POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO ?· 1.2 Sviluppo della Strategia di adattamento ai cambiamenti…

Download POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO ?· 1.2 Sviluppo della Strategia di adattamento ai cambiamenti…

Post on 15-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA MAINSTREAMING DELLE POLITICHE DI ADATTAMENTO A LIVELLO REGIONALE E LOCALE

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA

AZIONE A2 2

Coordinamento

(Responsabile per lazione A2)

Alessia Albini, Lorenzo Bono, Teresa Freixo Santos, Mario Zambrini.

Con il contributo di tutti i partner

F. Giordano (ISPRA), I. Leoni (ISPRA), V. Lucia (ISPRA), M. Lapi (FLA), Pregnolato (FLA), S. Marras

(UNISS), D. Maragno (IUAV), F. Magni (IUAV), M. F. Musco (IUAV), F, Arras (Regione Sardegna),

A. Congiu (Regione Sardegna), G. Satta (Regione Sardegna)

Luglio 2017

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA

AZIONE A2 3

CONTENTS

1 Analisi delle buone pratiche in europa ............................................................................. 4

1.1 Chi ha risposto al questionario .............................................................................................. 4

1.2 Sviluppo della Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici ................................... 5

1.3 Implementazione della Strategia di adattamento ............................................................. 10

1.4 Governo dei processi di pianificazione ............................................................................... 11

1.5 Monitoraggio ........................................................................................................................... 15

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA

AZIONE A2 4

1 ANALISI DELLE BUONE PRATICHE IN EUROPA

1.1 Chi ha risposto al questionario

In Europa, sono ormai diversi gli enti di governo subnazionali che hanno adottato la propria

strategia e/o il proprio piano di adattamento ai cambiamenti climatici. Nellambito del

progetto europeo MasterAdapt, un questionario, composto da quattro sezioni per un totale di

25 domande, stato inviato a quaranta amministrazioni pubbliche di diverso livello (stato,

stato federale, regione, comune). Lanalisi che segue sintetizza le risposte ricevute da 21

amministrazioni, di cui venti da parte di enti regionali, tre da aree metropolitane e tre da citt.

Il questionario di Malta stato considerato nellanalisi in quanto, essendo uno stato di piccole

dimensioni, le politiche di adattamento vengono per lo pi definite a livello nazionale.

Figura 2.1. Chi ha risposto al questionario

La rappresentazione meramente indicativa. I confini indicati possono non corrispondere

alla realt.

Finlandia Area Metropolitana di Helsinquia

Francia Regione Aquitania

Francia Area Metropolitana di Lyon (Grand Lyon)

Spagna Area Metropolitana di Barcelona (rea

Metropolitana de Barcelona)

Spagna Regione Catalogna (Generalitat de

Catalonha)

Spagna Paesi Baschi

(Comunidad Autonma del Pas Vasco o

Euskadi)

Spagna Regione Murcia (Comunidad Autonma de

la Regin de Murcia)

Spagna Regione Navarra (Comunidad Autonma

de la Regin de Navarra)

Belgio Regione Fiandre

Svezia Kronoberg County (Kronobergs Ln)

Sweden Gothenburg County (Vstra Gtalands Ln)

Germania Stato Federale North Rhine Westphalia

(Landesregierung Nordrhein-Westfalen)

Germania Regione delEmscher-Lippe

Germania Stato Federale del Baden-Wurttemberg

(Landesregierung Baden-Wrttemberg)

Germania Stato Federale della Bavaria (Bayerische

Staatsregierung)

Germania Stato Federale della Lower Saxony

(Landesregierung Niedersachsen)

Regno Unito Scozia

Regno Unito Londra

Danimarca Copenhagen

Olanda Rotterdam

Malta Malta

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA

AZIONE A2 5

1.2 Sviluppo della Strategia di adattamento ai cambiamenti climatici

Secondo quanto emerge dai risultati del questionario di Master Adapt, la preparazione di una

strategia di adattamento a livello subnazionale legata, per la maggior parte degli enti che

hanno risposto, a una raccomandazione presente nella Strategia Nazionale (12 risposte su 19

enti che hanno risposto), piuttosto che a un obbligo (Tabella 2.3).

Tra le autorit che hanno compilato il questionario, quattro hanno indicato di aver avviato il

processo di redazione della strategia di adattamento, dieci di avere gi approvato la strategia

e undici di aver iniziato la sua fase di attuazione (Tabella 2.3). In termini di tempo necessario

per sviluppare la strategia, solo quattro autorit dichiarano di avere impiegato meno di un

anno, tutte le altre pi di un anno (nove pi di due anni). In poco pi della met dei casi

analizzati la strategia di adattamento risulta essere un documento indipendente (11 risposte

su 21), mentre negli altri casi fa invece parte di un quadro strategico pi ampio di tipo

multidisciplinare (10 risposte su 21).

A ciascuna autorit stato chiesto di indicare quali siano le sfide pi importanti derivanti dagli

impatti diretti e indiretti dei cambiamenti climatici. Le principali sfide legate agli impatti diretti

sono gli eventi meteorologici estremi (precipitazioni intense / drenaggio urbano) (indicati 17

volte dalle 21 autorit rispondenti) e le ondate di calore / isole di calore (16 volte), seguite

dalla siccit e gestione di risorse idriche e dalle alluvioni (rispettivamente 14 e 13 volte) (Figura

2.3). Per quanto riguarda gli impatti indiretti, le principali sfide risultano invece la perdita della

biodiversit e l'aumento delle malattie e i problemi di salute (indicati rispettivamente 17 e 16

volte) (Figura 2.4), ma sono stati individuati anche altri possibili impatti riguardanti agricoltura,

la domanda di energia e la domanda di acqua. Un risultato interessante rappresentato dal

numero esiguo di autorit che identifica tra le sfide pi importanti da affrontare gli eventuali

impatti dei cambiamenti climatici sui flussi migratori o altre conseguenze di tipo sociale

(selezionato solo 3 volte).

POLITICHE DI ADATTAMENTO AL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN EUROPA

AZIONE A2 6

Tabella 2.3 Sviluppo della Strategia di adattamento

To

tale

AR

EA

ME

TR

OP

OLIT

AN

A D

I H

ELS

INQ

UIA

RE

GIO

NE

AQ

UIT

AN

IA

AR

EA

ME

TR

OP

OLIT

AN

A D

I L

YO

N

AR

EA

ME

TR

OP

OLIT

AN

A D

I B

AR

CE

LO

NA

RE

GIO

NE

CA

TA

LO

GN

A

PA

ES

I B

AS

CH

I

RE

GIO

NE

MU

RC

IA

RE

GIO

NE

NA

VA

RR

A

RE

GIO

NE

FIA

ND

RE

KR

ON

OB

ER

G C

OU

NT

Y

GO

TH

EN

BU

RG

CO

UN

TY

ST

AT

O F

ED

ER

ALE

NO

RT

H R

HIN

E W

ES

TP

HA

LIA

RE

GIO

NE

DE

L E

MS

CH

ER-L

IPP

E

ST

AT

O F

ED

ER

ALE

DE

L B

AD

EN

-WU

RT

TE

MB

ER

G

ST

AT

O F

ED

ER

ALE

DE

LLA

BA

VA

RIA

ST

AT

O F

ED

ER

ALE

DE

LLA

LO

WE

R S

AX

ON

Y

SC

OZ

IA

LO

ND

RA

CO

PE

NH

AG

EN

RO

TT

ER

DA

M

MA

LT

A

Domanda FI

FR

FR

ES

ES

ES

ES

ES

BE

SE

SE

DE

DE

DE

DE

DE

UK

UK

DK

NL

MT

2. La strategia nazionale per ladattamento al

cambiamento climatico promuove lo sviluppo

di una strategia a livello regione o locale?

Si, obbligatorio 4

Si, incoraggiato 12

No 3

4. Stato di attuazione della strategia nazionale

per ladattamento al cambiamento climatico

He

lsin

qu

ia

Aq

uit

an

ia

Lyo

n

Ba

rce

lon

a

Ca

talo

gn

a

Pa

esi

Ba

sch

i

Mu

rcia

Na

varr

a

Fia

nd

re

Kro

no

be

rg

Go

the

nb

urg

NR

We

stp

ha

lia

Em

sch

er-

Lip

pe

Ba

de

Recommended

View more >