d1995_la volonta dello sceicco

of 27 /27

Author: harlequin-mondadori

Post on 09-Mar-2016

231 views

Category:

Documents


3 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

TRANSCRIPT

  • DESERT KNIGHTS Tre fratelli, un solo regno da conquistare.

    Chiamati a scegliere tra potere, amicizia e amore.

    "Quando le Pleiadi adornano il sommo della not-te, offrendo nelle mani dell'alba un mucchietto di stelle, trovo le sue labbra dolci, come fossero infu-se di vino." (Ibn Hamds) I giorni felici nel regno di Zohayd sono un ricordo lontano. Dopo aver sottratto i gioielli della corona, la crudele regina Sondoss stata bandita per sempre e ora per i suoi figli Haidar, Jalal e Rashid si aprono le porte di uno scontro senza pari. La conquista del trono di un altro regno, Azmahar, li porter a rivangare antichi rancori, che sembravano sepolti per sempre sotto le sabbie del deserto, e a rompere il legame che li univa. Fratello del mio cuore... parole vuote, che si perdono nel vento che soffia implacabile tra le dune e le palme. Ma il sole del mattino torna a risplendere sempre, anche dopo le notti pi cupe, e l'incontro con tre donne piene d'amore potrebbe modificare un destino che sembrava ormai prestabilito. Ne La volont dello sceicco, Jalal Aal Shalaan sar il secondo cavaliere del deserto a cadere nelle maglie dell'amore. E Lujayn Morgan la donna che le tesser attorno al suo cuore.

  • DESERT KNIGHTS I PROTAGONISTI

    HAIDAR AAL SHALAAN - Il Leone del deserto. Il suo spirito forte come l'animale di cui porta il nome, ma ogni orgoglio cade dinanzi alla forza dell'amore. ROXANNE GLEESON - Lei l'unica che abbia avuto l'ardire di rifiutare Haidar, ma anche la sola che riuscir a scalfire il suo gelido distacco. JALAL AAL SHALAAN - La Grandezza. Il Salvatore, il Traditore. La sua gentilezza riservata a pochi eletti, la sua passione a una sola donna, Lujayn la Bella. LUJAYN MORGAN - In passato ha abbandonato Jalal, perch non voleva diventare una pedina nei giochi di potere. Ora combatter per conquistarlo. RASHID AAL MUNSORI - L'Oscuro. Il legame che av-verte con il regno di Azmahar pi forte di quello di sangue, e la volont di vincere supera in lui anche la pi salda determinazione. LAYLAH AAL SHALAAN - Il suo rango attira pi di un uomo, ma lei ne desidera solo uno. Rashid una sfi-da troppo grande da affrontare, ma indispensabile per la felicit del suo cuore.

  • Olivia Gates

    LA VOLONT DELLO SCEICCO

  • Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: The Sheikh's Claim Harlequin Desire

    2012 Olivia Gates Traduzione di Roberta Canovi

    Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto

    di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione pubblicata per accordo con

    Harlequin Enterprises II B.V. / S..r.l Luxembourg. Questa un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o

    persone della vita reale puramente casuale.

    Harmony un marchio registrato di propriet Harlequin Mondadori S.p.A. All Rights Reserved.

    2013 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano

    Prima edizione Harmony Destiny febbraio 2013

    Questo volume stato stampato nel gennaio 2013

    presso la Rotolito Lombarda - Milano

    HARMONY DESTINY ISSN 1122 - 5470

    Periodico settimanale n. 1995 del 5/02/2013 Direttore responsabile: Alessandra Bazardi

    Registrazione Tribunale di Milano n. 413 del 31/08/1983 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale

    Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione

    Stampa & Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) Gli arretrati possono essere richiesti

    contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171

    Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano

  • 5

    1

    Ventisette mesi prima Cos questa volta sei riuscita a passarla liscia con un omicidio. Jalal Aal Shalaan storse la bocca nel pronunciare quelle parole ad alta voce. Era in piedi sulla porta di un opulento soggiorno in una delle tenute pi rinomate negli Hamptons, dove per anni era stato accolto come stimato ospite. Aveva pensato che non ci avrebbe mai pi rimesso piede, a causa della donna che ora gli dava le spalle. La donna che era diventata la padrona di ca-sa. Lujayn Morgan. La sua ex amante. Stava impilando delle lettere su un antico tavolo di marmo quando le sue parole l'avevano colpita; dopo un sussulto, era rimasta impietrita. Anche Jalal era teso allo spasimo. I pugni e la ma-scella erano serrati, ogni muscolo all'erta, vibrante. B'haggej'jaheem per la miseria, perch aveva detto una cosa simile? Non era stata sua intenzione mostrarle ostilit n qualunque altro sentimento, se per questo: si era con-vinto di non provare pi niente, per lei. Si era recato in quel posto solo per studiarla senza essere accecato dal-la passione che gli aveva annebbiato la vista per i quat-tro anni della durata della loro relazione. Voleva una

  • 6

    conclusione, qualcosa di cui lei lo aveva privato quan-do era uscita dalla sua vita in fretta e furia, senza con-cedergli la possibilit di difendersi, di negoziare, la-sciandolo in balia dello stupore, poi della collera, a brancolare nel buio alla ricerca di una spiegazione. Ma aveva pensato che la soluzione di cui era andato in cerca fosse strettamente intellettiva. Aveva pensato di essersi ripreso, nei due anni trascorsi da quel giorno, di aver superato la cosa fino a non provare altro che una fredda curiosit e un'avversione mentale. Si era illuso. Ci che aveva provato per lei, anche se aveva cambiato natura, rimaneva altrettanto fiero. Si era sempre presentato al mondo come quello al quale non importa niente di nessuno in parte per ca-rattere, in parte per autodifesa. Con una madre come la notoria regina Sondoss, e un gemello come quell'e-nigma che era Haidar, che lo tormentava dall'infanzia, le difese erano diventate necessarie. Erano le uniche due persone che fossero mai riuscite a superare le sue barriere. E poi era arrivata Lujayn. Era ancora vulnerabile al solo vederla. E lei non si era neanche girata. Ma poi lo fece. L'aria gli abbandon i polmoni, il cuore cominci a cavalcare. La sua bellezza l'aveva sempre stregato. L'origine per met mediorientale e per met irlandese aveva co-spirato a creare la personificazione del meglio di en-trambi quei mondi. Era sempre stata contesa dai mi-gliori marchi che volevano quel viso indimenticabile con quegli occhi unici per pubblicizzare i propri pro-dotti. Nel corso della loro relazione, per, lei aveva conti-nuato a perdere peso. In un primo tempo Jalal si era al-larmato, e poi incollerito per quell'ossessione che, per progredire in carriera, le faceva sorvolare sui rischi alla

  • 7

    propria salute nel perseguire una perfezione che gi possedeva. Tuttavia, la donna scarna che lo aveva lasciato era scomparsa, e al suo posto si trovava ora l'epitome della salute, della femminilit con curve e forme che nem-meno il severo abito nero riusciva a celare, e che aizz all'istante ogni suo istinto virile. Il matrimonio le aveva fatto molto bene. Il matrimo-nio con un uomo che Jalal un tempo aveva considerato un buon amico un uomo morto meno di due anni do-po le nozze, e della cui morte lui l'aveva praticamente appena accusata. Lujayn inclin la testa mentre si raddrizzava, il mo-vimento che enfatizzava l'eleganza del collo da cigno, la perfezione dei capelli corvini raccolti in uno chignon. Il suo freddo distacco era presentato alla perfezione, ma lo stupore riflesso negli occhi andava oltre la sua capacit di recitazione. Le pupille, circondate da quelle iridi argentate che richiamavano il significato del suo nome, si contraevano e si dilatavano come avevano sempre fatto quando lei era agitata o eccitata, dando l'illusione che gli occhi emettessero raggi di luce. Il bisogno di guardare pi a fondo in quegli occhi lo spinse in avanti, ma dalla bocca gli uscirono parole che non si era reso conto di pensare. Non che la cosa mi sorprenda. Hai saputo ingannare le persone pi sagaci che conosca, incluso il sottoscritto. Non dovrebbe stu-pire che nemmeno la crme de la crme di New York sia stata in grado di pareggiare il tuo acume. Che cosa ci fai qui? La sua voce lo trafisse. Un tempo carezza di rossa passione, si era addensata di echi oscuri. Poi lei scosse il capo, quasi esasperata dalla stupidit della propria domanda. Lascia stare. Come sei entrato? Jalal si ferm a due passi di distanza, anche se ogni istinto che possedeva lo spingeva a proseguire finch

  • 8

    non avesse pressato ogni centimetro del proprio corpo al suo. Come quando erano stati amanti. Quando lei gli era sempre andata incontro, impetuosa, tempestosa... Imprecando tra i denti, infil le mani in tasca fin-gendo disinvoltura. Mi ha fatto entrare la tua gover-nante. Lujayn spalanc gli occhi. Vuoi dire che l'hai mi-nacciata. In passato, lei gli aveva fatto credere di pensare che camminasse sulle acque; ora, la prima cosa che le era venuta in mente era che avesse fatto qualcosa di deplo-revole peggio, di criminale. Ma perch avrebbe dovuto stupirsi? Jalal aveva ac-cettato da tempo che quella presunta adorazione da parte sua era stata solo una finta che lei non era stata in grado di portare avanti quando aveva scoperto che non sarebbe servita allo scopo. La sorpresa, in realt, era che fosse riuscita a resistere due anni. E anche a quel punto lui si era rifiutato di vedere le cose per quello che erano; l'aveva giustificata impu-tando la colpa allo stress dovuto alla competitivit del suo lavoro, e alla natura dominante che lui tirava fuori quando era con lei. Aveva pensato che l'attrito non fa-cesse altro che aizzare le fiamme della loro relazione gi esplosiva, ne aveva goduto fino al punto di i-stigarle, di quando in quando. Si era talmente illuso che l'ultimo, decisivo confronto l'aveva lasciato a dir poco scioccato. Ma dopo due anni passati a dissezionare il passato, ora percepiva tutto con chiarezza. Non aveva voluto vedere le prove della verit per mantenere l'illusione, perch non poteva vivere senza la sua passione. O cos aveva creduto. Eppure era sopravvissuto, no? Avvalendosi della sua notevole statura, Lujayn lo fronteggi a testa alta. Puoi anche aver spaventato Zahyah, ma devi aver scordato tutto di me se pensi che le tue tattiche intimidatorie funzionino anche con me.

  • 9

    Puoi andartene come sei arrivato, oppure chiamo la si-curezza. Meglio ancora, la polizia. Jalal accanton la minaccia, il sangue che si surri-scaldava per la sfida e l'ardore che lei aveva sempre suscitato in lui con un'occhiata, una parola. E che co-sa gli diresti? Che la tua governante mi ha lasciato en-trare senza consultarti e ti ha lasciata sola con me in una casa vuota? In qualunque altra occasione, si sa-rebbe raccomandato che la governante fosse ripresa se-veramente per aver ignorato a tal punto le norme basi-lari del protocollo e della sicurezza; in quel momento, per, non poteva che essere grato che l'avesse fatto. Interrogata, giurerebbe che non c' stata alcuna inti-midazione da parte mia. Da ex collega di tua madre, stato naturale per lei lasciarmi entrare. Vuoi dire che, visto che un'ex collega di mia ma-dre, anche Zahyah era una delle serve di tua madre. Alla menzione della madre, Jalal si irrigid. L'essere venuto a conoscenza della cospirazione che aveva or-dito per deporre suo padre, re Atef, ed eliminare i suoi fratellastri dalla successione al trono di Zohayd era un pugnale che si rigirava in continuazione dentro di lui. Ma Lujayn non ne sapeva niente. Solo lui, i fratelli e il padre ne erano al corrente. Il segreto era stato mante-nuto a tutti i costi, finch la situazione non era stata ri-solta ossia fino a quando non avevano scoperto dove la madre aveva nascosto i gioielli dell'orgoglio di Zo-hayd. Era stata una situazione assurda e frustrante, det-tata dalla leggenda e ora diventata legge: il possesso dei gioielli conferiva il diritto di governare Zohayd. Invece di punire chiunque li avesse rubati, il popolo aveva sostenuto che il re e i suoi eredi non erano degni del trono, perch li avevano persi. La convinzione che i gioielli facessero in modo di essere posseduti da chi-unque meritasse di governare il regno era assoluta. Ma neanche sotto la minaccia dell'ergastolo la ma-dre aveva confessato il nascondiglio; tutto ci che ave-

  • 10

    va detto a lui e a Haidar era che avrebbe continuato a distruggere il padre e i fratellastri dalla prigione, e che quando il trono fosse diventato di Haidar, con Jalal co-me principe ereditario, l'avrebbero ringraziata. Cerc di scrollarsi di dosso l'eterna frustrazione, fo-calizzando l'attenzione sulla sua fonte attuale. Volevo dire che Zahyah, da azmahariana che ha passato anni nel palazzo reale di Zohayd... Come schiava di tua madre come lo era la mia. Il nodo in gola si strinse ulteriormente; un altro cri-mine della madre per cui non poteva che provare ver-gogna. Da quando la cospirazione della regina Sondoss era venuta alla luce, pian piano i familiari avevano scoper-to la portata della sua malvagit. Schiava poteva essere un'esagerazione, ma non si poteva negare che avesse maltrattato e abusato dei suoi servitori. La madre di Lujayn, da dama di compagnia, sembrava aver patito il peggio dei suoi brutali capricci. Ma Badreyah aveva abbandonato il servizio della regina non appena Lu-jayn aveva lasciato lui; evidentemente aveva potuto permetterselo, quando la figlia aveva sposato Patrick McDermott. Probabilmente, quello era uno dei motivi per cui Lu-jayn l'aveva sposato. Non che questo mitigasse l'ama-rezza: avrebbe dovuto dirle che Badreyah soffriva per opera di sua madre; era da lui che avrebbe dovuto an-dare in cerca d'aiuto. Rispose alla sua fredda collera con la propria. Qua-lunque cosa pensi Zahyah di mia madre, evidentemen-te mi considera ancora suo principe, e mi ha accolto di conseguenza. Non dirmi che sei convinto che la gente si beva davvero questa storia del principe di due regni. Dato che erano mezzi azmahariani e mezzi zoha-ydiani, lui e Haidar erano stati chiamati cos. Non po-teva parlare per il fratello, ma lui non si era mai sentito

  • 11

    principe di niente. In Zohayd era tagliato fuori dalla li-nea di successione perch era di razza impura, e in Azmahar... be', c'erano un centinaio di ragioni perch nessuno del popolo l'avrebbe considerato suo principe. Il grandioso slogan era stato appioppato loro dalla nascita, ma a lui era sempre sembrato una stupidaggi-ne. Poi la madre aveva stabilito di farlo diventare real-t, a costo di rovinare e riformare l'intera regione. Sospir. Comunque sia, Zahyah mi ha accolto, co-me le guardie prima di lei, perch in questa casa sono stato accolto innumerevoli volte prima di oggi. Li hai manipolati sfruttando il defunto rapporto con Patrick... Che non pi con noi, grazie a te la interruppe, sopraffatto dalla bile della collera trattenuta a stento. Ma non ti sei preparata per gli sviluppi come pensavo avresti fatto; non hai preparato delle contromosse per la mia ricomparsa, non hai revocato il mio invito aper-to. Come si fa con un vampiro, eh? In effetti, avere un vampiro in casa sarebbe preferibile, visto che tu sei un succhia-anime. E sei pi difficile da bandire. Ma rime-dier all'istante. Jalal l'afferr per il braccio mentre gli passava ac-canto, prov un brivido in tutto il corpo. Digrign i denti a quella risposta, inspir appena in modo che il suo profumo quello del crepuscolo inebriato di gel-somino e di notti di intenso piacere non istigasse una reazione ancora meno benvenuta. Non disturbarti: questa deliziosa visita non sar ri-petuta. Lujayn liber il braccio con uno scatto. Non co-mincer neanche. Hai un bel fegato a venire qui, dopo quello che hai fatto. Si riferiva ai contrasti d'affari con Patrick, che ave-vano provocato ingenti perdite a entrambi; altri danni che lei aveva causato.

  • 12

    Decise di fraintenderla di proposito. Non sono io quello che ti ha scaricato per sposare una delle tue mi-gliori amiche e rivoltarla contro di te. Dai ben poco credito a Patrick se pensi che io ab-bia influenzato la sua decisione di tagliare qualsiasi af-fare con te. Tu riusciresti a influenzare il diavolo in persona. E sappiamo entrambi che Patrick era fin troppo angelico. Era la preda perfetta per la vedova nera che ti sei rive-lata essere. I suoi occhi lo inondarono di disprezzo da cima a fondo. Ascolta, Jalal. Dacci un taglio a questo dram-ma di cappa e spada. Se hai attraversato mezzo mondo per venirmi ad accusare di aver ucciso mio marito, hai raggiunto l'obiettivo con la frase di esordio. Non essere ridondante, oltre che insensibile e arrogante. Adesso puoi tornartene alla tua retrograda regione infestata di sabbia e goderti il potere che non ti sei guadagnato. Jalal si sent avvampare. Non perch la sua opinione lo insultava, ma perch la pensava davvero cos. La de-lusione, per, non fece che intensificare la sua reazio-ne, accelerando l'afflusso di sangue nei lombi. Sei sempre stata un peperino, tuttavia non mi hai mai par-lato con tanta audacia. Non ti sei mai dato la pena di ascoltare non che fosse un privilegio che riservassi solo a me: Sua Esal-tatezza riteneva che nessuno meritasse di essere ascol-tato. Ma in parte hai ragione, un tempo sono stata col-pevole di indorare il mio atteggiamento e l'opinione che avevo di te. Non sono pi quella persona. Invece sei esattamente la persona che sei sempre stata, ma ora che sei erede di un impero millenario, credi di poterti permettere il lusso di mostrarmi il tuo vero volto e il fegato di insultarmi. Lei spalanc gli occhi. Non per questo che non sono pi costretta a sopprimere l'orrore che provo per te e per tutto ci che rappresenti. Ma visto che non mi

  • 13

    sento incline a spiegare le mie ragioni, grazie per la vi-sita. Grazie? da due anni che mi ribolle il sangue perch non mi sono sfogata l'ultima volta che ti ho visto; ti ringra-zio di avermi dato la possibilit di togliermi il peso dallo stomaco. Ora, dato che hai concluso ci che sei venuto a fare, e finalmente hai soddisfatto il tuo de-siderio a lungo represso di insultarmi... Ma non per questo che sono venuto. Prima che lei potesse offrirgli una caustica replica, lui l'attir a s, di scatto, facendola sbattere contro il proprio corpo ormai bollente. E non certo questo il desiderio che ho represso a lungo. Le sfugg una protesta inarticolata. Lui si chin, la cattur tra le labbra. Inspir l'aria carica del suo respi-ro, la lasci seminare zizzania dentro di s, tranciando le redini che aveva imposto da tempo ai propri sensi. Permise a quella sensazione di invadere il suo control-lo, di spazzarlo via. Il suo sapore si diffuse dentro di lui, riportandolo con la velocit della luce alle loro not-ti di passione delirante. Qualunque cosa tu odi di me, questo l'hai sempre amato. Vers le parole nella sua bocca aperta per lo stupore, le labbra che scivolavano sulle sue, allargan-dole ancora di pi, incapace di attendere per gettarsi nel suo calore e nella sua resa. L'hai bramato. Le mie mani, il mio ardore, i miei piaceri. Anche se tutto il re-sto era finzione, questo era reale. Lo ancora. Non ... Le parole le inciamparono in gola non appena le loro labbra si incontrarono. Le sue tremaro-no per un breve istante, prima di incollarsi a lui. Era sempre stato cos. Bastava un minimo contatto e si incendiavano, scatenando una reazione a catena che portava alla follia e all'estasi dell'insopprimibile biso-gno che avevano l'uno dell'altro. S, Lujayn. ancora cos. Questo devastante biso-

  • 14

    gno che si accende tra noi e che solo l'altro pu appa-gare. Le manc il fiato, che andava a mescolarsi a quello di Jalal, abbandonandola in un gemito rotto di eccita-zione. Si arrese a lui, ma quando le loro lingue si in-trecciarono scoccando una scarica di piacere che scos-se entrambi i loro corpi, Lujayn sussult, cercando di sfuggire a quell'intimit che si approfondiva vertigino-samente. Ma nel farlo gli morsic il labbro, e il suo grugnito di piacere non fece altro che aizzare di nuovo la sua risposta, il corpo che involontariamente si arcua-va contro di lui, le labbra che si fondevano di nuovo, i sensi che vorticavano per avere di pi. Jalal la fece indietreggiare fino alla parete pi vici-na, si plasm sulle sue curve, rispondendo alla sua ta-cita domanda con la propria. Dimmi che anche tu la notte sei rimasta sveglia, bruciando per il desiderio di avermi di nuovo, di sfamarti di me. Dimmi che sei im-pazzita come sono impazzito io, ricordando tutto ci che abbiamo condiviso dal primo momento che mi hai visto, che anche quando le tue parole dicevano altri-menti, tutto ci che volevi davvero era che ti facessi mia, che appagassi la bramosia che ti rende folle. Sollev la testa, abbass gli occhi su di lei per avere la conferma. Non c'erano dubbi: lei lo voleva ancora, non aveva mai smesso. Era lampante nel desiderio che le bruciava negli oc-chi, nello sgomento. Qualunque storia si fosse raccon-tata da quando l'aveva lasciato, la risposta esplosiva al-le sue avances l'aveva costretta ad affrontare la realt. Fissandola negli occhi, Jalal la prese tra le braccia, e lei gli si aggrapp al collo, dando ulteriore prova del proprio consenso. Il cuore rischi di esplodergli nel petto per il sollie-vo; si trattenne a stento dal correre, per deporla su un letto che solo in seguito si rese conto essere quello del-la suite matrimoniale.

  • 15

    Si distese su di lei, bloccando le sue mani vaganti e facendole distendere le braccia sopra la testa, catturan-dole i polsi in una mano. Con l'altra le accarezz il vi-so, il collo, le sfior i seni. Poi, sostenendo il suo sguardo appannato di desiderio febbricitante, si chin su di lei, catturandole le labbra proprio mentre le sbot-tonava la giacca. Lujayn sussult e gir la testa, quasi presa da un'im-provvisa timidezza, e i suoi baci le scivolarono sulla guancia vellutata. Quando lui le risucchi il lobo dell'orecchio si inarc, sfregando i seni rigonfi contro il suo petto, rabbrividendo per quel contatto elettriz-zante. Si stacc da lei per lasciare che fosse il suo sguardo a determinare l'azione successiva. Lei lo stava fissan-do, gli occhi che emettevano quegli scintillii ipnotici, il fiato corto, i capezzoli tesi sotto il reggiseno e la cami-cetta. La soddisfazione per quella risposta esplicita si in-tensific ulteriormente quando gemette di disappunto perch lui si era messo seduto. Il suo sorriso la plac mentre si sfilava la giacca. Dopodich, analizzando ogni virgola di espressione nell'eloquente profondit dei suoi occhi, con estrema, estrema lentezza cominci a sbottonarsi la camicia. La sua calma le diede tutto il tempo e l'opportunit di reagire, se non avesse voluto andare oltre. E diede a lui il lusso di studiarla mentre lo ammirava nell'atto di esporle il proprio corpo. Il corpo che lei aveva venera-to per quattro anni, che aveva marchiato in maniera in-delebile in ogni centimetro. Jalal si godette ogni sfu-matura intanto che il desiderio e i ricordi le inondava-no gli occhi, incendiandoli, gonfiandole le labbra, macchiandole le guance. Non per questo che stavi bruciando? Il suo cen-no d'assenso parve drogato, i suoi occhi si velarono mentre una tacita confessione le scuoteva il corpo vo-

  • 16

    luttuoso, facendole tremare le labbra. Le liber le ma-ni, le condusse su di s, una sul cuore, l'altra sull'ad-dome che fremette per il bisogno. La invit a vagare, gemendo a lungo, gutturale, non appena la sua mano lo accarezz, lo palp con tremante bramosia. Jalal sibil il proprio tormento, incoraggiandola, la mente che si scioglieva alla pura potenza, al piacere di quel tocco tanto desiderato, e del suo ardore. Sentilo, Lujayn. Prendi ci che hai sempre voluto, divorami con la tua fame come hai sempre fatto, ya'yooni'l fed-deyah. Al sentirlo usare uno dei suoi nomignoli preferiti, miei occhi d'argento, Lujayn sussult. Il velo che li in-cupiva si addens fino a renderli del colore del crepu-scolo in Zohayd. Le sfugg un ansimo quando prese a esplorarlo con crescente audacia, e pi e pi volte si trasform in un gemito. L'intenzione di Jalal di tor-mentarla fino a farla supplicare vacill a ogni richiamo di sirena svan del tutto quando lei strinse gli occhi e un godimento simile a un'agonia le modell i linea-menti al tenerlo finalmente in mano. Con un grugnito soffocato, Jalal le allontan le ma-ni. Prima che si potesse distendere di nuovo su di lei, per, Lujayn sussult, come risvegliata all'improvviso da una trance, e si scost allarmata. Jalal, dobbiamo fermarci... Lui si irrigid. Dimmi perch. Patrick... Prendendole la testa tra le mani, le fece riaprire gli occhi che aveva chiuso. morto. Tu e io non lo sia-mo. Ma non siamo neanche vivi: dimmi che sei riusci-ta a vivere davvero... senza questo... Le cattur di nuovo le labbra sfregandosi contro di lei per dissolvere la tensione. Dimmi che hai conosciuto un vero piace-re, un vero appagamento dopo di me. Dimmi che non mi desideri quanto io desidero te e me ne andr. La verit le balen negli occhi, ma lei trov la forza

  • 17

    di protestare ancora. Il desiderio non tutto... abbastanza. Sprofond le dita nel suo severo chignon, liberando i capelli corvini, affondando il viso in quella morbidezza. ci che abbiamo, di cui ab-biamo bisogno, non possiamo resistervi. Ma lei gli sollev la testa per i capelli. Non cam-bier niente. Cos dicendo cattur la sua attenzione. Stava stabi-lendo dei termini per quell'incontro... Intendeva dire che sarebbe stato solo sesso? O che sarebbe successo una volta sola? Jalal rifiut di cedere. Invece s. Far in modo che questo bisogno ci svuoti l'anima. Ora ammettilo: muori dalla voglia di avermi come io muoio dalla voglia di a-vere te. Mi darai tutto come hai sempre fatto, e lascerai che ti dia tutto ci per cui mi hai sempre supplicato, tutto ci che abbiamo sempre condiviso. Dopo un lungo momento, lei annu. Poi, abbassando le ciglia a nascondere la propria espressione, attir la sua bocca su di s. Jalal rugg il proprio sollievo dentro di lei mentre le lingue si intrecciavano di nuovo, duellando, pretenden-do, concedendo tutte le licenze di cui aveva bisogno, strappandogli il piacere come aveva sempre fatto, il fervore e l'audacia dell'uno che aizzavano quelli dell'al-tra, la bramosia e il calore e il sapore che nutrivano la linfa vitale. Mentre con una mano la teneva per i capelli come lei stava facendo con lui, con l'altra le sbotton cami-cetta e gonna e le fece scivolare dalla sua pelle velluta-ta. Intanto Lujayn gli stava abbassando la cerniera e lui le slacci il reggiseno. Ingoi il suo gemito di sollievo quando i suoi seni furono liberi, sistemandosi su di lei e cominciando a sfregarsi fino a farla supplicare. Ti prego, Jalal. Ti prego. Adesso, adesso! Si stacc da lei il minimo indispensabile per toglier-le le mutandine, testarla con le proprie dita tanto da

  • 18

    renderla frenetica. Lujayn si avvinghi a lui, stringen-dogli le gambe sulla schiena, fremendo nella febbre di fondersi a lui. E Jalal si tuff in lei. Lei url per lo shock di quell'invasione. La loro u-nione era sempre stata quasi impossibile da sopportare, il piacere troppo straziante. Si inarc, scontrandosi con lui nell'irrazionale bisogno di essere posseduta. Sopraf-fatto, Jalal si gonfi nel piacere liquido che era la sua essenza, grugn il suo nome e si ritir solo per sprofon-dare di nuovo, e di nuovo, andando sempre pi a fondo con ogni spinta. Il suo ritmo la fece dondolare sotto di lui, suscitandole grida sempre pi acute. Gli and in-contro, intensificando i suoi movimenti, le sue richie-ste senza fiato che lo liberavano da qualsiasi limite l'a-vesse ancora trattenuto. Il loro accoppiamento fu primordiale, selvaggio. Si toccarono e morsero e spinsero nel pi totale abbando-no, cancellando tutto ci che non fosse il bisogno di placare gli spasimi che li avevano fatti impazzire, di bruciare in una conflagrazione di appagamento. La prima cresta dell'orgasmo lo colp con la forza di un martello pneumatico. Lei si strinse a lui con tale forza che Jalal dovette staccare le labbra dalle sue per ruggire l'insopportabile picco di piacere. Poi lei cedette sotto di lui, bruciandolo con la scarica del proprio go-dimento, strappandogli il suo dalle profondit pi re-condite. Gli parve che il corpo esplodesse per la forza dell'amplesso mentre si scaricava dentro di lei, con la sensazione di riversare in lei la propria stessa energia vitale. Finalmente l'estasi allent la propria stretta inesora-bile e le grida strozzate di Lujayn si tramutarono in sussurrati mugolii mentre le ultime scariche scuoteva-no entrambi. Jalal si abbandon sopra di lei, inconsapevole di al-tro che non fosse il suo corpo che lo accoglieva, il suo battito caotico che riecheggiava il proprio mentre i loro

  • 19

    cuori si sforzavano di recuperare dallo sforzo. Forse dorm, o forse svenne. Per un minuto, per un'ora. Si rese conto soltanto di riprendersi con un sus-sulto mentre si trovava il corpo appesantito da un ec-cesso di appagamento. Poi un movimento sotto di s lo scosse. Lujayn. Doveva averla schiacciata. Grugn, e poi grugn pi forte per il fastidio della se-parazione, mentre si staccava riluttante da lei. Si chin per baciarla, ma lei si scost eloquentemente. Gli si strinse il cuore quando lei si tir su e si mise a sedere sulla sponda del letto, i lunghi capelli arruffati, il corpo immobile e rigido. Stava per tendere una mano per accarezzarla quando lei si volt e lo sguardo nei suoi occhi gli blocc la te-nerezza sul nascere. E questo ancora prima che aprisse bocca. Ti odio, Jalal. E non ho mai odiato nessuno. Quindi consideralo pure la convalida o l'addio o qualsiasi for-ma di sesso eri convinto che ti dovessi. Non succeder mai pi. Si alz come un automa e nel giro di pochi secondi spar nel bagno. Lui rimase a fissare la porta chiusa, il cuore che martellava, la mente che rimuginava. Era chiaro che aveva ancora il pieno possesso del suo corpo: se l'avesse seguita, lei non gli avrebbe resi-stito nemmeno quella volta. Ma il suo astio sembrava reale, e Jalal non aveva idea di cosa avesse fatto per guadagnarselo. Qualunque cosa lei pensava avesse fat-to, per, avrebbe potuto cambiare tutto, avrebbe potuto spiegare perch l'aveva lasciato. Era passata quasi un'ora quando lei usc dal bagno radiosa, distante e vestita. Anche lui si era vestito; sa-peva bene che quell'interludio non si sarebbe ripetuto, perlomeno non finch non avesse capito cosa diavolo stava succedendo. Rimase immobile quando Lujayn si ferm davanti a

  • 20

    lui, gli occhi del tutto privi di espressione. Mi dispia-ce aver detto che ti odio: non vero. Il cuore di Jalal si sciolse dal nodo che era diventato, i pezzi rotti che si ricongiungevano insieme. Prov una calda sensazione mentre muoveva un passo verso di lei, ma quando Lujayn riprese a parlare quel calore si trasform in gelo, le sue parole che lo abbattevano co-me un proiettile che abbatta un uccello in volo. ben peggio. Io odio me stessa quando sono con te. Odio quello che faccio, quello che penso, quello che sento. Quello che sono. Patrick mi ha fatto capire che sono migliore di cos, che non dovr mai pi sentirmi cos. Ero certa che non sarebbe successo di nuovo, ma tu sei come una malattia incurabile: basta una minima esposizione e ho una ricaduta. C'e solo un modo per e-vitare di essere infettata: non ti lascer pi avvicinare. Se ci proverai, te ne far pentire. La frustata di tanto odio lacer la diga che aveva trattenuto la sua amarezza, dimenticata solo per poco. Si allontan da lei, quasi volesse sfuggire quella co-cente delusione. Come se non mi fossi gi pentito di essere venuto qui e di essermi esposto di nuovo alla tua tossicit si sent ribattere Jalal. Quindi risparmiami pure le tue minacce, Lujayn. Nevicher nel deserto del-la mia retrograda regione prima che ti avvicini di nuo-vo. Non solo rimpiangeva averla cercata, ma si sarebbe preso a calci per essere tanto stupido da non riuscire a odiarla, persino in quel momento, per aver ceduto alla propria debolezza, facendola sua proprio nel letto ma-trimoniale, e per non essere stato il primo a tornare in s. Sulla porta si volt e l'espressione che lesse sul suo viso gli incrin il cuore: non solo lo odiava davvero, ma l'aveva sempre odiato. Era stata tutta una finzione, una recita. Dalle labbra gli fuoriusc altro acido, l'unico scudo

  • 21

    che riusc a trovare contro le schegge ghiacciate del suo rifiuto. Ti ringrazio, a proposito. Mi hai dato esat-tamente ci che ero venuto a cercare: la certezza che non meriti un altro pensiero da parte mia. Ora posso cancellarti dalla mia memoria. E a quel punto se ne and, ma il sollievo che gli a-veva procurato quella replica tagliente stava gi evapo-rando, lasciando il posto allo scoraggiamento. Perch era un'altra menzogna, perch anche se sapeva che niente di ci che avevano condiviso era mai stato reale, era certo che il ricordo di lei non l'avrebbe mai lasciato in pace...

  • - La volont dello sceicco di Olivia Gates

    Lujayn non aveva immaginato che lo sceicco Jalal potesse ritornare nella sua vita, non dopo che lo aveva lasciato in quel modo. La passione che ancora li anima li porta a condividere una notte indimenticabile, che presto viene oscurata dall'ombra di uno scandalo. DESERT KNIGHTS

    - Milionario e tentatore di Day Leclaire

    Moglie perfetta cercasi. Pi facile a dirsi che a farsi per il milionario Lucius Devlin, meglio noto come il Diavolo. La soluzione, per, sembra a portata di mano. La sua segre-taria, Angie Colter. Oltre a vantare un ottimo curriculum, Devlin convinto che nasconda curve mozzafiato.

    di Tessa Radley

    C' solo un modo per definire il milionario Luke Garnier: sexy come il peccato. Haley Rollins lo ama fin dalla prima volta che lo ha visto, e lavorare per lui si sta rivelando una vera tortura. Quando Luke le chiede di sposarlo per soddisfare una clausola testamentaria, lei...

    - Il desiderio di San Valentino

    Non c' rosa senza spine, e l'archistar Nick lo sa perfetta-mente. Ecco perch fin dal primo momento nutre forti so-spetti sull'innocenza della nuova tata, Candace Morrison. troppo perfetta e maledettamente sexy. Non deve entrare nel suo letto, ma se lei a invitarlo... AFFARI MILIONARI

    - Nel letto dell'erede di Kathie DeNosky

    1995

    1996

    1997

    1998

  • - La passione dello sceicco di Olivia Gates

    Rashid l'Oscuro sa di essere destinato a governare l'A-zmahar. Per forzare la mano al fato decide di sposare Laylah Aal Shalaan, principessa di sangue reale. Ma non aveva previsto che la luce di Laylah riuscisse a penetrare le tenebre del suo passato. DESERT KNIGHTS

    - L'onore del milionario di Catherine Mann

    Hank conosce tutto quel che c' da sapere su Gabrielle, e senza averla mai toccata. Lei la donna del suo migliore amico e quindi off limits. Ma quando le carte in tavola cambiano, la volont di conquista diviene pi forte dell'onore e dell'amicizia. HARMONY DESTINY 2000

    di Andrea Laurence

    Il milionario e regista Anthony Price abituato a ottenere ci che vuole, sia sul set che in camera da letto. Quando costretto a prendersi cura della nipotina capisce che quel che gli manca davvero una moglie. Peccato che Charlotte abbia appena presentato domanda di divorzio.

    - Desiderio inaspettato

    Alexander Stanton crede fermamente nella sacralit delle avventure di una notte. Nessuna donna mai riuscita a re-sistergli e il disinteresse che Gwen Wright dimostra nei suoi confronti uno smacco che non riesce a dimenticare. Ma quando la seduzione diviene pi forte della vendetta...

    - Seduzione a Hollywood di Jules Bennett

    1999

    2000

    2001

    2002

    DAL 26 MARZO

  • In vendita dal 13 febbraio.

    Quando scandalo e seduzionesi incontrano nellalta societ.

    Quando soccorre una sconosciuta,Rafe St Alban non immagina che la

    sua vita cambier drasticamente. Ma il gelo che ha da tempo improgionato il suo cuore,

    non riesce a non sciogliersi a ogni sguardo della giovane

    Cadere tra le braccia di Lord Stephen Fitzwaring come scivolare in un oscuro tunnel di passione e sensualit. Lo sa bene Delphine, che nellindimenticabile notte trascorsa con lui scopre un mondo sconosciuto e sconvolgente. Ma lalba del nuovo giorno squarcia il velo dellincantesimo, lasciandola di fronte a una drammatica, cruda realt: ormai una donna rovinata...

    www.eHarmony.it - Seguici su

  • PI LEGGI, PI RISPARMI!LE OFFERTE DEL MESE:

    Le collane pi sexy,in formato 3 in 1

    1 GRATIS

    DAL 15 FEBBRAIO

    Antologie di 4 romanzi,per una MAXIconvenienza.

    DAL 23 FEBBRAIO www.eHarmony.it Seguici su

  • Regalo non condizionato allacquisto ed esente dalla disciplina delle operazioni a premio

    PER TE UNA SORPRESA MISTERIOSA!

    Voglio abbonarmi ad Harmony Destiny. Speditemi mensilmente 4 inediti romanzi e la sorpresa misteriosa che rester comunque mia al prezzo scontato del 15%:

    10.50 pi 1.50 per contributo spese di spedizione. Potr sospendere in ogni momento le successive spedizioni a pagamento mediante comunicazione scritta, come pure restituirvi i ro-manzi ricevuti a pagamento per posta entro 10 gg. (Diritto di recesso Art. 64 Dlg. 206/2005).

    S!

    YB0124

    Spedisci questa pagina a: SERVIZIO LETTRICI HARMONYC/O Brescia CMP - 25126 Brescia

    Cognome.............................................................Nome..................................................................Via.....................................................................................................................N........................Localit.............................................................................Prov...................CAP...............................Prefi sso....................Telefono....................................e-mail............................................................Firma............................................................................................Data..........................................

    Offerta limitata a un solo componente per ciascun nucleo familiare non minorenne e non valida per coloro che gi ricevono per corrispondenza i romanzi Harmony Destiny. Offerta valida solo in Italia fi no al 31.12.2013. Tutte le richieste sono soggette ad approvazione della Casa.I Suoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Harlequin Mondadori S.p.A. - Via Marco dAviano, 2 20131 MILANO - e dalle societ con essa in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dellart. 2359 cod. civ. - titolari del trattamento - per evadere la Sua richiesta di ricevere per posta cartacea informazioni commerciali e campioni di prodotto, nonch la Sua eventuale richiesta di acquisto di nostri prodotti editoriali, secondo lofferta riportata sul presente coupon, e le attivit a ci strumentali, ivi comprese le operazioni di pagamento e quelle connesse con adempimenti amministrativi e fi scali, nonch le attivit di customer care. Nome, cognome e indirizzo sono indispensabili per i suddetti fi ni. Il mancato conferimento dei restanti dati non pregiudica il Suo diritto ad ottenere quanto richiesto. Previo Suo consenso, i Suoi dati potranno essere trattati dalle titolari per fi nalit di marketing, attivit promozionali, offerte commerciali, indagini di mercato - anche tramite email e telefono, qualora forniti I Suoi dati potranno, altres, essere comunicati a soggetti operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, per propri utilizzi aventi le suddette medesime fi nalit. Lelenco completo ed aggiornato delle societ in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dellart. 2359 cod. civ. con Harlequin Mondadori S.p.A., dei soggetti terzi cui i dati possono essere comunicati e dei responsabili disponibile a richiesta allindirizzo sopra indicato.I Suoi dati potranno essere trattati dagli incaricati preposti alle seguenti operazioni di trattamento: elaborazione dati e sistemi informa-tivi, amministrazione, servizio clienti, gestione abbonamenti, confezionamento e spedizione riviste, confezionamentomailing, invio newsletter Ai sensi dellart. 7, d. lgs 196/2003, potr esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modifi care e cancellare i Suoi dati od opporsi al loro trattamento per fi ni di invio di materiale pubblicitario o per comunicazioni commerciali o sondaggi di opinione, rivolgendosi al Responsabile Dati presso Harlequin Mondadori S.p.A. allindirizzo indicato.Acconsente che le titolari utilizzino i Suoi dati per le proprie fi nalit di marketing, anche via e-mail e telefono, come illustrato nellin-formativa? SI NOAcconsente che i Suoi dati siano comunicati ai suddetti soggetti terzi e da questi utilizzati per le fi nalit e secondo le modalit illustrate nellinformativa? SI NO

    ABBONATI!