sanmaurosport auguri

of 40 /40
auguri s A N MA U RO SPORT AUGURI DI BUONE FESTE DA TUTTI GLI INSERZIONISTI COPIA OMAGGIO Periodico fondato da Franco Cavallero - Direttore editoriale: Fabrizio Cavallero - consulenza redazionale: [email protected] - tel 3282175177 - stampa: Sarnub, Cavaglià supplemento a Insieme per aiutare nr. 1/12 - autorizzazione Tribunale di Torino n°5878 del 1°giugno 2005, direttore responsabile Renato Dutto DA CIRCA MEZZO SECOLO LUNICO PERIODICO OMAGGIO INTERAMENTE DEDICATO ALLE VICENDE DELLO SPORT SANMAURESE, E NON SOLO.... la mia spesa sotto casa Borello Borello srl ci trovi a: Castiglione -via Torino 20 - via Don Brovero 8 San Mauro via Martiri della Libertà 24 Baldissero piazza Caduti senza Croce 71 Pattinaggio a rotelle Pallavolo Ciclismo Rimarrà negli annali del pattinaggio piemonte- se questa stagione dei Pattinatori San Mauro capaci di sopperire a mille difficoltà, non ultima la mancanza di un impianto adeguato dove potersi allenare, con il sacrificio e la costanza di tutti: atleti, dirigenti, genitori e spon- sor. Al termine di un’esta- te che ha cambiato i con- notati al Sant’Anna per via degli addii di Risso, Girard, Blasi e Graziana, i Sanmauresi hanno perso un po’ di quell’aria sba- razzina degli ultimi anni per assumerne una più riflessiva e matura. I nuovi arrivi di qua- lità di Castelli, Simeon, Robazza e Jourdan hanno immediatamente fatto indicare a molte parti il Sant’Anna quale favorito per la lotta di testa (e certo qualcuno lo ha anche fatto per togliersi un po’ di pres- sione di dosso). Tuttavia, anche que- st’anno la concorrenza ai piani alti della B2 si sta dimostrando più che mai agguerrita. Causa un girone dispari, ai bianco- rossi tocca subito il turno di riposo, da scontare nella prima giornata. L’avvio di campionato così avviene in trasferta a Cuneo, dove s’intuisce che nessuno farà sconti ai ragazzi di Usai e, soprattutto, che è meglio dimenticare le belle ami- chevoli precampionato per non perdere di vista il vero obiettivo. Il 3-1 sul campo di Cuneo è una bella prova di carattere, ottenuta risalendo da 0-1 e 12-18 nel secondo set, grazie all’esperienza di Simeon e Castelli, che di Monticone Giovanni Strada Mongreno, 16 TORINO tel. 011.898.01.93 chiusura domenica sera e lunedì Il Direttore Franco Cavallero dai Cieli Augura a SAN MAURO SPORT un lieto futuro in compagnia dei fedeli collaboratori, sponsor e amati lettori visto dal nostro Carlo Sterpone San Mauro via Settimo 5 tel. 011.898.66.60 dal martedì al sabato 8,30-19,30 gradito appuntamento Giovedi aperti fino alle 21,30 PATTINATORI DA RECORD servizi a pag. 3-7 nella foto gli atleti da record continua a pag.2 Si conclude, col terzo anno di operatività, il mandato dell’attuale Consiglio Direttivo del C.C.PIEMONTE che trac- cia un bilancio più che positivo del triennio tra- scorso nell’organizzare e partecipare attivamente all’attività agonistica della società ottenendo molte- plici risultati di squadra ed individuali. Anche la sta- gione 2012 si chiude con buoni risultati di squadra e individuali. L’attività della società ha visto impegnati i propri atleti in diverse manifestazioni, spaziando dalle granfon- do alle cicloturistiche, dalle gare in MTB a quelle a circuito, dalle cronome- tro individuali alle crono- scalate e randonnèe spar- se in tutto il territorio nazionale con qualche sconfinamento nelle nazioni vicine. L’attività principale rimane quella legata alle granfondo che vede il TGF (Team Gran Fondo) impegnatissimo nel conseguire brevetti, premiazioni individuali e di squadra grazie ai 48 atleti che hanno totalizza- to ben 383 presenze in 34 diverse manifestazioni nazionali e internazionali ottenendo ben 48 brevetti totali nei vari circuiti. Gli obiettivi del TGF per il 2012 erano COPPA PIEMONTE e PIEMON- TE BIKE TOUR. La Coppa Piemonte ha visto il C.C.PIEMONTE guada- gnare la 6^posizione da protagonista con ben 23 brevettati, in una stagione molto combattuta con diversi team agguerriti e pronti a fare risultato. Per quanto riguarda il Piemonte Bike Tour le classifiche devono essere C.C.P. Missione Compiuta continua a pag.2 servizi a pag. 13-32 Il S.Anna ci crede

Author: san-mauro-sport

Post on 23-Mar-2016

244 views

Category:

Documents


18 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

san mauro sport auguri periodico sportivo di san mauro torinese e dintorni

TRANSCRIPT

  • aauugguurriisAN MAUROSPORT

    A U G U R I D I B U O N E F E S T E D A T U T T I G L I I N S E R Z I O N I S T I

    COPIA OMAGGIOPeriodico fondato da Franco Cavallero - Direttore editoriale: Fabrizio Cavallero - consulenza redazionale: [email protected] - tel 3282175177 - stampa: Sarnub, Cavagli

    supplemento a Insieme per aiutare nr. 1/12 - autorizzazione Tribunale di Torino n5878 del 1giugno 2005, direttore responsabile Renato Dutto

    DA CIRCA MEZZO SECOLO LUNICO PERIODICO OMAGGIO INTERAMENTE DEDICATO ALLE VICENDE DELLO SPORT SANMAURESE, E NON SOLO....

    la mia spesa sotto casaBorelloBorello srl ci trovi a:

    Castiglione-via Torino 20 - via Don Brovero 8San Maurovia Martiri della Libert 24Baldisseropiazza Caduti senza Croce 71Pattinaggio a rotelle

    Pallavolo

    Ciclismo

    Rimarr negli annalidel pattinaggio piemonte-se questa stagione dei

    Pattinatori San Maurocapaci di sopperire a milledifficolt, non ultima la

    mancanza di un impiantoadeguato dove potersiallenare, con il sacrificio e

    la costanza di tutti: atleti,dirigenti, genitori e spon-sor.

    Al termine di unesta-te che ha cambiato i con-notati al SantAnna pervia degli addii di Risso,Girard, Blasi e Graziana, iSanmauresi hanno persoun po di quellaria sba-razzina degli ultimi anniper assumerne una piriflessiva e matura.

    I nuovi arrivi di qua-lit di Castelli, Simeon,Robazza e Jourdanhanno immediatamentefatto indicare a molteparti il SantAnna quale

    favorito per la lotta ditesta (e certo qualcuno loha anche fatto pertogliersi un po di pres-sione di dosso).

    Tuttavia, anche que-stanno la concorrenza aipiani alti della B2 si stadimostrando pi che maiagguerrita. Causa ungirone dispari, ai bianco-rossi tocca subito il turnodi riposo, da scontarenella prima giornata.Lavvio di campionatocos avviene in trasferta a

    Cuneo, dove sintuisceche nessuno far scontiai ragazzi di Usai e,soprattutto, che megliodimenticare le belle ami-chevoli precampionatoper non perdere di vistail vero obiettivo. Il 3-1 sulcampo di Cuneo unabella prova di carattere,ottenuta risalendo da 0-1e 12-18 nel secondo set,grazie allesperienza diSimeon e Castelli, che

    di Monticone GiovanniStrada Mongreno, 16TORINO tel. 011.898.01.93chiusura domenica sera e luned

    Il Direttore Franco Cavallero dai Cieli Augura a SAN MAURO SPORTun lieto futuro in compagnia dei fedeli collaboratori, sponsor e amati lettori

    visto dal nostro Carlo Sterpone

    San Maurovia Settimo 5

    tel. 011.898.66.60dal marted al sabato

    8,30-19,30gradito appuntamento

    Giovedi aperti fino alle 21,30

    PATTINATORI DA RECORD

    servizi a pag. 3-7

    nella foto gli atleti da record

    continua a pag.2

    Si conclude, col terzoanno di operativit, ilmandato dellattualeConsiglio Direttivo delC.C.PIEMONTE che trac-

    cia un bilancio pi chepositivo del triennio tra-scorso nellorganizzare epartecipare attivamenteallattivit agonistica dellasociet ottenendo molte-plici risultati di squadra edindividuali. Anche la sta-gione 2012 si chiude conbuoni risultati di squadrae individuali. Lattivitdella societ ha vistoimpegnati i propri atleti indiverse manifestazioni,spaziando dalle granfon-do alle cicloturistiche,dalle gare in MTB a quellea circuito, dalle cronome-tro individuali alle crono-scalate e randonne spar-se in tutto il territorionazionale con qualchesconfinamento nellenazioni vicine. Lattivitprincipale rimane quellalegata alle granfondo chevede il TGF (Team Gran

    Fondo) impegnatissimonel conseguire brevetti,premiazioni individuali edi squadra grazie ai 48atleti che hanno totalizza-to ben 383 presenze in 34diverse manifestazioninazionali e internazionaliottenendo ben 48 brevettitotali nei vari circuiti.

    Gli obiettivi del TGFper il 2012 erano COPPAPIEMONTE e PIEMON-TE BIKE TOUR. La CoppaPiemonte ha visto ilC.C.PIEMONTE guada-gnare la 6^posizione daprotagonista con ben 23brevettati, in una stagionemolto combattuta condiversi team agguerriti epronti a fare risultato. Perquanto riguarda ilPiemonte Bike Tour leclassifiche devono essere

    C.C.P. Missione Compiuta

    continua a pag.2

    servizi a pag. 13-32

    Il S.Anna ci crede

  • 2 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    hanno ristabilito le giustegerarchie in campo neiconfronti di Pistolesi eMiglietta. Pi sofferta lapartita seguente, chiusa3-2 contro il PMT Torinodegli ex Balestra,Viglione, Tallia ePontarollo. I torinesi sidimostrano squadraordinata e che concedepoco agli avversari,obbligando i biancorossia risalire da 1-2, peraggiudicarsi la vittoriagrazie a un notevolesprint finale, frutto dellemosse di Usai che trovain Benedetto eColangelo le chiavi per

    dare equilibrio alla pro-pria squadra. La panchi-na risulta decisiva anchea Santhi, di fronte a unasquadra che vuole dimo-strare di valere di pidella lotta salvezza. Lasquadra di Manavellamette in campo tantagrinta e punta a ridurreal minimo il numero dierrori, obbligando ilSantAnna a rigiocare pivolte il punto per portarea casa il 3-1 finale e ter-minando con una rota-zione decisamente insoli-ta rispetto ai programmidinizio stagione(Robazza all ala eCrosetto opposto). Allaquinta di campionato, al

    S.ANNA segue dalla pag.1 PalaBurgo contro SanGiuliano Milanese, i san-mauresi steccano il primoconfronto diretto.Sconfitta che condensa in5 set (la gara terminata2-3 per i lombardi) tutti ilati positivi e meno positi-vi dei sanmauresi in que-sto avvio di stagione. Adun avvio sicuro e fortedei propri mezzi sfruttan-do le caratteristiche diSacchi, Robazza eFumagalli il SantAnna siporta agilmente 2-0. Aquesto punto di frontealla risposta lombarda aibiancorossi manca lacapacit di fare lultimodecisivo passo verso lavittoria, lasciandosi sfilarela partita dalle dita. In untorneo lungo e decisa-mente imprevedibilenulla deciso (tantome-no dopo 4 partite e unturno obbligato di sosta),ma per il suo stesso beneil SantAnna deve inter-pretare al meglio i segnalidi questo avvio di stagio-ne, in modo da fare ilmassimo per provare arispettare i programmi ele ambizioni di inizio sta-gione.

    ALESSANDRO GIBELLINO(ADDETTO STAMPA

    SANTANNA)

    nella foto la B2

    Gli atleti del S.Anna Tomcar

    ancora pubblicate ed uffi-cializzate, ma sicuramen-te la societ sar sulpodio giocandosi le primetre posizioni del circuitoin questione con 10 bre-vettati. Da segnalareanche il 1 posto al neo-nato GRAN PREMIOMARE DAUTUNNOdisputato nelle tregranfondo di fine stagio-ne in Liguria per il qualesi registrano 7 brevettati.Per quanto concerneCOPPA LIGURIA, purnon essendo un obiettivodi societ, si registra unottimo 2 posto pernumero brevettati (8) eper km percorsi.

    A livello individuale ilC.C.PIEMONTE ottieneben 14 premiazioni neivari circuiti oltre alle deci-ne di premiazioni indivi-duali nelle singolegranfondo. In COPPAPIEMONTE spiccano lepremiazioni sui percorsilunghi per Monica MUCI4 posto categoria F2,Claudio CALVARESE 2posto categoria SGEN,

    Alessandro PANELLI 2posto categoria VET2,Valter MARINO 6 postocategoria GEN eFrancesco ONORATO 9posto categoria M2. Supercorsi medi ottiene lapremiazione PierinoTADDIO 6 posto cate-goria GEN. I premiati alPIEMONTE BIKE TOURsono: Monica MUCI 2posto categoria W2,Valter MARINO 1 postocategoria M6, AlessandroPANELLI 1 posto cate-goria M5 per i percorsilunghi, mentre per i per-corsi medi si piazzanoPierino TADDIO 3 postocategoria M6 e GoffredoDE ANGELIS 2 postocategoria M7. Oltre chesulle strade di casa, ilC.C.PIEMONTE si rendeprotagonista in terra ligu-re ottenendo al GRANPREMIO MARE DAU-TUNNO la premiazionecon Valter MARINO al 2posto categoria M6, men-tre in COPPA LIGURIAsono Monica MUCI 3posto categoria F2 ePierino TADDIO 5 postocategoria G2 a rappre-

    sentare il TGF alle pre-miazioni del suddettocircuito. Manca allappel-lo Claudio RENDINEL-LA, infortunatosi nelperiodo clou della sta-gione a causa di unacaduta, dovendo cosrinunciare alle probabi-lissime premiazioni neidue circuiti piemontesima che si rifatto condiverse premiazioni dicategoria nella singolemanifestazioni.

    Nel settoreRandonne il portacoloriper eccellenza delC.C.PIEMONTE Michele SCALVINI cheogni anno collezionaimprese estreme. Dopoaver ottenuto lennesimobrevetto della 1001MigliaItalia con tempe-rature cocenti addiritturaoltre i 46, la vera impre-sa estrema la compieconquistando il CREI(Challenge RandonneExtreme Italia) circuitocaratterizzato, oltre cheda percorrenze dimigliaia di km, con sali-te di decine di migliaia dimetri di dislivello! Da

    registrare anche una newentry nel settoreRandonne: Flavio CAR-GNIN che conquista lamaglia della NAZIONA-LE ITALIANA RAN-DONNEE.

    Riguardo le cronome-tro individuali TjallingKRAMER ottimo passistaolandese a rappresentareil C.C.PIEMONTE parte-cipando ad alcune mani-festazioni con buonirisultati, completandocos una partecipazione a360 nelle varie fasi ago-nistiche del settore stra-da.

    Memorabile la parte-cipazione alla SUSA-SUSA in agosto per 9atleti del TGF che hannopercorso circa 210 kmcon 4.400 metri di ascesatotale, scalando nellordi-ne Moncenisio,Telegraphe, Galibier,Lautaret, Monginevrosupportati dal PresidenteRemo LANO in ammira-glia in una giornata cli-maticamente stupenda.

    C.C.P. segue dalla pag.1

    CICLISMO

    I ciclisti della C.C.P: popolo di agonisti, amatori e randonneurs

    SERVIZI A CURA DI GIANFRANCO POLI

    nella foto la C.C.P.

    nella foto la C.C.P. al raduno nazionale cicloturismo a Senigallia

  • 3sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    preparazionidi Franco Voletto & C.

    strada del Cascinotto, 139/int.34 - TORINOtel. 011.22.38.204 - fax 011.22.38.604

    NUOVA

    SEDE

    Pattinaggio

    San Mauro 2012 da RecordSociet Campione dItalia corsa Indoor

    Societ Campione dItalia corsa su strada

    Societ Vice-Campione dItalia corsa su pista

    Societ vincitrice della Coppa Piemonte

    12 Titoli Italiani individuali

    Stefano Gili 4 ori ai Campionati Italiani, 1 argento ai Campionati Europei

    Alessio Paciolla 2 ori e 3 bronzi ai Campionati Italiani, 1 argento e 2 bronzi

    Campionati Europei

    Enrico Salino 2 ori e 3 argenti ai Campionati Italiani

    Serena Agostino 2 ori e 1 bronzo ai Campionati Italiani

    Filippo Manera 1 oro 3 argenti e 2 bronzi ai Campionati Italiani

    Simone Martino 1 oro 2 argenti e 2 bronzi ai Campionati Italiani

    Yuri DAngelo 1 argento ai Campionati italiani

    Enrico Peri 1 argento ai Campionati italiani

    Federico Rutigliano 1 bronzo ai Campionati Italiani

    Elisa Salvadego 1 bronzo ai Campionati Italiani

    Martina Paciolla 1 bronzo ai Campionati Italiani

    Andrea Martino 1 bronzo ai Campionati Italiani

    Pattinaggio

    1 MEMORIAL SAMUELE GIACCAGLIAIl 30 settembre al

    Parco della Colletta aTorino si svolto il 1memorial in onore diSamuele Giaccaglia,come lo hanno definitoin molti, grande amicodel pattinaggio nonchsocio storico dellasdPattinatori San Maurodal 1986,un uomo digrande simpatia e vogliadi fare che si moltoprodigato per far si chela societ potesse arriva-re ai livelli raggiunti inquesti ultimi anni.

    Come in molti trofeiconclusi questanno laPattinatori San Mauroporta a casa lennesimavittoria a livello societa-rio con grande soddisfa-zione da parte dellalle-natore SimoneGiaccaglia, degli atleti e

    dei dirigenti che hannoimpiegato molto perpoter organizzare almeglio questo evento.

    I risultati individualisono:

    cat. giovanissimi 1maschi: Alberto Salino 1 nella 200 mt. linea

    cat. ragazzi 2 maschi:Enrico Salino 1 nella200 mt. sprint e nella3.000 mt. linea seguito aruota su entrambe ledistanze dal compagno disquadra Filippo Manera

    cat. allievi maschi:Enrico Peri 2 nella 500mt. sprint

    cat. juniores maschi:Alessio Paciolla, AndreaZarlenga, AlessandroRuzza, Stefano Gili,Federico Rutiglianorispettivamente 1-2-3-4 e 5 nella 10.000 mt. a

    punti mentre nella 500 mt.sprint 1 Andrea Zarlenga,2 Stefano Gili e 3Federico Rutigliano e 5Alessandro Ruzza

    cat. juniores femmine:3 Rebecca Ghergo e 4Serena Agostino nella10.000 mt. punti mentrenella 500 mt. sprint siaggiudica loro SerenaAgostino e le sorelleRebecca e Jessica Ghergogiungono rispettivamente3 e 4

    cat. seniores maschi:3 Simone Martino e 4Andrea Scappini nella10.000 mt. a punti mentrenella 500 mt. sprint i fra-telli Simone e AndreaMartino si aggiudicano il1 e il 3 posto

    cat. seniores femmine:1 Martina Paciolla nella10.000 mt. a punti e 3

    nella 500 mt. sprint edElisa Salvadego 2 nella500 mt. sprint

    Ottime prestazionianche per gli atletiMassimiliano Rizzi,Lorenzo Scarponi, MirkoMolena, Linda Peri, RebaBeltramo, ColombattoAndrea, Anna ChiaraCavalieri, MilenaSchitulli, Scifo Roberto,Di Nuzzo Gabriele,Edoardo Quarona,Matteo Mule, EmilianoCoppola, Andrea Renati,Arianna Coppola, YuriDAngelo, Rosy Alibardi,Alessia Rizzi, BarbaraColombatto, EdoardoMazzotti, Jessica Ghergo,i fratelli Elia e Matteo LoCogliano e AlessioFontana.

    Ciclismo

    La C.C.P. Coppa Liguria e Coppa Piemonte

    3 Memorial C.C.PiemonteLa gara valida come

    3^ Prova del CampionatoItaliano di MF e F ciclotu-rismo per societ, a titoloregionale sul solito per-corso di 82 km ha attra-verso il Canavese contransito attraverso Agli eritorno a San MauroTorinese dopo la sostaper il ristoro.

    Alla gara si sonoiscritti 287 ciclisti appar-tenenti a 33 societ e 7donne

    La classifica laseguente:1^ classificataC.C.Piemonte che comeconsuetudine rinuncia alpremio a favore della 2^classificata2^ classificata S.C. NizzaLingotto3^ classificata S.C.Borgaro Italpunte4^ Classificata S.C. GranRoero5^ classificata V.C. Frejus6^ classificata S.C.Sportman 1^ societdegli Enti

    Alla premiazionehanno partecipato il sin-daco di San MauroTorinese Ing. UgoDallolio , lassessore alloSport MargheritaArborea e alcuni familiaridei ciclisti a cui intitola-to il Memorial: NicolaCioce, Egidio Meneghettie Fernando Luciani.

    Durante la premia-zione stato premiato

    anche il ciclista pi anzia-no Albino Nicola classe1930 della S.C. NizzaLingotto che ha pedalatotutto il percorso.

    Il pi giovane dellaS.C. STSport classe 1994e il giovanissimo atleta disoli 9 anni della societciclistica Sanmaurese.

    Alle donne iscritte allagara e stato offerto unomaggio

    PS_ Il presidente RIN-GRAZIA, in modo parti-colare, i soci del TGF perla numerosa partecipazio-ne, che ha sicuramentecontribuito al nostro suc-cesso in questa gara esperiamo anche nel con-seguimento del piazza-mento finale, obbiettivodella societ per la stagio-ne in corso.

    nella foto la C.C.P. TGF alla partenza a Susa

    Coppa LiguriaNOVI LIGURE

    PremiazioniPer gli atleti del TGF

    della C.C.Piemonte oradi tirare le somme: inco-minciano le premiazioni.Oggi a Novi Ligure pres-so il Museo deiCampionissimi, si sonosvolte le premiazioni delcircuito Coppa Liguriacon ben 8 nostri atleti trai brevettati:

    Monica Muci -Severino Trozzola -Maurizio Anselmi - IvanoFerrero -Goffredo De

    Angelis - Pierino Taddio -Valter Marino - MartinaGiuseppe e di cui 2 pre-miati tra le categorie:Monica Muci 3 postocategoria F2Pierino Taddio 5 postocategoria G2 Giornatabellissima, con pranzoofferto dalla societ orga-nizzatrice

    Coppa PiemonteBRA Premiazioni

    A Bra si e svolto ilpranzo per festeggiare lepremiazioni di CoppaPiemonte 2012, giornataabbastanza fredda dal

    punto di vista climaticoma noi ciclisti non ci spa-venta niente e quindidopo un buon pranzo eun buon caff tutti allepremiazioni.

    Ben 23 atleti dellaC.C.Piemonte hannoportato a termine il cir-cuito Coppa Piemonte dicui: 18 atleti superbrevet-tati 6 gare su 65 atleti brevettati 5 garesu 6

    6 gli atleti premiati trale categorie

    Sui percorsi lunghi:Claudio Calvarese 2

    posto categoria SGEN Alessandro Panelli 2

    posto categoria VET2Monica Muci 4 posto

    categoria F2Valter Marino 6 postocategoria GENFrancesco Onorato 9posto categoria M2

    Sui percorsi medi:Pierino Taddio 6 postocategoria GENLa C.C.Piemonte si classificata al 6 posto trale societ partecipanti Ora a tutti gli atleti delTGF laugurio di un meri-tato riposo

    Michele Scalvini por-tacolori dellaC.C.Piemonte ha portatoa termine la pi lungarandonne dEuropa La1001 MigliaItalia, 1625Km no stop attraverso 7regioni ditalia con undislivello complessivo diquasi 17000 metri, neltempo di 4 giorni 17 ore e21 minuti svoltasi dal 16al 22 agosto. 330 gliiscritti, 288 i partenti daNerviano e 193 gli atletiarrivati che hanno con-quistato il brevetto arri-vando entro il termine

    max di 135 ore aumentatoa 147 ore a causa delgrande caldo che arriva-

    to a toccare i 46 nellat-traversamento dellaToscana.

    Randonne dEuropa La 1001 MigliaItalia

  • 4 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Questa estate viaRoma si traformata.Merito dellAssociazioneCommercianti San MauroOltre Po che ha aperto ledanze di una manifesta-zione che ha visto coin-volte tutte le zona di SanMauro, festeggiare nei 4gioved di Giugno, mani-

    ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI

    San Mauro di NoteQuando le associazioni scendono in strada e si mostrano alla cittadinaza valorizzando le persone e il territorio,una risorsa per tutta la citt. Ricordiamo la bella giornata per programmare i futuri eventi

    festazione denominataSan mauro di Note.

    Una Via Roma intera-mente pedonale ha vistola partecipazione diAssociazioni sportivecome lAllotreb per ilCalcio, la Folgore per ilVolley, Danze caraibiche,Danza del ventre con

    lassociazione Aziza, pat-tinaggio artistico dellaSkating Settimo ... e poiancora animazioni delleassociazioni Pi Greco epan per focaccia, gioco-lieri e come gran finaleconcerto cover di VascoRossi, tenuto dal fantasti-co gruppo dei

    Blascomania.Meglio di cos non

    poteva andare per unamanifestazione che, adetta della gente statala prima e per ora lunicain zona Oltre Po che hacoinvolto oltre 1000 per-sone tra partecipantiospiti e passanti.

    Sembrava non esseresotto casa; vivere la viapasseggiando in mezzoalla corsia principale,affacciarsi dal balcone evedere manifestazionisportive dei piccole e poi

    sentire un concerto dialto livello comodamenteseduti al bar sotto casa hafatto vivere una seratamagica ai cittadini e com-

    mercianti. Laugurio che tutto questo possaripetersi e migliorarsi,propio perch la nostracitt ha bisogno di

    momenti come questi peressere vissuta anche disera!

    Questo il ricordo diuna serata estiva. Con i

    ricordi di quella giornata,con il sole e i bei ricordi ciemozioniamo al ricordo.Con entusiasmo aspettia-mo il prossimo evento!

    La stagione 2012 delleruote grasse, ovvero MTB,piemontese ha presentatoin calendario uno dei cir-cuiti, a detta di moltiesperti nel settore, pibelli e impegnativi delpanorama nazionale: laCoppa Piemonte.

    Ai nastri di partenzaalla 1 prova si sono pre-sentati circa 400 bikerstutti pronti a darsi batta-glia sui vari tracciati ini-zialmente pi abbordabiliperch situati su colline edislivelli meno importantiper poi portarsi alle alpipiemontesi dove limpe-gno per terminare la gara stato decisamente pialto.

    Ogni prova si pre-sentata allaltezza dellasituazione con buonelocations e altrettantobuoni servizi pre e post

    gara.Sfortunata lErbaluce

    di Candia che ha avutonel clima il peggiore deinemici, tanta acqua,tanto fango e .. i bikerspronti a nuotarci dentro.

    Per tutte le altreprove il tempo ha sem-pre aiutato gli organizza-tori a portare a terminela gara nel migliore deimodi.

    Tra le varie categorieil Master Team si messo in evidenza riu-scendo a portare sul 2gradino del podioMassimo Rizzi nellacategoria M4, 4 posizio-ne per Luca Rovera tragli M2 e GiuseppeColombo tra gli M6, 9piazza per il sanmauresePiero Paletto tra gli M5 e10 posizione di LorenzoBongiovanni tra gli M2.

    La tenacia e la costan-za di tutti gli altri compo-nenti del Team han fattos che la squadra si siaaggiudicata la terza posi-zione nella classifica fina-le di societ.

    Questanno non pen-savo di poter essere coscompetitivo, ci diceMassimo Rizzi, visto checorrevo per lultima sta-gione tra gli M4 e dopo leprime 2 gare i risultatinon erano poi cos buoni,ma dalla Rampignado hocambiato bici e soprattut-to la misura delle ruote:sono passato ad una 29e la sensazione statasubito positiva; da quelmomento in poi statoun susseguirsi di risultatipositivi che mi ha portatoa fine stagione ad aggiu-dicarmi il Trofeo 29erSpecialized over 39 e sfio-

    rare la vittoria di categoriain Coppa Piemonte vintada un biker di grandespessore come BollatiEttore.

    Il prossimo anno pas-ser tra gli M5 e sar nuo-vamente una lunga sta-gione di gare che culmi-ner, spero a settembrecon i campionati italianimarathon in Sicilia a cuivoglio partecipare e poi. Boh sicuramente con-tinuer a pedalare perch un tipo di fatica che solochi pedala sa quanto fastare bene e io non riescoa rinunciare.

    Ringrazio i nostrisostenitori che ci hannopermesso di portare a ter-mine una stagione ricca disuccessi sperando di averliancora al nostro fianco omeglio sulle nostremaglie.

    Grazie a MJ Manabbigliamento, CicliCapella, Centrale del

    Latte di Torino, M2Informatica, AutofficinaRizzi, Elettrocar ricambi

    MTB

    MASTER TEAM E MASSIMO RIZZI A PODIO IN COPPA PIEMONTE

    elettrici per auto, MoiGiuseppe ImpiantiElettrici.

    Inoltre voglio men-zionare i miei compagnidi squadra grazie ai qualiabbiamo raggiunto unrisultato cos prestigiosoa livello regionale:Aseglio Tiziano, BellioEmanuele, CaboniGiampy, CastellettiOttavio, Formica Remo,Martinengo Ivano,Mozzone Pier, PapottiDanilo, QuarAlessandro, VistariniMauro, VaudagnottiVittorio, Viola Ottavio,Trotta Matteo e la nostrarappresentante femmini-le Chinaglia Elisa.

    Buone Feste dalMASTER TEAM e arrive-derci al 2013 !!!!!!!

    nella foto Massimo Rizzi

    nella foto le entusismanti evoluzioni del pattinaggio artistico Skating Settimo

    nella foto le pattinatrici con il Presidente dellassociazione commercianti Marco Petrucci

    nella foto le giovani pallavoliste della Folgore

    nella foto i calciatori dellAllotreb

  • 5sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Le nostre offertemodello ANNO EURO

    HONDA SH 150 2004 1300DUCATI SENNA748 2002 4800KYMCO G.DINK 250 2005 1450MALAGUTI PHANTOM 200 2003 1350BANELLI ADIVA 150 2001 1500SUZUKI SV650S 2000 1500KYMCO AGILITY 125 R/12 2008 900KYMCO LIKE 125 2009 1250

    Durante la praticasportiva, al contrario diquanto affermavano anti-che credenze, necessa-rio bere. Anzi, indispen-sabile reidratare lorgani-smo in virt del dispen-dio di liquidi che puessere anche molto con-sistente.

    Praticando uno sport,qualunque esso sia e aqualsiasi livello, attraver-so la sudorazione perdia-mo una quantit pi omeno importante diacqua e sali minerali.Queste perdite, chedipendono principalmen-te dallattivit fisica prati-cata (tipo e durata) e dallecondizioni climatiche(temperatura e umidit),vengono in parte corretedal nostro organismo madevono essere reintegratecon lapporto di acqua,sali minerali e bicarbona-to. Dobbiamo per essereconsapevoli che esistonoparecchie tipologie dibevande e non tutte cipossono aiutare allo stes-so modo. Infatti, misuran-do la pressione osmotica

    determinata dalle parti-celle in sospensione nelliquido e mettendola aconfronto con quella delplasma umano (280-300mOsm/l), possiamo sud-dividere le bevande in trecategorie: ipotoniche, iso-toniche e ipertoniche. Lebevande ipotoniche,caratterizzate da unapressione osmotica infe-riore a quella del plasma,vengono assimilate intempi rapidissimi edovrebbero essere assun-te poco prima e/o duran-te lallenamento o la gara.Le bevande isotoniche,caratterizzate da unapressione osmotica iden-tica a quella del plasma,vengono assimilate intempi medio-rapidi edovrebbero essere assun-te prima e/o durante lal-lenamento o la gara. Lebevande ipertoniche,caratterizzate da unapressione osmotica supe-riore a quella del plasma,vengono assimilate intempi lunghi e dovrebbe-ro essere assunte dopolallenamento o la gara.

    Quindi, alla luce di

    quanto descritto nellerighe precedenti, labevanda ideale in allena-mento e in gara di tipoipotonico o isotonico.Volendo essere pi preci-si dovrebbe essere coscomposta: carboidrati(meno di 5 g); sodio(meno di 45 mg); potas-sio (meno di 20 mg);magnesio (meno di 12mg). Inoltre, durante ilperiodo di preparazione,per rendere pi semplicela neutralizzazione dellescorie del metabolismomuscolare bisognerebbebere almeno un litro diacqua con componentidi bicarbonato nellinter-vallo tra un pasto e lal-tro. Mentre per non dilui-re eccessivamente i suc-chi gastrici, rendendo pilenta la digestione, sidovrebbero consumareal massimo due bicchieridi acqua non gasata adogni pasto. Il giorno dellacompetizione, o comun-que quando si deciso dicompiere il massimosforzo, consigliabilebere due ore prima del-l impegno fisico assu-

    mendo circa mezzo litrodi acqua oligomineralenaturale, ovvero con unresiduo fisso di almeno500 mg/l (bevanda isoto-nica). Durante limpegnofisico corretto assume-re bevande ipotoniche oisotoniche a temperatu-ra ambiente e a piccolisorsi. Il giorno dopo lagara importante berealmeno un litro e mezzodi acqua a media mine-ralizzazione bicarbona-to-alcalina (bevandaipertonica) per reinte-grare la perdita idrica,favorire leliminazionedelle scorie e correggerelacidosi causata dallafatica muscolare. Infinevorrei concludere ricor-dando che: bisogna sem-pre bere per reintegrare iliquidi persi anche senon si percepisce la sen-sazione di sete; le bevan-de che risolvono il pro-blema della sete devonoavere una bassa concen-trazione di sali e di zuc-cheri (fra questultimi dapreferire fruttosio e mal-todestrine); sono vietatele bevande ghiacciate,gasate o con forti quan-tit di sali minerali e/ozuccheri; sufficientesorseggiare, ad intervalliregolari, piccole quantitdi acqua minerale(bevanda isotonica) atemperatura ambienteper limitare la perdita diliquidi e di sali mineralicausata dallattivit fisi-ca.

    DOTT.CAVAGNAROBERTO

    SALUTE

    Che cosa bere durante lallenamento o la gara?

    i giovani atleti Allotreb e Folgore si sono esibiti nelle torride strade durante la manifestazione San Mauro di Note. Chiss come si sono idratati?

    PROMOZIONI SU VEICOLI NUOVI PEUGEOT KYMCO PIAGGIO

    I PREZZI SONO COMPRESI DI VOLTURA E GARANZIA UN ANNO

  • 6 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Ristorante Pizzer ia

    cucina tipica - specialit alla grigliasaloni per banchetti

    forno a legna e pizze da asporto farinataRivodora - via Torino 22

    tel 011.9431608

    LOSTERIAdei

    BRICCONI

    Discretamente buonoper lA.S.S.O. il 2012 chesta per concludersi: sem-pre molto alto il numerodegli associati, quasi 220,anche se pi per affezioneo sostegno alle finalitassociative che per parte-cipazione alle iniziativeproposte. Alcune cammi-nate annullate per le con-dizioni meteo, altre riu-scite, come quella diPunta Manara a SestriLevante, o quella al

    Mulino Val di FornoCanavese, od ancora aiFaggi di BeneventonellAppennino Ligure;come sempre molto gra-dita la gita escursionisticache questanno ha avutocome meta principale ilParco Naturale diMassaciuccoli, Migliarinoe San Rossore e comeaggiunte la visita di Pisa elescursione al Castellodella Pietra nellentroterragenovese. Ma non di solescarpinate vivono gliAmici dei Sentieri di SanMauro ed Oltre: unadimostrazione stata insettembre la straordinariapartecipazione dei Soci ela grandissima affluenzadi visitatori alla Mostra

    fotografica dedicata ai 100anni del Ponte Vecchio diSan Mauro; qualcuno haosato stimare unaaffluenza di quasi 1500visitatori! Un enormesuccesso che, al di l dellestime soggettive, statoconfermato dal grandenumero di copie del foto-libro-catalogo dellamostra 175 prenotatee distribuite, il cui ricava-to netto stato destinatoal SEA di San Mauro;

    stato un grande impegnoper gli organizzatori, pre-miato dalla grandissimasoddisfazione per i risul-tati ottenuti e per i com-menti lusinghieri ricevuti.Tornando al tema cam-minate, al momento dellastesura di questo pezzonon si ancora svoltalultima in programma

    per lestate di San

    Martino, quella sullenostre colline traCastiglione, Cordova eSan Martino; dopo di cheai soci e simpatizzanti proposto per il 25novembre il pranzo asso-ciativo alla Trattoria LaPirenta di Brozolo. Inquesta occasione sarpresentato il ricco pro-gramma per il 2013 che,anche se privo di giteescursionistiche di pigiorni, preveder un suc-

    culento men di escursio-ni giornaliere: si spaziertra la Via Francigena epo-rediese (dintorni di Ivrea)e lentroterra ligure delFinalese, tra le fioriture dinarcisi attorno ad Oropae la rupe di Santa Cristinain Val di Lanzo, tra iboschi collinari diSuperga e Moncanino ed

    i boschi od il greto del Potra Gassino e San Mauro,per finire con un itinera-rio da grande traversatacollinare a sorpresa. Cisaranno quindi anche ilprossimo anno pane pertutti i denti e sentieri pertutte le suole; a chi poinon ne ha mai abbastan-za, i sentieri sono semprel ad accogliere chi li ama,con tanti rovi da tagliare,con tanti tracciati da risi-stemare e segnaletiche daripristinare; chi c battaun colpo e contatti [email protected]

    BRUNO FATTORI

    Notizie A.S.S.O.Non di sole scarpinate vivonogli Amici dei Sentieri di San MauroSuccesso per la mostra sulla Mole e per il suo catalogo il cui ricavato netto stato destinato al SEA di San Mauro

    Una ola dei soci ASSO ai monumentali Faggi di Benevento

    La citt di Torino pos-siede 18 Kmq. di parchi egiardini (60.000 alberi cheombreggiano 320 km. distrade oltre a 100.000alberi di boschi collinari)da sempre ha saputo epotuto sfruttare il proprioterritorio collinare, lesponde dei fiumi e i tor-renti dacqua. Il merito da attribuire anche allasua splendida posizionegeografica in ununicacornice tra colline e mon-tagne con i quattro fiumiche attraversano la citt(Po, Dora Riparia, Stura eSangone) che ha fatto sche lamore naturale espontaneo per il verdepotesse convivere con la-nima metropolitana dellacitt stessa caratterizzatada una radice prettamen-te industriale. Nel 2008alla citt di Torino statoattribuito il titolo di CittEuropea dellAlbero,unonorificenza che vieneassegnata dal ConsiglioEuropeo di Arboricoltura(EAC). Non solo le zonecentrali presentano talicaratteristiche, ma oggipi che mai in zoneanche decisamente peri-feriche la destinazioneduso ha totalmentemodificato lassetto urba-nistico, da zone periferi-che industriali si sono tra-sformate in zone urbani-stiche attente allassettoecologico alla scopertaanche di originali adatta-menti botanici della citt.

    Nel corso del tempo ilnumero delle aree verdi aumentato grazie anche afruttuose campagne disensibilizzazione per ilverde pubblico. Tutti glisforzi compiuti per lamanutenzione delle areeha fatto s che il livelloqualitativo della vita deicittadini sia progressiva-mente aumentato, impie-gando ingenti risorseumane, tecniche e finan-ziarie per gestire talepatrimonio.

    Questa ricchezza non solo paesaggistica ebotanica, ma occorre sot-tolineare anche quellaartistica ed architettonicaperch il verde spesso la cornice di antichedimore, di castelli e spes-so di reali regge.

    Se si considera lacomponente prettamente

    storica spesso la storia digiardini e di parchi ampiamente legata allacommittenza sabauda e aipalazzi della nobilt pie-montese, la realizzazionedella cosiddetta coronadi delizie, cio le resi-denze extraurbane di loi-sir per il divertimento e leattivit venatorie dellafamiglia regnante e dellacorte; dal XVI secolo sirealizzano giardini allita-liana per passare a quellodi stile francese e con ilgrande Xavier Kurten aquello inglese.

    Attraverso le diverseprogettazioni possibileanche riscontrare le figuredi architetti ed espertigiardinieri che hannolasciato un segno tangibi-le in ogni loro opera (es.Andr La Notre, GiacomoPregliasco, Balbo Bertone

    di Sambuy).Il percorso, che si pu

    intraprendere, giungefino ai nostri giorni conpersonaggi come PietroPorcinai e Russell Page ocon il recente ripristinodellorto medievale diPalazzo Madama. In untempo decisamente pirecente, negli anni 90, ilComune di Torino e laRegione Piemonte hannoconcretizzato i progetti diTorino Citt dAcque(parco fluviale lungo lesponde dei fiumi torinesilungo 75 km. con unasuperficie verde di 1200ha.) e Corona Verde(rete ecologica di oltre 90

    km. tra la citt e la primacintura) con la creazionedi spazi verdi e di con-nessioni ecologiche con lariqualificazione dellesponde fluviali e la con-nessione con aree protet-te regionali. In questomodo sono nate variepiste ciclabili anche senzainterruzioni, a prevalentecarattere di svago, manello stesso tempo anchecome un ampio sistemadi mobilit ciclabile urba-na.

    Linteresse suscitatoda un cosiddetto turi-smo verde ha permessoun notevole ampliamentodi interventi e progettiper migliorare la qualit ele molteplici richieste del-lutenza. La conservazio-ne della natura oggi nonha solo lo scopo dellaconservazione del territo-

    rio per poter garantireuno sviluppo sostenibile,ma di unulteriore apertu-ra e fruizione del territo-rio stesso. Cos i parchi diTorino possono esseresuddivisi in quattro gran-di categorie. I parchiurbani rappresentanopienamente il polmoneurbano dove poter pas-seggiare e respirare una-ria un po pi pulita; alcu-ni sono storici e altri direcente formazione la cuirealizzazione nasce pervalorizzare zone periferi-che urbane. I parchi flu-viali che sorgono lungo lesponde dei fiumi e sonodei veri e propri habitat

    naturali per numerosespecie animali. I parchicollinari circondano lacitt che pu essere cosammirata da vari scorcipanoramici ed ovviamen-te i vari giardini che con learee attrezzate possonoallietare sia i bambini, gliappassionati di attivitsportive e i cani che pos-sono godere di spazisenza recare danno. I par-chi extraurbani in generesono legati a residenzenobiliari e alla progetta-zione di grandi architetti egiardinieri che permetto-no anche cos di trascor-rere ore piacevoli senzalunghi spostamenti dalluogo in cui si risiede.

    Il Progetto di Identitvisiva dei parchi prevedeanche un sistema di sup-porti informativi da collo-care direttamente nei par-

    chi per fornire ai visitatoriinformazioni utili e cossono state individuate tretipologie per lidentifica-zione del parco stesso: lastilizzazione di un uccelli-no per i parchi urbani,unanatra per i parchi flu-viali e uno scoiattolo perquelli collinari.

    Lanalisi seguente deivari tipi di parchi non esaustiva e il parametrodella scelta verte su carat-teristiche maggiormentesignificative rispetto adaltre che riescono a met-tere in risalto alcuniaspetti del patrimonioverde di questo territoriourbano e non solo.

    Parchi

    Alla scoperta dei parchi di TorinoOrnella Paletto e Giuseppe Parola confermano la passione dei sanmauresi per la natura con questo bel libro recentemente pubblicato per LA STAMPA

  • 7sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    San Mauro Via Trieste 20/22

    Socio Coop conviene!Offerte speciali solo per i soci

    Prestito sociale:al servizio del tuo risparmio

    PattinaggioALESSIO PACIOLLAE ARGENTO AI MONDIALI

    A settembre si sonosvolti tra Ascoli Piceno eSan Benedetto del Trontoi campionati mondialicorsa su pista e strada.

    Uno dei protagonistidi questi campionati stato il nostro atleta dipunta Alessio Paciollanella categoria junioresche si aggiudicato lamedaglia dargento nella10.000 mt. a punti e unbronzo nella 5.000 mt.americana (staffetta) con icompagni Melis ePutignano, a questi due

    podi si deve aggiungereun 4 posto nei 10.000mt. a punti su pista, un6 posto nella 1.000 mt.ed un 8 posto nella 42km maratona su strada.

    Da segnalare inoltreche sino alle ultime sele-zioni per i campionatisopra descritti per forma-re il team degli azzurricerano anche altri dueelementi della pattinatorisan mauro, SerenaAgostino e Stefano Giliche sicuramente avrannoaltre occasioni per rifarsi.

    a sinistra il campione Alessio Paciolla

    edicola FELIXarticoli regalo

    fraz. PedaggioCASTIGLIONE

    Marco Morra(Cusatibike Racing Team),Valentino Gendusa (TeamPoirinese), GianpaoloPortalupi (Luigi Rum),Luigi Cornacchia (RedilCicli Matergia), BrunoSchiesaro (GattobigioCycling Team), RobertoDallOsto (ApdPessionese), AntoninoPitiddu (GattobigioCycling Team) e ClaudiaPate (Colline Oltrepo)sono i vincitori del Tritticodi Chiusura 2^ serie,disputato nei primi tresabati di ottobre nei noticircuiti di Sito eCasanova.

    Nasce il Trittico diChiusura 2^ serie, trepomeriggi agonisticiorganizzati con unosguardo al meteo perscongiurare le piogge . Ela magia sembra funzio-nare, regalando agliappassionati tre giornatedalle temperature ancoraquasi estive e la compa-gnia sempre rinvigorentedel sole autunnale.

    I numeri sono notevo-li: 450 ciclisti ai nastri dipartenza, 126 premi asse-gnati e 22 trofei conse-gnati ai primi tre classifi-cati di ogni categoriacoronano una stagione disuccessi organizzativi.

    La prima prova sidisputa sul breve circuitodel Sito, il tracciato speri-mentato con buoni risul-tati in questa stagione: tra

    gli oltre centoventi par-tenti da subito bagarre,numerosi i tentativi difuga presto riassorbiti dalgruppo che non haintenzione di lasciare ilvantaggio dei primiimportanti punti ad alcu-no. Le ruote pi veloci

    sul traguardo sono quelledel senior del CicliDedonato Road RunnersAntonio Giuliani, mentrealle sue spalle LuigiCornacchia della RedilCicli Matergia mette dasubito in chiaro le sueintenzioni nella categoriadei veterani. Tra i gentle-man la vittoria va aSalvatore Ciliberti, men-tre si aggiudica la vittoria

    tra i supergentleman ARoberto DallOsto dellaPessionese.

    Una settimana dimaltempo fa temere ilpeggio, ma il secondosabato il sole rispondenuovamente allappelloallAbbazia di Casanova.

    Sfiorano i 190 i partenti,alcuni provenienti daregioni limitrofe per con-frontarsi sulle strade delcarmagnolese. Lo spiritoagonistico trova la suagiusta forma, sul lievedislivello dei sette chilo-metri del circuito unafuga riesce a prendercorpo tra le fila dellaseconda fascia. E quellagiusta, locchio esperto lo

    comprende anche se ilgruppo non cede facil-mente le armi. Pocoprima del traguardo unguizzo stupisce gli avver-sari: il presidente delGattobigio Cycling TeamBruno Schiesaro chetenta di anticipare tutti, e

    con una mossa che daavventata si rivela astutataglia per primo il tra-guardo e si assicura ilpodio nel campionato.Tra i giovani arriva perLuigi Cornacchia (RedilCicli Matergia) il successomancato per un soffiosette giorni prima.

    Le classifiche sonoormai parzialmente defi-nite, ma troppa sicurezza sempre rischiosa. E cosanche la terza prova uno spettacolo per nullascontato per il pubblicopresente. A pi riprese trai giovani si manifestanotentativi di fuga, ma ilgruppo controlla e riduceogni distacco eccessivofino a riassorbire ognifuggitivo. Unattenzione

    che viene meno sul rettili-neo finale, dove DanieleGeraci (Pedala SportCanale) riesce ad avvan-taggiarsi quanto basta pertagliare il traguardo abraccia levate con un cen-tinaio di metri sul gruppo.Tra i gentleman una

    volata ristretta a definire ilpodio con Marco Morettidel Cicli Dedonato RoadRunners che batte sul filodi lana Angelo Dalpontidella Cavirio Pro Team.

    Tempo di premiazioni:stilate le classifiche sono ilPresidente ProvincialeElisa Zoggia ed ilConsigliere Provinciale,nonch ideatore delTrittico, Pietro Negro aconsegnare ai primi tre diogni categoria il trofeo,prestandosi naturalmenteper le foto di rito. Seguela premiazione di giorna-ta, ed infine lappunta-mento viene rinnovatoper la stagione 2013.

    ELISA ZOGGIA

    CICLISMO UDACE

    Oltre 450 ciclisti per concludere inbellezza la stagione

    3 e ultima prova Trittico di Chiusura 2 serie

    nella foto i premiati SGA

    nella foto i Junior premiati

    nella foto i premiati SGA

    L'associazione cultu-rale altreArti, nata a SanMauro nell'estate del2010, ha inaugurato ilsuo secondo anno di atti-vit nell'ambito del pro-

    getto didattico musicaledenominato JAM ededicato specificatamen-te ai giovani e alle scuoledel territorio. Tutto risaleallo scorso settembre,quando i sanmauresiUmberto Poli, Alan

    Brunetta e Flavio Rubatto,tre dei soci fondatori dialtreArti, unendo energie,idee ed una personalissi-ma filosofia di insegna-mento, sono riusciti a

    coronare il proprio sogno:creare un importante polodi conoscenza e passioneper la musica rivolto abambini, ragazzi e fami-glie. Quello che inizial-mente immaginavamo -spiegano in coro - era

    una sorta di School ofRock. Con il passare deimesi e tanto duro lavoro,siamo per riusciti a rita-gliarci una realt origina-le e fatta su misura pernoi. E in effetti, la sceltadi attivit che altreArtipropone quanto maivasta: lezioni individualie collettive di strumento(chitarra, basso, batteria,percussioni, tastiera,canto, fiati), ensemblepolistrumentali, gioco-musica, incontri, semina-ri, approfondimenti chespaziano dal blues alpop, passando attraversofunky, soul, folk, musicad'autore. La musica ancora pi bella se coltain tutte le sue sfaccetta-ture - precisano Poli eRubatto, rispettivamente29 e 28 anni. I nostriallievi imparano adascoltare gli artisti pidisparati, noti e meno

    noti, pi o meno rappre-sentativi, a conosceredischi e copertine, storiee leggende sui grandiclassici del rock. I corsidi altreArti JAM sono

    rivolti a tutti, dai bambinidella scuola materna finoalle superiori e oltre,genitori compresi, per-ch l'obiettivo concludeBrunetta, 27 anni, quello di far s che lamusica diventi un'espe-

    rienza da condividerecon altri, a parole o congli strumenti, senza bar-riere o preclusioni. Perchi fosse interessato aricevere ulteriori infor-

    mazioni, la sede dialtreArti si trova in stra-da del Cascinotto 120 bise risponde ai seguenticontatti: 011.3747583 -342.6314076, [email protected] ,facebook: altreArti JAM.

    Associazione culturale altreArti

    School of RockIl progetto didattico musicale denominato JAM e dedicato specificatamente ai giovani

    nella foto gli ideatori del progetto

  • 8 sAN MAUROSPORT aauugguurriiSfogliando lalbum dei ricordi: Luciano Truffo

    Luciano, PARTIGIANO E GENTILUOMOUn grande sanmaurese ci ha lasciati ed ha lasciato nei tanti che lo hanno conosciuto un grande vuoto.

    Alla fine di settem-bre Luciano andato araggiungere ladorata

    moglie Luisa inParadiso.

    Nel 2004 avevamo su

    queste pagine pubblicatotre articoli su questo per-sonaggio importante perla nostra comunit.

    Li vogliamo riproporretali e quali, parlandoneora come allora, comefosse ancora tra noi.

    PARTIGIANO EGENTILUOMO

    Ci perdoni il lettore ilfacile riferimento al titolodi un film di successo diqualche anno addietro,Ufficiale e gentiluomoma il personaggio san-maurese di cui andremo aparlare merita a pienotitolo la qualifica di genti-luomo oltre a quella dipartigiano, nelle cui file hamilitato nellultimo san-guinoso conflitto mondia-le.

    Non stato facilestrappare il permesso aLuciano Truffo di scriveredi lui, della sua vita, dellesue molte esperienze. Maci siamo riusciti, di riffa odi raffa, con lalibi di offri-re ai lettori un sinteticospaccato di un cinquan-tennio di storia san-maurese. Sintetico, poi-ch occorrerebbe un pon-deroso libro per essereesaurienti.

    Per i giovani, i nuovisanmauresi, chiariamoche Luciano, dopo avermilitato nelle file partigia-ne, stato membro delC.L.N. e poi ha dato unnon indifferente contribu-to allo sviluppo politicodella nostra cittadina neldopoguerra, impegnando-si come vicesindaco neglianni cinquanta e successi-vamente, nelle file dellaDC, come segretario dipartito, intervenendo uni-camente virt rara nellapolitica quando fu espli-citamente richiesto.Ancora oggi il suo parere molto ascoltato dallepersone di buon senso.

    Ma andiamo con ordi-ne.

    Luciano Truffo manellambiente sanmauresepolitico e non solo bastadire Luciano per saperedi chi si parla nasce ilprimo maggio del 1926 aTorino. Nel 1930 la fami-glia si trasferisce a SanMauro.

    Crescendo sotto legi-da del regime fascista chetende ad inquadrare inmodo paramilitare la gio-

    vent, cresce in Lucianolavversione a quel totali-tarismo ed ad ogni formadi regime antidemocrati-co. Finite con ottimo pro-fitto le elementari, ilpadre, con notevolesacrificio finanziario, loiscrive alle scuole mediepresso lIstituto SanGiuseppe (a quei tempi,e fino agli anni 60, lemedie non esistevano aSan Mauro). Ambienteben diverso da quellofinora frequentato.Conosce educatori formi-dabili.

    In quegli anni iniziapure la sua partecipazio-ne attiva e cosciente allavita della AzioneCattolica, col viceparrocoDon Cesare Fava.

    Il giorno infausto incui lItalia entra in guerra,Luciano ha 14 anni, let

    giusta per ricordarsi niti-damente le cose e capir-ne lenorme portata. Ilmondo di allora stavamorendo e non sarebberisorto mai pi. Anni diguerra, bombardamenti,coprifuoco il feno-meno degli sfollati ..i razionamenti, la tesse-ra, la borsa nera ..ricorda.

    Trascorrono tristi glianni di guerra, Lucianogiunge allultimo anno diliceo e larmistizio dell8settembre lo coglie disorpresa in Veneto, a 300Km da casa, mentre invisita agli zii materni.A soli 17 anni, Lucianovive di persona la primaavventura - per fortuna alieto fine - del ritorno,sfuggendo ai rastrella-menti da parte degli invi-periti tedeschi!

    Lanno dopo, a finemaggio, consegue la

    maturit scientifica.Dopo una settimana ilgoverno della RepubblicaSociale Italiana emetteun bando per il servizioobbligatorio del lavoro inGermania. Per i renitenti prevista la pena dimorte. Luciano nonpensa neppure di collabo-rare volontariamentecoi nazi fascisti. Si rifu-gia in Val Pellice, aggre-gandosi alla 5 DivisioneAlpina Partigiana G.L.(Giustizia e Libert)patrocinata dal PartitodAzione.

    E in quel primoperiodo il classico pulcinobagnato. Forse pi dim-paccio che daiuto ai com-pagni di lotta.

    Ma poich opportu-no fare di necessit virt,in breve tempo il pulcinomette rostro ed artigli.

    Partecipa a molteazioni militari ed ha lop-portunit di conoscerealcuni dei pi noti capipartigiani della zona(Eugenio Fassino, coman-dante la Brigata CarloCarli, Guido Falzone,comandante la BrigataSandro Magnoni,entrambi appartenentialla Divisione AutonomaSergio De Vitis la for-mazione col maggiornumero di Caduti dellavallata MarcellinMaggiorino, comandantela divisione con sede alSestriere: lunica forma-zione partigiana citata neibollettino di guerra dellaWermacht).

    Nonostante la suagiovane et, essi lo onora-no della loro confidenteamicizia.

    Tutto fila liscio perqualche mese. Poi si sca-tena linferno: Brigate

    nere, SS, Mercenariucraini ad esse aggregati(i peggiori di tutti) inizia-no una violenta campa-gna di rastrellamentilungo tutto larco alpino.I tedeschi, in previsionedi uno sbarco alleato,vogliono avere libere lefrontiere verso Francia eSvizzera.

    Luciano, ancora unavolta, ha molta fortuna.Riesce a sfuggire tra lemaglie del rastrellamentoe fortunosamente a tor-nare a San Mauro. Quiincontra altri ragazzi pro-venienti da altre zonepartigiane ed anchessisbandati e con essiforma un piccolo distac-camento, ancora alledipendenze delle forma-zioni G.L.

    S u c c e s s i v a m e n t eper il Comando G.L. li

    pone alle dipendenzedella Divisione C(Cittadina), con lunicocompito di attenderelinsurrezione cheavverr presumibil-mente la prossima pri-mavera. La cosa nonpiace molto ma, almomento, non vi sonoalternative.

    Intanto si costituisceanche a San Mauro ilC.L.N. (Comitato diLiberazione Nazionale) eTruffo partecipa attiva-mente alla individuazio-ne dei rappresentantidella varie forze che videvono essere rappre-sentate. Impresa nonfacile, dato che i DonAbbondio sono semprestati pi numerosi che ic o r a g g i o s i .(segue)

    BRUNO OLIVERO

    Bruno Olivero

    1923: tessera rilasciata a pap Truffo dalla Societ dei Tranways e un giovane Luciano a destra in divisa

    1921: la famiglia Truffo con amici sulla spiaggia di Alassio

    1933: classe III elementare: impressionante la riconoscibilit dopo 70 anni ! La quarta seduta (salvo errori) Clarina Gilardi Lavia, sopra di lei Luciano Il partigiano

  • 10 sAN MAUROSPORT aauugguurriiCiclismo giovanile

    Un ricco vivaio di esordienti sfreccia veloce sulle nostre strade

    I giovani ciclisti del Pedale Sanmaurese ringraziano gli sponsor e augurano Buone feste ai lettoriGrande stagione di

    vittorie per il PEdaleSanmaurese, Un granderingraziamento ai nostriamici sponsor: BalboG a l v i n a / G i o s / S t a m p iPilone S.r.l/ Stac plasticspray. Ora i nomi degliatleti e i risutati ottenuti:

    Categoria esordienti 1anno:Cristian PreteDario MartarelliEmanuele CoppolaEnrico AtorinoFabio CarraraOscar Cilenti

    Categoria esordienti 2anno:Paolo PossamaiSamuele SchittulliSimone BevilacquaCategoria Giovanissimi:Luca Pilone G3

    Fabio Dicembre G3Tommaso Canardi G3Lorenzo Possamai G4Alessandro Brisacani G5Alessandro De Fano G5Riccardo Baratella G5

    Lorenzo Canardi G5Isabel Pilone G6Luca Marengo G6Gaia Dicembre G6Abbiamo conseguito iseguenti risultati:

    30 vittorie di cui 4 comeesordienti23 2 posti19 3 posti

    BEPPE NEGRO

    Il Pedale Sanmaurese

    gli esordienti del Pedale Sanmaurese

  • 11sAN MAUROSPORT aauugguurriiPallavolo

    Impegnata in tutti i campionati , Folgore in attacco! Un ottimo punto di partenza per continuare a lavorare e crescere minivolley: U12, U13, U14, U16, U18 e serier D

    Se il buon giorno sivede dal mattino, questaper la Folgore sar sicura-mente unannata daricordare.

    Il presidente RobertoBosticco molto soddi-sfatto e conferma chequesta una stagione da

    record che premia il lavo-ro di tutti, gruppo diri-gente e allenatori: ainastri di partenza cisaranno ben 130 ragazzetesserate che andranno acomporre il puzzle dellastagione. Grazie a loro la

    Folgore sar impegnatain tutti i campionati dellecategorie minivolley:U12, U13, U14, U16, U18oltre la prima squadrache milita in serie D.

    Il gruppo pi folto rappresentato dalle gio-vani del minivolley. Sono

    pi di 60 suddivise nelleannate dal 2003 al 2007.La loro preparazione stata affidata ad un teamdi giovani veterane fol-gorine che negli annihanno contribuito allaf-fermazione della societ.

    Sono Daniela Biaggi,Ambra Bosticco, SerenaPariano, Erica Romeo eSimona Garofalo.

    Saranno supervisio-nate dal coach blu aran-cione per eccellenza,Armando Durigon, masaranno loro a crescere,

    dando loro, come la pifamosa paperella, lim-pronta che le contraddi-stinguer, i giovani talen-ti pallavolistici. Sar loroaffidato il compito di get-tare le basi tecniche delgioco e di iniziare la

    costruzione atletica ementale delle neofite,guidando e scoprendo ifuturi talenti.

    Tutte le squadresaranno impegnate neigironi di Federazione(FIPAV)

    Le U12, 13 e 14 saran-

    no seguite da Armando,allenatore storico e co-fondatore della Folgore: ilsuo nome continua adessere, dopo tanti anni,garanzia di seriet e pro-fessionalit. Nonostanteil suo aspetto bonario da

    nonno, un allenatoreesigente e scrupoloso: ilsuo sguardo attento capace di individuarenelle atlete doti e punti diforza cos da indirizzare efar crescere talenti neidiversi ruoli necessari allasquadra. Dal canto loro,

    le ragazze rispondonoalle aspettative.

    lU12 si dimostratauna squadra con caratte-re, capace di tirare fuorigrinta e tenacia neimomenti importanti.Sono risultate terze nel

    torneo di Rivarolo, che leha viste al debutto agoni-stico, vantando il primatodi non aver mai sbagliatoil servizio.

    LU13 ha partecipatoanchessa al torneo diRivarolo piazzandosiseconda e si aggiudicata

    la vittoria del torneo diSan Raffaele. Arricchirla sua esperienza parteci-pando al campionatoFipav U13 e U14.

    LU16 sar ancoraallenata da Gianni

    Marchesini, ha gi presoavvio il campionato difederazione che almomento le ha visteincassare due vittorienette, parteciperannoinoltre al campionatoprovinciale PGS

    LU18, allenata daFulvio Civera, che halasciato la prima squadra,ha visto la riconfermadella quasi totalit delgruppo che si concen-trer sul campionato difederazione.

    Sar una nuova sfidail campionato di serie Dper le ragazze reduci daiplay off che le hanno por-tate ad un soffio dallapromozione in serie C .

    La squadra che sarallenata dal nuovo coachMarco Brunelli si presen-ta con le ragazze riconfer-mate nei ruoli e con qual-che nuovo inserimentoche aiuter il gruppo adaumentare la competiti-vit.

    Lesperienza matura-ta sar un ottimo puntodi partenza per continua-re a lavorare e crescere.

    PAOLA CROCE

    CICLISMOLuca Pilone nella corsa di Rosta in categoria G3, Campione del Pedale Sanmaurese con 13 vittorie

    CICLISMOLa Jolly dopo unanno di fatiche in posa per la foto di fronteal ponte di San Mauro

  • 12 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    La Tavolozza

    laboratorio artistico

    JOLLY EUROPRESTIGE

    SUCCESSO IN COPPA PIEMONTE MA NON SI FESTEGGIA

    Una stagione positiva funestata dalla scomparsa di Franco CavalleroAvrebbe potuto essere

    unaltra annata da incor-niciare, quella che si staper concludere, in casaJolly Europrestige. Doposempre ottimi piazza-menti e diverse vittorie disquadra nelle classiche

    di inizio stagione, il teamsanmaurese presiedutoda Roberto Bergamo si aggiudicato la CoppaPiemonte alla grande conun divario di punti abba-stanza netto nei confrontidel Team Fantolino di

    Cafasse e del G.S.Passatore di Cuneo. Ilprimo posto nella classifi-ca di Societ non statoquasi mai in discussionevista lottima prestazionedi squadra e lo spirito digruppo che ha caratteriz-zato i ciclisti in giallazzur-ro della Jolly. Purtroppoil successo prestigioso nelchallenge disputatosulle strade di casa, chesegue molteplici alloriottenuti negli ultimi annicon Prestigio, Nobilie Regioni, non puoessere festeggiato ade-guatamente per il gravelutto che la Societ hadovuto subire con la pre-matura e repentina scom-parsa di Franco Cavallero,membro del consigliodirettivo ed autenticacolonna della formazioneper la passione, limpe-

    gno e la tenacia che hasempre messo al serviziodella Jolly. Una notiziadavvero inaspettata quel-la giunta nel mese di giu-gno dallOspe-

    dale di Novara dove-ra ricoverato che haprofondamente colpitotutti i Soci che lo apprez-zavano e gli volevanobene. A causa del triste

    evento stata annullataquindi la gita sociale aUrbino fissata per festeg-giare la positiva stagionepartecipando alla G.F.

    degli Appennini (giStraducale). La stagionesi poi conclusa con legare di Bossolasco,Albenga e Pietra Ligure econ la premiazione dellaCoppa Piemonte avvenu-ta a Bra dove la JollyEuroprestige salita sulgradino pi alto del podiounitamente ai suoi atletiAmerio, Bosio,

    Cipriani,Mura eVolterrani piazzatisi neiprimi dieci di categoria.Dopo un naturale perio-do di riposo gi a partire

    dallinizio del mese didicembre ,quando inprogramma il tradizionalepranzo sociale presso ilRistorante Da Esterinadi Baldissero Torinese,sar gi tempo di pensarealla prossima stagione edai futuri obiettivi.Sicuramente laperturaavverr, come di consue-to, a Laigueglia e

    Camogli con le classi-che liguri del mese difebbraio. E poi sar anco-ra la Coppa Piemontemolto probabilmente lo-

    biettivo principale, vistoanche il momento di crisiche continua a perduraree che impoverisce ibilanci delle famiglie.Anche le regine delleGranfondo come la NoveColli di Cesenatico e laMaratona dles Dolomitesdi Corvara risultano nel-lagenda e nei programmistilati dal PresidenteBergamo. Purtroppo ilgruppo vincente quale si dimostrato quello dellaJolly Europrestige dovrrimediare ad una situa-zione inattesa venuta acrearsi in seno al team:dopo ben diciannoveanni di militanza, infatti,il Vicepresidente WalterDemateis e il consiglierePaolo Barisciani hannorassegnato le loro dimis-sioni. Notizia inaspettatadai pi anche in virtu delbuon lavoro svolto daDemateis. La situazionee stata rimediata con lin-gresso nel direttivo deisoci Salvatore Ferrise,Giancarlo Malabaila eLivio Valerio che affian-cheranno il presidenteRoberto Bergamo e laltroconsigliere in caricaMarco Tortolina. La storiaultratrentennale dellaeuroprestigiosa societsanmaurese continua!

    MARCO TORTOLINA

    una foto vintage della Jolly di qualche anno fa. stato infatti difficile trovare una foto conFranco Cavallero, sempre restio a comparire nella foto della sua amata societ.

    Il gruppo del Nordic Walking Volpiano Nordic Walking, una strana parola per uno sport affascinante

    servizio a pag 14 a cura di Alma Brunetto

  • 13sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Hotel Elitevia Trento 35 - San Mauro

    tel 011.822.18.88 - fax 011.822.28.96

    www.hotelelitetorino.it

    [email protected]

    Veramente un mondocomplesso quello che siva disegnando alloriz-zonte. Un panorama riccodi iniziative e di spazi tuttidestinati ai bambini e airagazzi delle scuole del-lobbligo. Sono i ragazzila linfa vitale dei nostrigruppi del settore giova-nile, sono proprio i bam-bini e i ragazzi lessenzaprima del SANTANNAVOLLEY. Tante nostreenergie sono infatti desti-nate nella promozione enella pratica di attivitludiche propedeutiche alvolley. Attivit che abbia-no cura della voglia digioco e che rispettinotempi e modi della cresci-ta di ognuno. Oggi lenostre iniziative e i nostriprogetti hanno prodottouno spazio sul territoriodi Settimo Torinese dovela pallavolo al maschilenon era presente. Siamodiventati interlocutoriabituali della scuola pri-maria, a Settimo come inaltre quattro scuole diTorino e ora finalmenteanche a San Mauro. Conil nostro progetto siamosolidamente inseriti neiprogrammi di attivitludico motoria di moltescuole primarie, con corsidi minivolley per le classiin orario scolastico. Unprogetto che cura lop-portunit agonistica maanche intende proporsicome polo di qualit edu-cativa-formativa. Unaproposta e un percorsoche privilegia i servizidestinati alle famiglie,mettendo a disposizioneiniziative di gioco e diattivit sportiva in alter-nativa alle TELEVISIONIcome al soffocanteabbraccio del virtuale.

    Le nostre tante inizia-tive hanno portato il vol-ley nelle scuole anchefuori dallorario scolasti-co. Gestiamo infatti, incollaborazione con diver-

    se Direzioni Didattiche,quattro nuovi gruppisportivi che riscuotonoun ottimo successo infatto di adesioni, e chevedono diverse decine diragazzi e ragazze impe-gnate in attivit di mini-volley e scuola volley.Altrettanto successo lorileviamo dal riconferma-to e accresciuto consensoalle nostre tre sedi di atti-vit per il Minivolley. Lanostra guida MarioFerraris da oltre ventanniforma sia tecnicamenteche educativamente atle-ti, uomini e donne. Oggicon il contributo di duenuove e importanti risor-se come StefaniaCamoletto e StefanoPellegrin che insiemeintegrano e completano ipercorsi tecnico-educatividel nostro settore desti-nato ai piccolissimi.Lattenzione al bambinoper garantirgli diritti fon-damentali , poter faredello sport, di potersidivertire e di giocare, diessere allenato e accom-pagnato da persone com-

    Volley

    La Pallavolo SantAnna nelle Scuole

    Da qualche mese haaperto, in Via CesareBattisti 2, il nuovo nego-zio MAIL BOXES ETC.che propone una gammacompleta di soluzioni perfacilitare lattivit di pic-cole e medie imprese,liberi professionisti,imprenditori e privati:dall Imballaggio alleSpedizioni, dalla StampaDigitale di biglietti davisita, volantini e

    depliant, ai prodotti perufficio e cartucce perstampanti PRINK.

    Come dicono i titolariil nostro store il CentroServizi a supporto delleaziende che nellambitodello sviluppo della pro-pria attivit sempre pidevono concentrarsi sulproprio core-business eaffidare in outsourcing adun partner professionistaquelle attivit operative

    che occupano troppotempo e risorse. Lo staffdel nostro centro ingrado di risolvere con lamassima competenza,affidabilit e professiona-lit ogni necessit deipropri clienti.

    Ma ci rivolgiamoanche ai privati, ai qualioffriamo servizi di spedi-zione pacchi in tutto ilmondo, a tariffe davverocompetitive e se vi

    serve, ad imballare i collici pensiamo noi! Qui tro-vate un ambiente simpa-tico ed efficiente, pronto arispondere alle vostre esi-genze, senza dover farecode o estenuanti telefo-nate ad un call center:venite a trovarci!.

    Mail Boxes Etc. ViaCesare Battisti, 2/b SanMauro Torinese011/[email protected]

    petenti e di seguire alle-namenti idonei nelrispetto dei suoi tempi edelle sue possibilit, dipartecipare a competizio-ni adatte, di praticare ilproprio sport nel pienorispetto delle norme di

    sicurezza, di non essereun campione. Unmondo vero, quelloSantanna .

    SANTO

    Nuove aperture

    Spedire senza code si pu!San Mauro ha un nuovo Centro Servizi

    Caricature

    CARLO STERPONE VINCITORE

    A Sporthumor 2012 un trionfo per le sue caricatureAnno ricco di impe-

    gni questo 2012 per ilnostro caricaturista CarloSterpone che si concludecon un folto palmars.Puntualmente presentesu ogni edizione diSanMauroSport, porta isuoi disegni in giro perlItalia e per il mondo,colleziona presenze edottiene risultati impor-tanti.

    Partendo da Maggiodove si svolta aFossano la 5edizionedella kermesse interna-zionale di umorismo gra-fico sullo sportSPORTHUMOR, questa lunica rassegna annualea livello mondiale chetratta con umorismo eironia lo sport in tutte lesue discipline ed attiracartoonists da tutto ilmondo. Ed in questaoccasione che il talen-tuoso Carlo vince ilprimo premio nella cate-goria Caricature, segui-to da altri artisti distintisicon menzioni di rilievo.Ma la magica matita dise-gna il suo prossimo suc-cesso a Moncalieri inGiugno dove espone lapersonale interamentededicata alla societ cal-cistica del Toro: IlTorino: una leggenda chevive sempre. Avendocollaborato per anni inmolti quotidiani sportiviha raccolto cos moltedelle sue opere (circauna settantina) dedicatealla storia del Torino cal-cio, per un arco di tempocompreso prevalente-mente tra la leggendadel grande Torino, conun omaggio a Leo Junior,vecchia gloria del Torinodi Gigi Radice, arrivandosino alla recente promo-zione in serie A. In con-comitanza a questa per-sonale si tenuta, sem-pre a Moncalieri, la

    mostra Sorrisi a 5 cer-chi. Le Olimpiadi vistedagli umoristi realizzatain tandem con lassocia-zione culturale Pro Locodi Garrufo diSantOmero (Teramo).Per questa manifestazio-ne undici artisti (per untotale di oltre cinquanta

    tavole) hanno ripercorsola storia delle Olimpiadicon particolare attenzio-ne a quelle appena pas-sate di Londra 2012 e adatleti inglesi del passatoche hanno ottenuti titoliiridati. Tra tutte le carica-ture presenti spiccanoValentina Vezzali, PietroMennea, Igor Cassina,Jury Chechi, PatrizioOliva, Maurizio daMilano, Livio Berruti eDorando Pietri. Gli autoripartecipanti sono statiRenzo Barbarossa,Giovanni Beduschi, Nino

    di Fazio, Tommaso DiFrancescantonio, MarcoMartellini, EnzoMartocchia, FrancoPasqualone, NandoPerilli, GianfrancoTartaglia (Passepartout),Luca Trojano ed infine ilnostro Carlo Sterpone.Questultimo ha ritratto

    lex pallavolista AndreaLucchetta vincitore dellaCoppa Italia nella squa-dra di Cuneo con il suocaratteristico taglio dicapelli che lo rende benriconoscibile. Questamostra itinerante ha toc-cato anche Teramo,Bucchianico (CH),Pescara, Chieti perapprodare a fineSettembre in Francia aSaint Just Le Martel dove stata ospite della 31edizione de SaloneInternazionale del dise-gno umoristico.

  • 14 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Dimmi con chi vai e tidir chi seiGi, affer-mazione quanto mai veri-tiera, se le vostre fre-quentazioni coincidonocon il gruppo del NordicWalking Volpiano. Ilsodalizio bianco arancio una realt consolidata delbasso canavese, che ha lasede nellomonima citta-dina e come base per lat-tivit il Vauda Park. Perchi non avesse dimesti-chezza con il nordicwalking, si tratta di quelladisciplina, molto similenel gesto allo sci di fondo,che si pratica con un paiodi bastoncini. E aVolpiano, c un nutritostaff di 6 istruttori con ilpresidente MarcoBoninsegna, che insegna-no i primi rudimenti diquesto sport. La peculia-

    rit del gruppo, ricono-sciuta da tutti, la com-petenza, ma soprattuttola simpatia. Durante labella stagione, le uscite sisvolgono al mercoledsera, al sabato pomerig-gio e la domenica matti-na, spesso vengono orga-nizzate vere e proprie gitein luoghi interessanti. Maper chi vuole imparare,vengono effettuati damarzo a ottobre i corsisuddivisi in tre lezioni.Punto di arrivo e partenza il Vauda Park, inaugu-rato nellottobre 2009 coni suoi 20 km di sentieritracciati. Larea statabonificata e curata daalcune associazioni delterritorio, tra cui il Cai, ilNW Volpiano, il RunnerTeam, Amici della Vauda,che hanno dato vita ad

    un coordinamento asso-ciativo, che tutela e valo-rizza il polmone verde.Da quel momento loasiverde diventata la pale-stra a cielo aperto deinordic walker e lappun-tamento alle 14,30 alsabato al parco Madonnadelle Vigne. Per chi voles-se imparare il nordicwalker o semplicementecondividere qualche spe-cialit gastronomica ilbenvenuto. Ci si dimenti-cava un particolareoltread essere simpatici, sonoanche ottime forchetteenon si perde occasioneper festeggiare in compa-gnia! Provare per crede-rewww.nordicwalking-volpiano.it

    ALMA BRUNETTO

    Nordic Walking

    Ben 6 istruttori aVolpiano

    Punto di arrivo e partenza il Vauda Park, inauguratonellottobre 2009 con i suoi 20 km di sentieri tracciati

    Si chiusa la stagioneagonistica 2012. LIndoorClub ha ottenuto 2 straor-dinari risultati:

    il Titolo Italiano under11 a Palermo di SarahCapello che si , inoltre,qualificata per iCampionati Europei inFrancia e per i Mondiali aShanghai in Cina nel2013: Capello Sarah sarla portacolori dellItalia.

    Inoltre lallieva del

    Maestro NazionaleAmerio Fabrizio arrivata3^ al Master finale pie-montese under 16 ed havinto nel corso dellanno3 tornei giovanili regiona-li.

    Il secondo risultatoimportante la Finale deiC a m p i o n a t iPiemontesi/Valdostaninella D2 maschile:Amerio Fabrizio, TempoMassimo, Zoppo

    Alessandro, ZoppoGianluca, Demo Marco,Giammarino Fabio,Barbasso Claudio,Staffilano Luca e RamelloGiacomo hanno persosolo in finale a Chatillonsu di una superficie maiprovata e quasi in gioca-bile.

    Altri straordinaririsultati li hanno ottenutiJammoul Lorenzo vinci-tore di ben 3 tornei regio-

    nali under 14 e 16 esemifinalista al masterregionale finale sia nel-lunder 14 che under 16.

    Mia Gabriele e NuovoLorenzo vincitori di untorneo regionale 4.1maschile. MassimoTempo ha vinto 2 torneiregionali 3.1 maschile.

    Zoppo Alessandro,Istruttore FederaleallIndoor Club, a settem-bre ha vinto un prestigio-

    so torneo regionale limi-tato a C1.

    Demo Silvia,Istruttrice FederaleallIndoor Club, ha vintoun torneo di 3^ categoriaed un torneo di 2^ cate-goria.

    Ramello Giacomo havinto un torneo regionale4.1 allEsperia.

    Ferri Loredana finali-sta in 2 tornei di 4^ cate-goria.

    Straordinario successoper lEstate Ragazzi con-

    clusasi a settembre.Centinaia di allievi divisiper et e livello di giocosi sono allenati sui campida tennis per ben 3 oregiornaliere alternandorinfrescanti bagni inpiscina. Tutto questo inun contesto di verde e dequiete.

    Ad ottobre iniziatala Scuola AddestramentoTennis. Le iscrizionihanno superato i 150ragazzi. Lan scuolaS.A.T. stata riconosciu-

    TENNIS

    Sara Capello campionessa italianaTrionfo dellatleta dellIndoor Club al Trofeo Kinder di Palermo Under 11

    ta dalla FederazioneItaliana Tennis comeSTANDARD SCHOOLa 3 stelle.

    Lo staff compostosolo da Maestri edIstruttori Federali coscome il preparatore atleti-co, condizioni indispen-sabili per il riconoscimen-to da parte della FIT.

    Lorganico cos com-posto:

    Amerio Fabrizio :Maestro Nazionale,Coach e ProfessionalPTR, direttore della scuo-la

    Demo Marco, DemoSilvia e Zoppo Alessandro: Istruttori Federali FIT

    Rei Simone :Preparatore Atleticodiplomato ISEF e diplo-mato allIstituto SuperioreFIT Roberto Lombardicome 1 grado

    Amerio Mario : super-visore della scuola S.A.T.ed ex responsabile delsettore tecnico della FIT

    Con questo gruppo dimaestri allIndoor Club impossibile non diventaredei forti giocatori o deicampioni!!!

    il maestro nazionale Amerio Fabrizio con la sua allieva Sarah Capello

    nella foto la squadra di D2 maschile e nellordine, partendo da sinistra in piedi, ci sono: Staffilano Luca, Zoppo Gianluca,Giammarino Fabio, ZoppoAlessandro,Barbasso Claudio,Amerio Fabrizio,Ramello Giacomo,Tempo Massimo ,Demo Marco

  • 15sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    E noto il detto latinonemo propheta inpatria per indicare lat-teggiamento di indiffe-renza che la gente delluogo riserva a personache altrove , al contrario, considerata e apprezza-ta.

    Non questo il casodi Nando Tonon al qualeSan Mauro ha da sempreregalato stima e affetto.

    Non pi tardi delmaggio scorso,l A m m i n i s t r a z i o n ecomunale gli ha attribui-to un ennesimo, signifi-cativo riconoscimento,quella Fragolina doroche da moltissimi annipremia personaggidistintisi per attivit cul-turali e sociali di qualchepregio.

    Chiediamo allora aNando di farci un bilan-cio di questo 2012 e ilpunto della situazioneche lo riguarda.

    Si trattato di unanno bellissimo per me,caratterizzato soprattuttodalluscita del mio ultimolibro, La straordinariainfanzia di Ninni, unromanzo che ovunquearriva suscita commozio-ne, divertimento e senti-menti di gratitudine.Averlo presentato lascorsa primavera anche a120 ragazzi della nostrascuola media stataunesperienza emozio-nante e una soddisfazio-ne indicibile, che forseverr ripetuta pure lannoventuro per altri studentidi terza. La ciliegina sullatorta anzi, la ciliegiona lho ricevuta con lacerimonia di conferimen-to della Fragolinadoro, svoltasi inComune, in unatmosferadi semplice cordialit e diaffetto reciproco davveroindimenticabile

    E ora di cosa ti stai

    occupando? Ci sononovit in vista, nuovi pro-getti? Stai lavorando aqualcosa?

    S, naturalmente,guai a fermarsi o, peggio,a cullarsi sugli allori, che

    si dimostrano sempre effimeri, se ci si ada-

    gia. Sono in procinto dipubblicare un nuovo sag-gio divulgativo sulle

    problematiche delcredere, Il teologodistratto e lavoro allacreazione di una secondaraccolta di racconti, dopola fortunata serie di MissFrigidaire.

    Vuoi salutare i lettoridi San Mauro Sport?

    Certamente, e volen-

    tieri. Spero continuino aleggere questo simpaticoperiodico che mostraquanta e quale attivitsportiva si pratica nellanostra citt, che ingiusta-mente taluni definisconodormitorio. Li ringrazio

    per la simpatia di cui mihanno sempre circonda-to e auguro loro un 2012quanto pi possibile sere-no.

    Ma allora non veroche ci sar la fine del

    Personaggi Sanmauresi

    Nando Tonon profeta in patria

    Una piacevole chiacchierata con il nostro scrittore, autore di numerose e affascinanti letture come La straordinaria infanzia di Ninni

    mondo a fine anno?

    No, non ci sar alcu-na fine del mondo, ma lostesso occorrer coraggioe buona volont per spe-rare di migliorare lanostra vita.

    Hai qualche consiglioin merito da dare?

    I sanmauresi nonhanno bisogno dei mieiconsigli, per loro fortuna.Ci mancherebbe. Ma unsuggerimento permettimidi darglielo: per Nataleregalate e regalatevi Lastraordinaria infanzia diNinni, leggetelo e fateloleggere ai vostri ragazzi.E un libro che vi sorpren-der, parola mia.

    Grazie, Tonon,buone feste anche a te eauguri per i tuoi prossimilavori.

    Grazie a voi e unideale abbraccio al vostroimpagabile pap.

    FABRIZIO CAVALLERO

    Nando Tonon alla presentazione del suo libro ad Avigliana

    A che giova il cicli-smo? Perch competerenelle granfondo? Chesenso ha fare fatica, suda-re, sacrificare il propriotempo e i propri soldi peruno sport che non ci darmai fama, denaro, noto-riet? Allenamenti conti-nui, week end con la sve-glia allalba, sacrifici eco-nomici e tempo sottrattoalla famiglia e agli affetti.

    Tutto questo ha unsenso ben preciso, alme-no per me.

    Al di l dei beneficifisici derivanti dallattivitsportiva esistono altriaspetti su cui intendo sof-fermarmi maggiormente.

    La libert innanzitut-to. Noi nasciamo liberi,ma molto spesso viviamouna vita priva di libert.Lo stress, i ritmi freneticia cui siamo sottopostiogni giorno. Viviamo conil costante assillo deltempo. Il traffico, il rumo-re, la fretta continua chetalvolta diventa esaspe-rante e soffocante. Nonc mai tempo per fermar-si, per parlare, per riflette-re, per godere le piccolegrandi gioie derivanti dal-lessere vivi e dallo starebene, giorno per giorno.

    In bicicletta il temponon esiste, diventa relati-vo alla nostra capacit difare fatica e di terminareun percorso. Conta sola-mente la natura, e la forzache di volta in voltaabbiamo nelle gambe. Inbicicletta si trova il tempoper dialogare con il pro-prio corpo e con la pro-pria anima. Si ritrova lalibert.

    La granfondo diventaesplorazione, viaggiodentro se stessi, e sfidacontinua. Sfida contro ilvento, contro la forza digravit, contro il caldo o ilfreddo. Contro la sete o lafame. Contro la stanchez-za. Contro le propriedebolezze fisiche e men-tali. La bicicletta provacontinua di carattere, digrinta, di orgoglio e di

    rispetto. Il ciclismo con-tinua messa alla prova deipropri limiti individuali.

    La fatica abbatte moltimuri presenti nellamente, dirada molte neb-bie e consente di guarda-re alle cose con maggiorelucidit e sotto un altropunto di vista. Pi coe-rente e pi corretto.Quante idee mi sonovenute durante unapedalata! Quante decisio-ni, anche abbastanzaimportanti, ho preso insella alla mia bicicletta!Magari durante unapedalata solitaria, nel belmezzo di una dura salita.

    Il ciclismo d loppor-tunit di guardare almondo da un altro puntodi vista. La stessa stradapercorsa in auto o in bici-cletta sono due luoghicompletamente diversi,sono due vite che si svol-gono in modalit e avelocit differenti, cheappartengono a duedimensioni separate.

    La bicicletta riconciliacon il proprio corpo: nonc doccia pi calda eristoratrice di quella dopouna faticosa pedalata.Non c cibo pi buono egustoso di quello man-giato al termine di unagiornata sui pedali.

    Cosa ci serve peressere felici? La felicitvera si trova nelle cosepiccole e semplici. Lacompagnia di un amico,la bellezza di un paesag-gio di montagna, il silen-zio, la fatica, il profumodei boschi e dei prati, lo-dore del mare, la gioia diun traguardo raggiuntodopo tanto sudore.

    La felicit rivedereoltre il traguardo di unagranfondo il viso di chi civuole bene, che ci haatteso con pazienza e tre-pidazione per tutto ilgiorno, che tifa per noiindipendentemente dalpiazzamento. Noi siamosempre vincitori, sia chetagliamo la linea darrivoal primo posto sia che la

    tagliamo allultimo posto.Cosa conta veramen-

    te? Lemulazione delcampione di turno, chemagari da l a poco vienescoperto positivo aldoping? La ricerca troppoaffannosa del risultato,per trasformare unapotenziale occasione disano divertimento e diamicizia in unennesimafonte di stress e nervosi-smo?

    Nulla di tutto questo.Essere campioni non

    vuol dire solamente anda-re pi veloce degli altri,vuol dire avere stile, cor-rettezza, onest e caratte-re. Rispetto degli altri edella Natura. Noi siamoospiti di questo pianetabellissimo, ma quanti lorispettano veramente?

    Quanti di questi cam-pioni esistono veramen-te?

    La bicicletta ha ilgrande potere di unire lepersone, la straordinariapotenzialit di trasforma-re la sofferenza in coesio-ne e amicizia, la capacitdi riportarci ad uno stiledi vita pi semplice e piumano.

    Tutte imprese ardue,di questi tempi.

    Il ciclismo e legranfondo devono essereconsiderate opportunitimportante per cercare diriflettere e imparare, perrenderci pi semplici epi umili. Pi felici. Al dil del colore della maglia,del nome dello sponsor,del risultato finale, degliinteressi economici emateriali.

    Questo quello cheporto come bagaglio den-tro di me, dopo alcunianni di granfondo allespalle. Tante personesplendide conosciute,tanti luoghi meravigliosicontemplati, tante giorna-te vissute con pienezza esoddisfazione, e sperotanto e tanto da vivere escoprire ancora in futuro!

    ALESSANDRO GAMARRA

    Personaggi del Ciclismo

    Fatica e LibertIl nostro Alessandro Gamarra ci confida il suo spirito sportivo in un articolo che mettevoglia si saltare sui pedali e andare lontano

  • Per i vostri regali di natale...

    via Martiri della Libert 42 - SAN MAURO -tel 011.822.09.98 [email protected] - (chiuso luned mattino)

    16 sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    Una considerevoleporzione di attivit velo-cipedistica amatoriale siesprime attraverso lapartecipazione allecosiddette cicloturisti-che; manifestazionicaratterizzate da chilo-metraggi non sconvol-genti, altimetrie mallea-bili e con buona pacedel consumo calorico insella conclusione allin-segna di un sano agoni-smo enogastronomico,con le gambe sotto latavola della migliore trat-toria di zona.

    Esistendo, quindi, ilcicloturismo, sorgespontaneo il desiderio diipotizzare anche unturismo ciclistico. Unapratica che potrebbenascondere risvolticuriosi, imprevedibili ecertamente gradevoli, aseconda dellobiettivoperseguito.

    Una opzione potreb-be essere quella di riper-correre (in auto; attual-mente ci manca lagamba per unalternativaa due ruote, certo picoerente, ma evidente-mente pi stancante) itracciati della grandiclassiche e delle mitichetappe di montagna. Cheso? Ripercorrere laParigi-Roubaix piuttostoche la Milano-Sanremo;la Tre Valli Varesine omagari al Liegi-Bastogne-Liegi.

    Oppure scoprire lastoria del ciclismo e dellabicicletta andando a visi-tare gli svariati musei esi-stenti: in Piemonte nepossediamo uno assaipregevole a Novi Ligure,il Museo deiCampionissimi, cos

    denominato in memoriadei due grandi interpretidel pedale nati in provin-cia di Alessandria e chedi quel titolo si sono fre-giati: CostanteGirardengo e FaustoCoppi.

    O ancora, partire allaricerca degli innumere-voli grandi e piccolimonumenti disseminatiin giro per l Italia elEuropa e dedicati aglieroi delle due ruote.

    Quello del turismociclistico un argomen-to multiforme ed intri-gante che si presta adessere la base per piarticoli in un prossimofuturo, che invitino lap-passionato a muoversi dacasa per seguire le traccedella passione a dueruote.

    Q u a l o r aqualcuno obiettiche la benzina costosa per con-cedersi lungheescursioni fuoriporta, chiudiamoquesto primoapproccio altema suggeren-do unescursionebreve, pocoimpegnativa eche si potr fareanche a piedi,s o p r a t t u t t ovolendo consu-mare qualchecaloria.

    I torinesihanno infatti a disposi-zione quello che proba-bilmente il pi grandemonumento al mondodedicato al ciclismo, anziad un campione unico edirripetibile: il monumen-to a Fausto Coppi, sitonellomonimo giardino

    adiacente a corso Casale,praticamente di fronte alMotovelodromo.

    Oltre che a piedi, ilgiardino Fausto Coppi raggiungibile anche manco a dirlo in bici-cletta, percorrendo lapista ciclabile che costeg-gia il Po.

    Lopera colpisce per lesue dimensioni inusitate:la base misura sei metri didiametro e lintera scultu-ra alta circa undicimetri per un peso di novetonnellate e mezza (!). Estata il canto del cignoper lo scultore palermita-no trapiantato a TorinoGiuseppe Tarantino, chepurtroppo scomparsoprima di vederla compiu-tamente realizzata (ricor-diamo, linaugurazione

    data all8 giugno 2002).Nino Defilippis, indi-

    menticato campione,compagno e fervidoammiratore di FaustoCoppi, nonch testardopromotore della realizza-zione, sosteneva giusta-mente che si trattasse

    della pi grande sculturacreata a Torino nel dopo-guerra.

    Il colosso bronzeo rap-presenta una sorta dimontagna da cui si dipar-tono le strade nastrimetallici lanciati verso ilcielo lungo cui si sbraccia-no tifosi festanti al cul-mine delle quali esulta ilCampionissimo.

    Ai fianchi della scultu-ra, due giardini rocciosiospitano sassi e terra pro-venienti dalle montagne diCoppi, quelle che hannofatto la storia del ciclismo:Galibier, Poroi, Izoard,Iseran, Stelvio, ghisallo

    Per chi affronti lescur-sione con vero spirito turi-stico (pur se a due passi dacasa), dopo aver visio-nato limponente memo-riale coppiano e debita-mente respirato lemozio-ne che il ricordo delleimprese compiute dalCampionissimo risveglia,varr la pena lanciare losguardo sulMotovelodromo, posizio-nato pi o meno di fronteal giardino, dallaltro latodel corso.

    Inaugurato nel 1920 adopera dellarchitettoVittorio Eugenio Ballatoredi Rosana, ottimo inter-prete del Liberty torinese,il Motovelodromo unbellesempio di stileEclettico e dopo averconosciuto anni bui disostanziale abbandono, daun paio danni ha ricomin-ciato ad ospitare i suoinaturali abitatori i ciclisi grazie all impegnomesso in campo da unas-sociazione di appassionatiche ne ha permesso la ria-pertura.

    MARCO CANDELLONE

    Associazione Italiana Donatori Organi

    Occhi da campioneNonostante la scomparsa del nostro direttore Franco Cavallero le sue conee, donate della famiglia, continueranno a illuminare la vita di unaltra persona

    Storia del ciclismo

    UNA SCALATA DI 11 METRI

    Il pi grande monumento al mondo dedicato al ciclismo, il monumento a Fausto Coppi in corso Casale

    San Mauro tutti loconoscevano.. ed oratutta San Mauro piangela sua prematura scom-parsa avvenuta a soli 64anni. Perch FrancoCavallero era una diquelle persone chelasciano un segnoprofondo in chi ha avutola fortuna di conoscerlo,una di quelle personespeciali che, giornodopo giorno, rendonoindispensabile la loropresenza. Sportivo egiornalista, Franco avevainiziato giovanissimo adedicarsi al ciclismo,disciplina sportiva cheprediligeva sopra ognicosa, per poi passare alpodismo, e ritornare,dopo una vita di lavoroquale funzionario inRegione, allamata bici-cletta. E se in campopodistico i risultati nonerano davvero mancati, nel ciclismo che avevaraccolto gli allori piesaltanti e di cui andavagiustamente fiero, vistolimpegno e la quasimaniacale precisione concui preparava ogni gara.Con i colori della JollySan Mauro aveva con-quistato coppe e trofei ,di cui parlava con lamodestia che solo igrandi sanno avere ,addentrandosi in partico-lari che ad un profanocome me potevano sem-

    brare marginali, ma chedenotavano la suaprofonda conoscenza inmerito. Sei CoppePiemonte, un Circuito deiNobili, il Giro delleRegioni : questi alcuni deiprestigiosi risultati cheFranco aveva conquistatoprima che il suo grandecuore, che tante volte loaveva spinto a traguardiinimmaginabili, lo tradis-se allimprovviso. Grandeatleta, ma anche giornali-sta di riconosciuto valore.Collaboratore dellaGazzetta dello Sport, diTuttosport, aveva saputoinventarsi giornali dinicchia, come quelpodista che, assieme adalcuni amici, aveva creatoe che regolarmente distri-buiva ad ogni competi-zione podistica. Ma la suacreatura , quella che loaveva fatto conoscere inambito sanmaurese quel San Mauro Sport &Dintorni che era diven-tato, sotto la sua guida, ilportabandiera dellagoni-smo cittadino, la vetrinacommerciale di una citta-dina in fermento, il perio-dico per antonomasia chescavava fra gli eventipi rilevanti. Il mioincontro con FrancoCavallero, improntato adimmediata reciproca sim-patia, risale a diversi annifa, quando, durante unamanifestazione, mi chiese

    se fossi disposto a colla-borare. Risposi di s ,anche se la mia compe-tenza in campo sportivo,in special modo quellociclistico, era pressochnulla. Non importa mirispose puoi sempreoccuparti di tanti altriargomenti. Ho gi lettoqualcosa di tuo.. E fucos che diventai collabo-ratore per quanto riguar-da il settore culturale,occupandomi di spetta-coli teatrali, presentazio-ne di libri, poesia, etc. etc.Senza tralasciare il setto-re sportivo : ricordoancora il suo entusiasmoquando riceveva i mieiarticoli in quanto, poten-do trascorrere alcunigiorni a Minorca nelperiodo estivo, inviavo iresoconti sullattivitciclistica locale. Unamore infinito per losport e per il giornalismo,un grande rigore moraleed il rispetto verso glialtri : queste le doti chehanno contraddistinto labreve esistenza di uncampionissimo di sporte di vita. Che ha conclusoil suo percorso terrenocon un ultimo gesto diestrema generosit. Conil consenso di moglie efigli, Franco Cavallero hadonato le sue cornee, eda noi piace pensare chequalcuno ora potr gode-re della visione di quelle

    Tses mach andait avanti.. ( dedic a Franco)

    Tses mach andait avantiPrima Ti, pedaland, landura drita,T viagi an costa tra l furn,dancheuj pr Ti comensa nautra vita.

    Frisson dl cheur charcorda na cansoncant lass, trames sime e giass,sangiut dl cheur charcorda ij temp pboncha son pass e peulo nen torn.

    Stila boera a fe-Te da cussin:lass Nosgnor Te slargher Soi brass,lazur dl cel sar T baldachinDeurm bin, me car Amis, arposa an pas!

    PIER CARLO MASCHERA.

    cime che tante volte ilcampione ha ammiratoed amato. Per lui ora si conclusa la pi faticosadelle salite, ma siamosicuri che ad accoglierloal traguardo ci sarannostati tutti gli amici deivecchi tempi. Noi possia-mo solo dirti grazie,Franco...

    PIER CARLO MASCHERA( PRESIDENTE ONORARIOA.I.D.O. PROV. TORINO)

    NA PUGNA D SABIAclassificata tra i primi 10 posti nel concor-so di poesia piemontese RENATO CAMINI di Cuneo.

    Na pugn d sabia Strita nt la mia man.Quanti granjCha sghijo a pch A pchSensa pod-je frm.Vaire? Sent, mila?Tanti!

    Sentani su sentani Con tuti jelement dl temp.Mar e montagneSol, vent, rochereBestie, mo, pereStile e univers.

    TutAn costi granej Che a pch, a pchAs consumo ntla mia man.Tanti, pchi, mila?..Un Un sol..E dlas l mond n man.

    TINA GIBILISCO

    POESIE:

  • 17sAN MAUROSPORT aauugguurrii

    edicola FELIXarticoli regalo

    fraz. PedaggioCASTIGLIONE

    C O N S C O N T I D A L 2 0 % a l 7 0 %corso Belgio 171/b, Torinotel. 340.7434274 - 340.5995464

    Oggettistica - Lampadari - ParalumiBomboniere - Collane - Argento - Orologi

    Articoli in pelle - Dischi musicali Liste Nozze - Riparazioni in genere

    Piemonte in corsa, in onda ogni giovedi,

    in diretta su GRP, ore 21,45 conduce

    Eugenio Bocchino

    GRPT E L E V I S I O N E

    Podismo

    Al 32 Km ho incontrato il MUROUna bruttissima sensazione dovuta al consumo pressoch totale del glicogeno, il nostro carburante pi pregiato.Il dott. e podista Davide Friggeri dispensa consigli utili per affrontare la maratona

    La MARATONA unimpresa eroica allaFilippide ?

    Nella realt non proprio unimpresa costitanica correre per 42195m, pi difficile farlo almeglio delle proprie pos-sibilit. Premesso cheognuno possa decidereda s cosa sia meglio fare,mi sembra giusto direche in generale per lacorsa , ma ancora di piper la maratona, sianecessario avere un pesoforma corretto e cio unindice di massa corporeaBMI al massimo di 22 ( sicalcola facilmente divi-dendo il proprio pesoespresso in KG per lapropria statura al quadra-to espressa in metri )

    Esiste infatti uninteraclasse di patologie tra cuila lombosciatalgia adesempio che sensibileal chilometraggio; unrunner pu gareggiare sudistanze fino a 10Kmcon allenamenti settima-nali di 60/70 Km senzaavere disturbi mentrepotrebbe essere incom-

    patibile con allenamentiche superino i 20 Km ecarichi settimanali di100/120 KM come sirende necessario per lamaratona e allora essereleggeri agevola nonpoco il recupero di que-sti carichi di lavoro (inoltre forse non a tuttinoto che per ogni Kg dimassa grassa in eccessosi perde circa un minutoe mezzo sulla maratonaa parit di allenamento ).La seconda regola quella di aver gi gareg-giato su distanze inferiorie in particolare sullamezza maratona

    In questo modo siverificano innanzitutto leproprie attitudini fisichee mentali alle distanzelunghe e sopratutto sipu calcolare con buonaapprossimazione iltempo teorico sullamaratona, fondamentaleper stilare un piano diallenamento ottimalecon una chiara indica-zione del ritmo gara . Equi veniamo al bellodella maratona: in gare

    pi brevi se si va in crisiperch si partiti troppoforte si rallenta, si per-der qualche minuto masi concluder la garaonorevolmente

    Se durante la marato-na si parte ad un ritmo disoli 5 secondi al chilome-tro pi veloci del proprioreale valore si spacciati:chi scrive un runner di181 cm per 64 Kg di peso(BMI 19,5) che corre da 5anni e che proviene dallabici da corsa; lanno scor-so ho partecipato allamia prima maratona quia Torino dopo aver fattoil mio personale sullamezza a settembre con-clusa benissimo in 1 ora e22 minuti. Confortato daquesto bel risultato eavendo alle spalle unaventina di gare su distan-ze pi brevi mi sono alle-nato per 2 mesi in modospecifico per la maratonadi novembre ( seguendoun programma da 5sedute settimanali conlunghissimi domenicali di28/30/32/34/36 Km a sali-re e corsi tutti vicino al

    ritmo gara che mi eroprefissato ). Il giornodella gara mi sentivobenissimo ( anche per le2 settimane di scarico chela precedono ) e sonopartito troppo veloce percui i