gazzettino 94 b

Download Gazzettino 94 b

Post on 30-Mar-2016

214 views

Category:

Documents

2 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Z senese il SI APRE OGGI IL XX CONGRESSO PROVINCIALE DELLA CGIL Servizi e foto da pagina 7 a pagina 9 Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche • Anno III • numero 94 • Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008 • www.alsaba.it Chiuso in redazione il 1 marzo 2010 • Tiratura 9.000 copie • Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico “Angelo Blu” NOTIZIE IN BREVENOTIZIEINBREVE

TRANSCRIPT

  • Z OTZ TIGA NEil senese Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Gra che Anno III numero 94 Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell8 aprile 2008 www.alsaba.it

    Chiuso in redazione il 1 marzo 2010 Tiratura 9.000 copie Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico Angelo Blu

    Primo:

    SI APRE OGGI IL XX CONGRESSO PROVINCIALE

    DELLA CGILServizi e foto

    da pagina 7 a pagina 9

  • NOTIZIE IN BREVENOTIZIE IN BREVE

  • mercoled 3 marzo 2010 3Z OTZ TIGA NEil senese CULTURA

    La Galleria Gagliardi nella sua sede di San Gimignano ospiter dal 13 al 28 di marzo la mostra personale Sottovetro: il tempo modifi ca lo spazio, ma lo conserva di Virgilio. Questo lo pseudonimo delluomo deciso a svelare i se-greti della pittura attraverso misteriosi rebus e numerosi enigmi. Virgilio un giocoliere dellinterpretazione iconica, un messaggero della metafi sica, un traduttore del pensiero.Sottovetro non solo un titolo, ma anche un ciclo di dipinti che lartista realizzer in esclu-siva per la Galleria. Il tema della campana di vetro, della sua sacralit e conservazione, sar indagato, per il secondo anno consecutivo, con la tipica ironia dellartista: si svelano dietro alle campane personaggi enigmatici, citazioni dotte, soggetti inverosimili, talvolta ortaggi, talvolta animali umanizzati, pi frequente-mente fi gure inquietanti portatori di messaggi esoterici. E se la campana rappresenta luni-verso della visione, o la lente di ingrandimento per poterla interpretare, legittimo che essa

    si presti ad essere impolverata, frantumata, scheggiata, capovolta e che essa sia la lente di ingrandimento su una presa di coscienza col-lettiva, una rifl essione sul cammino delluomo tra illusione e realt. La pittura non esiste, non tangibile, un illusione ottica a tutti gli effetti: la realt mutabile realt, la rappresen-tazione illusione, fi nta poich rappresenta, ed quindi immutabili nel tempo afferma Virgilio nel presentare la sua mostra.La verosimiglianza mimetica di fi amminga memoria, materia di rifl essione sui temi le-gati alletica delluomo contemporaneo. In mostra pi di quindici quadri inediti realizzati in occasione della personale, rigorosamente dipinti ad acrilico su tavola con un pennello fi nissimo, rifl ettono la volont dellartista di osservare oggi luomo che abita gli spazi del tormento umano, linsidia della prepotenza , della corruzione, dellingiustizia e del sopru-so, che scatenano nello spettatore un fascino ambiguo tra il serio e la burla.

    Arte enigmatica

    Se larcheologia incontra il CNR

    iniziato il 27 febbraio scorso il ciclo di quattro conferenze sui temi delletruscologia e dellarcheologia fenicio-punica in cui il valore ag-giunto dato dal coinvolgimento dei quattro giovani ricercatori, tut-ti docenti universitari coinvolti in progetti di grande prestigio, e di un ente di ricerca nazionale di primo li-vello come il CNR per larcheologia

    che ha incontrato il Museo Civico Archeologico di Sarteano, uno dei 43 gioielli della Fondazione Musei Senesi. Il CNR di Roma, infatti, e in particolare lISCIMA, lIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Me-diterraneo Antico, e un museo dec-cellenza istaurano collaborano per dare vita a unimportante iniziativa scientifica. I quattro sabati sono de-

    dicati allapprofondimento dei prin-cipali temi archeologici, nella nuova sala conferenze del Museo di Sarte-ano. Il ciclo ha preso avvio il 27 feb-braio con il prof. Vincenzo Bellelli, docente di Etruscologia allUniver-sit di Palermo oltre che ricercato-re CNR. Il prossimo appuntamento previsto per il 13 marzo, quando il prof. Massimo Botto, anchegli

    ricercatore e docente di Archeolo-gia fenicio-punica allUniversit di Napoli, tratter il tema delle pre-senze fenicie in Etruria e nel Lazio durante il VII sec. a. C., uno dei periodi pi interessanti per gli in-tensi rapporti tra i mercanti fenici e le popolazioni etrusche. Il 20 marzo sar la vota del prof. Enrico Benelli, docente di Etruscologia allUniver-sit di Udine, che uno dei massimi esperti di epigrafia etrusca, oltre che animatore del Tesaurus della lingua etrusca: a Sarteano illustrer, in vir-t dei suoi studi sul distretto chiu-sino, come possibile comprendere la storia sociale delle famiglie aristo-cratiche chiusine anche grazie allo studio delle loro iscrizioni. La serie si concluder sabato 27 marzo con la prof.ssa Laura Ambrosini, docen-te di Etruscologia allUniversit de-gli Studi di Foggia che, prendendo spunto da due esemplari esposti nel Museo di Sarteano, presenter un suo recente studio sulle fiaschette di bronzo utilizzate nella toilette fem-minile dalle matrone etrusche.

    Alla Galleria Gagliardi di San Gimignano lartista si copre con i rebus

    A Sarteano un ciclo di quattro conferenze sui temi delletruscologia e dellarcheologia fenicia e punica al quale parteciperanno dei ricercatori del Centro Nazionale Ricerche di Roma

  • NOTIZIE IN BREVECULTURA

    stato proiettato luned scorso, in occasione delledizione 2010 della rassegna di appuntamenti dautore Lu-nedLibri nella sala San Pio del complesso museale del Santa Maria della Scala, il lm di Giuseppe Ferrara Guido che s d le Brigate Rosse con Massimo Ghini, Anna Galiena, Gianmarco Tognazzi, Elvira Giannini e Mattia Sbragia. A seguire la presentazione del libro di Paolo Andruccioli Il testimone. Guido Rossa, omicidio di un sindacalista. Il 24 gennaio 1979 le Brigate Rosse uccisero Guido Rossa, delegato sindacale della CGIL e mi-litante del PCI. Loperaio dellItalsider si era macchiato della colpa di aver denunciato un collega: Francesco Berardi di collaborare con le BR e introdurre materiale propagandistico allinterno della fabbrica genovese. Per la prima volta in quegli anni sotto il fuoco terroristico non cadeva un politico, un magistrato, un giornalista, un rappresentante delle forze dellordine, ma un operaio metalmeccanico. Con quellorrendo crimine si apr una breccia nel gruppo armato delle Brigate Rosse che da l a poco inizier a sgretolarsi. A trenta anni da quei tragici eventi Ediesse edizioni (la casa editrice della CGIL) ha proposto, allinterno della collana cinema/lavoro, un lm in dvd e un libro per ricordare il sindacalista che aveva avuto il coraggio di rompere il silenzio. Per la serata sono stati presenti il regista della pellicola, lautore del testo e lattrice Elvira Giannini. La scelta di Guido Rossa stata coraggiosa, sopratutto per il momento storico in cui avvenuta, la sua tragica vicenda non pu e non deve essere soltanto argomento da libro di storia. Deve essere, sempre pi, un insegnamento di senso civico che riporti la cultura contemporanea a valori che stanno alla base della democrazia.

    LUNEDLIBRI

    Storie damore e davventuraUn incontro sui temi della scrittura in occasione delluscita del romanzo Il mercante di Monica Granchi

    Esistono ancora i generi della scrittura devasione rosa e davventura? E soprattutto, esiste un pubbli-co, specifi co o no, per questo genere di letteratura? Lo crede fermamente Monica Granchi, autrice de Il Mercante, edito proprio in questi mesi da Protagon, che d vita a una storia avvincente che rilancia i temi dellamore e della passione, dellavventura e dellin-trigo, in unambientazione esotica, che da Salgari alle pi recenti trame di Danielle Steel hanno affascinato milioni di lettori e, naturalmente, di lettrici. Ma nuo-va, oltre alla sfi da di un romanzo i cui contenuti di recente sono stati consegnati quasi integralmente alla fi ction televisiva (a riprova di una mancanza di idee pi che di una mancanza di pubblico), anche la mo-dalit in cui la casa editrice ha deciso di affrontare la questione. Mercoled 3 marzo, alle ore 18, i locali del Barch, in piazza Matteotti, ospiteranno una serata a tema dove attraverso una piccola tavola rotonda a cui prenderanno parte, oltre allautrice, Pino Di Bla-sio, Marcello Flores e Stefano Jacoviello, il tema della letteratura devasione, e della cinematografi a spesso ad esso collegata, verr proposto attraverso immagi-ni, musica dal vivo e contributi fi lmati di esperti del settore, tra i quali Roberto Francavilla, Elisa Giomi, Daniele Magrini e Valentina Tinacci. La serata sar

    occasione per mostrare le connessioni multimediali ormai esistenti tra i diversi ambiti della creativit. I giovani ricercatori di In.Fact, azienda che si occupa di comunicazione e interaction design, produrranno una serie di lavori multimediali che saranno parte in-tegrante della presentazione stessa. Grazie anche al

    contributo di una giovane illustratrice, Valeria Cam-marosano, sar possibile vedere ed ascoltare il trailer animato del romanzo, in una modalit tutta nuova di concepire la presentazione editoriale.Un aperitivo, dal gusto naturalmente esotico, con-cluder la serata.

  • mercoled 3 marzo 2010 5CULTURA

    AL CONTRARIO

    Qualcuno avr storto la bocca nel leggere i dati re-lativi al bilancio della mostra dedicata a Federico Barocci. I visitatori sono stati pi o meno diecimila. Si controbatte che si son venduti molti cataloghi e in genere libri specializzati, il che rivela un successo di qualit, ma in una societ viziata dallaudience i numeri godono di una loro assolutezza inappellabile. Vai a spiegare che, grazie alla marginale collocazio-ne della storia dellarte, il gigante Barocci, ai suoi tempi celebre in tutta Europa, non viene neppur toccato dai programmi scolastici. Vai a precisare che in questo caso (giustamente) non s fatto appello a titoli sensazionali, tipo Nevrosi e pennelli, I cieli in una stanza, Colori e nuvole o a taumaturgiche presenze mediatiche. Soprattutto i commercianti, che da un po di tempo si sono scoperti una febbrile voca-zione estetica, hanno manifestato un forte disappun-to. Se una stupenda mostra come quella allestita per Barocci avesse avuto centomila visitatori saremmo stati tutti pi contenti. Per non era facile scovare m