la crisi finanziaria del 2008 e le sue conseguenze ?· 1 la crisi finanziaria del 2008 e le sue...

Download LA CRISI FINANZIARIA DEL 2008 E LE SUE CONSEGUENZE ?· 1 LA CRISI FINANZIARIA DEL 2008 E LE SUE CONSEGUENZE…

Post on 09-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

1

LA CRISI FINANZIARIA DEL 2008 E LE SUE CONSEGUENZE SULLECONOMIA REALE

Indice

1- Le crisi intrinseche alleconomia capitalistica e le crisi determinate dalla politica. la speculazione e i suoi due ruoli..................................................... 2 1.1 - Come funziona la speculazione finanziaria.................................................................................................. 4 1.2 - La crisi del 2000. I legami tra la borsa e leconomia reale Gli aspetti positivi della speculazione finanziaria ........................................................................................ 5 1.2.1 - Perch i governi non intervengono: i legami tra la borsa e leconomia reale ......................................... 6 1.2.2 - La speculazione finanziaria deve essere regolata, ma non pu essere eliminata.................................... 7 2 - Il ruolo del dollaro nelleconomia mondiale e la crescita della liquidit internazionale .................................................................................................. 9 3 - Una crisi determinata dalla politica ............................................................................................................11 3.1 - I mutui subprime e le obbligazioni spazzatura Abs e Cdo; i Cds.................................................................11 3.2 - Il ruolo della politica ....................................................................................................................................13 3.3 - La crisi delle carte di credito ........................................................................................................................14 3.4 - Nota sui timori di svalutazione del dollaro e sulle ipotesi circa i legami tra la crisi e la guerra in Iraq..........................................................................................................................................14 3.5 - Il capitalismo produce beni e servizi. La politica produce regole................................................................15 3.5.1 - La diversa funzione delle regole nel settore produttivo ed in quello finanziario.....................................16 3.6 - Le conseguenze della crisi e il paragone senza fondamento con la Grande Crisi degli anni Trenta...........................................................................................................................................17 3.6.1 - Le conseguenze della crisi. E finito (per sempre?) un modello di consumo...........................................17 1. Una svolta nella storia del consumo ....................................................................................................17 3.6.2 - La sostanziale diversit dalla crisi degli anni Trenta..............................................................................18 3.7 - Le misure adottate per contrastare la crisi....................................................................................................19 3.8 - Perch i cittadini dovrebbero pagare per salvare i banchieri? ..................................................................20 3.9 - Vi lesigenza di regole per impedire truffe e rischi eccessivi, tuttavia non siamo alla fine delcapitalismo.................................................................................................................................21 1. La truffa delle cartolarizzazioni confezionate apposta per guadagnare dal sicuro crollo del loro valore ...........................................................................................................................................21 3.10 - Il trionfo dello Stato sul mercato, ovvero la vecchia retorica statalista ..................................................22 4 - I pericoli delineati dai salvataggi imposti dalla crisi ..................................................................................23 4.1 - Eccesso di regolazione e controllo politico delleconomia ..........................................................................23 4.2 - Blocco della privatizzazione dei servizi pubblici e abbandono della normale prudenza nellassunzione del rischio................................................................24 4.3 - La speculazione, in tutti i paesi, viene alimentata dallabbondante liquidit creata per superare la crisi ...25 5 - Gli sviluppi della crisi (aggiornamento al settembre 2010). La discussione sui comportamenti che la legge consente alle banche, ai fondi di investimento e alle altre istituzioni finanziarie ...............25 5.1 - Le banche utilizzano il denaro dei clienti per speculare in proprio..............................................................25 5.2 - La speculazione mediante i Cds: assicurare titoli che non si posseggono, ovvero scommettere sul fallimento dei debitori ...........................................................................................26 5.3 - La speculazione con i Cds prende di mira gli Stati finanziariamente pi fragili, e manipola le borse. La crisi della Grecia e la debolezza delleuro..............................................................26 5.4 - La funzione positiva della speculazione mediante i Cds: sono un severo guardiano del buon governo degli Stati e delle imprese......................................................28 6 - La crisi non finita. Il problema dellenorme indebitamento degli Stati e lassenza di una ripresa delloccupazione................................................................................................28 1. Le pesanti conseguenze sociali del perdurare della disoccupazione .........................................................30 2. Lindebitamento frena gli investimenti nelle energie rinnovabili ..............................................................30 7 - Le nuove regole che si dovrebbero imporre, e gli interessi che le ostacolano..........................................31

2

***** E opportuno far precedere lanalisi dellattuale crisi da una sintetica descrizione dei diversi tipi di crisi delleconomia capitalistica, nonch da una definizione delle diverse funzioni della specu-lazione e del ruolo del dollaro nelleconomia internazionale.

1- LE CRISI INTRINSECHE ALLECONOMIA CAPITALISTICA E LE CRISI DETERMINATE DALLA POLITICA. LA SPECULAZIONE E I SUOI DUE RUOLI

Leconomia di un Paese o di un gruppo di Paesi o del mondo intero, viene definita in crisi

quando la produzione complessiva di ricchezza ristagna o diminuisce, le borse calano, gli investi-menti, loccupazione e i profitti si riducono; se il calo prosegue per diversi mesi, si dice che leconomia in recessione.

Prima di analizzare lattuale crisi, iniziata nel 2008, si deve richiamare un principio fondamen-tale: Il capitalismo, fondato sulla spinta alla ricerca del profitto, si autodistruggerebbe se la politica non imponesse regole per impedire gli esiti disastrosi di questa ricerca: totalmente infondata lidea che il mercato capitalistico sappia autoregolarsi. La mano invisibile regolatrice del mercato che Adam Smith aveva teorizzato, in realt non mai esistita. Lesigenza di regole determinata dalla natura stessa del capitalismo: la lotta per il profitto, alimentata dal rischio di venire espulsi dal mer-cato, tende a fare i ricchi sempre pi ricchi e i poveri sempre pi poveri, spinge le imprese a ridurre i costi di produzione in qualsiasi modo, sfruttando i dipendenti, trascurando i pericoli per la salute, i rischi di incidenti, la sofferenza delle persone e i danni per la collettivit; le spinge a dilapidare, avvelenare e distruggere le risorse naturali e ambientali, a falsificare i bilanci, evadere il fisco, cor-rompere gli uomini politici e gli amministratori per lucrare sulle forniture o per ottenere finanzia-menti, esenzioni o vantaggi illegali; spinge chi opera in borsa a manovre che possono mettere a ri-schio lintera economia, come accaduto con la crisi iniziata nel 2008. Le regole devono tutelare le persone, evitare i danni alla collettivit e impedire le truffe.

Una crisi pu essere determinata, anzich dallassenza di regole o da regole errate -e di ci re-

sponsabile la politica- da meccanismi intrinseci al capitalismo, quando in numerosi settori si verifi-ca un eccesso di capacit produttiva. Si tratta di un fenomeno inevitabile che da sempre caratterizza leconomia capitalistica: le imprese sono inclini a sovrastimare il consumo dei loro prodotti, e quindi ad eccedere negli investimenti; ad un certo punto laccumularsi di merci invendute le co-stringe a frenare la produzione: calano i profitti, gli investimenti e loccupazione, generando i ricor-renti cicli di espansione-recessione delleconomia e delle borse.

Negli altri casi le crisi sono determinate dagli interventi errati dei politici, o dal loro sottrarsi al-la necessit di intervenire.

1) Eccesso di liquidit (politica monetaria espansiva): le autorit politiche mettono in circola-

zione una quantit eccessiva di moneta per stimolare leconomia: poich il denaro costa poco, dimi-nuiscono i costi di produzione1 e quindi crescono la produzione, gli investimenti e loccupazione; una delle conseguenze, in alcuni casi, pu essere laumento dei prezzi delle merci e dei servizi (in-

1 I costi di produzione diminuiscono perch le imprese, con poche eccezioni, devono ricorrere con continuit al credito delle banche, oppure dei risparmiatori (quando emettono obbligazioni). Se cala il costo del denaro, diminuisce anche il costo di questi finanziamenti.

3

flazione)2. La moneta si svaluta3 (facilitando le esportazioni, divenute meno costose per gli acqui-renti stranieri, e riducendo le importazioni, divenute pi care per

Recommended

View more >