processi biologici industriali - unipi.it · processi biologici industriali le biotecnologie...

of 67 /67
PROCESSI BIOLOGICI INDUSTRIALI Le BIOTECNOLOGIE rientrano nella “scienza dei processi biologici applicati” o “insieme dei processi industriali che utilizzano i processi biologici”. Biotecnologia: è l’uso integrato di microbiologia, biochimica e ingegneria per realizzare la produzione di beni e servizi utilizzando i microorganismi. utilizzando i microorganismi. Ovvero: i microorganismi sono i protagonisti attivi delle reazioni che avvengono nei cosiddetti processibiologici industriali. Si può definire scienza giovane, ma è anche vero che giovane non è se si pensa alla fermentazione alcolica per la produzione del vino ed alla fermentazione per la produzione di formaggi e yogurt.

Author: dangquynh

Post on 23-Nov-2018

236 views

Category:

Documents


0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • PROCESSI BIOLOGICI INDUSTRIALI

    Le BIOTECNOLOGIE rientrano nella scienza dei processi biologici applicati o insieme dei processi industriali che utilizzano i processi biologici.

    Biotecnologia: luso integrato di microbiologia, biochimica e ingegneria per realizzare la produzione di beni e servizi utilizzando i microorganismi.utilizzando i microorganismi.

    Ovvero: i microorganismi sono i protagonisti attivi delle reazioni che avvengono nei cosiddetti processi biologici industriali.

    Si pu definire scienza giovane, ma anche vero che giovane non se si pensa alla fermentazione alcolica per la produzione del vino ed alla fermentazione per la produzione di formaggi e yogurt.

  • TERRENO APPLICATIVO

    Si va dalla ingegneria genetica, alla messa a punto di processi industriali veri e propri.

    Lapplicazione primaria nella industria alimentare: formaggio, yogurt, vino, lievito, panificazione...

    Farmaceutica: sulfammidici, anseolitici, enzimi....

    Agraria: piante resistenti ai parassiti, fertilizzanti e insetticidi (agrofarmaci) prodotti per via enzimatica e quindi pi facili da biodegradare.

    Zootecnia: mangimi bilanciati, selezione delle razze.

    Industria tradizionale: per svincolarsi dal petrolio nella produzione di solventi, polimeri, intermedi di sintesi...

  • PRINCIPALI VANTAGGI

    Uso di soluzioni acquose e pH circa neutro (minor inquinamento e ambiente non aggressivo-corrosivo);

    Temperature basse (basso dispendio energetico);

    Flessibilit degli impianti; Flessibilit degli impianti;

    Ottima selettivit (purezza del prodotto);

    Minor inquinamento rispetto alla chimica classica.

  • MicroorganismiDefinitionA living organism that is microscopic or submicroscopic, which means it is too small to be seen by the unaided human eye (100 m).

    Microorganisms were first observed by Anton van Leeuwenhoek in 1675 using a microscope of his own design.

    Examples of microorganisms include bacteria, fungi, archaea, and protists.

    Viruses and prions, although microscopic, are not considered microorganisms by others because they are generally regarded as non-living.

  • Dimensionicaratteristiche ()

  • There is no universal definition of life.

    There are a variety of definitions proposed by different scientists.

    To define life in unequivocal terms is still a challenge for scientists.

    I microorganismi sono viventi, ma quale la definizione di vita?

  • Homeostasis: Regulation of the internal environment to maintain a constant state; for example, sweating to reduce temperature.

    Organization: Being composed of one or more cells, which are the basic units of life.

    Metabolism: Consumption of energy by converting nonliving

    Conventional definition: Often scientists say that life is a characteristic of organisms that exhibit the following phenomena:

    Metabolism: Consumption of energy by converting nonliving material into cellular components (anabolism) and decomposing organic matter (catabolism). Living things require energy to maintain internal organization (homeostasis) and to produce the other phenomena associated with life.

    Growth: Maintenance of a higher rate of synthesis than catabolism. A growing organism increases in size in all of its parts, rather than simply accumulating matter.

  • Adaptation: The ability to change over a period of time in response to the environment. This ability is fundamental to the process of evolution.

    Response to stimuli: A response can take many forms, from the contraction of a unicellular organism when touched to complex reactions involving all the senses of higher animals. A response is often expressed by motion (the leaves of a plant turning toward the sun or an animal chasing its prey).turning toward the sun or an animal chasing its prey).

    Reproduction: The ability to produce new organisms. Reproduction can be the division of one cell to form two new cells. Usually the term is applied to the production of a new individual (either asexually or sexually, from at least two differing parent organisms), although strictly speaking it also describes the production of new cells in the process of growth.

  • Sistematicaramo della biologia che studia la classificazione

    dei viventi

    TassonomiaTassonomiasistema di classificazione gerarchica

    dei gruppi, basato sulle loro relazioni evolutive

  • I REGNI VIVENTI

    Agli albori della sistematica naturalistica, i viventi erano divisi in due soli regni: vegetale edanimale.

    Per il naturalista Linneo (1707-1778), gli animali si distinguevano dalle piante perch, a differenza di queste, sono esseri viventi dotati di sensibilit.

    In seguito, con laumento delle conoscenze sulle caratteristiche e la biologia delle diverse forme di vita, questa distinzione si rivelata insufficiente.

    In particolare risultato che numerose forme ad organizzazione meno complessa, tra cui molti unicellulari, sfuggono a una simile suddivisione.

  • L'aumento di conoscenze sui batteri ha inoltre portato a riconoscere una prima fondamentale distinzione tra i viventi in:

    Procarioti Eucarioti

    Oggi procarioti ed eucarioti vengono per lo pi considerati due super-regni (o dominii) distinti.

    Anzi, secondo molti sistematici, la grande variet presente allinterno dei procarioti suggerirebbe di suddividere i viventi addirittura in tre dominii, due dei quali corrispondono agli attuali procarioti.

  • Procarioti Eucarioti

    I tre dominii dei viventi secondo uno schema di albero filogenetico universale. Bacteria e Archaea comprendono i procarioti, Eukarya gli eucarioti.

  • Col procedere delle conoscenze sistematiche, nuovi regni sono stati individuati e descritti sia allinterno dei procarioti che degli eucarioti.

    Seguendo un criterio strettamente filogenetico, secondo cui ogni categoria tassonomica dovrebbe riunire tutti e solo gli organismi che hanno avuto origine da un solo gli organismi che hanno avuto origine da un antenato comune, si arrivati a classificare i viventi in un numero elevatissimo di regni.

  • Haeckel(1894)

    Tre regni

    Whittaker(1969)

    Cinque regniWoese (1977)

    Sei regni

    Woese(1990)

    Tre domini

    Cavalier-Smith (2004)Due dominie sei regni

    Animalia Animalia Animalia Animalia

    Fungi Fungi Fungi

    Plantae Plantae Plantae

    Progressione della classificazione dei regni e dei d omni

    Eukarya EukaryotaPlantaePlantae Plantae Plantae

    Protista ProtistaChromista

    Protozoi

    Protozoi

    MoneraArcheabacteria Archaea

    Prokaryota Batteri

    Eubatteri Bacteria

  • Tuttavia, dal momento che i legami filogenetici tra i vari gruppi di organismi non sono stati ancora completamente chiariti e numero e nomi dei regni cambiano frequentemente a scapito della chiarezza, comunemente ci si riferisce alla suddivisione in cinque regni di Whittaker (uno di procarioti e quattro di eucarioti).

    In particolare il grande regno dei protisti, che riunisce gli eucarioti a In particolare il grande regno dei protisti, che riunisce gli eucarioti a organizzazione meno complessa, prevalentemente di ambiente acquatico, poco pi che un regno di risulta, cio un insieme eterogeneo che riunisce tutte le forme che non rientrano negli altri regni. Per questo motivo, la maggior parte degli studiosi che si occupano di questi organismi (alghe, organismi fungoidi, protozoi, ecc.) non riconosce il regno dei protisti, che viene suddiviso in regni pi piccoli ed omogenei.

  • The image cannot be displayed. Your computer may not have enough memory to open the image, or the image may have been corrupted. Restart your computer, and then open the file again. If the red x still appears, you may have to delete the image and then insert it again.

    I regni sono

    I REGNI VIVENTI secondo la teoria dei 5 Regni:

    Monera (procarioti)- archibatteri- eubatteri

    Protista (protisti) Plantae (piante)Fungi (funghi)Animalia (animali)

    I regni sono individuati in base a:

    tipo cellulare complessit strutturale

    tipo e modalit di nutrizione

  • I CINQUE REGNI DEL MONDO VIVENTE

    MONERA PROTISTI FUNGHI PIANTE ANIMALI

    organizzazione cellulare

    procariota eucariota eucariota eucariota eucariota

    materiale genetico DNA non associato a proteine in cromosomi

    DNA associato a proteine

    in cromosomi

    DNA associato a proteine

    in cromosomi

    DNA associato a proteine in cromosomi

    DNA associato a proteine

    in cromosomi

    membrana nucleare assente doppia o singola doppia doppia doppia

    organuli cellulari delimitati da membrane

    assenti presenti presenti presenti presenti

    cloroplasti assenti presenti o assenti assenti presenti assenti

    parete cellulare non cellulosica assente o presente; in genere chitinosa cellulosica assenteparete cellulare non cellulosica assente o presente; cellulosica o di vario

    tipo

    in genere chitinosa cellulosica assente

    nutrizione autotrofa, eterotrofa per assorbimento

    autotrofa, eterotrofa per assorbimento o

    fagocitosi

    eterotrofa per assorbimento

    autotrofa eterotrofa per ingestione

    organizzazione cellulare

    unicellulari unicellulari o pluricellulari poco

    differenziati

    pluricellulari pluricellulari pluricellulari

    sistema nervoso assente assente assente assente presente, spesso complesso

    respirazione aerobia o anaerobia aerobia aerobia o anaerobia aerobia aerobia

  • Sia procarioti che eucarioti hanno una organizzazione cellulare

    Questo consente loro una vita autonoma, grazie alla presenza di una membrana limitante e di sistemi intracellulari necessari ad esplicare le attivit vitali fondamentali.

    I virus, invece, non hanno organizzazione cellulare, sono assai pi semplici dei procarioti e, soprattutto, essendo costituiti semplici dei procarioti e, soprattutto, essendo costituiti essenzialmente da DNA ed RNA, sono parassiti obbligati, in quanto incapaci di riprodursi se non allinterno di una cellula procariota o eucariota.

    Per questo motivo non si considerano viventi o comunque sono al confine fra vivente e non-vivente, qualora ci si riferisca alla definizione di vita che prevede la capacit di riprodursi.

  • I procarioti (dal greco Pro- 'prima, davanti' e Karyon 'nucleo') (o Monere) sono organismi unicellulari (o, al pi, coloniali) composti da una cellula semplice e primitiva (procellula) di dimensioni dell'ordine del micrometro (da 0.5 a 3 micron), senza membrana nucleare o altre suddivisioni interne.

    Gli eucarioti (dal greco eu, perfetto e karyon, nucleo) sono organismi mono- o pluricellulari costituiti da cellule dotate di nucleo, dette eucellule, pi complesse ed evolute delle cellule procariote.

  • Appartengono a questo regno tutti i procarioti, sia quelli esclusivamente aerobi, che quelli esclusivamente anaerobi.

    Questo regno ha 2 phylum principali:

    1 -alghe azzurre (o cianobatteri). Luso del termine alghe sta ad indicare che possiedono caratteristiche comuni con parecchi gruppi

    Le Monere

    indicare che possiedono caratteristiche comuni con parecchi gruppi di eucarioti, anchessi chiamati alghe. Contengono clorofilla e sono in grado di compiere la fotosintesi (liberano ossigeno come prodotto secondario).

    2-batteri. Sono procarioti che non possiedono clorofilla e non liberano ossigeno come prodotto secondario. Si dividono a loro volta in Archeobatteri e Eubatteri.

  • Il regno delle Monere quindi costituito da:

    Cianobatteri

    Archeobatteri

    Eubatteri

  • I batteri possono essere eterotrofi o autotrofi

    Si definiscono come organismi autotrofi (dal greco "autos" = da se stesso e "trophos" = alimentazione) quelli capaci di nutrirsi utilizzando solamente semplici sostanze inorganiche, come avviene per le Piante che necessitano solo di anidride carbonica ricavata dall'aria, di acqua e sali minerali assorbiti dal terreno. Le ricavata dall'aria, di acqua e sali minerali assorbiti dal terreno. Le piante sono fotoautotrofe perch utilizzano il Sole come fonte di energia ; in casi molto pi rari, come accade per alcuni batteri, l'organismo ricava l'energia necessaria dall'ossidazione di sostanze inorganiche (chemioautotrofia).

  • Gli organismi eterotrofi (dal gerco "hteros" = altro, differente) si nutrono di sostanze organiche prodotte dagli organismi autotrofi: tipico il caso degli Animali che si alimentano direttamente (erbivori) o indirettamente (carnivori) di vegetali. Un caso importante di eterotrofismo quello dei decompositori capaci di nutrirsi di detriti organici di animali e decompositori capaci di nutrirsi di detriti organici di animali e piante presenti nel terreno.

  • 1 - Fotoautotrofi: Sintetizzano i composti organici partendo dallaanidride carbonica ed utilizzando come fonte energetica la luce solare.

    Dal punto di vista del metabolismo, si individuano, all'interno diquesto regno, 4 principali gruppi di batteri:

    solare.

    2 - Fotoeterotrofi: Utilizzano la luce per generare energia sottoformadi ATP, ma non sono in grado di fissare l'anidride carbonica,necessitano quindi di carbonio organico.

  • 3 - Chemioautotrofi: Sono in grado di fissare l'anidride carbonica ed ossidano composti inorganici per ricavare energia.

    4 - Chemioeterotrofi: 4 - Chemioeterotrofi: Traggono energia e componenti strutturali da sostanze dellambiente circostante.

  • CELLULE PROCARIOTE

    Crescono rapidamente; ad esempio possono raddoppiare di massa, numero e dimensioni nel giro di 20 minuti.

    Sono molto versatili, possono accettare una gran variet di nutrienti e anche selezionare il miglior nutriente fra molti, sono quindi capaci e anche selezionare il miglior nutriente fra molti, sono quindi capaci di adattarsi rapidamente ad una gran variet di ambienti.

    Sono caratterizzate da una struttura non compartimentalizzata, molto primitiva.

  • Parete rigida (detta capsula, glicocalice, strato mucoso, ecc) spessa circa 200 , costituita da peptidoglicano = catene parallele polisaccaridiche tenute assieme da ponti peptidici).

    1 Capsula

    2 Parete cellulare

  • Membrana plasmatica o plasmalemma di natura lipoproteica, spessa circa 70 .

    3 Membrana citoplasmatica

  • 4 Citoplasma

    All'interno del plasmalemma, localizzato il citoplasma. Il citoplasma occupa circa la met del volume totale della cellula e vi si trovano disperse tutte le sostanze chimiche vitali tra cui sali, ioni, zuccheri, una grande quantit di enzimi e proteine e la maggior parte dell'RNA. L'acqua costituisce circa l'80% delle sostanze contenute nel citoplasma.

  • 5 RibosomiOrganuli devoluti alla sintesi delle proteine e contenenti RNA eproteine.

  • 6 Mesosoma Il mesosoma un ripiegamento della membrana citoplasmatica di forma irregolare.

    I mesosomi svolgono molte delle funzioni della membrana citoplasmatica:

    mesosomi settali: intervengono nella divisione cellulare e tengono legato il DNA facilitando la separazione dei due cromosomi e la produzione del setto cromosomi e la produzione del setto trasversomesosomi respiratori: contengono la maggior parte dei citocromi e degli enzimi respiratorimesosomi biosintetici: contengono enzimi che intervengono nella sintesi dei componenti della parete.mesosomi fotosinteticimesosomi sporali: essenziali per la formazione dell' endospora

  • 7 Nucleoide

    Regione dalla forma irregolare, che contiene materiale genetico. Il nucleoide formato da un'associazione di proteine di cui solamente alcune sono note, si stima che siano almeno una dozzina. Queste proteine si complessano con il DNA genomico dei procarioti modulandone la trascrizione. Il nucleoide largamente composto da RNA (circa 60%) e proteine.

  • 8 FlagelloSono appendici cellulari, lunghe e sottili che hanno una funzione motoria.Consentono alle cellule di muoversi in funzione delle differenze di composizione del mezzo in cui si trovano. I batteri sono ad esempio in grado di riconoscere dei gradienti di concentrazione di certe sostanze e, a seconda che siano attraenti (es nutrienti) o repellenti (tossiche), di (es nutrienti) o repellenti (tossiche), di muoversi verso le zone di maggiore o minore concentrazione (movimenti chemiotattici). Possono anche muoversi rispondendo a gradienti di concentrazione dellossigeno (movimenti aerotattici) e, nel caso dei batteri fotosintetici flagellati, alla presenza di zone diversamente illuminate (movimenti fototattici).

  • I pili possono funzionare come organo di ancoraggio

  • La riproduzione di tipo asessuato, si hanno tuttavia meccanismi di scambio di piccole quantit di materiale genetico, come eventi disgiunti dalla riproduzione.

    procarioti unicellulari, non hanno organelli citoplasmatici specializzati e, ad eccezione dei ribosomi, non hanno nucleo;

    il loro DNA una molecola circolare

    BATTERI

    La divisione cellulare dei batteri avviene dopo che il batterio ha duplicato il materiale genetico ed aumentato in dimensione, per scissione binaria.

    I batteri possiedono una parete cellulare e se le condizioni ambientalidiventano sfavorevoli, alcuni sono in grado di formare spore resistenti.Le spore possono rimanere quiescenti a lungo, nell'attesa che le condizioni ambientali tornino favorevoli.

  • Phylum comprendente organismi unicellulari fotosintetici nei quali il materiale nucleare non delimitato da membrana e mancanti anche di altre strutture cellulari specializzate.

    I cianobatteri contengono lo stesso tipo di clorofilla delle piante superiori, che per, in assenza dei cloroplasti, distribuita in tutta la cellula.

    Cianobatteri o Alghe azzurre

    cellula.

    In molte specie la clorofilla mascherata da altri pigmenti che impartiscono ai microrganismi una colorazione bluastra o rossastra.

    La riproduzione avviene per semplice divisione cellulare o per frammentazione dei filamenti.

  • I cianobatteri si trovano in tutto il mondo, in diversi habitat: sono abbondanti sulla corteccia degli alberi, sulle rocce e nei terreni umidi, dove compiono la fissazione dell'azoto; alcuni convivono in simbiosi con i funghi per formare i licheni.

    Vivono anche in ambienti estremi, come le sorgenti calde, a temperature fino a 73 C o negli anfratti delle rocce del deserto.

    Nei climi caldi alcune specie danno luogo a grandi fioriture, a volte tossiche, sulla superficie di stagni o di acque costiere.

  • Nelle acque basse tropicali, strati di cianobatteri si cementano con i sedimenti formando particolari strutture fossili, dette stromatoliti. Le stromatoliti fossili si trovano in rocce formate pi di 3 miliardi di anni fa, durante il periodo precambriano. Queste antiche formazioni indicano che i cianobatteri hanno probabilmente avuto un ruolo fondamentale nella trasformazione dell'antica atmosfera terrestre, ricca di biossido di carbonio, in quella odierna, ricca di ossigeno. di carbonio, in quella odierna, ricca di ossigeno.

    Alcuni cianobatteri sono azotofissatori e, pertanto, arricchiscono di azoto gli habitat dove si trovano, come le risaie. Un genere di cianobatteri, Spirulina, comprende specie coltivate e utilizzate come alimento tradizionale in alcune regioni del Messico e dell'Africa centrale.

  • Archeobatteri

    Gli archeobatteri possiedono una membrana cellulare formata da lipidi chimicamente differenti da quelli che compongono la membrana di tutti gli altri procarioti ed eucarioti.

    Come gli eubatteri, possiedono inoltre una parete esterna alla membrana, anche se di natura chimica diversa. membrana, anche se di natura chimica diversa.

    Questi organismi vivono perlopi in condizioni ambientali estreme, nelle quali la vita per altri viventi sarebbe impossibile o comunque molto difficile.

  • In base al loro ambiente, si distinguono tre gruppi di archeobatteri:

    1. Metanogeni - vivono in ambienti di acqua stagnante; sono chemioautotrofi, e utilizzano l'anidride carbonica trasformandola in CH4; hanno un ruolo molto importante nel ciclo del carbonio.

    2. Termoacidofili - vivono in sorgenti termali calde e negli 2. Termoacidofili - vivono in sorgenti termali calde e negli sbocchi idrotermali, e sopportano temperature molto elevate; possono essere eterotrofi o chemiosintetici. Quelli chemiosintetici utilizzano ossidi di zolfo trasformandoli in acido solfidrico, H2S.

    3. Alofili - vivono in acque molto salate; sono per pi eterotrofi.

  • Gli eubatteri comprendono la maggior parte dei restanti batteri e sono le forme che si incontrano comunemente, quelli che abitano il suolo, lacqua e gli organismi viventi pi grandi.

    Eubatteri

  • Bacilli: a bastoncino

    I batteri si distinguono per forma in:

  • Cocchi: a sfera; se si dispongono a coppia si chiamano diplococchi, a catena si chiamano streptococchi, a grappolo si chiamano stafilococchi

  • Spirilli: a spirale

  • Vibrioni: a virgola

    Vibrio cholerae

  • Spirochete: costituiscono un phylum eterogeneo di batteri a forma di spirale e dotati di filamenti assiali simili ai flagelli, fissati ad ambedue le estremit, le cui contrazioni consentono loro di muoversi.

  • RIPRODUZIONE

    Il processo di riproduzione pi comune la scissione binaria (o amitosi) in cui la cellula si divide in due sviluppando una parete trasversale.

    Ci sono altre forme di riproduzione: es produzione di spore, altri generano lunghi filamenti che si frammentano in tante piccole nuove cellule, gemmazione (al peduncolo di una cellula si nuove cellule, gemmazione (al peduncolo di una cellula si sviluppa una escrescenza che dopo un certo tempo si separa, originando un nuovo organismo).

    Esiste anche comportamento parasessuale: coniugazione, un pilo (pilo sessuale o pilo F) serve come porta dingresso per il trasferimento di materiale genetico dal donatore (maschio) allaccettore (femmina).

  • CONIUGAZIONE

  • CELLULE EUCARIOTE

    Caratteristica distintiva, rispetto ai procarioti, la presenza di un nucleo ben definito e isolato dal resto della cellula tramite l'involucro nucleare, nel quale racchiusa la maggior parte del materiale genetico, il DNA (una parte contenuta nei mitocondri).

    Eucarioti possono essere sia unicellulari, sia pluricellulari.Eucarioti possono essere sia unicellulari, sia pluricellulari.

  • Le cellule eucariote hanno dimensioni maggiori di quelle procariote (da pochi micron ad alcuni centimetri) e possono essere notevolmente diversificate.

    La cellula caratterizzata da una notevole complessit strutturale e soprattutto dalla compartimentazione di molte funzioni entro organuli specifici delimitati da membrana.funzioni entro organuli specifici delimitati da membrana.

    Ognuno degli organuli immersi nel citoplasma deputato a svolgere una particolare funzione.

  • Membrana cellulare, o plasmatica, che delimita la cellula e consente selettivamente scambi con lesterno.

    Membrana cellulare

  • Reticolo endoplasmatico

    Reticolo endoplasmatico rugoso (o ruvido, o granulare) provvisto di ribosomi ha la funzione di sintetizzare proteine.

    Reticolo endoplasmatico liscio. il maggior responsabile della sintesi dei lipidi, degli ormoni steroidei e del metabolismo del glicogeno. Ha come compito quello di detossificare sostanze dannose per l'organismo, come ad esempio l'etanolo. E sede primaria del metabolismo di fosfolipidi, acidi grassi e steroidi, serve a sintetizzare i lipidi utili per costruire e riparare tutte le membrane della cellula. Il REL ha anche la funzione di immagazzinare ioni calcio.

  • Apparato di GolgiHa la funzione di trasportare le proteine sintetizzate in altri componenti cellulari. Altra funzione la sintesi di lipidi.

    Apparato di Golgi

  • RibosomiOrganuli scuri composti da RNA ribosomiale (r-RNA) e materiale proteico, la loro funzione quella di sintetizzare le proteine.

    LisosomiChe contengono enzimi idrolitici e sono devoluti alla digestione endo ed extracellulare.

    MitocondriChe costituiscono le centrali energetiche della cellula, essendo predisposti alla sintesi dellATP.

    Cloroplasti(cellule vegetali) devoluti alla fotosintesi.

    etc

  • Nel nucleo sono localizzati uno o pi nucleoli e la cromatina, che durante la divisione cellulare si organizza nei cromosomi. Il nucleolo non delimitato da membrana ed costituito prevalentemente da RNA associato a proteine. Sua funzione quella di presiedere alla biosintesi dei ribosomi citoplasmatici.

  • RIPRODUZIONEMitosiprocesso attraverso il quale una cellula si divide in due cellule figlie che risultano geneticamente e morfologicamente identiche tra loro e alla cellula madre. Ci presuppone la duplicazione del DNA della cellula madre, la formazione di due copie identiche che vengono ripartite nelle cellule figlie, la suddivisione del citoplasma e la distribuzione degli organuli in esso presenti nelle due nuove cellule.cellule.

  • Meiosida una cellula si formano quattro cellule figlie, aventi la met del patrimonio genetico di quella originaria.

    In altri termini, la meiosi determina la ripartizione di ciascuna coppia di cromosomi omologhi (cromosomi su cui si trovano geni corrispondenti) presenti nelle cellule diploidi.

    In altri termini ancora, la meiosi un processo mediante il quale In altri termini ancora, la meiosi un processo mediante il quale una cellula eucariotica con corredo cromosomico diploide d origine a quattro cellule con corredo cromosomico aploide.

    Tramite meiosi prodotta la ricombinazione genetica.

    La meiosi si differenzia dalla mitosi, nella quale si formano cellule figlie aventi lo stesso patrimonio genetico della cellula madre.

  • La diversit genetica viene mantenuta dalla riproduzione sessuata, che comprende cicli cellulari con ricombinazione dell'informazione genetica proveniente da cellule di due organismi differenti (padre e madre).

    Ogni genitore fornisce un corredo cromosomico detto aploide (cellula uovo nella femmina e spermatozoo nel maschio).

    La fusione che d origine ad una singola cellula detta zigote, viene chiamata fecondazione.