e la poesia romanesca gheorghe zamfir – meditation - massenet pps and music no profit

of 10 /10
Triluss a e la poesia romanesca Gheorghe Zamfir – Meditation - Massenet pps and music no profit

Author: gina-grosso

Post on 02-May-2015

224 views

Category:

Documents


0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Slide 2
  • e la poesia romanesca Gheorghe Zamfir Meditation - Massenet pps and music no profit
  • Slide 3
  • ER CERVO Un vecchio Cervo un giorno sfasci co' du' cornate le staccionate che ciaveva intorno. Giacch me metti la rivoluzzione, je disse l'Omo appena se n'accorse - te tajer le corna, e allora forse cambierai d'opinione... No, - disse er Cervo - l'opinione resta perch er pensiero mio rimane quello: me leverai le corna che ci in testa, ma no l'idee che tengo ner cervello
  • Slide 4
  • LA DIPROMAZZIA Naturarmente, la Dipromazzia una cosa che serve a la nazzione pe' conserv le bone relazione, co' quarche imbrojo e quarche furberia. Se dice dipromatico pe' via che frega co' 'na certa educazzione, cercanno de nasconne l'opinione dietro un giochetto de fisionomia. Presempio, s'io te dico chiaramente ch'ho incontrato tu' moje con un tale, sar sincero s, ma so' imprudente. S'invece dico: -- Abbada co' chi pratica...Tu resti co' le corna tale e quale ma te l'avviso in forma dipromatica.
  • Slide 5
  • LAUTOMOBBILE E ER SOMARO Rottadecollo! - disse un Somarello ner vede un'Automobbile a benzina. Indove passi tu nasce un macello! Hai sbudellato un cane, una gallina, un porco, un'oca, un pollo... Povere bestie! Che carneficina! Che sfraggello che fai! Rottadecollo! Nun fiott tanto, faccia d'impunito! rispose inviperita l'Automobbile. - Se vede che la porvere e lo sbuffo de lo stantuffo t'hanno intontonito! Nun sai che quann'io corro ci la forza de cento e pi cavalli? E che te credi che chi v fa' cariera se fa scrupolo de quelli che se trova fra li piedi? Io corro e me n'infischio, e nun permetto che 'na bestiaccia ignobbile s'azzardi de mancamme de rispetto! E ner di' 'ste parole l'Automobbile ce mise drento tanto mai calore che er motore, infocato, je scoppi. Allora cambi tono. Dice : - E m? Chi me rimorchier fino ar deposito? Amico mio, tu capiti a proposito, tu solo pi sarv la situazzione!...Vengo, - je disse er Ciuccio - e me consolo che cento e pi cavalli a l'occasione hanno bisogno d'un Somaro solo!
  • Slide 6
  • L'INDECISI Appena che scoppiava una tempesta, un Pino in riva ar mare abbassava la cresta. Una Quercia je disse: - A quanto pare voi pure v'inchinate seconno le ventate... S, - je rispose er Pino quello che dite esatto: ma nun capisco mai, quanno m'inchino, se me piego davero o se m'adatto. LOMO E LA SCIMMIA L'Omo disse a la Scimmia: -Sei brutta, dispettosa : ma come sei ridicola! -ma quanto sei curiosa! Quann'io te vedo, rido : rido nun se sa quanto!... La scimmia le disse: - Sfido! T'arissomijo tanto
  • Slide 7
  • LI SBAFATORI DE LA GLORIA Un'Aquila reale s'era trovata, doppo una vittoria, un fotto de pidocchi sotto l'ale. Allora disse a Giove: - O sommo Dio! Se, come spero, passer a la Storia, nun ricord chi c'era ar fianco mio
  • Slide 8
  • LA LUCCIOLA La Luna piena minchion la Lucciola: - Sar l'effetto de l'economia, ma quer lume che porti deboluccio... - Si - disse quella - ma la luce mia FELICITA C' un'ape che se posa su un bottone de rosa : lo succhia e se ne va... Tutto sommato, la felicit una piccola cosa.
  • Slide 9
  • LA MOSCA BIANCA Una Mosca diceva: - Quanno l'omo v fa' cap ch'er tale un galantomo lo chiama mosca bianca: e questo prova ch'er galantomo vero nun esiste perch la mosca bianca nun se trova. Io, per, che ci avuto la fortuna de nasce mosca nera, che me manca per esse onesta? Che diventi bianca come un razzo de luna...- E co' 'st'idea fissata ne la mente stette tutta la notte framezzo a le ricotte, fece un bagno de latte e divent d'una bianchezza propio rilucente. Usc, vol, ma subbito fu vista da un Re, collezzionista de farfalle, che la mise ar museo co' lo spillone ficcato ner groppone. La Mosca disse: - questa la maniera de premi l'onest de le persone? Quant'era mejo se restavo nera!
  • Slide 10
  • AVARIZZIA Ho conosciuto un vecchio ricco, ma avaro: avaro a un punto tale che guarda li quatrini ne lo specchio pe' vede raddoppiato er capitale. Allora dice : - Quelli li do via perch ce faccio la beneficenza ; ma questi me li tengo pe' prudenza... E li ripone ne la scrivania. CARITA CRISTIANA Er Chirichetto d'una sacrestia sfasci l'ombrello su la groppa a un gatto pe' castigallo d'una porcheria. -Che fai? - je strill er Prete ner vvedello - Ce v un coraccio nero come er tuo pe' menaje in quer modo... Poverello!... - Che? - fece er Chirichetto - er gatto suo? - Er Prete disse: - No... ma mio l'ombrello !-
  • Slide 11
  • LA FEDE Quella vecchietta cieca, che incontrai la notte che me spersi in mezzo ar bosco, me disse : - Se la strada nun la sai, te ciaccompagno io, ch la conosco. Se ciai la forza de venimme appresso, de tanto in tanto te dar 'na voce, fino l in fonno, dove c' un cipresso, fino l in cima, dove c' la Croce... Io risposi: - Sar... ma trovo strano che me possa guid chi nun ce vede... - La cieca allora me pij la mano e sospir : - Cammina! - Era fa Fede.