pacchetto igiene

Download Pacchetto igiene

Post on 04-Jun-2015

3.835 views

Category:

Business

2 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Il nuovo pacchetto igiene

TRANSCRIPT

  • 1. Legislazione Sicurezza Alimentare Pacchetto Igiene Dott. Massimo FalsaciTecnologo Alimentare

2. Perch stato necessario cambiare la legislazione alimentare?

  • Le emergenze sulla sicurezza alimentare;
  • Le recenti gravi crisi del settore alimentare:
    • BSE (1996 - ad oggi);
    • Diossina (1999 - 2000);
    • Afta epizzotica (2001).

3. Le crisi hanno rivelato che

  • Gli alimenti sono un argomento importante per il consumatore:
    • Gli alimenti hanno un considerevole valore sociale e culturale;
    • Il rischio nel settore alimentare non accettato;
    • I consumatori ignorano i processi produttivi degli alimenti.
  • I consumatori perdono facilmente la fiducia

4. Le crisi hanno rivelato che

  • Carenze in alcune strutture ufficiali:
    • Difficolt per amministratori, scienziati e politici di capire la gravit delle crisi a livello europeo o nazionale;
    • Disorganizzazione dei controlli sugli alimenti;
    • Scarsit dei controlli sui mangimi;
    • Carenze dellanalisi dei rischi;
    • Differenze tra i vari Stati.

5. Questo ha portato lUnione Europea verso una nuova organizzazione della sicurezza alimentare 6. Un nuovo approccio legislativo

  • LUE cerca di ricavare esperienze dalle crisi precedenti;
  • Varie proposte per una legislazione europea pi consistente per la sicurezza alimentare;
  • Proposte per la costituzione di una Autorit Europea per la Sicurezza Alimentare.
  • Libro Biancosulla sicurezza alimentare (2000);
  • La General Food Law(Gennaio 2002).

7. Un nuovo approccio legislativo

  • Principi generali di sicurezza alimentare:
    • Approccio globale ed integrato;
    • Responsabilit primaria operatori;
    • Messa in atto della rintracciabilit/tracciabilit;
    • Analisi del rischio e principio precauzione.
  • Istituzione Autorit Europea Sicurezza Alimentare (EFSA):
    • Compito principale=supporto scientifico;
    • Indipendenza, eccellenza e trasparenza.

8. Legislazione: la situazione attuale

  • Sovrapposizioni, ripetizioni e contraddizioni;
  • Mescolanza di diverse competenze;
  • Approccio diverso per gli alimenti di origine animale e gli altri alimenti;
  • Alto livello di dettaglio tecnico;
  • Alto coinvolgimento delle Autorit competenti nel fornire garanzie.

9. Legislazione: nuova normativa

  • Approccio orizzontale per tutto gli alimenti;
  • Considerazione dei rischi particolari legati a specifici alimenti;
  • Eliminazione di molti requisiti tecnici dettagliati;
  • Divisione dei testi relativi alligiene, ai controlli ufficiali e agli aspetti di sanit animale.

10. Struttura nuova legislazione alimentare 11. Pacchetto Igiene 1/2

  • Diversi regolamenti interconnessi gli uni agli altri:
    • Regolamento (CE) n.852/2004del 29/04/2004 sulligiene dei prodotti alimentari;
    • Regolamento (CE) n.853/2004del 29/04/2004 che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti degli operatori alimentari;
    • Regolamento (CE) n.854/2004del 29/04/2004 che stabilisce norme specifiche per lorganizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale destinati al consumo umano;

12. Pacchetto Igiene 2/2

    • Direttiva 2004/41CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21/04/2004 che abroga alcune Direttive recanti norme sulligiene dei prodotti alimentari e le disposizioni sanitarie per la produzione e la commercializzazione di determinati prodotti di origine animale destinati al consumo umano;
    • Regolamento (CE) n.882/2004del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29/04/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformit alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali (c.d. food & feed).
  • Regolamenti sono diventati applicabili a far data dal01/01/2006 .

13. Regolamento CE 852/2004 14. Innovazioni 1/2

  • Riguarda tutti gli alimenti;
  • Promuove un approccio integrato dal campo alla tavola;
  • Interessa tutti i livelli: produzione primaria e trasformazione;
  • Assegna la responsabilit primaria delligiene degli alimenti agli operatori del settore alimentare;
  • Impone lapplicazione di procedure di gestione dei pericoli;
  • Esclude dal campo di applicazione la fornitura diretta di piccoli quantitativi di prodotti primari dal produttore al consumatore finale.

15. Innovazioni 2/2

  • Garantisce la flessibilit: adattamento della legge che tiene conto delle situazioni particolari, senza che vengano mancati gli obiettivi del regolamento:
    • Consentire lutilizzo di metodi tradizionali di produzione;
    • Tenere conto delle esigenze delle regioni soggette a particolari vincoli geografici;
    • Agevolare le piccole imprese;
    • Introduzione del concetto di responsabilit.

16. Significato responsabilit

  • Normativa UE stabilisce gli obiettivi da raggiungere, ma non specifica procedure e strumenti da utilizzare;
  • Responsabilit delle procedure da adottare delloperatore del settore alimentare (Reg 852/04 art. 1, comma 1 a);
  • Responsabilit di dimostrare che le procedure raggiungono lobiettivo delloperatore (Reg 852/04 art. 4, comma 3b).

17. Reg 852/04: art. 4

  • Gli operatori del settore alimentare che effettuano la produzione primaria. Rispettano i requisiti generali in materia digiene di cui alla parte A dellAllegato I ;
  • Gli operatori del settore alimentare che eseguono qualsivoglia fase della produzione, della trasformazione e della distribuzione di alimenti successiva alla produzione primaria rispettano i requisiti generali in materia digiene di cui all Allegato II .

18. Allegato II Reg. 852/2004

  • Costituito da XII Capitoli;
  • Il Cap. I si applica a tutte le strutture salvo quelle indicate nel cap. III;
  • Il Cap. II si applica a tutti i locali dove gli alimenti vengono preparati, lavorati o trasformati (salvo mense e strutture del cap. III cio strutture mobili o temporanee);
  • Il Cap. IV si applica a tutti i tipi di trasporto;
  • Il Cap. da V a XII si applicano a tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione degli alimenti.

19. Reg. 852/04 Allegato II

  • Requisiti di igiene applicabili a tutti gli operatori settore alimentare:
    • Requisiti generali applicabili a tutte le strutture (capitolo I);
    • Requisiti specifici applicabili ai locali allinterno dei quali i prodotti alimentari vengono preparati lavorati e trasformati (capitoli II);
    • Requisiti per strutture mobili e distributori automatici (capitolo III);
    • Trasporto (capitoloIV);

20. Reg. 852/04 Allegato II

  • Requisiti per le attrezzature (capitolo V);
  • Rifiuti alimentari (capitolo VI);
  • Rifornimento idrico (capitolo VII);
  • Igiene del personale (capitolo VIII);
  • Requisiti applicabili ai prodotti alimentari (capitolo IX);
  • Requisiti confezionamento e imballaggio (capitolo X);
  • Trattamento termico (capitolo XI);
  • Formazione (capitolo XII).

21. Reg. 852/04 allegato I cap I

  • Requisiti generali applicabili alle strutture destinate agli alimenti;
    • Le strutture destinate agli alimenti devono essere tenute pulite, sottoposte a manutenzione e tenute in buone condizioni;
    • Lo schema, la progettazione, la costruzione, lubicazione e le dimensioni delle strutture destinate agli alimenti devono:
      • Consentire unadeguata manutenzione, pulizia e/o disinfezione;
      • Essere tali da impedire laccumulo di sporcizia, il contatto con materiali tossici, la penetrazione di particelle negli alimenti e la formazione di condensa o muffa;
      • Consentire una corretta prassi igienica.;
      • Disporre di adeguate strutture per la manipolazione e il magazzinaggio a temperatura controllata ove opportuno registrata.

22. Reg. 852/04 allegato I cap I

  • Deve essere disponibile un sufficiente numero di gabinetti, collegati a