIOVASCU-LAR PREVENTION AND REHABILITATION daun gruppo di ricercatori finlandesi: laspirina hauna discreta attivit ipotensiva. Questi studiosi,ispirati da precedenti osservazioni di colleghi spa-gnoli dellUniversit di VIGO e SANTIAGO DICOMPOSTELA che nel 2005 avevano segnalatoquesta azione sulla pressione arteriosa (pubblica-zione sul JOURNAL OF THE AMERICAN COLLE-GE OF CARDIOLOGY), hanno ripreso gli studi suquesto argomento.

Hanno arruolato circa ottocento pazienti, tutti

rubr

ica

Acido acetilsalicilico

5_ASPIRINA Falsetto (FORSE NON TUTTI (33-34):Layout 1 01/09/15 13:36 Pagina 33

34 Aspirina di sera, buon giorno si speraDott. LIVIO FALSETTOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

ipertesi medio-moderati, e diviso questi in duegruppi, seguendoli per un periodo di un anno conripetuti monitoraggi pressori.

Al primo gruppo hanno prescritto un adeguatostile di vita (dieta, attivit fisica) oltre ad una blan-da terapia medica; al secondo hanno aggiunto unaaspirina da 100 mg al giorno, da assumere solo lasera dopo il pasto. Solo in questo secondo grupposi registrato un sensibile abbassamento dellapressione arteriosa (tra 5 e 10 mmHg) sia sistolicache diastolica.

Al contrario degli iberici che non erano riuscitiad individuare la ragione di questa sorprendentecapacit terapeutica, ipotizzando soltanto un lega-me tra Aspirina e sistema renina-angiotensina-alfo-sterone (RAAS), i finlandesi, da buoni esegetidella fisiopatologia e farmacologia, hanno indivi-

duato il vero meccanismo dazione. Il razionale diquesto studio risiede nelleffetto molecolare deiFANS: questi agiscono inibendo la produzione del-lisoforme di ciclossigenasi 1 e 2 (COX 1 e 2). Tut-ti gli antinfiammatori non steroidei di questa so-stanza causa aumento della pressione arteriosa me-dia per uneffetto vasocostrittivo e per antagoni-smo con alcuni farmaci ipotensivi come i beta-bloccanti e gli inibitori del sistema renina-angio-tensina. LAspirina, al contrario, ha un effetto mag-giore di inibizione della COX-1 con conseguentespiccata azione antiaggregante e vasodilatativa.

Felix Hoffmann (1868-1946). Nato a Ludwig-sburg in Germania, si laure in chimica e far-macia allUniversit di Monaco nel 1893. Nel-lagosto del 1897 sintetizz per conto dellaBAYER due farmaci: lAspirina e lEroina, ag-giungendo un gruppo acetilico (CH3CO) ri-spettivamente allacido salicilico e alla morfina.Allacido acetilsaliciliso stato dato il nome di ASPIRINA dove A sta per ACETIL e SPIRIN dalla SPIREA un arbusto, fonte al-ternativa di acido salicilico pi economico diquello estratto dalla corteccia del SALICE.

5_ASPIRINA Falsetto (FORSE NON TUTTI (33-34):Layout 1 01/09/15 13:36 Pagina 34

35rubrica

MALATTIE E SINDROMI RARE

A cura di:DOTT. LIVIO FALSETTOConsulente Scientifico Casa di Cura Privata Villa Sandra, Roma

Sindrome di GilbertDOTT. LIVIO FALSETTOConsulente Scientifico, Casa di Cura Villa Sandra, Roma

La Sindrome di GILBERT un disordine ereditario del metabolismo della bilirubina, pigmentoderivato dal catabolismo dei globuli rossi invecchiati o danneggiati. Questa condizione, descritta perla prima volta da A.N. GILBERT e da D.A. LEREBOULLET nel 1901, abbastanza frequente nellepopolazioni di razza caucasica (5-6%), molto meno in quella europea e mediterranea. Si manifestageneralmente dopo la pubert soprattutto negli individui di sesso maschile.Il pi delle volte innocua e priva di sintomi con unaspettativa di vita assolutamente normale.Le modalit di trasmissione della mutazione genetica che determina la inadeguata sintesi e/o atti-

vit dellenzima URIDINA DI FOSFOGLUCONATO GLUCURONILTRANSFERASI - ISOFORMA1A1, coinvolto nel metabolismo della bilirubina, non sono ancora del tutto chiarite. La trasmissionea carattere autosomico-recessivo appare, attualmente la pi plausibile.Le persone che possiedono una copia del gene alterato non presentano la malattia. Per avere la

patologia necessario avere due copie anomale.Lenzima suddetto (UGT 1A1) a livello epatico capta la bilirubina, la coniuga rendendola idroso-

lubile (bilirubina diretta) per poter essere eliminata, attraverso le vie biliari, nellintestino.

Lentit del deficit enzimatico pu esserecompreso tra il 20 e il 70% del valore nor-male, determinando la diversa espressioneclinica e gravit sintomatologica della malattia.I livelli di bilirubinemia, generalmente, sono di

poco superiori alla norma e la malattia completa-mente asintomatica. Nei casi in cui la quantit pi elevata, superando il valore di 2,5 mg/dl, oltreal subittero, compaiono altri sintomi aspecifici co-me dolenzia addominale, dispepia, cefalea, males-sere generale. Nel paziente con Sindrome di Gil-bert sintomatica, anche la produzione di insulina leggermente superiore alla norma e non costante

6_SINDROME GILBERT Mal. e sind. (35-36):Layout 1 01/09/15 13:36 Pagina 35

36 Sindrome di GilbertDott. LIVIO FALSETTOCASA DI CURA PRIVATA

VILLA SANDRA

no metabolizzati dal fegato per la carenza di UGT1A1 causando effetti collaterali dovuti allaccumu-lo. Tra queste sostanze vengono ricordate: Atazanavir e Indanavir (inibitori delle pro-

teasi) usati contro linfezione HIV. Irinotecan chemioterapico usato per alcuni ti-

pi di cancro. Gemfibrozil e Statine. Paracetamolo.

DIAGNOSI

Importante la diagnosi differenziale in caso diittero o subittero con altre malattie epatiche che simanifestano con iperbilirubinemia. Ci possibilecon semplici esami di laboratorio in quanto la Sin-drome di Gilbert non comporta danni funzionali alfegato, che quindi non presenter ALT, AST, GGTalterati, la sintesi proteica epatica (valutabile me-diante PT, PTT, albuminemia, protidemia...) sarnella noma, lemocromo non presenter eritrocito-penia (da possibile emolisi).Un metodo economico per diagnosticare il Gil-

bert consiste nel test del digiuno. Se dopo una gior-nata di ridotto apporto calorico (una fetta di pane,una fettina di carne e un po di frutta) la bilirubinasale, mentre tutti gli altri parametri restano nei ran-ge di riferimento suggestivo di Gilbert. Sono co-munque disponibili test genetici per fare diagnosimolecolare di Gilbert.

TERAPIA

Trattandosi di una malattia genetica, la Sindromedi Gilbert non conosce ancora cure adeguate; tutta-via, poich nella maggior parte dei casi non deter-mina alcun problema, in genere non necessita di al-cun trattamento. Il paziente con Sindrome di Gilbertviene comunque invitato a seguire uno stile di vitapi attento alla salute del proprio fegato, evitandolacqua fluorurate (il fluoruro un inibitore enzima-tico) e determinati eccessi alimentari (alcolici, frittu-re, alimenti ed integratori proteici, e cibi ricchi digrassi, specie se cotti); inoltre utile imparare a ge-stire lo stress e cercare di prevenire le infezioni, an-che le pi banali (ad es. lavandosi spesso le mani).

Augustin Nicolas Gilbert (Buzancy 1858-1927). Si laure in medicina allUniversit diParigi ed esercit la professione, insegn me-dicina e Terapia medica presso il polo universi-tario HOTEL DIEU DE PARIS. Pubblic nu-merosi articoli e libri, il pi noto dei quali ilTRAIT DE MEDICINE ET THERAPEUTI-QUE in 10 volumi.Viene ricordato anche per la descrizione dellaSindrome (della quale leponimo) legata adun deficit enzimatico ereditario, con alterazionidel metabolismo della bilirubina.

Dominique Auguste Lereboullet (pinal 1804- Strasburgo 1865). Zoologo e medico francesetitolare della cattedra di zoologia e anatomiacomparata allUniversit di Strasburgo.

nellarco della giornata. La ipoglicemia che ne de-riva determina carenza di nutrimento per le cellulenervose con depressione del tono neuro-umorale.I valori di bilirubina possono aumentare tempo-

raneamente, anche nei casi pi lievi di patologia, inpresenza di stress, febbre, infezioni, assunzione di al-cool, digiuno, aumento dellattivit fisica. Alcuni far-maci, in presenza di Sindrome di Gilbert, non vengo-

6_SINDROME GILBERT Mal. e sind. (35-36):Layout 1 01/09/15 13:36 Pagina 36

Sistema di imaging a risonanza magnetica Whole Body

ultra-corto ed ultra silenzioso

ExcelART Vantage XGV Atlas un sistema MRI moltocompatto da 1.5 Tesla, caratterizzato da un tunnel lungoappena 149 cm, ma con un diametro di 65.5 cm che lorende spazioso. Il sistema viene fornito con le bobine di gradiente inseritenel sistema hardware Pianissimo. Tali bobine sono mon-tate in una camera a vuoto con sospensione indipen-dente; ci consente di ottenere una riduzione del rumoredel 90% rispetto alle tecniche convenzionali. Questaavanzata tecnologia assicura un comfort superiore per ilpaziente, migliorando le prestazioni cliniche in applica-zioni whole body ad alta risoluzione garantendo unpi alto rapporto segnale/rumore e di conseguenza unamaggiore qualit dimmagine.Possono essere eseguiti esami di tutti i distretti corporeicon tempi di esecuzione estremamente brevi. Media-mente lesame di un paziente dura tra i 10 ed i 15 minuti.

Possono essere eseguiti: esami del cranio, esami neuro con immagini estremamente informative

dei tessuti cerebrali, esami della colonna,

esami del torace e del tessuto polmonare e/o bronchiale,

esami addome, esami mammografici, esami delle articolazioni grandi e piccole, esami spalla e ginocchio/piede, esami angiografici di tutti i distretti anche senza

mezzo di contrasto, esami di perfusione.

AQUILION ONETomografo Computerizzato Dynamic Volume

Tomografo Computerizzato a Dinamica Volumetrica, allavanguardia con ro-tazione di 0,35 s ed un esclusivo detettore a matrice per lacquisizione si-multanea di 320 strati, un prodotto frutto dellavanzata ricerca tecnologicadella TOSHIBA Medical Systems. Il sistema Aquilion ONE in grado di co-prire un intero distretto anatomico in una sola rotazione: 160 mm di coper-tura con una sola rotazione.

Acquisizione simultanea di 320 strati da 0,5 mm per imaging volumetricoDINAMICO isotropico ad alta risoluzione

Indice di acquisizione di 914 strati/secondo VolumeView ricostruzione in tempo reale del volume acquisito e dei

relativi piani multiplanari Tecnologia SURE.Attraverso lacquisizione contemporanea di 320 strati Aquilion ONE rivelanuove aree di applicazione, specialmente nei campi della cardiologia, dellaFluoro-TC interventistica, nellHigh Resolution CT-imaging e nella diagnosidei traumi.

14 pag PUBB:Layout 1 26/02/15 13:10 Pagina 41

Nuove apparecchiature in dotazionealla Casa di Cura privata Villa Sandra

Isocinetica Pedana oscillometrica

Ipertermia A