La Riviera n°26 del 23-06-2013

Download La Riviera n°26 del 23-06-2013

Post on 15-Mar-2016

216 views

Category:

Documents

2 download

DESCRIPTION

La Riviera n26 del 23-06-2013

TRANSCRIPT

  • La Cooperativa Un salto nella luce, consede in Siderno, grazie alla burocraziaregionale, si trova nell'impossibilit dipagare la giusta mercede agli ex detenutiche aveva impegnato in un progetto direcupero, e che ora non hanno con che farela spesa. Il carcere galera, ma almeno lacolazione, il pranzo, la cena li assicura.Quotidianamente e gratis.

  • DOMENICA 23 GIUGNO 2013 LA RIVIERA 02

  • Parlandodi...

    DOMENICA 23 GIUGNO 2013 LA RIVIERA 03

    CONTROCOPERTINA

    BRIGANTESSA SERENA IANNOPOLLO

    Ieu volarria u sacciu chi ndannu latti meg-ghiu i nui. Io vorrei sapere che cosa hannogli altri pi di noi. I would like to know whatpeople have that we dont. Ieu non sacciu ntaquanti atti lingui ndaju mu scrivu, pecch nonndaju risposta. E volarria puru u sacciu quanti perzuni sannuquantu dannu fannu quandu accattanu chillii prodotti chi venunu i fora, e si prejanu purupecch penzanu ca ennu megghiu, e mbeci simangianu velenu. Ieu sugnu calabrisa e calabrisa restu, volarriapuru mu restu nta terra mia e nommu sugnucostretta u ma fuju i cca pemmu nci passu ispisi da genti chi non esti di parti mei, e chisabbuffa chi sordi mei cchi di mia.Ndavimu u ndi mparamu, carissimi compa-trioti, mu guardamu letichetta di cosi chiccattamu, pecch non veru ca si i cosi custa-nu cchi assai ennu i megghiu, e non veruca si venunu du nord ennu megghiu. Ma vuiu sapiti ca i pira chi venunu du nord e chi ndimandanu a nui ennu u scartu i produzioni?Tra tutti i pira chi nesciunu, chigli i bboni simandanu du nord e da Germania, chigli chinesciru mali, nu pocu storti, nu pocu muca-ti chigli ennu destinati a Napoli e sutta. Mavui vi penzati ca venunu di pajsi emancipatied ennu megghiu? Vi pensati ca nta terra nostra non sapimu,forzi, u coltivamu a terra? E allura chi ndichiamanu a fari terruni? Na vota s casapamu ma coltivamu a terra, tipu 153 anniarretu, quandu nte zoni nostri s coltivavabbonu e assai, e i prodotti nostri arrivavanunta Francia, nta lInghilterra, persinu ntalAmerica, cu i navi nostri (pecch ndaviamua terza flotta modiali per importanza, doppuLInghilterra e a Francia!). Na vota e m?Chi succediu? Pecch non si coltiva cchi comu a prima?Pecch ndaju u vaju u maccattu a pasta iTorinu? Sulu a Sidernu nta strata statale 106ndaviamu dui (e dicu DUI!!) fabbrichi ipasta. E m? Ndi chiudiru. E pecch? Tornamu o discurzu i prima. Si tutti ndi

    mentamu u guardamu letichetta di cosi chiaccattamu nto supermercatu, sarria na cosaassai utili pe leconomia nostra e pemmu evi-tamu lemigrazioni, pecch facamu u lavura agenti nostra, ca puru chiglia ndavi dirittu muvivi. O no? Nui non avimu dirittu u lavuramunta terra nostra? Non avimu dirittu u spendi-mu i nosti sordi cca, e mu restanu cca nta stabella terra, pemmu ndi arricchimu nui candavimu bisognu? E facitivi dui cunti, com-patrioti: supa 50 Euro chi spendimu ntosupermercatu, 3 Euro restanu cca e 47(QUARANTASETTE!!!!!) vannu u linchiu-ni i cassi du nord. E chistu pecch non guarda-mu letichetta. Mo vi cuntu chissa: na vota miimpuntai pecch non mi fida i nuglia manerau trovu nu latti non sulu fattu cca nui, ma cua sede legale (che a cosa cchiu importanti)cca nui. Pensava: u latti da Calabria chi trovunto supermercatu nostranu, quindi stajutranquilla. EBBENE NO! Cera u truccu puru cca: jia mu guardu leti-chetta: latte Calabrese con sede lagalePAVIA! Cosi i lattu mundu. E ieu ndaju uvaju u maccattu u latti pemmu nci mandu isordi a Pavia cu tutti lallevamenti chi nda-vimu cca? E mi mparai u vaju o mercatu u mi ccattu ulatti glio pasturi, mu levu a casa, u fazzu ugugghi ed veru latti e non latti a purvari!E accuss mi mparai u fazzu cu i formaggi, cua carni, cu vinu, cu logghiu (attu tastu dolen-ti chi toccamu natta vota!) Facimu nesempiu pemmu ndi capiscimumegghiu: Ieu a Pasca mi ccattu a colomba letre marie chi a fannu a Milanu. Lutili disordi chi IEU (calabrisa) pagai, servunupemmu si costruimu i scoli, i strati, i ferrov aMilano. Ieu a Pasca mi ccattu na pastiera dupasticceri nostru e lutili di sordi chi IEU(calabrisa) pagai restanu nta terra mia pecosi chi ndi servunu a nui.E i figghi nosti ndi ringrazianu, pecch si tuttifacimu accuss si creanu cchi posti i lavu-ru0 U messaggiu semplicissimu: UARDAMULETICHETTA!

    IN EVIDENZA

    Ieu sugnu calabrisa e calabrisarestu, volarria puru mu restunta terra mia e nommu sugnucostretta u ma fuju i ccapemmu nci passu i spisi dagenti chi non esti di parti mei,e chi sabbuffa chi sordi meicchi di mia.

    IN EVIDENZA

    E facitivi dui cunti,compatrioti: supa 50 Euro chispendimu nto supermercatu, 3Euro restanu cca e 47(QUARANTASETTE!!!!!)vannu u linchiuni i cassi dunord. E chistu pecch nonguardamu letichetta.

    Compra SudIeu volarria u sacciu chi ndannu latti megghiu i nui. Io vorrei sapere che cosahanno gli altri pi di noi. I would like to know what people have that we dont.

    Ieu volarria u sacciu chi ndannu latti meg-ghiu i nui. Io vorrei sapere che cosa hannogli altri pi di noi. I would like to know whatpeople have that we dont. Io non so in quan-te altre lingue lo devo scrivere per trovareuna risposta.E vorrei pure sapere quante persone sono aconoscenza del danno che fanno quandocomprano prodotti che vengono da fuori,vantandosi, per giunta, poich pensano chequei prodotti siano migliori, e invece si man-giano veleno. Io sono calabrese e tale riman-go, ma vorrei pure restare nella mia terrasenza essere costretta ad emigrare e a paga-re i conti a persone che non sono mie conter-ranee e che godono dei miei soldi pi di me.Dobbiamo imparare, carissimi compatrioti, aguardare letichetta di ci che acquistiamo,poich non vero che le cose che costano dipiu sono migliori, e non vero che se vengo-no dal nord sono migliori. Ma voi lo sapeva-te che le pere che arrivano qui dal nord peressere vendute sono uno scarto di produzio-ne? Tra tutte le pere pronte per essere spedi-te, quelle buone le mandano in tutto il norde in Germania, quelle uscite male (un pstorte, un p andate a male) sono destina-te al popolo che vive a sud di Napoli. Cosacredevate, che solo per il fatto di provenireda terre emancipate fossero migliori?Credevate forse che nella nostra splendidaterra non sappiamo pi coltivare? E allora

    cosa ci chiamano a fare terroni? Una voltasapevamo davvero coltivare la terra, tipo 153anni fa, quando nelle zone nostre si coltivavabene e assai, e i nostri prodotti arrivavano inFrancia, Inghilterra e persino in America,con le nostre navi (perch avevamo la terzaflotta di importanza mondiale dopoInghilterra e Francia). Una volta e ades-so? Cos successo? Perch non si coltiva picome prima? Perch sono costretta a com-prare la pasta di Torino? Solo a Siderno sullastrada statale 106 avevamo due (e dico due!!)fabbriche di pasta. E ora? Ce le hanno chiu-se. E perch?Ma torniamo al nostro discorso. Se tuttispendessimo un minuto per guardare leti-chetta di ci che intendiamo acquistare alsupermercato sarebbe cosa assai utile per lanostra economia e anche per evitare lacostante emigrazione, perch faremmo lavo-rare la gente nostra, che pure quella ha dirit-to di vivere. O no? Noi non abbiamo dirittodi lavorare nella nostra terra? Non abbiamodiritto di spendere i nostri soldi qui, di modoche restino nella nostra bella terra, ed arric-chire le nostre casse, poich ne abbiamo dav-vero bisogno? E fatevi due conti, compatrio-ti: su 50 euro che spendiamo al supermerca-to, 3 euro rimangono a sud e 47 (quaranta-sette!!) andranno a riempire le casse delnord. E questo solo perch non guardiamoletichetta.

    Vi racconto questa: un giorno mi impuntaiperch non riuscivo in nessun modo a trova-re un latte che fosse fatto in Calabria, consede legale (che la cosa piu importante) inCalabria. Pensavo: il latte calabrese chetrovo al supermercato nostrano, quindi stotranquilla. Ebbene no! Cera il trucco anchequi: guardai letichetta e lessi: latte calabresecon sede legale Pavia! Cose dellaltro mondo.Quindi io dovrei comprare un latte qualsia-si al fine di arricchire Pavia Con tutti gliallevamenti che ci sono qui? Ed ho imparatoad andare al mercato a comprare il lattedirettamente dal pastore, me lo porto a casa,lo faccio bollire ed vero latte Non polve-re di latte! E cos ho imparato a fare per i for-maggi, la carne, il vino, lolio (altro tastodolente che toccheremo unaltra volta!).Facciamo un esempio per capirci meglio: io aPasqua compro la colomba le tre mariecon sede legale Milano. Gli utili dei soldi cheio - calabrese - ho pagato, serviranno percostruire scuole, strade, ferrovie a Milano. Ioa Pasqua compro una pastiera dal pasticceresotto casa e gli utili dei soldi che io calabre-se - ho pagato restano nella mia terra percose se serviranno a noi. E i nostri figli ci ringrazieranno perch setutti facessimo cos si creerebbero piu postidi lavoro. Il mio messaggio semplicissimo. GUAR-DIAMO LETICHETTA!

    TRADUZIONE

  • DOMENICA 23 GIUGNO 2013 LA RIVIERA 04

    Parlandodi...

    LA SETTIMANA

    ILARIO AMMENDOLIA

    Non in mio nome! Aveva rubato un po di pane, qual-che biscotto, una scatoletta di carnein un supermercato di Genova.Sorpresa dalla vigilanza, ai poliziottiche sono andata ad interrogarla hadetto di avere ottanta anni ed unapensione che non le consentiva dipagare contemporaneamente il fittodi casa e mangiare. Avr incontrato uomini di acciaio,inflessibili e cos lhanno denunciata.La legge legge, anzi per esseresolenni dura lex sed lex. I giudici hanno emesso la sentenzain nome del popolo italiano: colpe-vole di furto! Aggravato!Il magistrato ha ritenuto che il fattoche insieme al pane ci fossero ibiscotti (quindi dolci) dimostrasseche non si trattava di sola fame. Certo gi Dante aveva collocato igolosi nellInferno!Qualcuno scriver sul suo cartellinopenale responsabile di furto...Qualcuno la indicher come unaladra. Chiss se il confessore le potr darelassoluzione!Se potessi direi: non condannatela amio nome!Non mi riconosco in questa senten-za.La piet umana scritta su un codi-ce ben pi autorevole.Certo questo Stato che d al capodella polizia o dei carabinieri oltreseicentomila euro ogni anno percustodire la Legge, che stipendia unmagistrato di cassazione con unacifra di poco inferiore per punire lagente come la vedova genovese, cheassegna ai legislatori duecentomi-

    la euro annui per regolare i rapportidi forza allinterno dello Stato ed inquesta nostra societ, insomma que-sto Stato non pu avere piet.Forti con i deboli, deboli con iforti!Io continuo a sognare che un altromondo possibile. Unaltra Italia possibile! Molto prima di me lave-vano sognato e delineato i PadriCostituenti, gran parte di loro eranostati accusati di essere fuorilegge efurono realmente fuori dalle leggiinfami allora vigenti.Gli uomini scrivono i codici, la natu-ra ha scritto la solidariet tra gliuomini che si riconoscono simili inquesta splendida avventura che lavita umana.Senza piet umana, senza saggezza,senza giustizia, la legge diventa unaparvenza che consente ai potenti diopprimere i deboli.Si consoli lanziana donna prima dilei, e solo per un pane di legno, stato condannato Jean Valjean ailavori forzati... La penna di Hugo neha fatto un monumento di grandez-za per lex forzato e di infamia per isuoi giudici e carnefici...Ovviamente non sono per i furti aisupermercati, comprendo quandoqualcuno spinto da uno stato diassoluta necessit ma in questo casopi che di furto ci troviamo dinanziad un reale esproprio proletarioda parte di chi rientrando a caso vor-rebbe aver qualcosa da mangiare.Questo non un mondo per deboli! Certo io non lo vedr, difficilmentelo vedranno i miei figli, potrebberovederlo i miei nipoti, alla fine perlumanit riuscir a costruire unmondo migliore!

    La propriet, anche dunbiscotto, sacra einviolabile. E unottantenne condannata per furto

    Rimbocchiamoci le maniche

    BOVALINO/PULIZIA LUNGOMARE

    I giovani della Pro Loco di Bovalino hannopulito il lungomare domenica scorsa.Linizativa dellassociazione ha coinvolltomolti giovani e tantissimi cittadini della citta-dina della Locride. Domenica 16 giugno ivolontari alle 6.30 si sono riuniti, ai lati oppo-sti del lungomare, tutti i giovani e hanno ini-ziato lopera di pulitura. I lavori sono andatiavanti fino alle 13.00 e hanno reso il lungoma-re bovalinese un piccolo gioiello dellaLocride.Anche gli scout hanno contribuitoalle grandi manovre organizzate dalla ProLoco e laiuto di tutti ha permesso il successodellevento. sicuramente positiva e da sottolineare que-stiniziativa e questi ragazzi di Bovalino sareb-bero da prendere ad esempio. Non si sonovisti infatti sui litorali della Locride ragazziche hanno dedicato una mattinata per abbelli-re le loro citt e per renderle pi pulite eaccoglienti sia per loro che per i turisti che abreve dovrebbero raggiungere le nostre spiag-gie. Questo giovani entustiasti bovalinesihanno profuso tanto impegno nelliniziativariguardante il loro paese. La manifestazione si svolta alla presenza di Sergio Delfino, asses-sore allambiente.

    K.C.

    Rischio rissa alla Bnl di SidernoIl caldo portato in questi giorni dallanticiclone delle Azzorre ha dato alla testa a piduno. Prova lampante il nervosismo che si percepisce nelle sale dattesa di ufficipubblici e banche. La Bnl di Siderno per non aveva bisogno del caldo per far sal-tare i nervi ai propri clienti. Tra numeri dufficio che squillano senza risposta eimpiegati che possono apparire scontrosi (il caldo avr colpito anche loro) ci vuolepoco a sfiorare la rissa.Clienti che non posso pi entrare neanche con il cellulare allinterno della struttu-ra, mentre gli impiegati lo tengono in bella mostra sulle loro scrivanie e magaririspondono anche ai familiari mentre la fila aumenta.Lattesa si allunga e cos anche la fila di coloro che aspettano. Ognuno l che guar-da il suo prossimo attendendo un pretesto per dare in escandescenza e sfogare ilsuo nervosismo. Non potendosela prendere con la rigidit della banca se la pren-dono con gli altri clienti.

    La Costituzione sia difesaGIOIA TAURO

    Dopo S. Luca il movimento che chiedela rivisitazione della legge che regola loscioglimento dei consigli comunali perinfiltrazione mafiosa, si dato appunta-mento a Gioia Tauro.Venerd sullo stesso problema vi erastato un interessante dibattito suTelemia. Certamente il problema molto sentito in tutta la nostra Regioneed in particolare in provincia di ReggioCalabria.. Questo non significa che sitratti di un problema che riguarda solo ilSud perch la Costituzione si difendeovunque.Da pi parti si sottolineato il fatto chequesta non una battaglia a favore deiconsigli comunali eletti con il contributo

    della ndrangheta o da questa condizio-nati, bens una lotta per impedire qual-siasi penetrazione mafiosa rafforzando ilcontrollo democratico sulla pubblicaamministrazione.Del resto basta dare un'occhiata all'atti-vit dei commissari insediatesi neiComuni calabresi per comprendere chemolto spesso non solo per questa vianon si debella la ndrangheta ma sihanno esempi di discutibile amministra-zione, a volte, con manifesta incapacitdi affrontare l'ordinaria amministrazio-ne.Il dibattito andr certamente avanti e,per i prossimi giorni, gli organizzatoriannuncia...