presentazione di powerpoint - rete oncologica piemonte · docente di infermieristica applicata alla...

Click here to load reader

Post on 15-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

LE ENTEROSTOMIENel PDTA colon-retto

Daniela Cucco AO Ordine Mauriziano

Daniela Cucco

Docente di Infermieristica applicata

alla Educazione Terapeutica

presso lUniversit degli Studi di Torino

Responsabile infermieristico del Centro per la Cura delle Stomie

dellAO Ordine Mauriziano di Torino

1) Tutti i clienti con stomie e i loro famigliari dovrebbero

avere accesso ad una educazione completa

2) Leducazione alla stomia per tutti i livelli degli operatori sanitari dovrebbe essere sistematica, centrata sul cliente, fornita nelle sedi accademiche e sul posto di lavoro

3) I setting clinici devono avere accesso a un team interdisciplinare di professionisti con conoscenze specializzate per aumentare la qualit nella gestione delle stomie

RACCOMANDAZIONI RNAO* 2009

* Registered Nurses Association of Ontario, 2009

* DGR Piemonte 12 gennaio 2004, n. 15-11497 Linee guida di assistenza al portatore di stomie. - Requisiti di un Centro per la cura delle stomie

la valutazione della qualit di vita del portatore di stomia superiore quando stato attuato un preciso piano di riabilitazione postoperatorio, proseguito dopo la dimissione, da parte di infermieri professionali..... operanti in Centri per la Cura della Stomia *

Il Centro per la Cura della Stomia il punto di riferimento cui il portatore di stomia

si rivolge per ogni problema insorgente *

Il Team Centro Stomie:Franco BERTOLINO, chirurgo Paola COATA, dietista Marco DAPERNO, gastroenterologo

Antonella DE IACO, infermiera

Valeria ESPOSITO, infermiera

Giuliana FARELLA, infermiera

Patrizia GAMBA, urologa

Michela MINECCIA, chirurgo

Daniela MIRANDOLA, assistente sociale

Antonio VALENTI, infermiere

Daniela VASSALLO, dietologa

Stefania ZURLETTI, psicologa

Per contatti:

AO Ordine Mauriziano Torino

[email protected]

0115082746 -590

mailto:[email protected]

PARLIAMO DI ENTEROSTOMIE........PARLIAMO DI ENTEROSTOMIE........

Prima ancora di chiederci se sono:

DIGIUNOSTOMIE (evacuative, ovviamente)

ILEOSTOMIE (e non sempre sono a destra)

CIECOSTOMIE (sperando non se ne facciano pi)

COLOSTOMIE (e non sempre sono a sinistra)

PERCHE' DELLE ENTEROSTOMIEPERCHE' DELLE ENTEROSTOMIECI INTERESSA CHE:CI INTERESSA CHE:

Pi il tratto abboccato distante dal retto e/o pi corto il tratto funzionalmente integro, pi le emissioni intestinali saranno liquide

(fino a 1000 2000 ml e oltre nelle ileostomie)

e pi probabile il mancato assorbimento di acqua e di nutrienti

la scelta della sacca di raccolta

il tipo di alimentazione idonea

la possibilit di ripristinare una certa

continenza tramite lirrigazione trans-stomale

E' su questo dato che si basano:

Enterostomie

quando ?

Neoplasie Colo-rettali:

Colostomia terminale

Neoplasie Colo-rettali:

AAP del retto secondo Miles

Intervento di Hartmann

Definitiva Forse ricanalizzabile

Ileostomia, pi raramente colostomia: protezione di una anastomosi a rischio

Neoplasie Colo-rettali:

Paziente defedato. Urgenza (perforazione, occlusione). Neoplasie del retto radiotrattate. Neoplasie del retto ultrabasse (tumori prossimi al bordo anale). Anastomosi colo-anale.

Tanto le stomie di protezione si chiudono dopo 1 mese......

FALSO !

AO Ordine Mauriziano Torino Dati Centro Stomie 2010-12Ileostomie 2010-12 PER TUTTE LE PATOLOGIERicanalizzate entro dicembre 2013

Ileostomie ricanalizzate: 98 su 165 ( 59 % )

Tempo di ricanalizzazione mediano: 191 gg. ( Min. 23- max. 534 gg. )

Digiunostomia o ileostomia o colostomia palliative(in genere loop ostomy)

Neoplasie Colo-rettali:

in caso di occlusioni non risolvibili(es. carcinosi peritoneale, pelvi congelata, ecc)

Chirurgia Generale ed Oncologica AO Ordine MaurizianoChirurgia Generale ed Oncologica AO Ordine MaurizianoEnterostomie in 1 anno Enterostomie in 1 anno

Dati 2011

Digiunostomie 1

Ileostomie 79

Colostomie 59 definitive 13

TOTALE 139 (oncologici 96)

Chirurgia Generale ed Oncologica AO Ordine MaurizianoChirurgia Generale ed Oncologica AO Ordine Mauriziano Ileostomie in 3 anni (2010-2012)Ileostomie in 3 anni (2010-2012)

Campione suddiviso per patologia: N 165Campione suddiviso per patologia: N 165

Ma dietro le enterostomieci sono.............................. le persone

Sfilata di moda mare per stomizzati, USA

I TOSTI.....

Che diventano agenti attivi di sostegno e promozione..testimonial

Gli amantidello sport......

Che riprendono ed anzi migliorano le loroperformances

Gli amanti della forchetta......

Vita sedentaria,SovrappesoEcc.....

.e chi ha piproblemi

Comprese tutte le patologie gi preesistenti

RISCHIO DI GESTIONE INEFFICACE DEL REGIME TERAPEUTICO (per nuova condizione)

DISTURBO DEL CONCETTO DI SE , correlato ad alterazione dellimmagine corporea, timore di perdita del ruolo sociale

RISCHIO DI LESIONE CUTANEA della zona peristomale

DEFICIT NUTRIZIONALE correlato a ridotto assorbimento

Problemi del pazienteProblemi del pazientedi interesse infermieristicodi interesse infermieristico

(da NANDA)(da NANDA)

Le difficolt pi frequentemente riportate a

5 mesi dalla diagnosi erano *

Pelle dolente o irritata

(40% dei pazienti)

Odore dalla sacca (41%)

Rumore dalla sacca (88%)

*Colorectal Cancer and Quality of Life study-

Queensland 2003-04 in: B.M. Lynch et alt., Stoma surgery for colorectal cancer, JWOCN Vol. 35 N 4 July-August 2008

Sociali

Locali

RISCHIO DI GESTIONE INEFFICACE

DEL REGIME TERAPEUTICO

(per nuova condizione)

CE L'HANNOTUTTI !

23

CI VUOLE..................L'EDUCAZIONE TERAPEUTICA DEL PAZIENTE (OMS, 1998)

.progettata per mettere in grado un paziente (..)

Di gestire il trattamento delle sue condizioni

E di prevenire le complicanze evitabili

Mantenendo o migliorando la qualit della sua vita

In Therapeutic patient education, report gruppo di lavoro OMS Regione Europa, 1998

24

L' EDUCAZIONE TERAPEUTICAL' EDUCAZIONE TERAPEUTICA

Deve essere strutturata, organizzata e fornita

sistematicamente a ciascun paziente

attraverso una variet di mezzi

Comprende una valutazione del processo

di apprendimento e dei suoi effetti

Prevede

un contratto

(e proprio di questo si occupa il Centro Stomie)

25

L'EDUCAZIONE TERAPEUTICAL'EDUCAZIONE TERAPEUTICA

E un processo continuo che

deve essere adattato

al decorso della malattia,

al paziente

e al suo stile di vita

(e per questo seguiamo il paziente nel tempo)

I nostri obiettivi educativi (esempio)

Il paziente e/o il caregiver entro la dimissione (circa 7 giornata postoperatoria) saranno in grado di:

effettuare manutenzione e cambio della sacca

scegliere gli alimenti e bevande pi idonei rispetto al tipo di derivazione intestinale e alla malattia

adattare l'abbigliamento e l'igiene del corpo alla presenza della stomia

riconoscere le caratteristiche normali della stomia e segnalare segni e sintomi anormali

attivare percorsi sanitari idonei in caso di problematiche relative alla stomia (alterazioni dello stoma, della cute o difficolt di gestione)

......altro (specificare)...............

27

DISTURBO DEL CONCETTO DI SE

correlato ad

alterazione dellimmagine corporea,

timore di perdita del ruolo sociale

CHE FARE ?

28

A: Fare la stomia nel posto giusto

Il sito della stomia deve essere marcato da personale infermieristico esperto, e ci deve essere fatto appena l'eventualit della stomia si presenti; in assenza (), da un chirurgo esperto

CPO Regione Piemonte Settembre 2001

ASCRS and WOCN joint position statement on the value ofpreoperative stoma marking for patients undergoing fecal ostomy surgery. J Wound Ostomy Continence Nurs. 2007;34(6):627-628.

....either the WOC nurse or the surgeon identify the location of the stoma site

..........per non

trovarsi nei guai subito dopo

It will have the largest impact on our patients quality of life.Therefore, stomas, whether permanent or temporary, should be constructed toto last a lifetime last a lifetime.

Cataldo PA. Technical tips for stoma creation in challenging patient. Clin Colon Rectal Surg 2008;21:17-22

B: Trovare il sacchetto giusto(ed imparare ad usarlo)

Riadattarlonel

tempo ........

C: L'odore, il gas.... la CONTINENZA

Nelle COLOSTOMIE (sinistre) possibile rieducare lintestino con l IRRIGAZIONE, se vi un tratto di colon sufficiente ad avere feci semi-solide

Deve essere esclusa la presenza di controindicazioni, quali ad es. diverticoli, e

bisogna essere liberi da radio e chemioterapia..

Nelle ILEOSTOMIE lirrigazione a scopo di continenza non mai possibile

D: Sviluppare nuove strategie

Per vestirsi Per mangiare Per lavarsi Per lavorare Per guidare Per prendere l'aereo Per andare al mare Per stare con gli amici, i colleghi, gli

amanti....

E: Ri-socializzare, e far pace con le proprie emozioni

Tra i benefici dei gruppi di supporto vi sono l'opportunit di condividere informazioni ed

esperienze di vita, inparare nuovi adattamenti, prevenire i sentimenti di isolamento, promuovere la

speranza e la stima di s. (Amato, C. A. (1991). Leske, J. S. (1991). Vugia, H. D. (1991). )

I pazienti con stomia spesso si sentono isolati, e percepiscono s stessi in condizioni di salute peggiori di quanto il loro stato fisico non mostri. (Payne J. , 1995)

Il nostro gruppo

Dal 2009, presso lOspedale Mauriziano di Torino attivo un gruppo di sostegno per i pazienti stomizzati che affrontano il ritorno a casa dopo lintervento

Un gruppo a partecipazione libera e gratuita, rivolto ai pazienti operati presso il nostro Ospedale ad ai loro familiari.

Con la conduzione di squadra offerta dagli psicologi clinici, dagli stomaterapisti e dai sanitari del Centro Stomie, il gruppo

ha gi accolto, accompagnato e poi salutato molte persone.

Il gruppo di sostegno dovrebbe :

Fornire incoraggiamento e rinforzo delle abilit di coping

Comunicare reciproco rispetto

Condividere informazioni che aiutino i membri ad adattarsi alla loro esperienza o condizione

Esplorare strategie di problem-solving

Valutare vantaggi e svantaggi di diversi stili di coping

The role of WOC nurse in an Ostomy support group (Mowdy S. , JWOCN 1998)

RISCHIO DI LESIONE CUTANEA

della zona peristomale

Su 202 portatori di stomia definitiva (studio danese) :

La frequenza dei disordini cutanei riscontrata pi alta di quella finora riportata

(57% in ileostomie, 48% in urostomie,

35% in colostomie)

Herlufsen P. et alt, Ostomy Skin Study: a study of peristomal skin disorders in patients with permanent stomas, British Journal of Nursing, 2006, Vol 15 No. 16

La principale causa per i

disordini della cute

nellarea parastomale

paiono essere gli irritanti chimici,

soprattutto gli effluenti

stomali

Herlufsen P. et alt, Ostomy Skin Study: a study of peristomal skin disorders in patients with permanent stomas, British Journal of Nursing, 2006, Vol 15 No. 16

Broadwell, 1987

Lyon et alt., 2000

Rolstad e Erwin-Toth, 2004

Pi dell80% dei pazienti non cerca un aiuto sanitario

DEFICIT NUTRIZIONALE

correlato a ridotto assorbimento

Ma in un paziente oncologico la disidratazione e/o la malnutrizione calorico-proteica possono avere conseguenze davvero

gravi !

Riguarda, ovviamente, le ileostomie o gli intestini molto accorciati

AUTORIAUTORI ANNOANNO CASICASI READMISSIONREADMISSION

Dana et al 2008-11 154 20.1%

Maher et al 2004-11 123 11.4%

Paquette et al 2007-11 201 17%

Phatak et al 2005-10 294 11%

Messaris et al 1990-10 603 8%

Nagle (pre-pathway) 2007-11 161 15.1%

Nagle (post-pathway) 2011 40 0%

Nostri dati 2010-12 165 8,5%

Riammissioni per IRA in ileostomizzati (dati letteratura)

I capisaldi.......Monitoraggio: Del peso Del bilancio idrico Dell'intake alimentare ed idrico

Riduzione delle perdite enteriche, se possibile sotto i 700 ml/die:

Dieta a basso residuo di scorie Con/senza fibre solubili addensanti Con/senza loperamide

Supplementazioni quando occorre: Bevanda reidratante (formula OMS) Micro/macronutrienti ( orale o parenterale) Glutammina, probiotici ecc.

Definizione percorso di cura a forte componente educativa (con infermieri dedicati)

Supporto dietoterapico durante tutto il percorso (in collaborazione con SC Nutrizione Clinica)

Presa in carico per tutto il percorso di cura attraverso interventi di natura:

tecnica

relazionale

educativa.

Ricapitolando....il Centro per la cura delle stomieRicapitolando....il Centro per la cura delle stomie

Diapositiva 1Diapositiva 2Diapositiva 3Diapositiva 4Diapositiva 5Diapositiva 6Diapositiva 7Diapositiva 8Diapositiva 9Diapositiva 10Diapositiva 11Diapositiva 12Diapositiva 13Diapositiva 14Diapositiva 15Diapositiva 16Diapositiva 17Diapositiva 18Diapositiva 19Diapositiva 20Diapositiva 21Diapositiva 22Diapositiva 23Diapositiva 24Diapositiva 25Diapositiva 26Diapositiva 27Diapositiva 28Diapositiva 29Diapositiva 30Diapositiva 31Diapositiva 32Diapositiva 33Diapositiva 34Diapositiva 35Diapositiva 36Diapositiva 37Diapositiva 38Diapositiva 39Diapositiva 40Diapositiva 41