Incontro bosnia

Download Incontro bosnia

Post on 01-Jul-2015

421 views

Category:

Documents

3 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Relazione di Gianluca Chiaro sulla Guerra in Bosnia. I diritti sono di Gianluca Chiaro.

TRANSCRIPT

<ul><li> 1. Le cause del conf litto ?</li></ul><p> 2. 9/11/1989 Muro di Berlino 9/11/2001 Torri Gemelle 9/11/1993 - Ponte di Mostar 3. Alcune premesse: Non cadere nella tentazione di generalizzare e incasellare i tre popoli (serbi,croati, bosniaci) in blocchi granitici. Fare attenzione alle versioni sulla guerra etnico-religiosa, che suggerisce lideadi una guerra primitiva, meramente tribale. Evitare conclusioni affrettate come: non ci si pu capire niente perch tantosono tutti barbari assassini. I motivi ci sono stati, e la guerra stata accuratamente pianificata e preparata. Visono anche responsabilit dirette dellEuropa e degli Stati Uniti. In conclusione, non presumere mai di aver trovato una verit su di un conflittoche presenta molteplici facce. Ricordare sempre che la visione dei fatti dipendeanche dal vissuto, e occorre tempo per comprendere cosa abbiano vissuto e vivanooggi queste persone. Sarebbe inopportuno permetterci di giudicare la loro visionedei fatti a priori. 4. Dalla fine dellImpero austro-ungarico alla Seconda Jugoslavia di Tito.Gli slavi del sud, arrivati nei Balcani nel sesto secolo, si sono progressivamentedefiniti come molti popoli diversi per cultura e religione, vivendo sempre sottolinfluenza di grandi imperi: bizantino, russo, austro-ungarico e ottomano.Eventi principali:Seconda rivolta serba contro limpero ottomano (1815) e nascita del Principato diSerbia (1815-1882) sostenuto dallImpero Russo.Successivamente viene proclamato il Regno di Serbia (1882-1918). 5. In seguito alla Conferenza di Pace di Parigi del 1919, nacque il Regno dei Serbi,dei Croati e degli Sloveni che, nel 1929, cambi nome in Regno di Jugoslavia.La suddivisione del regno in 33 contee(upanije) che ricalcavano confinistorici ed erano etnicamente definite,fu modificata con la creazione di 9regioni (banovine) che prendevano ilnome dai fiumi che le attraversavano eche erano abitate da pi gruppi etnici. 6. Nel 1941 il Regno di Jugoslavia fu deposto da un colpo di stato che a sua volta futravolto dalla Seconda Guerra Mondiale. La Jugoslavia fu spartita tra Germania,Italia e Ungheria e nacquero lo Stato di Croazia in mano agli Ustascia e ungoverno filonazista a Belgrado. La risposta a tale divisione fu la nascita di dueforze di resistenza: i cetnici (filomonarchici) e i partigiani antifascisti guidati daJosip Broz Tito.Alla fine della guerra (1946) nacque la Repubblica Socialista Federale diJugoslavia. La Jugoslavia socialista e federale, cos come costruita da Tito sibasava sulla politica della Fratellanza e Unit (Bratsvo i Jedinstvo) fra i diversipopoli jugoslavi, garantendo a ciascuno, comprese le minoranze nazionali,dignit, autonomia decisionale e rappresentativit istituzionale. Tuttavia il regimejugoslavo aveva utilizzato anche la forza per stroncare quei movimenti, come laPrimavera Croata del 1971, che avevano dimostrato lemergere del nazionalismoetnico, nonch di essere un pericolo per lunit della Federazione, per il ruolocentrale della Lega dei Comunisti Jugoslavi e per il sistema economicodellautogestione e del "socialismo di mercato. 7. Internamente lo stato era diviso in sei repubbliche socialiste e due provinceautonome che facevano parte della Repubblica Socialista di Serbia. La capitalefederale era Belgrado. Con la Costituzione del 1974, in seguito alle tensioniinterne, dovute al nazionalismo dei croati e alle tendenze liberali dei serbi siprevede il diritto per i popoli costitutivi (identificati da alcuni giuristi con leRepubbliche) di staccarsi dalla Federazione. Tale diritto non era previsto per leminoranze (e di conseguenza per le province autonome). 1. Bosnia Erzegovina 2. Croazia 3. Macedonia 4. Montenegro 5. Serbia5.a Kosovo5.b Vojvodina 6. Slovenia 8. Nel 1980 muore Tito a Lubiana. Nel 1981 avvengono le prime rivolte in Kosovo: lapopolazione rivendica il diritto di darsi costituzione di repubblica. La repressioneprovoca 9 morti e 250 feriti. Tale avvenimento solo il principio delle spintenazionalistiche che porteranno alle guerre jugoslave. Nel 1989 il governo diBelgrado, a seguito di una nuova sollevazione in Kosovo, decreta lo statodemergenza nella provincia e ne sospende lautonomia costituzionale integrandola regione alla Serbia. Allinizio degli anni novanta la situazione appare ormaiirreversibile e, ben presto, si scatener il conflitto. 9. 199022 gennaio - Il congresso della Legadei Comunisti jugoslavi a Belgradosi conclude con luscita di scenadelle delegazioni slovena e croata.Nel corso dellanno si svolgono leprime elezioni parlamentari libere,che portano alla presidenza diMilan Kucan in Slovenia, di FranjoTudjman in Croazia, di SlobodanMilosevic in Serbia.1991/a25 gennaio - La Repubblica di Macedonia si proclama indipendente.3 marzo - Scontri a fuoco a Pakrac in Croazia, tra la minoranza serba e la miliziaterritoriale croata.30 marzo - Nel parco nazionale di Plitvice, nella Krajina (Croazia), sparatorie traserbi e croati. Le autorit della regione, a prevalenza serba, hanno annunciato lasecessione dalla Croazia e lunione con Belgrado.25 giugno - Dichiarazione di indipendenza di Slovenia e Croazia. 10. 1991/b 16 agosto - Lesercito serbo e i corpi speciali della polizia federale intervengono a fianco dei serbi croati. Comincia la guerra in Croazia. 10 settembre - La guerra arriva a Zara, Sebenico,Spalato e Dubrovnik. 15 ottobre - La Bosnia-Erzegovina si proclama indipendente.17 novembre - Cade Vukovar, dopo 91 giorni di resistenza croata.27 novembre - La Risoluzione 721 del Consiglio di Sicurezza dellOnu autorizzalinvio di una forza di pace in Jugoslavia.1992/agennaio - I Paesi dellUnione Europea e il Vaticano riconoscono le due nuoveentit politiche.13 marzo - A Sarajevo si insedia il quartier generale dei 14.000 Caschi Blu inviatidallOnu per controllare le zone contese tra Serbia e Croazia. 11. 1992/b6 aprile - Durante le dimostrazioniper la pace, davanti al Parlamento diSarajevo, i cecchini serbi sparanosulla folla. E linizio della guerracivile e del lunghissimo assedio diSarajevo. La CEE riconosceufficialmente la Bosnia-Erzegovinaindipendente.2 maggio - LArmata federale jugoslava affianca le milizie serbe.14 maggio - Sarajevo bombardata e Nambiar, il Comandante dei Caschi Blu,viene catturato dai serbi e tenuto in ostaggio per ventiquattrore. I rappresentantidella CEE e la Croce Rossa abbandonano la citt, seguiti poco pi tardi dallOnu.15 maggio - Circa settemila fra donne, vecchi e bambini, cercano di uscire daSarajevo, ma vengono tenuti in ostaggio dai serbi. LOnu decreta linviodellUnprofor, la Forza di Protezione delle Nazioni Unite.30 maggio - La Risoluzione 757 dellOnu prevede lembargo totale contro Serbiae Montenegro: la relazione del Segretario Boutros Ghali accusa anche la Croaziaper la dislocazione delle sue truppe. Ma la responsabilit del conflitto attribuitaa Serbia e Montenegro. 12. 1992/c6 aprile - Durante le dimostrazioniper la pace, davanti al Parlamento diSarajevo, i cecchini serbi sparanosulla folla. E linizio della guerracivile e del lunghissimo assedio diSarajevo. LaCEEriconosceufficialmente la Bosnia-Erzegovinaindipendente.2 maggio - LArmata federale jugoslava affianca le milizie serbe.14 maggio - Sarajevo bombardata e Nambiar, il Comandante dei Caschi Blu,viene catturato dai serbi e tenuto in ostaggio per ventiquattrore. I rappresentantidella CEE e la Croce Rossa abbandonano la citt, seguiti poco pi tardi dallOnu.15 maggio - Circa settemila fra donne, vecchi e bambini, cercano di uscire daSarajevo, ma vengono tenuti in ostaggio dai serbi. LOnu decreta linviodellUnprofor, la Forza di Protezione delle Nazioni Unite.30 maggio - La Risoluzione 757 dellOnu prevede lembargo totale contro Serbiae Montenegro: la relazione del Segretario Boutros Ghali accusa anche la Croaziaper la dislocazione delle sue truppe. Ma la responsabilit del conflitto attribuitaa Serbia e Montenegro. 13. 1992/dGiugno - Fino a questo momentocirca ventimila persone hanno persola vita in Bosnia.Agosto - Cominciano a circolare leimmaginideicampi diconcentramento serbi. Esistonoanche lager croati e musulmani.25-27 agosto - A Londra si svolge la Conferenza di pace sulla ex Jugoslavia: leprincipali accuse vengono riservate alla Serbia e al leader dei serbo-bosniaci,Karadzic, che si impegna a chiudere i lager, senza poi mantenere fede a questapromessa. E creato un forum permanente a Ginevra, sotto la guida di CyrusVance per lOnu e di David Owen per la CEE.28 agosto - Colpita la Biblioteca Nazionale di Sarajevo, Vijetnica, che prendefuoco: finiscono in cenere pi di centomila libri.3 settembre - Si apre la Conferenza di Ginevra.Ottobre - Annunciata la formazione di un "Tribunale Internazionale per iCrimini di Guerra" nella ex Jugoslavia. 14. 1993/a gennaio e febbraio - Il Piano Vance- Owen, che prevede che la Bosnia sia suddivisa in dieci cantoni, viene accettato integralmente dai croati, solo in parte dai musulmani e rigettato dai serbi. Respinto dagli Stati Uniti il piano Vance-Owen: gli Usa ne enunciano uno alternativo in sei punti. Maggio - Cade Srebrenica, in Bosnia, dopo mesi di assedio. 9 maggio - Si spezza lalleanza tra croati e musulmani contro i serbi: i croati attaccano Mostar, cittadina dalla quale i serbi si sono ritirati da un anno. 9 novembre - Il ponte vecchio di Mostar, che risale al 1556, distrutto dai croati.Legenda:Verde: Bosniaci, Rosso: Serbi e Blu: Croati. 15. 1993/b6 maggio - Il consiglio disicurezza dellONU con laRisoluzione 824 istitucome zone protette le cittdi Sarajevo, Tuzla, Zepa,Gorade, BihaeSrebrenica, inoltre con laRisoluzione 836 dichiarche gli aiuti umanitari e ladifesa delle zone protettesarebbero stati da garantireanche alloccorrenza conuso della forza (tra laltro,con soldati del contingenteUNPROFOR).Legenda:VRS = Serbi HVO = Croati ARBiH = Bosniaci 16. 1994Febbraio - Il mercato di Markale a Sarajevo colpitoda granate che uccidono pi di sessanta persone. Icaccia americani abbattono due caccia serbi nellazona aerea di Banja Luka.Marzo - Un piano di suddivisione del territorio formulato dal Gruppo di Contatto (Usa, Russia,Germania, Francia, Gran Bretagna). Il 49%spetterebbe ai serbi, il 51% alla federazione croato-musulmana.18 luglio - I musulmani e croati accettano il pianoproposto dal Gruppo di contatto.4 agosto - Dopo diversi rifiuti serbo-bosniaci adaccettare il piano del Gruppo di contatto, le autoritdella Repubblica Federale di Jugoslavia e della Serbiainterrompono tutte le relazioni con la RepublikaSrpska e chiudono la frontiera sulla Drina.14 dicembre - Il leader dei serbi di Bosnia Karadzicpresenta un piano di pace in sei punti e chiede lamediazione di Jimmy Carter. La missione sfocia in unaccordo di tregua tra le parti dal 1 gennaio al 30aprile. 17. 1995Maggio e Agosto - Dopo la tregua ricomincia la guerra: lesercito croato prende ilcontrollo di alcune citt della Slavonia occidentale (Operazione Lampo). LeKrajine, le aree protette Onu, vengono occupate (Operazione Tempesta).Operazioni di pulizia etnica e deportazioni nei campi di prigionia, ad opera deicroati, sono denunciate dai rappresentanti Onu di Zagabria. Migliaia i profughiserbi. 11 luglio - Srebrenica cade. Le milizie serbe conquistano dunque una delleenclaves musulmane "protette" dallOnu, che i Caschi Blu olandesi avrebberodovuto difendere. Circa ventimila persone scappano dalla citt.26 luglio - Ordinati gli arresti di Radovan Karadzic, leader dei serbi bosniaci e delgenerale Ratko Mladic, per "genocidio e crimini contro lumanit", da parte delTribunale Internazionale dellAja per i crimini di guerra.Agosto - Proposta Clinton: spartizione della Bosnia in due aree nette. Il 49% delterritorio ai serbi, il 51% ai Croato-Musulmani.30 agosto - La Nato compie un raid aereo contro postazioni serbe vicino aSarajevo, Tuzla e Goradze. 18. Gli accordi di Dayton GFAP (21 Novembre 1995)Firmatari:Milosevic (Serbia)Tudman (Croazia)Izetbegovi e Sacirbey(Bosnia)Decisioni:Ritorno della Slavonia e della Krajina alla CroaziaCreazione di due entitinterne allo Stato dellaBosnia: le Federazione Croato-Musulmana (51%territorio) e laRepubblica Serba (49%del territorio) 19. Gli accordi di Dayton GFAP (21 Novembre 1995) A vigilare sugli accordi da questo momento sar la Nato,nonpi lOnu (UNPROFOR) Sistema di governo della Bosnia: Alla Presidenza collegiale del Paese siedono un serbo, un croato e un musulmano, che a turno, ogni otto mesi, si alternano nella carica di presidente. 20. Intervento NATO 21. Dopo la fine della guerra di Bosnia-Erzegovina, una parte degli albanesikosovari scelse la lotta armataindipendentista (UCK) che simacchi di crimini pari a quellidellesercito jugoslavo non solo neiconfronti dellapopolazionekosovara slavofona ma anche versoquella componente kosovaroalbanese rimasta neutrale alconflitto e perci ritenuta traditrice.Il governo di Belgrado rispose con il pugno di ferro: agli albanesi del Kosovosfruttavano la situazione per cercare di realizzare le proprie ambizioni separatiste eirredentiste, che il governo centrale aveva il dovere di reprimere e che gli Statiesteri non dovevano alimentare.Nel 1999 scoppi un conflitto armato vero e proprio, che vide lintervento didiverse forze internazionali in protezione della componente albanese del Kosovo,presa di mira dal governo centrale di Belgrado. 22. In base alle Risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unitenumero 1244 del 1999, il Kosovo fu provvisto di un governo e un parlamentoprovvisori, e posto sotto il protettorato internazionale UNMIK e NATO. 23. Ultimi eventi: Indipendenza della Macedonia (dalla Jugoslavia): 8settembre 1991 Est della Slavonia reintegrato in Croazia (dalla Serbia):1996-1998 Indipendenza del Montenegro (dalla Serbia): 21 maggio2006 Indipendenza del Kosovo (dalla Serbia): 17 febbraio 2008 24. Eroi o Assassini?Ante Gotovina (Croato)Generale dellesercito croato fino al 2001. Da allora e fino all8 dicembre 2005, stato latitante, per unaccusa nei suoi confronti di crimini di guerra da parte delTribunale Penale Internazionale per lex-Jugoslavia. Considerato dalla maggiorparte dei suoi conterranei un eroe della guerra dindipendenza Croata. accusato di violenze contro la popolazione civile di etnia serba, durante leoperazioni Oluja (Tempesta) e Sacca di Medak (nelle vicinanze della citt diGospic). Tali operazioni furono approvate dai governi statunitense di Bill Clinton etedesco di Helmut Kohl e i servizi segreti statunitensi (la CIA e la DIA) fornirono"supporto tattico e dintelligence" allinizio delloffensiva. Ante Gotovina vennecatturato il 7 dicembre 2005 dalla polizia spagnola e dalle forze speciali in unresort alla Playa de las Americas a Tenerife nelle Isole Canarie. Il 15 aprile 2011 sonostate rilasciate le sentenze di primo grado che hanno visto la condanna a 24 anni direclusione per Gotovina, per crimini contro lumanit e violazione delle leggi e deicostumi di guerra). 25. Slobodan Milosevic (Serbo) 1941-2006: stato presidente della Serbia e dellaRepubblica Federale di Jugoslavia come leader del Partito Socialista Serbo(SPS). Tra...</p>