Sharia'a compliant activities

Download Sharia'a compliant activities

Post on 14-Jul-2015

123 views

Category:

Economy & Finance

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

<ul><li><p>EA</p><p>Finanza Islamicacenter</p><p>Center for Research on Islamic Finance </p><p>Boulam HajarDel Corso Andrea</p><p> Di Iesu Desire Pellissone Matteo </p></li><li><p>EAEA</p><p>LE ATTIVITA SHARIAA </p><p>COMPLIANT</p></li><li><p>EAEA</p><p>1) SHARIAA STORIA &amp; DEFINIZIONE</p><p>2) RAPPORTO TRA ISLAM, ECONOMIA E FINANZA</p><p>3) SHARIAA COMPLIANT : CRITERI QUALITATIVI</p><p>4) SHARIAA COMPLIANT : CRITERI QUANTITATIVI</p><p>5) SHARIAA COMPLAINT: TEORIA DELLEFFICIENZA DI </p><p>MERCATO</p></li><li><p>EAEA</p><p>1 Shariaa, cosa vuol dire? </p><p>E la legge religiosa islamica che governa non solo i riti religiosi, bens disciplina tutti gli aspetti della vita nell'Islam a 360 gradi. La parola Sharia, tradotta letteralmente, significa "la strada", quindi sottointesa via della salvezza.</p></li><li><p>EAEA</p><p> 1.1 Origini della Shariaa </p><p>Le radici storiche della Shariaa si ritrovano nel concetto di </p><p>Ummah: il concetto di inscindibile unit della Comunit dei </p><p>Musulmani dimostra che non esiste il concetto di Chiesa distinto </p><p>dallo Stato in quanto la Ummah ad essere allo stesso tempo </p><p>Chiesa e Stato allo stesso modo e nello stesso tempo. </p></li><li><p>EAEA</p><p>Il fiqh la scienza giuridica musulmana e parte dallo studio della Shariaa che linsieme di regole, principi e valori da cui si ricavano leggi e normative. Il fiqh pu essere definito la conoscenza dei comandamenti di Allah che concernono le azioni qualificate come wajib (obbligatorie), haram (vietate), makruh (disapprovate) e mubah (indifferenti).</p></li><li><p>EAEA</p><p>1.2 Caratteristiche della Sharia'a</p><p> Universalit, totalit ed adattabilit ad ogni luogo e tempo</p><p> I suoi sistemi e norme comprendono sia la religione che il </p><p>mondo terreno.</p><p> Trova le proprie fonti normative sul testo del Sacro Corano, </p><p>sulla sunna e sul consenso dei dottori della legge.</p></li><li><p>EAEA</p></li><li><p>EAEA</p><p>1.3 Le scuole giuridico-religioseEsistono quattro scuole sunnite:</p><p> Scuola hanafita: fondata da Abu Hanifa ed diffusa in </p><p>Turchia, India e Pakistan. E la scuola pi liberale in quanto </p><p>tende a rispettare pi la forma che la sostanza delle fonti </p><p>primarie del diritto islamico (Sacro Corano e Sunna).</p><p> Scuola malikita: fondata da Malik Ibn Anas ed diffusa </p><p>soprattutto nel Maghreb. E una scuola molto conservatrice e </p><p>pone laccento sul ruolo del consenso dei dotti, lijim.</p></li><li><p>EAEA</p><p> Scuola shafiita: stata fondata da Muhammad al-Shafii ed </p><p>diffusa in Egitto, in Indonesia e nellAfrica Orientale. Tra le </p><p>fonti del diritto riconosce particolare importanza alla Sunna e </p><p>allijim.</p><p> Scuola hanabalita: stata fondata da Ibn Hanbal, diffusa </p><p>nellArabia Saudita ed la pi conservatrice. Si caratterizza </p><p>per unassoluta fedelt alle fonti scritte ed esige il massimo </p><p>rispetto per le fonti del Sacro Corano e della Sunna.</p></li><li><p>EAEA</p><p> Figura 1: Le scuole giuridiche islamiche </p><p>Fonte: www.wikipedia.org</p></li><li><p>EAEA</p><p>1.4 Il ruolo degli Ulama' nel mantenimento </p><p>della Sharia'a Garantiscono lautorevolezza delle fonti del Sacro Corano e </p><p>della Sunna e preservano la Comuni dei Musulmani dall</p><p>errore.</p><p> Individuano il punto di incontro tra etica islamica e levolversi </p><p>dei fenomeni della globalizzazione nei settori delleconomia </p><p>e della finanza.</p><p> Formano lo Shariaa Board.</p></li><li><p>EAEA</p><p>2) Il rapporto tra Islam, economia e finanza</p><p> Tell me, Brothers: if Islam is something other than </p><p>politics, society, economy and culture, what is it then? - </p><p>Hasan Al-Banna</p></li><li><p>EAEA</p><p>La societ islamica sottoposta a norme di carattere etico </p><p>direttamente discendenti da Allah: sotto questo principio </p><p>universale e totale rientrano anche i campi delleconomia e della </p><p>finanza. Assumono particolare importanza:</p><p> Il concetto di khalifah quale significato etico del diritto di </p><p>propriet</p><p> Il concetto di zakah, quale guida morale allutilizzo dei beni </p><p>che il buon musulmano ha in propriet.</p></li><li><p>EAEA</p><p>Figura 2 : Finanza tradizionale e finanza islamica: Stato e religione</p><p>Fonte: M. Mariani, Impresa e finanza islamica, Egea, 2012</p></li><li><p>EAEA</p><p>2.1 Il pilastro della zakah: la funzione sociale della ricchezza e del lavoro</p><p> E il terzo dei cinque pilastri dellIslam ( L'elemosina canonica)</p><p> Diffonde il senso di responsabilit sociale della Ummah Purifica le ricchezze in eccesso del fedele (2.5%) Assume il ruolo di strumento economico di circolazione del </p><p>capitale Ha lo scopo della creazione di un ordine sociale giusto ed </p><p>etico</p></li><li><p>EAEA</p><p>Figura 3: Finanza tradizionale e finanza islamica: il profitto</p><p>Fonte: M. Mariani, Impresa e finanza islamica, Egea, 2012</p></li><li><p>EAEA</p><p>Il ruolo sociale della zakah considerato fondamentale anche in </p><p>tempi contemporanei, come dimostra il fatto che essa </p><p>rappresenta una specifica voce del conto economico del bilancio </p><p>delle banche islamiche</p><p>Dalla funzione sociale della ricchezza discende anche la </p><p>funzione sociale del lavoro: il lavoro posto al servizio della </p><p>comunit e quindi il profitto derivante dallattivit lavorativa del </p><p>credente non pu prescindere da obiettivi di natura sociale ed </p><p>etica. Si distinguono per questo motivo profitti haram (vietati) e </p><p>profitti halal (leciti e auspicati).</p></li><li><p>EAEA</p><p> 3) CRITERI QUALITATIVI: LE ATTIVITA HARAM</p><p> Divieto di zina: Non ti avvicinare alla fornicazione. davvero cosa turpe e un tristo sentiero. Sura XVII, verso (32).</p><p> Divieto della divulgazione della pornografia e cose simili:In verit, coloro che desiderano che si diffonda lo scandalo tra i credenti, avranno un doloroso castigo in questa vita e nell'altra. Allah sa e voi non sapete. Sura XXIV, verso(19). </p><p>.</p></li><li><p>EAEA</p><p> Divieto della carne suina: In verit, vi sono state vietate le bestie morte, il sangue, la carne di porco e quello su cui sia stato invocato altro nome, che quello di Allah. E chi vi sar costretto, senza desiderio o intenzione, non far peccato. Allah perdonatore, misericordioso. Sura II verso(173)</p><p> Divieto del vino e Maysir: O voi che credete, in verit il vino, il gioco d'azzardo, le pietre idolatriche, le frecce divinatorie, sono immonde opere di Satana. Evitatele, affinch possiate prosperare " Sura V verso (90).</p></li><li><p>EAEA </p><p>3) CRITERI QUALITATIVI: VALIDITA DEI CONTRATTI SECONDO LA SHARIAA </p><p>Un contratto valido ai fini della Sharia'a deve esprimere con chiarezza il quantum, la qualit del bene, la sua esistenza e colui che vende deve essere in possesso del bene. </p><p>Questa ultima prescrizione deve essere rispettata in tutti i contratti, salvo che nel caso dei contratti di salam e istisna (che rappresentano delle transazioni su beni non ancora esistenti), disciplinati dal libro sacro, per i quali sono ammesse delle deroghe.</p></li><li><p>EAEA</p><p>Strettamente legata ai contratti la fiducia tra i contraenti: un fedele mantiene le promesse e non viene meno ai contratti, dunque non tradisce.</p><p>Un altro requisito la chiarezza, che rappresenta uno dei cardini di un contratto valido e ben scritto: ai contraenti viene chiesto esplicitamente di evitare l'incertezza, conosciuta con il termine Gharar. Questo divieto rappresenta una pietra fondamentale della finanza islamica.</p><p>La raccomandazione relativa alla chiarezza discende direttamente dal Corano, ove Allah raccomanda di stipulare i contratti in presenza di testimoni.</p></li><li><p>EAEA</p><p>Secono la giurisprudenza islamica, finch un contratto sia valido, necessario che presenti i seguenti aspetti</p><p> Il bene oggetto della vendita deve esistere al momento in cui avviene la vendita</p><p> Il bene deve essere di propriet del venditore al momento della vendita;</p><p> La vendita deve essere immediata ed assoluta e non pu riferirsi ad una data futura</p><p> Il bene oggetto di scambio deve essere caratterizzato da valore intrinseco</p></li><li><p>EAEA</p><p> Il bene oggetto della vendita non deve essere indirizzato ad uno scopo illecito (haram)</p><p> La vendita deve presentare elementi di certezza e non pu essere subordinata al verificarsi di un certo evento in modo da non incorrere nei divieti del gharar e del maysir</p><p> non si possono scambiare merci che non si posseggono le vendite a termine non sono consentite, a meno che non si </p><p>ricorra agli appositi contratti islamici ( istisna e salam)</p></li><li><p>EAEA</p><p>3) CRITERI QUALITATIVI: RAPPORTO TRA FINANZA ISLAMICA E RIBA</p><p>La religione coranica proibisce il tasso di interesse e questo d origine ad una Prohibition-driven finance ovvero ad una finanza basata sulle proibizioni, di tipo Interest free</p></li><li><p>EAEA</p><p> SIGNIFICATO DI RIBA: ha il senso letterale di aumento accrescimento, ma nella pratica si traduce come usura o interesse.</p><p> TIPOLOGIE DI RIBA: ci sono 2 tipi essenziali di Riba: RIBA PRE-ISLAMICA: (Riba Al Nasia) legata ai </p><p>rapporti credito/debito; RIBA AL FADL : legata agli scambi , in termini di </p><p>qualit e quantit.</p></li><li><p>EAEA</p><p>DIVERSI PUNTI DI VISTA NEI CONFRONTI DELLA RIBA</p><p> UAE: le banche non possono commettere peccato perch non sono persone fisiche; si afferma, quindi, la non sazionabilit dellinteresse laddove venga praticato in campo bancario e si fornisce un tasso soglia massimo applicabile.</p><p> KUWAIT, OMAN, QATAR, BAHREIN: distinguono tra mutuo commerciale (c un tetto massimo) e mutuo a scopo civile ( nulla la pattuizione realtiva allimposizione di un tasso di interesse).</p></li><li><p>EAEA</p><p> EGITTO, SIRIA ,IRAQ: non distinguono, tra diritto civile e commerciale: permettono il pagamento degli interessi legali di mora e , nello stesso tempo, stabiliscono il valore massimo applicabile.</p><p> MAROCCO, TUNISIA : rappresentano un eccezione allinterno del panorama della legislazione islamica (il loro codice civile deriva dai codici di commercio francesi )</p><p> KSA: gli interessi sono formalmente vietate senza eccezione, anche se esistono delle scappatoie commerciali </p></li><li><p>EAEA</p><p>4)CRITERI QUANTITATIVI Nel valutare se una proposta di investimento specifico conforme alla Shariaa e deve essere esaminata sotto due aspetti : NATURA DELLA TRANSAZIONE : Questa analisi presenta </p><p>elementi di soggettivit in quanto lanalisi prende in considerazione la natura HALAL del business, ma necessario comprendere se si parla di attivit principale o collegata.</p><p> NATURA DELLA PARTE CONTRAENTE</p></li><li><p>EAEA</p><p> 4) CRITERI QUANTITATIVI PER LEMITTENTE: NATURA DELLA PARTE </p><p>CONRAENTE </p><p> LIVELLO DI INDEBITAMENTO ATTIVI E PASSIVI PORTATORI DI INTERESSI LIVELLO DI LIQUIDITA E LIVELLO DI CREDITO</p></li><li><p>EAEA</p><p>LIVELLO DI INDEBITAMENTO Il limite del livello di indebitamento direttamente collegato al </p><p>divieto di RIBA.</p><p> A differenza del livello di liquidit, nel caso del livello di indebitamento non c controversia nel livello percentuale del 33,33 (Hadith) [Elgari,2002].</p><p> Esiste una differenza sul metodo di calcolo, in alcuni casi viene calcolato in relazione al totale degli attivi e in altri casi in rapporto alla capitalizzazione.</p></li><li><p>EAEA</p><p>Generalmente i ratios utilizzati per valutare il livello di indebitamento di una societ sono i seguenti:</p><p>indebitamento / equity ratio.In alternativa, si pu usare il rapporto : </p><p>debito / capitalizzazione totale Alcuni istituti ricorrono anche al rapporto:</p><p>debito/capitalizzazione azionaria </p></li><li><p>EAEA</p><p>4.2 ATTIVI E PASSIVI PORTATORI DI INTERESSI</p><p>Gli utili provenienti da interessi (sia di breve che di LT) sono soggetti a una limitazione.</p><p>Gli utili da interesse non possono superare il 5% del fatturato ed inoltre gli investimenti che prevedono il maturare dellinteresse non possono superare una soglia che va dal 30% al 33,3%, anche se rapportati a seconda del fondo in base al totale degli attivi o della capitalizzazione.</p><p>Livello dei componenti Haram (interessi) / reddito</p></li><li><p>EAEA</p><p>4.3) LIVELLO DI LIQUIDITA E LIVELLO DI CREDITO</p><p> Fissa percentuali da non oltrepassare per gli attivi liquidi nel bilancio delle imprese che compongono il portafoglio</p><p> Livello minimo di attivi illiquidi obbligatori per poter trattare in borsa le azioni</p><p> Le percentuali calcolate per misurare il livello di liquidit del bilancio sono variabili: includono i crediti da ricevere e talvolta considerano la liquidit disponibile e gli investimenti a breve termine. A volte sono calcolate in rapporto alla capitalizzazione e altre al totale dellattivo.</p></li><li><p>EAEA</p><p> La soglia degli attivi autorizzati soggetta a controversi Il ricorso agli interessi proibito ma esiste una certa </p><p>flessibilit Divieto di tesaurizzazione</p><p>In generale il parametro pi comunemente utilizzato dagli esperti :percentuale di attivit correnti(o crediti o capitale circolante netto) al totale attivo ( o alla capitalizzazione totale)</p></li><li><p>EAEA</p><p> 5 LA TEORIA DELLEFFICIENZA DI MERCATO Prospettiva tradizionale ( Shefrin e Statman) Prospettiva Islamica</p><p>1) libert dalla coercizione 1) conforme al sistema legale della Shari'ah</p><p>2) libert da dichiarazioni false 2) libert di contrattazione (Il Corano, 2: 275)</p><p>3) diritto a informazioni eque 3) divieto di riba, gharar, maysir ed operazioni di speculazione e vendita allo scoperto (versetti vari)</p><p>4) processo informativo 4) Divieto di controllo dalla manipolazione dei prezzi (condanna alle posizioni di monopolio)</p><p>5) liber dall'impulso 5) Contrattazione a prezzi equi (Il Corano, 14: 24-26)</p><p>6) capacit di transazioni a prezzi efficienti 6) Informazione equa, adeguata ed accurata</p><p>7) diritto allo stesso potere di negoziazione 7) Libert dal darar (danno)</p><p>8) mutua cooperazione e solidariet (Il Corano, 5: 2)</p></li><li><p>EAEA</p><p>I FONDI DINVESTIMENTO </p><p>SHARIAA COMPLIANT </p></li><li><p>EAEA</p><p>I FONDI D INVESTIMENTO ISLAMICILoperativit di un fondo d investimento islamico soggetta a </p><p>due condizioni:</p><p>1. Assenza di un tasso di profitto determinato a favore del principio del Profit and Loss Sharing (PLS)</p><p>2. Investimenti Shariaa compliant: cos come accade per le banche anche allinterno dei fondi d investimento esiste lo Shariaa Supervisory Board</p></li><li><p>EAEA</p><p>IL RUOLO DELLAMMINISTRATORE </p><p> I compiti dellamministratore Massimizza il profilo rischio - rendimento Rispetta i dettami della Shariaa nella gestione del </p><p>portafoglio Riceve un compenso sottoforma di contratto </p><p>mudarabah o il contratto wakala</p><p> I compiti dello Shariaa Supervisory Board Convalida lallocazione delle risorse Garantisce la conformit delle quote dopo il lancio del </p><p>fondo Supervisiona il processo di purificazione </p></li><li><p>EAEA</p><p>ASPETTI CHE CONDIZIONANO LOPERATIVITA DI UN FONDO ISLAMICO</p><p>Si individuano solo alcuni attivi eleggibili: Le azioni; I sukuk; Le materie prime; Gli attivi immobiliari</p><p>Non sono permessi investimenti in obbligazioni e derivati</p></li><li><p>EAEA</p><p>Alcune operazioni di mercato sono vietate in quanto considerate Shariaa non - compliant: La vendita allo scoperto; Il trading a margine; La vendita a termine; La speculazione</p></li><li><p>EAEA</p><p>1) L EQUITY FUND</p><p>Le quote sottoscritte dagli investitori sono investite in S.p.A. Sharia compliant. I profitti distribuiti sottoforma di dividendi derivano dallo spread tra prezzo di acquisto e di vendita delle azioni.</p></li><li><p>EAEA</p><p>Condizioni per linvestimento in azioni:</p><p> Lattivit principale della societ deve essere Sharia compliant;</p><p> Lazionista deve esprimere la sua disapprovazione nei confronti delle componenti haram dellattivit;</p><p> Lazionista deve rinunciare alla componente haram del dividendo e donarlo in beneficenza;</p><p> Le azioni della societ sono negoziabili solo se la maggior parte degli asset in forma non liquida: se la maggioranza degli asset in forma...</p></li></ul>