monitoraggio ambientale a basso costo - 1

20
L'aria di S. Maria Capua Vetere F. M. Taurino Monitoraggio ambientale a basso costo

Upload: francesco-taurino

Post on 04-Jun-2015

1.038 views

Category:

Self Improvement


2 download

DESCRIPTION

Una rete di sensori wireless per il monitoraggio ambientale e della qualità dell'aria a Santa Maria Capua Vetere (introduzione).

TRANSCRIPT

Page 1: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

L'aria di S. Maria Capua Vetere

F. M. Taurino

Monitoraggio ambientale a

basso costo

Page 2: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Cosa e' questo?

Page 3: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Prima era un CDR...

Stabilimento per la produzione di “Combustibile Derivato dai Rifiuti”– Grazie alla frazione secca separata

meccanicamente dei rifiuti urbani indifferenziati

– O meglio ancora grazie agli scarti della raccolta differenziata

– Umidità massima del 25% (vuol dire con poco organico...)

Page 4: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

...pero'...

Come gli altri CDR in Campania non

ha MAI prodotto combustibile a

norma di legge (troppo umido,

separazione dei materiali non

ottimale, ingresso di rifiuti di

provenienza non dichiarata)

fonte: rifiuticampania.org, giornali nazionali e locali

Page 5: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Ma ora e' uno STIR!Stabilimento di Tritovagliatura ed

Imballaggio Rifiuti– I rifiuti di ogni genere (e di diverse

province...) vengono triturati e imballati, per ridurne il volume del 30/40%

– Le “ecoballe” cosi' prodotte finiscono prima nei siti di stoccaggio per « qualche tempo », come per Maruzzella a S. Tammaro, e poi bruciate (per produrre energia?) ad Acerra

– Potrebbero essere utili a cementifici o impianti siderurgici ?

Page 6: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Ok, ma la nostra salute?In teoria non dovrebbe nuocere alla salute pubblica, dato che “trita e imballa”, senza sottoporre ad altri trattamenti i rifiuti

Si, ma...

la puzza ? Il percolato ? I rifiuti che arrivano sono SICURI ?

Page 7: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Cosa fa L'ARPACL'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania monitora costantemente le emissioni del termovalorizzatore di Acerra, e i risultati, sia per l'aria che per l'acqua, sono sempre nei limiti

fonti : osservatorioacerra.it

arpacampania.it

Page 8: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Ma poi....…si scoprono

sforamenti delle emissionipozzi avvelenatimozzarelle alla diossinaecoballe che perdono percolatodiscariche abusiveroghi notturni di rifiuti tossici

fonte : giornali nazionali e locali

Page 9: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Quindi?CONTROLLIAMO DA SOLI LA QUALITA' DELL'ARIA CHE RESPIRIAMO E CHE RESPIRANO I NOSTRI FIGLI !

COME ?

COSTRUIAMO UNA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE A BASSO COSTO INTORNO ALLO STIR EA MARUZZELLA !

Page 10: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Cosa? Chi? Quanto?Una sola centralina per monitoraggio ambientale dell'aria può costare anche oltre i 12.000 euro (una soltanto!) e richiede l'intervento di una azienda specializzata.

Ma da qualche anno esistono diversi progetti, aperti a TUTTI, per costruire delle piccole centraline alternatve e a basso costo

Page 11: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Veramente?!?!

SI !

Molte università e aziende di tutto il mondo hanno creato progetti e prodotti a basso costo che permettono di monitorare l'ambiente intorno a noi senza coinvolgere necessariamente enti pubblici e senza dover spendere grossi capitali

Page 12: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Per esempio...Potremmo posizionare 5 piccole centraline in prossimità dello STIR e monitorare diversi parametri (come anidride carbonica, diossido di azoto, ozono, benzene, acido solfidrico, ammoniaca, anidride solforosa, composti organici volatili, etc) e valutare la qualità dell'aria che arriva a S. Maria, spendendo meno di

10.000 euro !

Page 13: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Cosi' poco? E funzionano?

Certo !

Questi piccoli “gioielli” di tecnologia sono basati sugli stessi sensori delle centraline piu' costose, sono oggetto di studio in molte università e vengono ormai utilizzati in modo massiccio in tutto il mondo

Page 14: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

E facciamolo!

Dobbiamo1. Acquistarle2. Assemblarle3. Configurarle e testarle4. Programmarle5. Installarle sul territorio6. Acquisire i dati7. Pubblicare tutto su Internet

Page 15: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Se se....Dei punti in nero posso farmene carico io, per quelli in rosso serve...“una mano di aiuto”

– Chi finanzia ?– Chi autorizza l'installazione sul

territorio ?– Chi le ”pianta” al suolo o sui pali

della luce ?

Page 16: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

E dove le mettiamo?

Tre in prossimità dell'impianto e due più vicino alla citta, in zona S. Andrea dei Lagni

Se riuscissimo ad ottenere più fondi e ad accordarci con il comune di S. Tammaro, potremmo anche estendere il monitoraggio alla discarica di Maruzzella

Page 17: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1
Page 18: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

Oppure?Le centraline, essendo piccole e consumando molto poco, possono essere installate anche sui balconi di singoli cittadini che abbiano a cuore la questione ambientale...

Ovviamente nel caso in cui non dovessimo ricevere i necessari permessi dal comune per l'installazione “in campo” ;)

Page 19: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

E poi?Le centraline, una volta installate, sono connesse fra loro via radio e possono essere interrogate anche via GSM o GPRS.Quindi iniziamo la presa dati e pubblichiamo tutti i parametri su internet (su un sito dedicato oppure attraverso sistemi appositi): la qualità dell'aria DEVE essere sotto gli occhi di tutti!

Page 20: Monitoraggio ambientale a basso costo - 1

G R A Z I E !!!

Per i dettagli tecnici scrivete [email protected]