gazzettino 46 b

Download Gazzettino 46 b

Post on 07-Mar-2016

220 views

Category:

Documents

6 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Sento già che il treno va... senese il La vita dei pendoLari raccontata daL nostro settimanaLe daLLa pagina 11 aLLa 14 Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche • Anno II • numero 46 • Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008 • www.alsaba.it Chiuso in redazione il 2 marzo 2009 • Tiratura 9.000 copie • Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico “Angelo Blu”

TRANSCRIPT

  • Z OTZ TIGA NEil seneseSettimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche Anno II numero 46 Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell8 aprile 2008 www.alsaba.it

    Chiuso in redazione il 2 marzo 2009 Tiratura 9.000 copie Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico Angelo Blu

    Sento gi che il treno va...La vita dei pendoLari raccontata daL nostro settimanaLe daLLa pagina 11 aLLa 14

  • 4 mercoled 4 marzo 2009 4 politica Z OTZ TIGA NEil senese

    Pensare che allinizio sembrava uno scherzo di Car-nevale. E invece nel giro di poche ore Elisa Melo-ni, segretario provinciale del Partito democratico senese, si ritrovata catapultata nella segreteria nazionale del Pd, insieme ad altri otto democratici di ferro, ai quali spetter il non facile compito di risollevare le sorti di un Pd in crisi di identit e di voti. A volerla nella squadra, Dario Franceschini che lha chiamata proprio durante la Festa di Car-nevale della sua bambina, Bianca, portandola dai coriandoli e le stelle filanti di Torrita di Siena, ai flash dei fotografi e alle stanze di Via delle Fratte a Roma, nel quartier generale dei democratici.Ma Elisa Meloni non una che si lascia spaventare dai cambiamenti, del resto ha scelto la politica fin da giovanissima e il gusto per la sfida quotidiana non le manca. A Roma ha fatto subito capire di che pasta fatta, per nulla intimorita dallassalto mediatico di chi voleva capire e conoscere questo volto nuovo proveniente dal cuore della provincia

    La baby Meloni subito grandesenese. Vorrei portare ha dichiarato Meloni - Siena e la sua carica di valori politici e culturali a disposizione di tutto il Paese. Il modello senese pu costituire un modello nazionale. Serenit e sem-plicit hanno segnato le sue dichiarazioni in queste prime giornate di lavoro nella segreteria nazionale del Pd: Sono una persona normale ha detto a Curzio Maltese che lha intervistata su La Repub-blica che come tutti deve affrontare i grandi pro-blemi di oggi: crisi economica, tutela dellambien-te, immigrazione, sicurezza. Se le si chiede da che parte sta nelle lotte interne al partito, Meloni taglia corto: La prima volta che ho votato, nel 1996, cera lUlivo, il resto non esiste, sono personalismi dannosi. Se si dovesse, oggi, tor-nare indietro e affossare il Pd io lascerei subito la po-litica. Non male per una giovane trentunenne che dice di essersi trovata per caso nella politica. Nel suo curriculum ci sono alcune tappe fondamentali che lhanno portata nella stanza dei bottoni demo-

    cratica: a 22 anni diventa segretaria della Sinistra giovanile senese e, nel 2001, entra nella segreteria regionale dei Democratici di Sinistra, come respon-sabile organizzazione e comunicazione. Dal 2004 al 2007 stata segretario comunale dei Ds di Torrita di Siena e portavoce delle Democratiche di Sinistra. Nel passaggio da Ds a Pd diventa membro dellas-semblea costituente nazionale del partito ed entra a far parte dellesecutivo di Simone Bezzini nella segreteria provinciale del Pd di Siena. Il cerchio si chiude nel dicembre 2008 quando, mentre volano gli stracci nel Pd senese fra ex Ds ed ex Margherita, Elisa viene eletta segretario, portando una ventata di ottimismo e di novit. Nel mezzo una laurea in giu-risprudenza, la nascita di Bianca e limpegno quoti-diano per crescere e far crescere la terra che ama, da dove dice deve partire la riscossa per il Paese per realizzare quelle riforme e quelle scelte moderne e nette, che qui sono gi una realt.

    Massimo Gorelli

    Nominata nella segreteria nazionale del Pd

    La scheda

    La biografia della donna senese chiamata ad una mission impossibleUna donna senese per trasformare la mission impossible del Pd in missione possibileCi voleva una donna per portare un pezzo di Siena ai vertici del Partito democra-tico nazionale, ed ora con Elisa Meloni possiamo dire che il sogno si trasfor-mato in realt. Nata a Sarteano il 1 maggio del 1977, ma cresciuta a Torrita di Siena, il futuro di Elisa gi scritto nella sua data di nascita: il giorno della festa dei lavoratori di un anno particolarmente caldo della politica italiana. E la passione per la politica la coinvolger fin da giovanissima. Ad appena 22 anni diventa segretaria della Sinistra giovanile senese e, nel 2001, il primo salto importante con lingresso nella segreteria regionale dei Democratici di Sinistra, come responsabile organiz-zazione e comunicazione. Limpegno politico si intreccia con quello universitario, che culmina nel 2006 con la tesi in giurisprudenza, conseguita presso lUniver-sit degli Studi di Siena con una tesi sulla Tutela e la valorizzazione dei centri storici. Un lavoro, questo, che ha influito molto sullimpegno politico di Elisa, impegnata nel Partito come responsabile enti locali e territori. Dal 2004 al 2007 stata segretario comunale dei Ds di Torrita di Siena e portavoce delle Demo-cratiche di Sinistra. Anche il passaggio da Ds a Pd la vede protagonista, e con le elezioni primarie del 14 ottobre 2007 diventa membro dellassemblea costituente nazionale del partito e poi entra a far parte dellesecutivo di Simone Bezzini nella segreteria provinciale del Pd di Siena.Nel dicembre dello scorso anno unaltra tappa importante: nel bel mezzo di uno dei momenti pi difficili del Pd senese, spunta il nome di Elisa che non si tira indietro, ma al contrario, prende la guida del partito con il piglio della dirigente

    navigata, mostrando idee chiare e obiettivi concreti. La mia vita abbastanza complicata, ma ce la metter tutta dichiar in unintervista immediatamente successiva a quei giorni, riferendosi ai mille impegni di chi ha deciso di sceglie-re la strada della politica, ma anche quella della mamma. Elisa ritaglia ogni suo impegno sulle esigenze di Bianca, la bambina avuta tre anni fa e che gi mostra la grinta e la vivacit della madre Credo che la mia scelta di fare politica ha affermato Elisa non possa ricadere sulla vita di mia figlia. Lei sar sempre la mia priorit assoluta. Se il neosegretario del Pd, Dario Franceschini cercava il nuovo senza tralasciare concretezza e competenza, probabilmente ha bussato alla porta giusta. Elisa cresciuta nella politica e la politica lha fatta crescere anche come donna, come lei stessa ha affermato, riuscendo a mantenere inalterata la semplicit e il rapporto con le persone di chi ha sempre vissuto il territorio e i suoi problemi stando in prima linea. Non c solo la politica per tra le sue passioni: c la mu-sica per esempio, dove spiccano ancora una volta le donne, da Gianna Nannini a Elisa, ma anche Rino Gaetano, Francesco Guccini e il romano Daniele Silvestri e i poliziani doc Baustelle. Il cinema poi, una buona via di fuga e di riflessione quando il lavoro diventa troppo pressante, cos come la buona cucina, i piatti tipici della sua terra, magari consumati in compagnia. Per, alla fine si torna sem-pre l, alla politica, se gli chiedete quali sono i suoi modelli di riferimento, Elisa vi risponder Giorgio Napolitano e Sandro Pertini. Dalla capitale elettorale del Pd, Siena, alla Capitale con la C maiuscola, Roma. Il viaggio di Elisa Meloni appena cominciato con lobiettivo di rendere possibile quella che oggi sembra una mission impossible: risollevare le sorti del Partito democratico.

  • 4 mercoled 4 marzo 2009 4 politicaZ OTZ TIGA NEil senese4 3

    Ancora nessuna conferma ufficiale dei nomi che il centro destra intender schierare per le prossime elezioni amministrative e provinciali della pro-vincia di Siena. La situazione risulter pi chiara soltanto a fine marzo, quando a Firenze si svolger un congresso durante il quale verranno stabiliti i nuovi candidati. Il 27 marzo, infatti, il Tavolo per lorganizzazione comunale e provinciale del Pdl, organizzato da Rolando Peccatori, di Forza Italia, e Alessandro Manganelli, di Alleanza Nazionale, approver una lista unica nata dalla fusione dei due schieramenti nel grande partito unico del Popolo delle Libert.Linterazione tra Forza Italia e Alleanza Naziona-le afferma Lorenzo Rosso, consigliere provinciale uscente di AN un percorso che dura da molto tempo e che porter, il 27 marzo, al debutto del gran-de partito del Popolo delle Libert, gi confermato da un vasto elettorato. ancora presto ci informa Loredana Battistini, consigliere provinciale uscente

    Il tavolo del centrodestra

    La Lista deL PdL Per Le Provin-ciaLi sar decisa a fine marzo in occasione deL congresso costitutivo

    di Forza Italia per sapere i nomi effettivi dei candi-dati che si presenteranno a queste elezioni comunali e provinciali di giugno. Tutto dipende dagli equilibri regionali che si verranno a creare con la nomina dei candidati delle varie regioni. Mentre, infatti, nelle elezioni regionali di Siena del 1999 e del 2004 furo-no presentate liste diverse per ogni schieramento di centro destra, questanno ci sar una lista unica, con candidati stabiliti dal Coordinamento Regionale, presieduto da Massimo Parisi (FI), Riccardo Miglio-ri (AN) e Angelo Pollina (FI), che terr conto degli assetti che si verranno a creare nella regione, data la presenza di elezioni in altre sette province della Toscana (Firenze, Arezzo, Grosseto, Livorno, Pisa, Pistoia, Prato). Il Popolo delle Libert continua Battistini in trattative con il partito di Lega Nord, ma non vedo la convenienza, per questultimo, di presentarsi con una lista propria.Cos, se il Partito Democratico sta gi svolgendo la sua campagna elettorale per Siena e provincia, con

    a capo Simone Bezzini, eletto alle primarie del cen-trosinistra, il centro destra sta ancora aspettando nomi concreti. I nostri elettori rassicura Battisti-ni non si devono preoccupare. Nella provincia di Siena serve, vero, uno sforzo in pi, ma non sia-mo ancora fuori dai giochi. E poi, permettetemi la battuta, meglio questa fase di assestamento del Pdl, che quella di sfascio in cui si trova il Pd. Non c da preoccuparsi se ancora non ci sono i nomi c