le strutture del familiare a brescia oggi bruno vedovati 09 novembre

Click here to load reader

Download Le strutture del familiare a Brescia oggi Bruno Vedovati 09 novembre

Post on 02-May-2015

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Le strutture del familiare a Brescia oggi Bruno Vedovati 09 novembre
  • Slide 2
  • La famiglia essendo un organismo vivo in continua trasformazione, produce soluzioni nuove che vanno guardate con interesse, in particolare da parte di coloro che intendono operare con e per la famiglia in una prospettiva di valorizzazione e sostegno. Ma la famiglia pur essendo cambiata nelle dimensioni, nelle funzioni, nei ruoli, e nelle relazioni con lesterno, resta il soggetto protagonista della mediazione tra gender e generazione. E la cellula primaria e vitale. Lunit genitore-figlio certamente il punto fermo di riferimento nella vita di tutte le persone.
  • Slide 3
  • Uno degli ambiti che pi destinato a risentire gli effetti della nuova realt demografica affermatasi a Brescia nellultimo trentennio certamente quello della famiglia: sia in termini di dimensione e di caratteristiche strutturali dei nuclei familiari, sia riguardo alla manifestazione dei fenomeni che determinano le modalit con cui questi ultimi si formano, si ampliano e si riducono. La struttura demografica e sociale di una popolazione, e la sua dinamica, sono strettamente legate da reciproche influenze, che incidono profondamente sui modelli familiari e sui rapporti tra le generazioni, tanto da condizionarne le forme, i contenuti e gli equilibri.
  • Slide 4
  • Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 5
  • Significativa differenza negli andamenti tra il capoluogo e il resto della provincia
  • Slide 6
  • Le statistiche e i dati amministrativi hanno un modo strano di considerano la famiglia Famiglia (definizione Istat) Insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinit, adozione, tutela o vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nello stesso comune (anche se non sono ancora iscritte nellanagrafe della popolazione residente del comune medesimo). Una famiglia pu essere costituita anche da una sola persona. Lassente temporaneo non cessa di appartenere alla propria famiglia sia che si trovi presso altro alloggio (o convivenza) dello stesso comune, sia che si trovi in un altro comune.
  • Slide 7
  • Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 8
  • Il generale forte aumento del numero delle famiglie, ha causato notevoli trasformazioni in vari ambiti e settori; si pensi ad esempio a quello economico: come andata aumentando la domanda per tutti i beni di consumo, durevoli e non, legati alla famiglia piuttosto che allindividuo.
  • Slide 9
  • Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 10
  • Significativo aumento lineare nel numero delle famiglie. Si passati dalle 82.800 famiglie del 1978 alle 92.910 del 2012 (circa 10.000 unit familiari in pi, +12%).
  • Slide 11
  • Tante famiglie, minori relazioni A conseguenza del crescere del numero delle famiglie, rimanendo pressoch invariata la numerosit della popolazione residente, si avuto un assottigliamento per certi versi anche repentino e costante del numero medio dei componenti della famiglia.
  • Slide 12
  • Tante famiglie, minori relazioni Nel 2012 la dimensione media della famiglia italiana era di 2,3 componenti mentre a Brescia il dato era pari a 2,03 componenti. Secondo la linea di tendenza di riduzione del numero medio di componenti della famiglia, a Brescia, si pu affermare che stata superata la soglia della media di due componenti per famiglia.
  • Slide 13
  • Influiscono sulla diminuzione del numero medio dei componenti soprattutto: il fenomeno dellinvecchiamento, la minor propensione al matrimonio e laumento di separazioni e divorzi, cui sono riconducibili lincremento di celibi e nubili e di famiglie monogenitoriali. Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 14
  • Slide 15
  • Slide 16
  • Le persone che vivevano sole nel dicembre 2011 erano a Brescia 40.115, (il 43% sul dato complessivo di tutte le famiglie, nel 1971 era il 15%) e il 20% tra tutti i residenti. Questa condizione di vita va guardata con estrema attenzione in quanto modifica fortemente le classiche e maggiormente estese relazioni intra-familiari, aprendo a forme inedite di relazioni, ma anche a preoccupanti possibili forme di isolamento e povert relazionali, ma anche verso potenziali impoverimenti sia sul piano della solidariet che della sostenibilit economica. Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 17
  • La propensione a vivere soli sembra essere dovuta, pi che a una vera e propria scelta, ad una condizione che deriverebbe principalmente dal prolungamento della durata della vita e dalla longevit delle donne, a fronte di una permanente supermortalit maschile. Ma anche il fenomeno delle famiglie spezzate sempre pi da considerarsi come emergente e rilevante su questa condizione di vita. Linvecchiamento della popolazione, il venire meno, soprattutto in alcune aree territoriali, di solidariet familiari aumenter sempre pi la dipendenza delle famiglie dal sistema dei servizi; dando vita ad una domanda diversa da quella che proviene dalla famiglia nucleare. Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 18
  • Tra i giovani, dove ci si attende una loro maggiore propensione ad uscire dalla famiglia di origine per sperimentare la vita in autonomia, in realt questo atteggiamento molto contenuto in quanto solo un terzo dei giovani di et tra i 25 e i 34 anni vive solo. Se si analizza tale condizione considerando anche le dinamiche migratorie, il dato riferito ai giovani viene ancor di pi ridimensionato. Tante famiglie, minori relazioni
  • Slide 19
  • A Brescia, nonostante tutto, il matrimonio continua a rimanere un momento di passaggio fondamentale per la transizione dei giovani alla vita adulta, ma, a differenza di qualche anno fa, ci si sposa sempre pi tardi e in misura minore. Molti sembrano essere i motivi che spingono i giovani a ritardare il matrimonio: difficolt di trovare lavoro, difficolt di trovare casa, facilit di rapporti sessuali prima del matrimonio, relativa possibilit di vivere in unione libera magari con laiuto economico dei genitori, aumento della durata degli studi, ecc.. E in costante aumento il fenomeno degli adulti, tra i 25 e 34 anni, che continuano a vivere all'interno del nucleo familiare di origine. Fino a un terzo dei giovani che fanno parte di questa classe det, vive ancora con i propri genitori e sono per lo pi celibi e nubili. Diventare famiglia
  • Slide 20
  • E evidente che viviamo in un contesto sociale e culturale segnato da alcune criticit che hanno di fatto modificato profondamente la struttura demografica e sociale, nonch la propensione verso la costituzione di una famiglia e la spinta- scelta verso quella meravigliosa e unica esperienza di essere parte attiva nel ciclo della vita. Se il passaggio alla vita adulta era in passato segnato dal matrimonio e dalla nascita del primo figlio, oggi pur rimanendo momenti importanti di passaggio e di cambiamento, diverse sono le esperienze e i significati attraverso i quali questi vengono vissuti e attribuiti. La dimensione sociale e pubblica sembra vivere una fase di revisione profonda, se non di crisi, mentre lespressione soggettiva e privata diventa riferimento e criterio. Diventare famiglia
  • Slide 21
  • Il matrimonio pur essendo una tappa fondamentale per la costituzione di una famiglia assume oggi significati e forme differente rispetto ad un passato anche recente. Assistiamo a Brescia ad un netto calo della propensione a contrarre matrimonio, ad una differente distribuzione della tipologia del rito, ma anche e soprattutto nei profili per et degli sposi e nella diffusione di nuovi modelli di convivenza. Diventare famiglia
  • Slide 22
  • Matrimoni celebrati nel Comune di Brescia dal 1978 al 2011 (valori assoluti) Diventare famiglia
  • Slide 23
  • A Brescia dal 1995 al 2011 il tasso di nuzialit passato da 5,6 a 2,3, la percentuale dei matrimoni civili sul totale dei matrimoni da 28,9% a 52,8%, la percentuale dei matrimoni misti sul totale dei matrimoni da 8,4% a 18,7%. Matrimoni celebrati nel Comune di Brescia tra italiani e con almeno 1 straniero dal 1995 al 2011
  • Slide 24
  • Diventare famiglia
  • Slide 25
  • Matrimoni celebrati nel Comune di Brescia nel 2000 e nel 2008 distinti tra primi e secondi matrimoni 2008 2000 ETA MEDIA FEMMINE ITALIANE FEMMINE STRANIERE MASCHI ITALIANI MASCHI STRANIERI AL 1 MATRIMONI O 31,8229,4034,5333,42 AL 2 MATRIMONI O 46,0243,152,9838,86
  • Slide 26
  • Matrimoni celebrati nel Comune di Brescia nel 2008: classi di et degli sposi e delle spose
  • Slide 27
  • La tendenza a formare una famiglia con figli al di fuori del vincolo istituzionale del matrimonio un comportamento pi evidente oggi, in quanto la maggior autonomia e indipendenza anche economica della donna, ha modificato quellelemento che vedeva nel matrimonio un sicuro riparo; questo lo era anche sul fronte dellidentit e delle relazioni sociali. Diversi studi evidenziano una stretta relazione tra minore indipendenza economica della donna con la maggior propensione al matrimonio. Oltre a ci da sottolineare limportanza che ha la dimensione culturale mass-mediale, che in un orizzonte sfocato di valori, mette di fatto in primo piano lindividualit e la soggettivit. Diventare famiglia
  • Slide 28
  • Relazioni fluide e incerte Lidentit personale e sociale di un individuo, dipende

View more