provincia di napoli - aorn ospedali di · pdf file °01.02 strutture in elevazione in...

Click here to load reader

Post on 15-Feb-2021

2 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • COMMITTENTE: Azienda Ospedaliera dei Colli - (Ospedale Monaldi)

    OGGETTO: Realizzazione Ascensore Esterno - Azienda Ospedaliera dei Colli - (Ospedale Monaldi)

    PIANO DI MANUTENZIONE

    (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

    MANUALE D'USO

    Azienda Ospedaliera dei Colli

    Provincia di Napoli

    Via Leonardo Bianchi snc , 04/12/2014

    IL TECNICO

    Pagina 1

  • Manuale d'Uso

    Comune di: Azienda Ospedaliera dei Colli

    Provincia di: Napoli

    Oggetto: Realizzazione Ascensore Esterno - Azienda Ospedaliera dei Colli - (Ospedale Monaldi)

    Elenco dei Corpi d'Opera:

    ° 01 STRUTTURE CIVILI E INDUSTRIALI

    L'intervento consiste nella realizzazione di un ascensore esterno, a lato della scala antincendio esistente dell'ala destra dell' Ospedale Monaldi, con struttura in acciaio

    e vetro completamente indipendente da essa. La scelta di utilizzare il vetro è stata condotta al fine di creare un elemento che dia leggerezza al prospetto dell'edificio,

    già caratterizzato da una scala in acciaio.

    In particolare, l'ascensore è stato progettato per connettere i cinque piani fuori terra dell'immobile oggetto di intervento, a partire dal piano del cortile. Ai fini

    operativi, la realizzazione è suddivisa in due lotti funzionali. L'intervento oggetto di studio fa riferimento al primo lotto di intervento, in cui l'ascensore di progetto

    avrà la prima fermata alla quota del marciapiede esistente, conseguentemente, per consentire un accesso agevole si prevede la realizzazione di una piattaforma di

    attesa a quota +0.12, accessibile dal cortile con una rampa di raccordo prefabbricata per i diversamente abili.

    Orbene, il primo lotto di intervento, sarà caratterizzato da n.2 fermate per una corsa totale di 9.92 m: piano del cortile esterno, con smonto su marciapiede esistente

    (quota +0.12 m), primo piano (quota 5.07 m), secondo piano (quota 10.04 m).

    Nelle successive fasi di realizzazioni del secondo lotto di intervento, il vano ascensore verrà ampliato di n.3 fermate: terzo piano (quota 15.13 m), quarto piano

    (quota 20.22 m), quinto piano (quota 23.45 m), al fine di connettere i cinque piani dell'edificio.

    In linea con le prescrizioni normative, la portata dell'ascensore è di 630 kg con capienza n.8 persone che, rappresentano, i valori minimi per un ascensore a servizio

    di un plesso ospedaliero, tenendo conto anche che, sono già presenti all'interno della stessa altri ascensori. Il pianerottolo di smonto ha una luce netta di 1.60m,

    favorendo così le manovre di salita ed uscita dei diversamente abili.

    Le operazioni di manutenzione saranno quindi condotte da operatori del settore, secondo l'organizzazione dell'Azienda Ospedaliera. Queste saranno

    condotte secondo visite ispettive

    rivolte sia alla verifica della funzionalità dell'ascensore e quindi degli allineamenti ai vari piani nonchè, a quelle della portata in ragione delle lina di corsa, sia alla

    struttura in acciaio ad hoc realizzata e quindi delle bullonature nonchè, dei giunti previsti. Per gli ulteriori approfondimenti si rimanda alle tavole del progetto

    esecutivo.

    Il Fascicolo di manutenzione è stato predisposto in fase di progettazione dal CSP e dovrà essere quindi completato ed eventualmente integrato dal CSE (coordinatore

    per la sicurezza in fase di esecuzione in collaborazione con i costruttori delle opere, la DL nonché il Committente) secondo le indicazioni riportate nel presente

    Fascicolo.

    Deve quindi essere ricordato, con la consegna alla Committenza, l'obbligo del controllo e aggiornamento nel tempo del Fascicolo informativo.

    Il Fascicolo informativo deve essere consultato ad ogni operazione lavorativa, di manutenzione ordinaria, straordinaria o di revisione dell'opera e per ogni ricerca di

    documentazione tecnica dell'opera. Il Committente è l'ultimo destinatario e quindi responsabile della tenuta, aggiornamento e verifica delle disposizioni contenute.

    Pagina 2

  • Manuale d'Uso

    Le strutture civili e industriali rappresentano quelle unità tecnologiche, realizzate con la funzione di resistere alle azioni e ai carichi esterni a cui sono soggette durante il loro ciclo di vita, assicurandone requisiti e livelli prestazionali secondo la normativa e la legislazione vigente. Le strutture possono essere costituite da singoli elementi strutturali e/o dall'unione di più elementi secondo schemi di progetto e di verifica strutturale.

    Unità Tecnologiche:

    ° 01.01 Opere di fondazioni superficiali

    ° 01.02 Strutture in elevazione in acciaio

    ° 01.03 Strutture di collegamento

    ° 01.04 Unioni

    ° 01.05 Giunti Strutturali

    STRUTTURE CIVILI E INDUSTRIALI

    Corpo d'Opera: 01

    Pagina 3

  • Manuale d'Uso

    Unità Tecnologica: 01.01

    Insieme degli elementi tecnici orizzontali del sistema edilizio avente funzione di separare gli spazi interni del sistema edilizio dal terreno sottostante e trasmetterne ad esso il peso della struttura e delle altre forze esterne. In particolare si definiscono fondazioni superficiali o fondazioni dirette quella classe di fondazioni realizzate a profondità ridotte rispetto al piano campagna ossia l'approfondimento del piano di posa non è elevato. Prima di realizzare opere di fondazioni superficiali provvedere ad un accurato studio geologico esteso ad una zona significativamente estesa dei luoghi d'intervento, in relazione al tipo di opera e al contesto geologico in cui questa si andrà a collocare. Nel progetto di fondazioni superficiali si deve tenere conto della presenza di sottoservizi e dell’influenza di questi sul comportamento del manufatto. Nel caso di reti idriche e fognarie occorre particolare attenzione ai possibili inconvenienti derivanti da immissioni o perdite di liquidi nel sottosuolo. È opportuno che il piano di posa in una fondazione sia tutto allo stesso livello. Ove ciò non sia possibile, le fondazioni adiacenti, appartenenti o non ad un unico manufatto, saranno verificate tenendo conto della reciproca influenza e della configurazione dei piani di posa. Le fondazioni situate nell’alveo o nelle golene di corsi d’acqua possono essere soggette allo scalzamento e perciò vanno adeguatamente difese e approfondite. Analoga precauzione deve essere presa nel caso delle opere marittime.

    L'Unità Tecnologica è composta dai seguenti Elementi Manutenibili:

    ° 01.01.01 Platee in c.a.

    ° 01.01.02 Travi rovesce in c.a.

    Opere di fondazioni superficiali

    Pagina 4

  • Manuale d'Uso

    Elemento Manutenibile: 01.01.01

    Platee in c.a.

    Unità Tecnologica: 01.01

    Modalità di uso corretto:

    ANOMALIE RISCONTRABILI

    01.01.01.A01 Cedimenti

    Dissesti dovuti a cedimenti di natura e causa diverse, talvolta con manifestazioni dell'abbassamento del piano di imposta della fondazione.

    01.01.01.A02 Deformazioni e spostamenti

    Deformazioni e spostamenti dovuti a cause esterne che alterano la normale configurazione dell'elemento.

    01.01.01.A03 Distacchi murari

    Distacchi dei paramenti murari mediante anche manifestazione di lesioni passanti.

    01.01.01.A04 Distacco

    Disgregazione e distacco di parti notevoli del materiale che può manifestarsi anche mediante espulsione di elementi prefabbricati dalla loro sede.

    01.01.01.A05 Esposizione dei ferri di armatura

    Distacchi di parte di calcestruzzo (copriferro) e relativa esposizione dei ferri di armatura a fenomeni di corrosione per l'azione degli agenti atmosferici.

    01.01.01.A06 Fessurazioni

    Degradazione che si manifesta con la formazione di soluzioni di continuità del materiale e che può implicare lo spostamento reciproco delle parti.

    01.01.01.A07 Lesioni

    Si manifestano con l'interruzione del tessuto murario. Le caratteristiche e l'andamento ne caratterizzano l'importanza e il tipo.

    01.01.01.A08 Non perpendicolarità del fabbricato

    Non perpendicolarità dell'edificio a causa di dissesti o eventi di natura diversa.

    01.01.01.A09 Penetrazione di umidità

    Comparsa di macchie di umidità dovute all'assorbimento di acqua.

    01.01.01.A10 Rigonfiamento

    Variazione della sagoma che interessa l’intero spessore del materiale e che si manifesta soprattutto in elementi lastriformi. Ben riconoscibile essendo dato dal tipico andamento “a bolla” combinato all’azione della gravità.

    01.01.01.A11 Umidità

    L'utente dovrà soltanto accertarsi della comparsa di eventuali anomalie che possano anticipare l'insorgenza di fenomeni di dissesto e/o cedimenti strutturali.

    Sono fondazioni realizzate con un’unica soletta di base, di idoneo spessore, irrigidita da nervature nelle due direzioni principali così da avere una ripartizione dei carichi sul terreno uniforme, in quanto tutto insieme risulta notevolmente rigido. La fondazione a platea può essere realizzata anche con una unica soletta di grande spessore, opportunamente armata, o in alternativa con un solettone armato e provvisto di piastre di appoggio in corrispondenza dei pilastri, per evitare l’effetto di punzonamento dei medesimi sulla soletta.

    Opere di fondazioni superficiali

    Pagina 5

  • Manuale d'Uso

    Presenza di umidità dovuta spesso per risalita capillare.

    Pagina 6

  • Manuale d'Uso

    Elemento Manutenibile: 01.01.02

    Travi rovesce in c.a.

    Unità Tecnologica: 01.01

    Modalità di uso corretto:

    ANOMALIE RISCO