La malattia di Gaucher è una malattia genetica panetnica autosomica recessiva, caratterizzata da accumulo lisosomale, che colpisce meno di 10.000 persone

Download La malattia di Gaucher è una malattia genetica panetnica autosomica recessiva, caratterizzata da accumulo lisosomale, che colpisce meno di 10.000 persone

Post on 02-May-2015

248 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

<ul><li> Slide 1 </li> <li> Slide 2 </li> <li> La malattia di Gaucher una malattia genetica panetnica autosomica recessiva, caratterizzata da accumulo lisosomale, che colpisce meno di 10.000 persone in tutto il mondo. </li> <li> Slide 3 </li> <li> Epidemiologia varia seconda del paese e della tipologia: Tipo I, ha un'incidenza di 1 su 60.000-200.000 (media mondiale) pi diffusa fra gli ebrei ashkenaziti (incidenza media 1 su 1000); Tipo II, incidenza di 1 su 100.000; Tipo III, incidenza di 1 su 50.000 (la pi diffusa); </li> <li> Slide 4 </li> <li> I TRE TIPI DI GAUCHER Tipo I : non neuropatico, dell'adulto, cronico; Tipo II : acuto neuropatico, infantile, classico/neonatale; Tipo III : sub-acuto neuropatico, giovanile IIIa : coinvolgimento neurologico &gt; coinvolgimento viscerale IIIb : coinvolgimento neurologico &lt; coinvolgimento viscerale IIIc : variante cardiaca </li> <li> Slide 5 </li> <li> Slide 6 </li> <li> Fu descritta per la prima volta dallo stesso medico francese Philippe Charles Ernest Gaucher nel 1882 durante la discussione della sua tesi dottorale. Nel 1905 fu denominata Malattia di Gaucher Solo le 1924 H. Lieb descrive la natura lipidica del materiale accumulato dentro le cellule spleniche. A. Aghion identifica il glucocerebroside. Nel 1965 Roscoe O. Brady dimostra il difetto enzimatico alla base della malattia. </li> <li> Slide 7 </li> <li> Il difetto enzimatico consiste nel deficit di una idrolasi acida, la glucocerebrosidasi. Proteina monomerica composta da 496 amminoacidi. Ha un peso di 55.4kD Diverse sequenze di riconoscimento segnale possono far variare la lunghezza del peptide di 19 amminoacidi. </li> <li> Slide 8 </li> <li> Essa responsabile della scissione del glucocerebroside in glucosio e ceramide. NC_000001.10 249.250.621 bases LUNGHEZZA GENE GBA: 7Kb PRESENZA di 11 ESONI 300 POSSIBILI MUTAZIONI FINORA INDIVIDUATE E STUDIATE -glucosidasi acida Composta da 496 AMMINOACIDI Glucosilceramide Sintetasi (Ugcg) </li> <li> Slide 9 </li> <li> Il gene che codifica per questo enzima lisosomiale GBA1 (esiste anche una glucocelebrosidasi non lisosomiale codificata dal gene GBA2), localizzata sul braccio lungo del cromosoma 1. </li> <li> Slide 10 </li> <li> BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA 1 </li> <li> Slide 11 </li> <li> Slide 12 </li> <li> Slide 13 </li> <li> Sono note circa 300 mutazioni di GBA1. Le pi frequenti nella popolazione caucasica sono: N370S L444P 84GG </li> <li> Slide 14 </li> <li> Pseudogene </li> <li> Slide 15 </li> <li> Da NCBI, OMIM entry 606463, glucosydase beta acid, GBA The GBA pseudogene is located approximately 16 kb downstream from GBA (Sorge et al., 1990). Zimran et al. (1989) identified a new mutation which represented crossing-over between the GBA gene and the pseudogene, resulting in a fusion gene designated 'XOVR [] The location of a pseudogene near the functional gene for GBA on chromosome 1q may be the basis of disease-producing changes in the functional gene through gene conversion, similar to what occurs with the CYP21 gene (613815) on 6p (Horowitz, 1990).Sorge et al., 1990 Zimran et al. (1989)613815Horowitz, 1990 </li> <li> Slide 16 </li> <li> CELLULA DI GAUCHER Cellule macrofagiche ingrossate per leccesso di glucocerebroside, componente essenziale della membrana cellulare di eritrociti e leucociti. Accumulo principalmente a carico degli organi emocateretici con conseguente organomegalia. </li> <li> Slide 17 </li> <li> Slide 18 </li> <li> Cellula Normale Cellula di Gaucher diametro 20 100 m </li> <li> Slide 19 </li> <li> Slide 20 </li> <li> Slide 21 </li> <li> Slide 22 </li> <li> DIAGNOSI Dosaggio dellattivit enzimatica attraverso lesame al sangue che nei pazienti affetti </li></ul>

Recommended

View more >