Calendario eventi ottobre 2016 - Carso2014+ Provincia di Gorizia

Download Calendario eventi ottobre 2016 - Carso2014+ Provincia di Gorizia

Post on 12-Feb-2017

102 views

Category:

Travel

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • 1 CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA 1914 2014

    MANIFESTAZIONI ED EVENTI OTTOBRE 2016

  • 2

    Infopoint Carso 2014+

    c/o Tiare Shopping - Loc. Maranuz 2 - Villesse (GO)

    Tel: +39 0481 - 91697 e-mail: carso2014@provincia.gorizia.it Seguici anche su facebook ed instagram Carso 2014

  • INGRESSO GRATUITO DOMENICA 2 OTTOBRE Il Museo della Grande Guerra di Gorizia, ospitato nei suggestivi sotterranei delle cinquecentesche Case Dornberg e Tasso, intende rappresentare, in maniera chiara ed efficace, gli eventi bellici ed i loro riflessi umani e sociali. COSTI: Intero: 6,00 Ridotto: 3,00 (18/25 anni; gruppi di 10 persone; nuclei familiari con minorenni) Scuole: 1,00 Visite guidate: 2,00 a testa per gruppi di 10 persone e scolaresche; 20,00 a persona Categorie che usufruiscono dell'ingresso gratuito: minorenni, insegnanti, tesserati di accademie, biblioteche e soprintendenza delle Belle Arti, guide turistiche, giornalisti, Gratis con FVG Card. ORARI: Marted Domenica 9.00 - 19.00 INFORMAZIONI: Musei Provinciali di Gorizia - Borgo Castello, 13 Gorizia Tel. +39 0481 533926 / +39 0481 530382 Email: musei@provincia.gorizia.it

    3

    Museo della Grande Guerra di Gorizia

    3

  • Tra gli effetti permanenti della Grande Guerra vi una epocale trasformazione del costume femminile, conseguenza del massiccio ingresso delle donne di ogni estrazione sociale nel mondo del lavoro a sostegno dello sforzo bellico e dellesigenza di un abbigliamento pratico e non costrittivo, forma visibile di un ruolo attivo allinterno della societ.

    Gli anni della guerra rappresentano una cerniera tra le raffinate, sinuose eleganze Liberty e la linearit dei ruggenti anni Venti. In mostra abiti realizzati da sartorie viennesi, triestine e torinesi, insieme a uniformi da crocerossine, tenute da operaie e capostazione, riviste, figurini di moda e fotografie del tempo, modelli futuristi firmati da Futurballa. Nellultima sala un excursus sulla biancheria intima evidenzia la portata della rivoluzionaria semplificazione avvenuta. Al passato si d un taglio non solo metaforico: gli orli si accorciano fino al polpaccio e i capelli alla moda saranno quelli corti, alla garonne. ORARI: Marted Domenica 9.00 - 19.00 INFORMAZIONI: Musei Provinciali di Gorizia - Borgo Castello, 13 Gorizia Tel. +39 0481 533926 / +39 0481 530382 Email: musei@provincia.gorizia.it 4

    4

    Guerra e Moda Lalba della donna moderna

    INGRESSO GRATUITO DOMENICA 2 OTTOBRE

  • 5

    La sala da pranzo di Giacomo Balla ai Musei Provinciali di Gorizia

    La mostra consiste nellesposizione di una sala da pranzo disegnata e realizzata dallo stesso Giacomo Balla per la propria abitazione. Rivoluzionari nelle forme e rutilanti di colori, questi mobili sono rappresentativi sia delleclettismo dellartista, che progettava ed eseguiva con uguale perizia, sia del disegno di attuare una ricostruzione futurista delluniverso quotidiano. Balla, sempre innovativo, anticipatore e geniale, si propose di ricostruire anche luniverso domestico, pi colorato, pi sorprendente, proiettato verso il futuro. Per prima cosa intervenne sulla propria abitazione a Roma ai Parioli, poi, dal 1929, in via Oslavia facendone un laboratorio di sperimentazione futurista, insieme alle figlie Luce ed Elica. Il Futurismo estese il proprio ambito dazione anche alla cucina, con proposte gastronomiche particolarmente ardite. Si intende pertanto accompagnare la rassegna con approfondimenti tematici sulla cucina, come anche sullarchitettura e larredo futuristi. ORARI: mercoled, venerd, sabato e domenica dalle 10 alle 17; gioved dalle 10 alle 19; luned e marted chiuso INFORMAZIONI: Palazzo Attems Petzenstein P.za De Amicis, 2 Gorizia Tel: +39 0481 547541 - + 39 0481 547499 E-mail: musei@provincia.gorizia.it

    Mostra ai Musei Provinciali A tavola con Balla

    INGRESSO GRATUITO DOMENICA 2 OTTOBRE

  • 6

    Il 9 agosto 2016 ricorre il centenario dell'entrata in forze delle truppe italiane a Gorizia. Dopo cinque giorni di battaglia sul Sabotino, sul Calvario e sul San Michele i resti della 58 divisione di fanteria austriaca furono costretti a ritirarsi su una nuova linea difensiva posta ad est della citt. Fu per il Regio Esercito Italiano una grande vittoria, ben preparata e condotta. La conquista di Gorizia rimase di fatto uno dei momenti pi significativi nella storia del conflitto italo austriaco, se non a livello globale di tutto il conflitto mondiale 1914-18. Il Comune di Gorizia, con la collaborazione dell'Associazione ISONZO-gruppo di ricerca storica, celebra l'importante anniversario con questa mostra, e collegata pubblicazione, che attraverso fotografie, documenti e oggettistica d'epoca, richiama i fatti bellici e spiega come l'evento ebbe risonanza a livello propagandistico, illustrativo e divulgativo negli stati coinvolti nel conflitto. ORARI: luned dalle 9.30 alle 11.30 da marted a domenica dalle 10.00 alle 19.00 INFORMAZIONI: Castello di Gorizia (Borgo Castello, 36) tel. 0481 535146 urp@comune.gorizia.it

    1916 - 2016. Il Centenario della presa di Gorizia

    Fino al 30 novembre 2016

    Evento inserito da Infopoint Carso 2014. Linfopoint si impegna a compiere ogni ragionevole sforzo per

    assicurarsi che le informazioni contenute sul sito siano accurate ed aggiornate, in qualit di intermediario

    non risponde, per, dell'inadempimento totale o parziale di eventi proposti dallorganizzatore.

    Si consiglia di verificare l'accessibilit con l'Ente Organizzatore dell'evento.

  • Evento inserito da Infopoint Carso 2014. Linfopoint si impegna a compiere ogni ragionevole sforzo per assicurarsi che le

    informazioni contenute sul sito siano accurate ed aggiornate, in qualit di intermediario non risponde, per, dell'inadempimento

    totale o parziale di eventi proposti dallorganizzatore.

    Si consiglia di verificare l'accessibilit con l'Ente Organizzatore dell'evento.

    Il Museo all'aperto del Monte San Michele, nel cuore del Carso isontino, propone un suggestivo itinerario tra storia e natura. Grazie ad un percorso facile e adatto a tutti, si possono scoprire le strutture ed i monumenti costruiti tra le quattro cime di questo rilievo carsico risalenti alla Grande Guerra. Partendo dal piazzale antistante il piccolo Museo della Grande Guerra si pu subito scorgere l'entrata alla Galleria Cannoniera della Terza Armata, un'ampia struttura sotterranea utilizzata dall'esercito italiano. Una volta usciti, si segue il sentiero sulla destra che porta alla vicina caverna austriaca del Generale Lukachich, costeggia Cima 3 (da dove si vede la parte esterna della Cannoniera) e arriva infine all'entrata dello Schnburgtunnel, nei pressi di Cima 2. Dichiarata Zona Sacra nel 1922, il Monte San Michele offre anche la possibilit di percorrere l'affascinante Percorso dei cippi che si snoda lungo il crinale fino quasi a congiungersi con il cimitero di San Martino del Carso e la trincea italiana colpita, il 29 giugno 1916, dal primo attacco chimico su questo fronte. INFORMAZIONI: Museo della Grande Guerra del Monte San Michele Via Zona Sacra c/o cima del Monte San Michele I-34078 Sagrado (GO) Tel. +39 0481 92002/ +39 0481 48902 A PARTIRE DA MARTEDI 2 AGOSTO AL MUSEO E ALLA CANNONIERA BIGLIETTO DINGRESSO 3,00 MUSEO ALLAPERTO DEL MONTE SAN MICHELE INGRESSO GRATUITO

    A San Martino del Carso, piccola frazione del Comune di Sagrado nel 1915, si trov proprio nel cuore del fronte. Completamente distrutta dai bombardamenti, diventata famosa in tutta Italia (e non solo) grazie alla poesia di Giuseppe Ungaretti. Non esiste un vero e proprio percorso ma i siti di maggiore interesse sono tutti vicini e raggiungibili facilmente. Scendendo dal piazzale del Museo di San Michele, dopo circa un chilometro e mezzo, si pu visitare il Valloncello dell'Albero Isolato e proseguire poi verso il centro del paese, distante appena 500 metri. Qui si trovano la lapide che riporta i versi della poesia di Giuseppe Ungaretti ed un museo privato della Grande Guerra mentre seguendo le indicazioni per il cimitero civile si trova il Cippo del 4 Honved. Dopo 1,5 chilometri da San Martino si incrocia la cosiddetta "Area delle Battaglie" dove possibile fermarsi e scoprire la Trincea delle Frasche, il Cippo della Brigata Sassari ed il monumentale Cippo Filippo Corridoni. Poco pi avanti (1 chilometro), all'interno di un magnifico contesto rurale - letterario, possibile passeggiare ed ammirare i monumenti installati nel Parco Letterario Ungaretti, dedicato al poeta che ha reso celebri questi luoghi. INFORMAZIONI: Museo della Grande Guerra del Monte San Michele Via Zona Sacra c/o cima del Monte San Michele I-34078 Sagrado (GO) Tel. +39 0481 92002/ +39 0481 48902

    7

    Museo all'aperto del Monte San Michele e San Martino del Carso

  • Il Museo della Grande Guerra del Monte San Michele rappresenta una significativa testimonianza delle difficolt affrontate dai soldati italiani nei combattimenti in questa zona. Ai lati della porta d'ingresso del museo sono state posti due mortai da trincea o bombarde, le armi utilizzate per eccellenza durante la Grande Guerra. Nelle tre sale invece si trovano delle esposizioni fotografiche che mostrano l'attacco con il gas del 29 giugno 1916, il paesaggio carsico durante il periodo bellico e la vita dei soldati in trincea, nonch oggettistica varia tra cui proiettili, canne di fucile, maschere anti-gas ed effetti personali. Il piazzale antistante inoltre offre una meravigliosa vista sulla vallata dell'Isonzo e sulla citt di Gorizia. Ancora oggi, guardando il panorama, si pu intuire l'importanza di questa cima, la quale rappresentava un ottima postazione per il controllo del territorio. A PARTIRE DA MARTEDI 2 AGOSTO AL MUSEO E ALLA CANNONIERA BIGLIETTO DINGRESSO 3,00 ORARI Ottobre: da marted a domenica: 9.00-13.00 / 14.00-16.00 INFORMAZIONI: Museo della Grande Guerra del Monte San Michele Via Zona Sacra c/o cima del Monte San Michele I-34078 Sagrado (GO) Tel. +39 0481 92002/ +39 0481 48902 Associazione Culturale JuliaEst Tel: +39 347-9661607 / +39 388-6557425 juliaest@libero.it www.carso-isonzo.net

    8

    Museo della Grande Guerra del Monte San Michele

    Evento inserito da Infopoint Carso 2014. Linfopoint si impegna a compiere ogni

    ragionevole sforzo per assicurarsi che le informazioni contenute sul sito siano

    accurate ed aggiornate, in qualit di intermediario non risponde, per,

    dell'inadempimento totale o parziale di eventi proposti dallorganizzatore.

    Si consiglia di verificare l'accessibilit con l'Ente Organizzatore dell'evento.

  • La Galleria Cannoniera della Terza Armata, un complesso sotterraneo formato da pi tunnel scavato dalla 20 compagnia del genio minatori tra il settembre del 1916 ed il giugno dell'anno successivo all'interno della Cima 3. La galleria articolata su due rami principali e fu inizialmente voluta per ospitare otto cannoni di medio calibro (da 149 mm). I tunnel permisero il piazzamento di sei bocche di fuoco orientate verso nord, su Gorizia e la Valle di Vipacco, e due verso sud-est, sul Carso di Comeno ed il Monte Ermada. Da questa posizione riuscivano a colpire sia le prime linee difensive austro-ungariche che le retrovie, dove si trovavano i centri di riposo e rifornimento. Oggi la Cannoniera stata riaperta al pubblico in seguito ad un prezioso lavoro di recupero promosso dal progetto Carso 2014+ della Provincia di Gorizia. Al suo interno sono ancora visibili i basamenti in cemento su cui erano appoggiate le armi, i corridoi e le sale utilizzate dalle truppe come deposito per i materiali, infermerie e dormitori. Dal 1917 i suoi spazi nel cuore della Cima 3 furono utilizzati anche come sede del Comando Tattico della Terza Armata. INFORMAZIONI Per la visita alla Galleria Cannoniera obbligatorio il casco di sicurezza, disponibile gratuitamente all'interno del Museo. ORARI Da marted a sabato: 9.00-12.00 / 14.00-17.00 Domenica: 9.00-12.30 A PARTIRE DA MARTEDI 2 AGOSTO ENTRERA IN VIGORE IL BIGLIETTO UNICO PER LINGRESSO DEL COSTO DI 3,00 Per richiedere una visita guidata: Associazione Culturale JuliaEst Tel: +39 347-9661607 / +39 388-6557425 E-mail: juliaest@libero.it Sito: www.carso-isonzo.net

    9

    Galleria Cannoniera della Terza Armata

  • Il museo privato "Ricordi della Grande Guerra" ha sede a San Martino del Carso ed una struttura museale che ospita lomonima mostra permanente caratterizzata dai reperti bellici rinvenuti nei numerosi campi di battaglia limitrofi. L'esposizione testimonia soprattutto il tragico episodio del lancio dei gas asfissianti (cloro e fosgene) ad opera dell'esercito austriaco sui soldati italiani; i gas calarono sulle trincee della prima linea dell'XI Corpo d'Armata, trovando i soldati italiani completamente impreparati e uccidendone a migliaia, cos come vennero colpiti a centinaia i soldati delle retroguardie ungheresi, a seguito di un improvviso cambio di vento. Il materiale di guerra esposto vuole essere il filo conduttore tra il devastante evento sopra citato e il vero e proprio Campo di Battaglia. La mostra ha l'obiettivo, inoltre, di offrire al pubblico una panoramica storica sugli episodi bellici intercorsi nei paesi di San Martino del Carso, San Michele del Carso e nelle aree vicine e di informarlo su uno dei periodi storici pi tristi ed importanti della storia del Friuli Venezia Giulia. INGRESSO GRATUITO ORARI: Sabato e Domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00 Aperture straordinarie su prenotazione INFORMAZIONI: Gruppo Speleologico Carsico di San Martino del Carso Indirizzo Via Zona Sacra Tel. +39 338 2626267 / +39 340 5581378 / +39 335 6694277 San Martino del Carso Sito. www.museosanmartinodelcarso.it E-mail. info@museosanmartinodelcarso.it

    10

    Museo della Grande Guerra a San Martino del Carso

    Evento inserito da Infopoint Carso 2014. Linfopoint si impegna a compiere ogni

    ragionevole sforzo per assicurarsi che le informazioni contenute sul sito siano

    accurate ed aggiornate, in qualit di intermediario non risponde, per,

    dell'inadempimento totale o parziale di eventi proposti dallorganizzatore.

    Si consiglia di verificare l'accessibilit con l'Ente Organizzatore dell'evento.

  • Il Parco Ungaretti, di propriet dell'Associazione Amici di Castelnuovo di Sagrado, stato restaurato su progetto dell'Architetto Paolo Bornello. L'intento accompagnare il visitatore alla scoperta della relazione esistente tra paesaggio carsico, Grande Guerra e Giuseppe Ungaretti. Figura di riferimento nel panorama letterario e storico italiano del '900, Ungaretti viene ricordato anche attraverso un Parco che porta il suo nome. Questo luogo si trova nella localit di Castelnuovo, in una villa circondata da vigneti che un tempo sono stati i campi di battaglia. La stessa villa stata sede per un periodo del comando militare italiano come testimoniano i graffiti di soldati recentemente portati alla luce. Gli spazi sono caratterizzati da tre aree principali: la prima quella della Torre, situata a ridosso dell'antico muro di contenimento del giardino...

Recommended

View more >