la contrattazione collettiva - accordi interconfederali il contratto collettivo nazionale di...

Download La contrattazione collettiva - accordi interconfederali Il contratto collettivo nazionale di categoria Il contratto collettivo aziendale Il contratto collettivo territoriale (commercio,

Post on 12-Feb-2018

213 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • La contrattazione collettiva

    La contrattazione collettiva

  • La complessit interna delle fonti negoziali

    La complessit interna delle fonti negoziali

    Le diverse tipologie di contratto collettivo

    Le diverse tipologie di contratto collettivo

    Il contratto collettivocostituzionale

    Il contratto collettivocorporativo

    Il contratto collettivoesteso erga omnes

    Il contratto collettivodi diritto comune

    Il contratto collettivodi diritto comune

  • I livelli del contratto collettivo di diritto comune

    Gli accordiinterconfederali

    Il contratto collettivo

    nazionale di categoria

    Il contratto collettivo aziendale

    Il contratto collettivo territoriale(commercio, edilizia,

    agricoltura)

  • Il contratto collettivo nel sistema delle fontiIl contratto collettivo nel sistema delle fonti

    Fonti normative

    Il contr. coll. costituzionale

    Il contr. coll. corporativo

    Il contr. coll. erga omnes

    Accordi interconfederali

    Accordi aziendali

    Accordi territoriali

    Il C.C.N.L.

    Il contr. coll.di diritto comune

    Fonti negoziali

    LE FONTI DEL DIRITTO DEL LAVORO

    TIPOLOGIEdi

    contrattocollettivo

    LIVELLIdi

    contratto collettivo

  • Lassociazionismo sindacale in ItaliaLassociazionismo sindacale in Italia

    Una domanda preliminare rispetto allanalisi giuridica

    della fonte contrattuale

    Una domanda preliminare rispetto allanalisi giuridica

    della fonte contrattuale

    Chi stipula i C.C.N.L?

    Sindacalismo di mestiere/di industria

    Organizzazione orizzontale/verticale

    del sindacato

    Vari modelli possibili,derivanti dalla combinazionedi DUE varianti

  • La prima varianteLa prima variante

    Aggrega lavoratori sulla base della loro professioneEs. Sindacato nel quale si organizzano i camionisti,

    quale che sia lattivit svolta nella impresa presso la quale

    sono occupati.

    Aggrega lavoratori sulla base del

    settore produttivo nel quale operano, a prescindere dalla

    loro professioneEs. Sindacato nel quale si

    organizzano tutti i dipendenti delle imprese tessili (addetti alla produzione, camionisti,

    contabili)

    SINDACALISMODI MESTIERE

    SINDACALISMODI INDUSTRIA

  • Seconda varianteSeconda variante

    Strutture sindacali orizzontali:

    raggruppano tutti i lavoratori residenti in un area territoriale determinata Le Camere del lavoro e

    le Unioni sindacali

    Strutture sindacali orizzontali:

    raggruppano tutti i lavoratori residenti in un area territoriale determinata Le Camere del lavoro e

    le Unioni sindacali

    Strutture sindacali verticali:

    raggruppano ai vari livelli i lavoratori appartenenti ad una professione o ad una categoria Le federazioni

    provinciali, regionali o nazionali di categoria.

    Strutture sindacali verticali:

    raggruppano ai vari livelli i lavoratori appartenenti ad una professione o ad una categoria Le federazioni

    provinciali, regionali o nazionali di categoria.

    In Italia c una combinazione dei due modelli, ma le funzioni negoziali sono esercitate prevalentemente dalle strutture verticali

    In Italia c una combinazione dei due modelli, ma le funzioni negoziali sono esercitate prevalentemente dalle strutture verticali

  • Il soggetto che stipula i C.C.N.L. (il tipo di contratto collettivo di cui principalmente ci

    occuperemo)

    Il soggetto che stipula i C.C.N.L. (il tipo di contratto collettivo di cui principalmente ci

    occuperemo)

    La federazione nazionale di categoria

    (espressione verticale di un sindacalismo di industria)

    La federazione nazionale di categoria

    (espressione verticale di un sindacalismo di industria)

  • Il coordinamento tra i livelli contrattuali attraverso la

    disciplina della rappresentanza

    Il coordinamento tra i livelli contrattuali attraverso la

    disciplina della rappresentanza

  • Centralizzazione

    Decentramento

    Una chiave di lettura

    generalmente adottata nelle

    analisi dei sistemi negoziali:

  • La prima fase: gli anni 50La prima fase: gli anni 50

    Forte centralizzazione, attuata a livello interconfederale: i grandi accordi sulle Commissioni interne e sui licenziamenti.

    Contrattazione di categoria debole

    Contrattazione aziendale inesistente

  • Gli anni 60Gli anni 60

    Laffermazione del contratto collettivo di categoria

    Affiorano i primi contratti aziendali, soprattutto grazie allintervento del sindacato esterno

    Decentramento ancora parziale

    CLAUSOLE DI RINVIOE

    CLAUSOLE DI TREGUA

    Emergono gli strumenti giuridici

    della articolazione del sistema

  • IL CICLO 1968-1973

    Forte decentramento e fine dellordine

    gerarchico fondato sulle clausole di rinvio e di tregua

    La contrattazione di categoria come

    strumento di generalizzazione

    di risultati ottenuti in alcune

    realt aziendali

    LO STATUTO INTERVIENECOME STRUMENTO DI RAZIONALIZZAZIONEDELLA PRESENZA SINDACALE IN AZIENDA

  • Fino alla prima met degli anni 80

    Contesto di crisi, calo delle tensioni rivendicative e ricentralizzazione

    Le politiche dei redditi e di contenimento del costo del lavoro presuppongono una centralizzazione del sistema

    Contesto di crisi, calo delle tensioni rivendicative e ricentralizzazione

    Le politiche dei redditi e di contenimento del costo del lavoro presuppongono una centralizzazione del sistema

    I primi grandi accordi triangolari (1983 e 1984)

  • Il Protocollo del luglio 1993

    Il compito di ridisegnare il

    sistema contrattuale, in Italia, stato assunto dal

    sistema contrattuale

    stesso

    Il Protocollo del 23 luglio 1993 come carta

    costituzionale delle relazioni

    industriali italiane (Treu)

  • I contenuti dellaccordo:il decentramento centralizzato

    La contrattazione aziendale riguarda materie ed istituti

    diversi e non ripetitivi rispetto a quelli retributivi

    propri della contrattazione nazionale

  • Il presupposto fondamentale del sistema di coordinamento delineato

    dal Protocollo del 1993

    Il coordinamento tra livelli presuppone il coordinamento tra i soggetti protagonisti ai

    diversi livelli

    Il coordinamento tra livelli presuppone il coordinamento tra i soggetti protagonisti ai

    diversi livelli

    tra livelli

    tra i soggetti

  • I soggetti della rappresentanza sindacale

    a livello decentrato(nei luoghi di lavoro)

    e contrattuale

  • Chi contratta nei luoghi di lavoro?

    Contratta chi rappresentante

    dei lavoratori E rappresentante

    dei lavoratori chi usufruisce dei

    diritti sindacali nei luoghi di lavoro

    A chi sono attribuiti

    i diritti sindacali nei luoghi di lavoro?

  • Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unit produttiva nellambito:

    A) delle associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale

    B) delle associazioni sindacali, non affiliate alle predette confederazioni, che siano firmatarie di contratti collettivi nazionali o provinciali applicati nellunit produttiva

    Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unit produttiva nellambito:

    A) delle associazioni aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale

    B) delle associazioni sindacali, non affiliate alle predette confederazioni, che siano firmatarie di contratti collettivi nazionali o provinciali applicati nellunit produttiva

    confederazionimaggiormenterappresentative sul pianonazionale

    LE RAGIONI DELLA SCELTA:

    perseguire una politica del diritto che favorisca le

    forme di aggregazione

    sindacale pi ampie, allinterno delle quali

    i diversi egoismi di settore trovino

    compensazione(Giugni)

    Lart. 19 dello Statuto

  • Accordo 16.1.2009Accordo 16.1.2009Sostituisce le regole del protocollo del 1993. Si stabilisce la costituzione di un Comitato paritetico interconfederale per il monitoraggio, l'analisi e il raccordo. Si codifica dunque lassetto gerarchico nel rapporto tra il livello interconfederale e gli altri sottoordinati con un accentramento del potere decisionale a favore del primo, gi verificatosi in altri momenti del nostro sistema di relazioni industriali

    Sostituisce le regole del protocollo del 1993. Si stabilisce la costituzione di un Comitato paritetico interconfederale per il monitoraggio, l'analisi e il raccordo. Si codifica dunque lassetto gerarchico nel rapporto tra il livello interconfederale e gli altri sottoordinati con un accentramento del potere decisionale a favore del primo, gi verificatosi in altri momenti del nostro sistema di relazioni industriali

  • IL CONTRATTO COLLETTIVO

    IL CONTRATTO COLLETTIVO

  • Il contratto collettivo di diritto comune:

    lefficacia soggettiva

    Il contratto collettivo di diritto comune:

    lefficacia soggettiva

  • I problemi di efficacia del contratto collettivo di diritto comune

    I problemi di efficacia del contratto collettivo di diritto comune

    La duplice dimensione dellefficacia:

    1 tipo: lefficacia soggettiva 2 tipo: lefficacia oggettiva

    La duplice dimensione dellefficacia:

    1 tipo: lefficacia soggettiva 2 tipo: lefficacia oggettiva

  • Significati:Significati: Il problema

    dellefficacia soggettivaattiene alla

    individuazione dei sogg

Recommended

View more >