azzurra magazine 1

of 96 /96
AZZURRA MAGAZINE Vivez la région P.A.C.A à l'italienne ! n°1 Nov. 2013 P.A.C.A BOOMING Gli eventi da non perdere di MP2013 ITALIE un pays pour les jeunes ? Université, éducation, politique, société, crise générationelle... REPORTAGE FOTOGRAFICO La base 701 di Salon & la Patrouille de France L'expression italienne en P.A.C.A Répertoire des associations franco-italiennes MASSALIA: AUDACE & ATIPICA La cultura urbana da Noailles a L'Estaque passando dal Panier

Author: azzmag

Post on 28-Dec-2015

86 views

Category:

Documents


1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • AZZURRA MAGAZINE

    Vivez la rgion P.A.C.A l'italienne !

    n1Nov. 2013

    P.A.C.A BOOMING

    Gli eventi da nonperdere di MP2013

    ITALIE un pays pour les jeunes ?

    Universit, ducation, politique,socit, crise gnrationelle...

    REPORTAGE FOTOGRAFICOLa base 701 di Salon & la Patrouille de France

    L'expression italienne en P.A.C.ARpertoire des associations franco-italiennes

    MASSALIA: AUDACE & ATIPICALa cultura urbana da Noailles aL'Estaque passando dal Panier

  • INDICE - INDEX

    EDITO

    3

    MP2013 est une tiquette !MP2013 un'etichetta!

    L'EXPRESSION ITALIENNE

    4

    Coordonnes et descriptif desassociations franco-italiennes

    P.A.C.A BOOMING

    13

    Les vnements MP 2013 ne pas manquer

    MASSALIA AUDACE ATIPICA

    21

    La cultura urbana da Noailles aL'Estaque passando dal Panier

    REPORTAGE FOTOGRAFICO

    59

    La Patrouille de France apre leporte della sua Base 701

    L'ITALIE ET LES JEUNES

    64

    Systme scolaire, mouvementstudiants, politique et socit

    OSSERVATORIO ITALICO

    88

    Comment enrayer la "fuite descerveaux" ?

    Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • EDITO BILINGUE

    AZZ' MAG'

    Azzurra Magazine una creazione delgruppo stampafranco-italianoAzzurra Mediacomfondato a Torino nel2013 da CharlotteRANIERO. La redazione basata aMarsiglia producequesto magazine-web, mag-iPad, nelloscopo di promuoverela cultura urbanadella regioneProvenza, Alpi, CostaAzzurra presso gliItaliani e di informarei Francesi sulle realtsociali italiane attuali.Siamo inoltre, mediapartner dell'ONG AaZche s'impegna perl'educazione deibambini delloZanskar; siamosostenuti dal gruppo"lepetitjournal.comItalie"*nnn~~~~azzurramagazine[at]gmail.comaaaaaa~~~photo: S. Durel,Collettivo Altereva,Rete degli Studenti,OT Marseille, OTPACA, C. Raniero,Talco, D. Corsini,H. Lecinski, R.Cassilli, Maniglia

    "Marseille-Provence 2013 "est une tiquette !

    Marseille est souvent compare Naples pour ses caractristiquesurbaines et gographiques : la mme ouverture sur la Mditerrane, lemme temprament de ses habitants dont la vie est rythme par le soleillatin. Mais aussi : la mme insalubrit quand les ordures envahissent lesrues, la mme mala vita qui cre des tensions et de l'inscurit. Se limiter cette vision est pourtant rducteur car Marseille peut tre compare Rome : l'ternelle, la Capitale. Cette ville a-t-elle vraiment attendu le label Marseille-Provence 2013 pour exposer et faire valoir son caractre, son savoir-faire, sa capacit se consolider dans le futur en puisant dans ses failles passes ? CarMarseille est avant tout un dialogue entre diffrents accents, un hritagede diffrentes cultures, une source de richesse mi-chemin entre lepopulaire et le majestueux. En cela, elle est audacieuse et atypique.Bienvenus Massala...** "MARSIGLIA-PROVENZA" 2013 E' UN'ETICHETTA!*Marsiglia viene spesso paragonata a Napoli per le sue caratteristicheurbane e geografiche: la stessa apertura sul Mediterraneo, lo stessotemperamento dei suoi abitanti la cui vita ritmata dal sole latino. Mapure: la stessa insalubrit quando la spazzatura invade le strade, la stessamala vita che genera tensioni ed insicurezza. Limitarsi a questa visione tuttavia riduttore poich Marsiglia pu essere paragonata a Roma:l'eterna, la Capitale.Questa citt ha davvero aspettato il marchio Marsiglia-Provenza 2013per esporre e far valere il suo carattere, il suo savoir-faire, la sua capacita consolidarsi nel futuro attingendo dalle sue debolezze passate? PoichMarsiglia prima di tutto un dialogo tra diversi accenti, un'eredit didiverse culture, una fonte di ricchezza a met-strada tra il popolare ed ilmaestoso. Perci, audace e atipica.Benvenuti a Massala...**************************************************************C.R.

    Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • p.4 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Une amiti sincre de plus de 40 ans. Malgr lesannes qui nous sparent de la signature desaccords du jumelage, les liens sont rests, desrelations solides se sont tablies dbordantlargement du cadre officiel. Amiti, respect desautres et de la diffrence, mais aussi collaboration,caractrisent depuis les activits communes nosdeux villes. Toutes ces rencontres fructueuses etenrichissantes ont permis des groupes de vivreensemble en Europe.http://www.aix-jumelages.com/ville/perouse/

    L'Italie prs dechez vous...

    Relations internationalesAix Jumelages - Prouse

    En Italie, la place est le lieu par excellence de laRencontre, et cest ainsi que Piazza Grande voudraitconstruire sa propre place, travers des activitsen mesure de favoriser et dallier changes culturelset humain : Cours de Langues - RencontresLittraires, avec les auteurs - RtrospectivesCinmatographiques - [email protected]://www.assopiazzagrande.org/

    ASSOCIATION CULTURELLEPIAZZA GRANDE

    Expression Italienne

  • p.5 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Club automobiles de marques italiennes,classiques et [email protected]://www.museovivo.com/

    Venez la rencontre de lItalie : cours d'italien,cercles de conversation, confrences, expos,concerts, voyages, mediathque...http://www.dante-aix.fr/ - [email protected]

    ... Aix-en-Pce

    Museo Vivo Provence

    La Dante Alighieri

    Un groupe de personnes, professeurs de facult, delyces, de collges et chefs dentreprise ayant desattaches avec lItalie promeuvent leur culture.http://www.aiapa.fr/

    Organisation matrielle des runions et descongrs.8, Blvd du Roi [email protected]

    Association italienne dAixet du pays dAix

    Association franco-italiennedu notariat ligure et provenal

    Expression Italienne

  • p.6 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Promouvoir la langue et la culture italiennes touten souvrant sur les horizons linguistiquesminoritaires de lespace [email protected]

    Le Patronato ACLI est n en 1945 pour aider lescitoyens dans leurs dmarches administratives.17, rue [email protected]

    L'Italie Marseille

    AMICI Centre Mditerranen deCommunication Inter Culturel

    Patronato ACLIFrancia

    Association regroupant les Professeurs d'Italiende l'acadmie [email protected]

    L'INAS-ATIEF soccupe principalement, desdossiers de retraite, mais il est aussi unservice dassistance sociale, [email protected]

    Association des Professeursd'Italien d'Aix-Marseille (A.P.I.A.M)

    Patronato INAS-ATIEFMarsiglia

    Expression Italienne

  • p.7 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Elle a pour but de favoriser, protger etdvelopper les changes entre la France etl'Italie. Elle est reconnue par le Ministre duCommerce International italien et place sousl'gide du Gouvernement italien, de l'Ambassaded'Italie Paris ainsi que du Consulat Gnrald'Italie Marseille.2, rue Henri Barbusse - [email protected]://www.ccif-marseille.com

    Chambre de Commerce Italiennepour la France de Marseille

    "Desidero formulare a tutti gli italiani dellacircoscrizione e allamico popolo francese ed allesue Istituzioni, le mie pi cordiali espressioni disaluto, con lauspicio che il mio servizio aMarsiglia possa contribuire al progresso dellacomunit di connazionali e delle relazioni fra inostri due Paesi." Il Console Generale, Paolo DeNicolo56, Rue d'Alger - [email protected]

    L'Institut Culturel Italien est une institutionpublique faisant partie du Ministre Italien desAffaires Etrangres, dont la mission principaleest la diffusion de la langue et de la cultureitaliennes ainsi que la promotion des changesculturels entre la France et l'Italie.6, rue Fernand Pauriol - [email protected]

    Consulat d'Italiede Marseille

    Institut Italien de Culture(IIC Marsiglia)

    Expression Italienne

  • p.8 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Son activit essentielle tait et reste lapromotion de la langue et de la cultureitalienne.http://apli-rognes.fr/index.htm

    Coudoux est officiellement jumel avec Baone.Le jumelage permet de dcouvrir la vie et lestraditions de nos voisins [email protected]

    L'Italie Istres, RognesCoudoux & aux PennesMirabeau

    A.P.L.I Association pour laPromotion de la Langue Italienne

    Partage Franco-Italien(PFI)

    L'asso compte 400 membres disperssdans le sud de la France, pour la pluparten rgion PACA.Chemin Des Tartugues, 13800.

    Cours de langue italienne tous niveaux,cours de conversation Italienne, cours decuisine [email protected]

    AJO Association des Sardes Istres

    Label'Italia(la bella Italia)

    Expression Italienne

  • p.9 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Promotion de la langue et de la cultureitaliennes. Dveloppement des liens damiti etdes changes entre la France et lItalie.15, rue les Cures, 84310

    Dcouvrir, diffuser, changer des connaissancessur l'histoire, les paysages et la gologie d'unergion (Etna et Sicile notamment).http://geodynamica.free.fr

    Toulon, Avignon, Brianon& Draguignan l'heureitalienne !

    A.F.I.A Association Franco-Italienned'Avignon

    GodynamicaAssociation Franco-Italienne

    Cours d'italien, soires dbats thmes, soirespour cinphiles en version italienne, sortiesannuelles sur lItalie et le [email protected] - http://acsfirt.fr/

    Cours d'italien, cercles de conversation,confrences, expos, concerts, voyages,[email protected]

    Association Culturelle et SportiveFranco-Italienne de Toulon

    La DANTE alighieride Draguignan

    Expression Italienne

  • p.10 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Elle a pour but de favoriser, protger etdvelopper les changes entre la France etl'Italie. Elle est reconnue par le Ministre duCommerce International italien et place sousl'gide du Gouvernement italien, de l'Ambassaded'Italie Paris ainsi que du Consulat Gnrald'Italie Nice.11, av Baquis - quartier des musiciensTel: +33 497030370http://www.ccinice.org/

    L'Italie prs dechez vous...

    Chambre de Commerce Italiennede Nice, Sophia Antipolis

    Le consulat gnral d'Italie est unereprsentation consulaire de la Rpubliqueitalienne en France. Depuis le 2 septembre 2013c'est une femme qui en est sa tte : SerenaLippi. Avant cela, elle tait la premire secrtairecommerciale l'Ambassade d'Italie de Tripoli enLybie (2006-2010).72, Blvd [email protected]://www.consnizza.esteri.it/

    Consulat Gnral d'Italie Nice

    Expression Italienne

  • p.11 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Le Circolo est un espace de regroupement trstendu en Italie et nous souhaitons proposercela aux transalpins [email protected]

    Des bnvoles qui mettent le maximum derenseignements la disposition de tous :enseignants, tudiants et amoureux de l'[email protected]

    ... Nice

    Circolo ItalianoGiuseppe Garibaldi

    ItaLangue

    Le Comit pour les Activits Linguistiques etCulturelles Italiennes a pour objectif la diffusionde la langue et de la culture [email protected] - www.coalcit.org

    L'Association Petites Entreprises Italiennessur la Cte dAzur aide les italiens crateursd'entreprises sur la Cte d'Azur.http://aspeica.asso-web.com/

    CoALCIt

    AS.P.E.I.C.A

    Expression Italienne

  • p.12 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Favoriser, encourager et initier toute action ayantcomme objectif les rapprochements et leschanges culturels, professionnels, politiques,conomiques, commerciaux et techniques entrelItalie, la France et la principaut de Monaco.fdrer les italiens rsidant en France, lesfranais d'origine italienne, les italiensfrancophiles, les franais italophiles.273 avenue des Caroubiers, [email protected]

    Amiti France Italie Villefranche sur mer

    La Socit Dante Alighieri a pour objectif depromouvoir et de diffuser la langue et la cultureitaliennes. Dans ce but, le Comit de Cannesorganise chaque anne un cycle deconfrences, diverses sorties et des voyagesculturels de plusieurs jours en Italie. Ses activitssont places sous le signe de l'amiti et de laconvivialit.3, AVENUE DE MADRID [email protected]

    "Per la tutela e la diffusione della lingua e dellacultura italiane nel mondo" Elle a emprunt sonnom au grand pote Dante Alighieri, hommepolitique et crivain florentin. La Socit DanteAlighieri a t cre Bologne en 1889, puisdans "la foule" Rome, l'instigation du poteGiosue Carducci (1835-1907), qui considraitl'auteur de la Divine Comdie comme l'artisan del'unit de cette langue italienne dans le [email protected]

    La Dante Alighieride Cannes

    La Dante Alighieride Hyres

    Hyres, Cannes & Villefranche/mer

  • P.A.C.A BOOMINGUne rgion "capitale"

    pour la culture...

    p.13 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • p.14 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    Crer pour rsister Bellmer, Ernst,Springer et WolfsCamp des Milles - AixenProvence

    LAtelier du LargeJ1, place de la Joliette Boulevard du Littoral MARSEILLE

    Dans le cadre &au-del du MP2013

    Du 20 septembreau 15 dcembre 2013

    Du 11 octobre au 22 dcembre 2013

    Double disque vid par les toits, FeliceVarini Chteau de lEmpri SALONDEPROVENCE

    Un bouquet : 5 couleurs moins une,travail in situ, Daniel BurenLa Pyramide ISTRES

    Jusquau au 1er dcembre 2013

    Jusquau 31 dcembre 2013

    P.A.C.A BOOMING

  • p.15 - Azzurra magazine - Novembre 2013

    Le Noir et le Bleu. Un rvemditerranenMuCEM J4 MARSEILLE

    Ulysses Itinraire dart contemporainconu par le Frac P.A.C.ATerritoire Marseille Provence et par-del

    Quoi voir ?O sortir ?

    Jusquau 6 janvier 2014

    Du 12 janvier 2013 janvier 2014

    Csar MarseilleMuse CantiniMARSEILLE

    Les expditions imaginairesBMVR lAlcazar MARSEILLE,Mdiathques de VITROLLES etMIRAMAS

    Du 13 septembre 2013 au 5 janvier2014

    De la Toussaint janvier 2014

    P.A.C.A BOOMING

  • p.16 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    New Orders. Programmation 2013 duCartel Guest : Atelier Van LieshoutLa Friche Belle de Mai MARSEILLE

    Plus loin que lhorizonVilla Mditerrane, Esplanade J4MARSEILLE

    Des expos perte de vue...

    Jusquau 2 fvrier 2014

    Jusquen 2016

    MareMater, Patrick ZachmannMuCEM Fort Saint-JeanMARSEILLE

    ExpositionPatrimoine vivant et partag :rtrospective et avenir de larestauration des monuments d'Arles

    Du 29 novembre 2013 au 28 janvier2014

    Du 13 Septembre 2013 au 16Novembre 2013

    P.A.C.A BOOMING

  • p.17 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    ExpositionMarseille/Provence, rivages desproduits du monde et des ouvriersd'ailleurs - Aix-en-Provence

    ExpositionLe tombeau perdu d'Alexandre le Grandet Arelate : des fouilles et des bulles -Marseille

    ...dans toutela rgion

    Du 14 Septembre 2013 au 18Janvier 2014

    Du 14 Septembre 2013 au 15Dcembre 2013

    Expositionpatant patrimoineAvignon

    ExpositionVronique Bigo - La voleused'objetsMarseille

    Du 14 Septembre 2013 au 6 Juin2014

    Du 14 Septembre 2013 au 23Dcembre 2013

    P.A.C.A BOOMING

  • p.18 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    ExpositionExposition "univers Andr Verdet"Cagnes-sur-Mer

    AutresLes concerts des Amis de la MusiqueVaison-la-Romaine

    Nouvellesdcouvertes

    Du 14 Septembre 2013 au 6 Janvier2014

    Du 15 Septembre 2013 au 18 Mai2014

    ExpositionExposition "deux architectes au quartierde la Madone"Menton

    ExpositionLe voyage d'Alix Massalia : desfouilles et des bullesMarseille

    Du 14 Septembre 2013 au 16Fvrier 2014

    Du 14 Septembre 2013 au 15Dcembre 2013

    P.A.C.A BOOMING

  • p.19 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    FestivalRegards croiss sur le cinmaEuropenMarseille

    ExpositionLes paysages des Alpilles : uneaventure esthtique aux XXI siclesSaint-Rmy-de-Provence

    Nouvellescuriosits

    Du 20 Septembre 2013 au 15Dcembre 2013

    Du 21 Septembre 2013 au 29Dcembre 2013

    Exposition Photographies CathyBriatoreLa Motte

    ExpositionLed's chatMarseille

    Du 15 Septembre 2013 au 31Dcembre 2013

    Du 23 Septembre 2013 au 30Novembre 2013

    P.A.C.A BOOMING

  • p.20 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

    ExpositionExposition "Rverie pour le futur"Carros

    Le choix des vnements lablissMP2013 a t ralis avec l'aide ducomit Marseille-Provence 2013.http://www.mp2013.fr/

    Programmevnementiel & Co

    Du 28 Septembre 2013 au 5 Janvier2014

    MP2013 PARTENAIRE

    ExpositionCharles Frger OutremerToulon

    Le choix des vnements non-labliss MP2013 a t ralis avecl'aide du comit Rgional deTourisme PACA.

    Du 27 Septembre 2013 au 17Novembre 2013

    PACA TOURISME PARTENAIRE

    P.A.C.A BOOMING

  • Questo dossier statocreato grazie all'aiutodell'Ufficio Turistico diMarsiglia che ci hafornito numerosi datimolto precisi sullacrescita della citt egrazie al ComitatoRegionale che ci haaperto con piacere leporte della suamediateca.

    M

    ASSALIA AUDACE EATIPICA vi porter aspasso per Noailles, IlPanier e L'Estaque.

    Questi tre quartieri dall'animacontemporaneamente centrale elontana dal caratterete della metropoliprovenzale, traboccano di ricchezzepopolari. Tra tradizioni e modernit, traprovenzialit e mediterraneit, traidentit e globalizzazione, ecco la culturaurbana di Massalia...

    p.21 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • MARSIGLIA,CHI SEI?

    N

    ascere a Marsiglia non mai un caso. Marsiglia sempre stata il porto degli esili, degli esilimediterranei. Degli esili delle nostre antiche viecoloniali, anche. Qui, chi un giorno sbarca al porto per forza di cose a casa sua. Da qualsiasi luogoarrivi, a Marsiglia sei a casa tua. J-C. Izzo

    -"Marsiglia ha il potere di arruolarci e trattenerci nella sua lunga lista diamanti, familiari e abitanti, persino quando si sono mollati gli ormeggi." D. Crackanthorpe-"Sono convinto che Marsiglia sia la citt pi bella di Francia. talmentediversa da tutte le altre." A. Schopenhauer-***Pi di una citt, Marsiglia un viaggio. una citt francese, di spalleall'Europa, girata verso Sud, fondata da una storia d'amore di persone venuteda lontano, altrove. Oggi, la citt marsigliese si ridisegna, si trasforma, sempredi modo squilibrato ma fieramente come una capitale in questo anno culturale.Per il turista, Marsiglia srotola le sue scale pi belle all'uscita della ferrovia StCharles e nonostante la splendida vista sui tetti e sulla Bonne Mre, ellaoffre il suo primo paradosso. Quelle monumentali scale sboccano su un banaleviale intasato dalla circolazione. Questo superfluo, i 5 milioni di turistiannuai si meravigliano al Vecchio Port. Il Vieux Port senza dubbio lacartolina agghindata dalle autorit ma veramente il centro nevralgico dellacitt o una messa in scena della citt? Cosi per dire il Vecchio Porto un po' ilteatro della citt dove ognuno recita la sua parte con un grande folklore :bambini che corrono dappertutto, nonni e turisti che attraversano il porto conil Ferry Boat, pescatori che attirano la folla al mercatino con una bella e frescarascasse (Scorpaena scrofa) in mano, gente che rifa il mondo ad alta voce...Senza questa frenetica umanit, Marsiglia non sarebbe Marsiglia!-***Il capo-luogo provenzale pieno di contrasti. atipico. Il Vallon desAuffes ne un eccellente esempio: una piacevole atmosfera paesana epittoresca sorvegliata da due mostri di cemento sullo sfondo. Nei quartierinord, in questi quartieri trascurati dai poteri pubblici, si sa che cos' ilcemento. Ma non la periferia. A Marsiglia, gli alloggi di periferia fanno parteintegrante della citt. esattamente l che coabitano residenze, villaggi,insieme di abitazioni per famiglie povere, ma anche una quarantina dinazionalit e migliaia di alberi e fiori. A volte l'apparenza inganna...

    p.22 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Marsiglia la citt dagli 111 quartieri.Oggi due volte e mezza pi estesa diParigi. Il meticciato sociale deiquartieri nord si rispecchia pure nelcentro della citt, tra le mostre ed iprodotti agricoli della via Longue descapucins. Ritroviamo anche il suometicciato sociale nel tempio del calciocon uno Stadio Vlodrome coscolorato come il mercato.L'Olympique de Marseille unareligione popolare che riunisce ogniet, ogni genere, ogni credenza, ognicolore, ogni orizzonte sotto la stessabandiera. Il quartiere della Belle demai altrettanto popolare. Un'anticamanifattura di tabacco ci statatrasformata in un giardino in cui

    fioriscono germogli culturali. LaFriche accoglie oggi una sessantinadi strutture artistiche. D alla culturaurbana pi di quanto le spetti e allagiovent spazi di creazione.I Marsigliesi si spostano soprattutto inmacchina. L'automobile ci ha lasupremazia. Durante la settimana lametro chiude alle 22.30. Marsiglia sitrasforma, ricupera il ritardo rispettoalle infrastrutture. Delle autostradevengono messe sotto terra, il portocommerciale allontanato, simodernizza il tempio sportivo e siringiovanisce la cattedrale della Major.

    "Gemellata con 13 citt del mondo. Primo porto dicrociera (950.000 passeggeri) e di merci in Francia"

    Ma Marsiglia modifica pure la suaimmagine, deve assumere il suostatuto di Capitale, nondell'automobile ma della Cultura.Marsiglia ha finalmente il suo museodi spicco. Ai fianchi del Forte St Jean,il MuCem ha spuntato: il Museo delleCivilt dell'Europa e del Mediterraneo.Ha perfino l'ambizione di riunire ledue rive del Mediterraneo. Esoprattutto quella di incitare imarsigliesi a recarsi al museo. Lavetrina dell'operazione Marsiglia-Provenza 2013 si estende sull'interofronte di mare. La facciata marittimadella citt stata restaurata: i Dockssono stati rimaneggiati quellebanchine dove transitavano emigrati emerci e un insieme di silos sono statitrasformati in una prestigiosa sala dispettacolo, oggi chiamato il Silod'Arenc.

    Marsiglia una capitale culturale nel2013. Accogliente o violenta, ricca opovera a seconda degli sguardi, questacitt rimane la pi atipica e eterogeneadi Francia. Porta dell'Africa, porta delSud secondo Albert Londres e moltialtri viaggiatori. Benvenuti in unaMarsiglia atipica e audace.---------------------------------------------Carta d'identit:La pi antica citt francese fondata2.600 anni fa.2 citt in Francia per popolazione:860.363 abitanti (cifre INSEE 2007).1 comunit di comuni francesi,Marseille Provence Mtropole, riunisce18 comuni e rappresenta 1.200.000abitanti.Superficie: 240 km di cui 100 km dispazi naturali.Costa: 57 km di cui 20 km di calanchi.Clima: 300 giorni di sole all'anno.

    p.23 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Marsiglia in date:27.000 anni prima di Cristo: 1 presenza umana sullecoste provenzali (i Calanchi)600 a.C.: Fondazione di Marsiglia : il marinaio grecoProtis si innamora della principessa ligure Gyptis, sisposano e fondano Massalia.49 a.C.: assedio di Marsiglia da parte di Cesareperch la citt si alleata con Pompeo. Marsigliadiventa romana e assume il nome di Massilia. Resti diquesto periodo sono il Porto Antico presso il museo distoria.416: Fondazione da parte di Cassiano di una comunitmonastica sulla tomba del martire Vittore.923: Marsiglia e l'abbazia di san Vittore vengonosaccheggiate dai Saraceni.1229: la citt si rivolta contro il potere monastico, ilvescovo viene spodestato e i mercanti prendono ilpotere: nasce cos la Repubblica marsigliese1262: Carlo d'Angi recupera Marsiglia che vieneannessa alla Contea di Provenza e vi costruisce unarsenale che sar utile alla sua conquista dell'Italia.1423: sacco degli Aragonesi, la citt viene distrutta. (lacatena che chiudeva l'entrata del porto viene presacome trofeo e si trova a Valencia)1481: Marsiglia e la Provenza sono annesse al Regnodi Francia.

    1660: Luigi XIV si trova a Marsiglia e ordinal'ampliamento della citt e la costruzione di un nuovoarsenale e di 2 forti. Porto franco grazie a Colbert e lacitt prospera e cresce.1720: Grande peste di Marsiglia. La met dellapopolazione viene decimata.1792: marcia su Parigi del battaglione dei marsigliesiche canta la marsigliese Dal 1830: Marsiglia torna ad essere un fiorente portosul Mediterraneo.Dal 1848 al 1870: Marsiglia la Porta dell'oriente , lacitt si amplia, viene costruito un nuovo portocommerciale, vengono erette chiese e monumenti,arriva la compagnia ferroviaria PLM, viene aperto ilCanale di Suez.1906 e 1922: Esposizione coloniale al Parco Chanot (icancelli di ingresso risalgono al 1922)1943: Distruzione dei quartieri del Vecchio Porto.1945: Distruzione del Ponte Transbordeur1962: Arrivo in massa dei rimpatriati dell'Africa delnord. La citt si costruisce nella parte nord.1995: Creazione di Euromediterraneo, operazione diinteresse nazionale.2001: Marsiglia-Parigi in 3 ore con il TGV.2013: Capitale Europea della Cultura.

    p.24 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • MARSIGLIA IN CIFRE:Forte di un rinnovamento economico senzaprecedenti sostenuto dall'arrivo di numeroseaziende, la citt sta vivendo una grande crescitaturistica: pi di 4 milioni di turisti nel 2012.18.000 persone impiegate nell'industria del turismo edei divertimenti, e 700 milioni di euro di ricaduta.Questo costituisce infatti oltre il 6% dell'economialocale.Oggi, Marsiglia conta 117 hotel ovvero 6926 camere dicui: 3 a cinque stelle, 15 a quattro stelle, 23 a tre stelle.7400 camere previste da oggi alla fine di 2013.Completa questa offerta una centinaia di bed &breakfast.-Cifre 2012 dell'Ufficio del Turismo:Accoglienza turistica: 350 000 persone hanno chiestoinformazioni, con + 30,43 % di stranieri e + 30,38 %dei francesi.Marseille Convention Bureau ha partecipato a 25operazioni di promozione in Francia e all'estero (fiere,workshops, eductour); nel 2011, si sono tenute aMarsiglia 366 manifestazioni.Un turista in crociera genera in media 138 di ricadutaeconomica al giorno e a persona.Un congressista genera in media tra 150 e 200 diricaduta economica al giorno e a persona.

    p.25 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • IL PATRIMONIOMARSIGLIESE

    C

    on i suoi 26 secoli di vita, sa coniugare tradizione e modernit.Marsiglia un vero e proprio percorso che conduce il visitatore dalleorigini greche e romane fino alla modernit del nostro secolo e allegrandi opere architettoniche del XXI secolo, passando dalle fondazionireligiose medievali. Marsiglia mostra cos moltissimi monumenti,luoghi pittoreschi e musei nei suoi 111 quartieri e 16 arrondissements.

    Il Vecchio Porto: nel 600 a.C. i Greci provenienti dalla Focea in Asia Minoresbarcarono nel calanco del Lacydon. Per tutta l'antichit e il Medioevo la cittsi svilupper esclusivamente sulla riva nord del porto. Bisogner aspettare il1666 perch la citt si espanda verso sud, sotto l'impulso di Luigi XIV. Ilbritannico Norman Foster e il paesaggista francese Michel Desvigne sono statiscelti per la pianificazione urbana del centro citt, che comprende la creazionedi unarea semi-pedonale nel Vieux-Port. Marsiglia orgogliosa di accogliereuna stella internazionale dellarchitettura che ha ricevuto ben 300 premi, tracui il premio Priztker nel 1999. Oggi il quai des Belges tende verso unamassima pedonalizzazione. La riorganizzazione della circolazioneautomobilistica in effetti uno degli aspetti principali del progetto.-Notre-Dame de la Garde: dall'alto dei suoi 154 metri, la collina di la Garde il punto culminante di Marsiglia. La basilica, la cui vergine con il bambinoprotegge la citt e i suoi abitanti, stata costruita tra il 1853 e il 1864, datadella sua consacrazione.-La Canebire: arteria emblematica di Marsiglia, il suo nome deriva dacanebe o canapa, di cui si servivano i cordai che qui si insediarono nelMedioevo. Nel XIX secolo, vi furono costruiti dei begli edifici nello stileHaussmann.-Il castello e il parco Borly: Antica propriet della famiglia Borly, fucostruito nel 1766. Una parte del complesso fu riacquistata dalla Citt allamet del XIX secolo. Il parco di 17 ettari che comprende laghetto, giardino allafrancese, roseto, orto botanico, prati ombreggiati e piste ciclabili, un luogoimperdibile per moltissimi marsigliesi. Il castello ha riaperto le sue porte nelgiugno 2013 dopo 4 anni di intensa ristrutturazione.

    p.26 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Ovvio, se Parigi avesse una Canebire, sarebbe una piccolaMarsiglia. Ma non ce l'ha, che sfortuna! E quand'anche neavesse una, sarebbe obbligata a tenere un atteggiamento moltoumile, come una serva che indossasse i fronzoli avvizziti dellasua padrona. Dizionario delle curiosit (1880)

    Le cattedrali Vieille Major eNouvelle Major: Situate nelquartiere del Vieux Panier, sonoentrambe classificate Monumentistorici. La prima risale al V secolo. Laseconda, costruita sotto Napoleone I in stile romanico bizantino.-Le isole del Frioul e il Castello diIf: Silhouette di calcare al largo diMarsiglia, l'arcipelago del Frioul puntaverso la costa i rilievi delle sue quattroisole : Pomgues, Ratonneau, If eTiboulen. Il Castello di If, reso celebreda Alexandre Dumas che ne fece laprigione del suo eroe, il Conte diMonte Cristo, un'antica fortezzacostruita sotto Francesco I allo scopodi difendere la citt.

    Il Palais Longchamp: Innoall'acqua, questo palazzo castellod'acqua monumentale strettamentelegato alla costruzione del canale dellaDurance. Viene considerato come unadelle opere meglio riuscitedell'architettura del secondo impero aMarsiglia.-Il Palais du Pharo: Palazzo mitico diNapoleone III che desideravapossedere una residenza propriosull'acqua il Pharo un luogoemblematico della citt di Marsiglia.Direttamente sul mare, circondato daampi giardini, questo edificio unluogo molto apprezzato perpasseggiate ed incontri.

    Marsiglia una cittsecondo il mio cuore.Oggi, l'unica delleantiche capitali a nonsoffocarvi con imonumenti del suopassato. Sembrabonacciona e allegra. sporca e malconcia.Ma per una dellecitt pi misteriose almondo e pi difficili dadecifrare.B. Cendars

    p.27 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • DALLA PARTEDEI MUSEI

    M

    arsiglia ospita una ventina di musei cheattraversano tutti i periodi storici,dall'Antichit ai giorni nostri,dall'archeologia alla moto o alle statuette deipresepi (santons), passando dalle Belle Arti el'arte contemporanea.

    -***Con Marseille Provence 2013, la Citt focese prosegue il suo sviluppo peraffrontare le questioni di una citt in trasformazione; da diversi anni sono statiintrapresi investimenti pubblici e privati per circa 660 milioni di euro su 51progetti che contribuiscono alla promozione di questo territorio. Tra i 51progetti, c' l'apertura di 3 nuovi musei che si articolano attorno a tre temigenerali:*** Il tema della Storia e del Patrimonio: ripercorre la storia della citt piantica di Francia, aperta alle tante civilt. Comprende, in particolare, il nuovoMuse dHistoire de Marseille (Museo della Storia di Marsiglia) ma anche ilMmorial de la Marseillaise (Memoriale della Marsigliese), il Mmorial desCamps de la Mort (Memoriale dei Campi di sterminio) e il Muse des DocksRomains (Museo dei Dock romani).*** Il tema dell'Arte: riunisce quei musei in cui il complesso delle articonverge attorno alla riapertura del Muse des Beaux Arts (Museo delle BelleArti) al Palais Longchamp. Presenta anche le collezioni di Antichit con ilMuseo Archeologico del Mediterraneo e le collezioni contemporanee delMuseo d'Arte Contemporanea, passando dal Museo Cantini per l'arte modernae dal Museo di Arti Africane, Oceaniche e Amerindie.*** Il tema delle Arti Decorative: grazie alla riapertura del Museo Borlyche diventa il Museo delle Arti Decorative, della Moda e della Ceramica, ilpatrimonio marsigliese in primo piano. Il Museo Grobet-Labadi, testimonedell'arte di vivere della seconda met del XIX secolo completa quest'ambitotematico.-***L'elenco non si chiude qui, ma prosegue con dei progetti nei quali ilComune fortemente coinvolto insieme allo Stato, come il Museo delle Civiltdell'Europa e del Mediterraneo (MuCEM), il FRAC, o ancora la VillaMditerrane.

    p.28 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Muse dHistoire de Marseille:Marsiglia, citt-mondo. Un museo di storiaper un patrimonio vivente. Interamentemodernizzato il Museo di Storia di Marsigliasi estende su oltre 6.500 m, che ne fa unodei pi grandi musei di Storia di Francia e diEuropa. A due passi dal Vecchio Porto, lanuova architettura permette di ricreare unintimo legame tra la citt, il suo museo e ilsito archeologico. Gli edifici ospitano unamostra di riferimento in 13 sequenze di3.500 m, spazi per mostre temporanee, duelaboratori per il pubblico scolastico, unauditorium con 200 posti, un centro didocumentazione che dispone di un'area diarti grafiche e una libreria-negozio. Unmuseo moderno e animato adatto a tutti i tipidi pubblico. Rievocazioni, multimedia, film,percorsi per bambini e proposte dipasseggiate urbane. Ogni sequenza delpercorso museografico si svolger attorno ad

    un oggetto principale, spettacolare oprezioso, emblematico della citt per ogniperiodo storico. La presenza virtuale di ungrande testimone (il marinaio e geografoPitea, o ancora Edmond Dants, l'eroe deilibri di Alexandre Dumas) aiuter i visitatoria capire meglio le testimonianze esposte.-Museo delle Arti Decorative, dellaModa e della Ceramica: Classificatomonumento storico, completamenterestaurato, il castello Borly, capolavorodell'architettura del XVIII secolo, accoglieril Museo delle Arti Decorative, dellaCeramica e della Moda in oltre 1.400 m2 diesposizioni. Riunir le collezioni del Museodella Ceramica e di quello della Moda, i fondidi arti decorative del Museo Cantini e delMuse du Vieux-Marseille, oltreall'arredamento del Borly. In tutto vi**********

    Marsiglia citt-museo?O vetrina di civilt?

    saranno 200 mobili, 563 oggetti di artedecorativa, 750 pezzi di ceramica, 5600oggetti di moda e 1600 accessori, 100 flaconidi profumo, e varie altre cose... Il visitatorepotr cos scoprire l'intimit e l'arte di viveredi una famiglia del XVIII secolo mentre visitaun museo moderno, che offre ricchecollezioni dal XVIII secolo ai giorni nostri.-Muse des Beaux-Arts al PalaisLongchamp: Il Museo di Belle Arti, che ilmuseo pi antico di Marsiglia, uno deiquindici musei che il Consolato cre nel 1801nelle grandi citt di Francia. Nel SecondoImpero, per accogliere le proprie collezioni equelle del museo, la Citt di Marsiglia feceedificare, sui progetti dell'architetto HenryEsprandieu, il Palais Longchamp che sarinaugurato nel 1869 e che segna l'arrivo delleacque del Canale di Marsiglia. Il museopresenta un insieme dei pi importantimaestri italiani, francesi e delle Scuole delnord dei secoli XVI e XVII, ma una delleparticolarit del museo la presentazionedell'arte in Provenza dal XVII al XIX secolo.

    Infine, accanto ai pi grandi maestri dellascuola francese del XIX secolo, figurano irappresentanti della scuola di Marsiglia comeLoubon, Guigou, Ziem, o Monticelli cheimporranno la loro visione originale deipaesaggi chiari e luminosi. Il museo sottomesso ad un restauro completo deisuoi diversi spazi e di una nuovamuseografia, per un totale di 2.200 m,1.400 m dei quali sono dedicati alle mostre.Anche l'edificio stato completamenterestaurato, e cos le decorazioni e il fasto delSecondo Impero hanno ripreso vita. Neigiardini che si trovano dietro al palazzo,saranno anche restaurate 9 fabriquesorientalistes, unici resti del giardinozoologico.---Marsiglia citt-museo o eccellente vetrinadelle civilt e storie che la compongono?

    p.29 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • IL NUOVO VOLTO DI MARSIGLIA:LA CITT

    EUROMEDITERRANEA!

    Euromediterraneo un'operazione digestione e di sviluppo economico che hatrasformato il volto di Marsiglia.Euromediterraneo 1, creato nel 1995 dalloStato, dalla Citt di Marsiglia, dallaComunit Urbana Marseille ProvenceMtropole, dalla Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e dal Consiglio Generaledelle Bocche-del-Rodano, ha permesso ditrasformare completamente una porzionedi oltre 300 ettari di citt. A livelloconcreto, questo ha significato per imarsigliesi nuove gallerie (Major, SaintCharles e Joliette), edifici per gli ufficicome la torre CMA-CGM e la nuova areafinanziaria della Joliette, impianticulturali come il Silo o il Mucem, maanche la nuova stazione Saint Charles, laristrutturazione di Rue de la Rpublique oancora il centro commerciale delleTerrasses du Port...

    Firmati da architetti famosissimi comeZaha Hadid, Rudy Ricciotti, StefanoBoeri, Jean Nouvel e molti altri, quegliedifici sono oggi l'emblema dellaMarsiglia rinnovata. Definito con lostatuto di Operazione di InteresseNazionale, questo progetto ha lobiettivodi innalzare Marsiglia al livello delle pigrandi metropoli europee e mediterranee.Costruire una nuova "citt sulla citt", nelrispetto dei grandi principi dello svilupposostenibile: un equilibrio tra giustiziasociale, crescita economica e rispetto perl'ambiente. Per far questo, si basa su unprincipio di trasformazione delle areepoco sfruttate di alcune parti dellacitt, pur di sviluppare nuovi quartieri.Fanno parte di questo programma nuoveinfrastrutture, aree pubbliche, ma ancheuffici, alloggi, negozi, hotel, impianticulturali e di svago.

    Euromediterraneo in cifre:Superficie: 480 ettari tra il portocommerciale, il Vecchio Porto ela stazione ferroviaria TGV.Abitazioni: + 18 000Uffici e attivit: + 1.000.000 mNegozi: + 200.000 mImpianti pubblici: + 200.000 mSpazi verdi e spazi pubblici: 60ettariOccupazione: + 35.000Abitanti : + 38.000Investimenti: 7 Miliardi di euro dicui 1,4 miliardi pubblici e 5,1miliardi privati

    p.30 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Marsiglia ai Marsigliesi:Marsigliesi famosi di una volta:Fernandel, Maurice Bjart, MarcelPagnol, Edmond Rostand, Jean-ClaudeIzzo, Elie Kakou, Arthur Rimbaud,Albert Dubout, Jean Bouin, HonorDaumier, Darius Milhaud, PaulPreboist---e di adesso:Akhenaton (grouppo IAM), PatrickBosso, Titoff, Jean-Pierre Foucault,Patrice Laffont, Sbastien Grosjean,Nathalie Simon, Ariane Ascaride,Robert Gudiguian, Florence Arthaud,Kad Merad, Hafsia Herzi, KenzaFarah, Zinedine Zidane, Eric Cantona,Maud Fontenoy, Patrick Cauvin, Jean-Marc Morandini...

    p.31 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • MARSIGLIA E L'ARTE:DAL CINEMA ALLA MODA

    M

    ARSIGLIA FA IL PROPRIO CINEMA:Prima della 7 arte, molti artisti avevano posto ilcavalletto davanti ai paesaggi marsigliesi, ma fu ilprimo ciac dato dai Fratelli Lumires nel 1896, adaprire le porte del cinema.

    Da allora, oltre 300 scenari, alcuni dei quali sono diventati dei cult, hannoimposto Marsiglia sul grande schermo. Dopo il periodo dei film che hannosegnato un'intera generazione (la trilogia di Pagnol : Marius, Csar, Fanny oancora Borsalino), Marsiglia torna ad essere la "protagonista" dei luoghi in cuisi girano i film con opere come quelle di Taxi, Fabio Montale, MR73, Mayrig,Marius et JeannetteNel 1996, nel tentativo di sviluppare il settore cinematografico, la citt crea ilBureau du Cinma che cura la crescita delle attivit e segue i progetti. Il PoloMultimediale della Belle de Mai destinato allo sviluppo culturale accoglieanche la sezione cinema con le sue attrezzature di alto livello tecnico. Il sitocomprende gli uffici dei produttori e distributori, nonch gli studi audiovisivi.La soap opera Plus Belle la Vie, le cui riprese hanno coinvolto Marsiglia,conferma la portata del progetto realizzato da questa citt. La citt diviene cosla 2 citt francese in questa industria! Lindustria del cinema genera circa8000 prenottamenti all'anno nelle strutture alberghiere della citt.-MARSIGLIA ALLA MODA:Marsiglia diventata una citt alla moda, e oltre alla sua dolcezza del vivere,all'eccezionale patrimonio naturale e culturale, anche una citt dedicata allaModa, un vero vivaio di stilisti. Descrivere in poche parole il mondo dellamoda a Marsiglia sarebbe pretenzioso e inevitabilmente incompleto.Alcune griffe marsigliesi ormai famose:Sessun, Kulte, Fuego, Didier Parakian, Le Temps des Cerises, Sugar, Hlna,Sorel, American vintage, Gas, les petites bombes, Frojo, Pellegrin...I nomi famosi che hanno scelto Marsiglia:Sonia Rykiel, Hermes, Kenzo, Vuitton, Ventilo, Hugo Boss, Paul Ka...-Marsiglia dispone di un Instituto di Moda creato da Maryline Bellieud-Vigouroux nel 1988, e di un Sindacato dellabbigliamento. Uno spaziodocumentazione specializzato nella moda risponde ai bisogni di ricerca deicreatori, studenti e professionisti. Linstituto moda Meditterraneo sostiene icreatori regionali accompagnandoli nei loro progetti e promozioni.

    p.32 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • MADE IN MASSALIA

    N

    el corso dei secoli, Marsiglia ha saputo conservaredelle tradizioni ed un'arte del vivere leggendarie.Capitale del sapone, culla delle statuette tipiche delpresepio (santons), Marsiglia non dimentica lagastronomia con il suo pastis e la Bouillabaisse famosiin tutto il mondo.

    ***I santons: Emblema della Provenza in tutto il mondo, il "santon" diterracotta, nato a Marsiglia alla fine del XVIII secolo, uno dei rari oggetti diartigianato ancor oggi creati nel rispetto delle tradizioni. Discendente nobiledei suoi antenati fatti con la mollica di pane, di gesso, di cera o di vetro, lafabbricazione di queste figurine si tramandata fino ad oggi, rispettando unsaper fare in cui creativit e segreti del mestiere si uniscono.***Le Navettes: La navette ai fiori d'arancio un dolcetto tradizionale,prodotto a forma di barchetta (navette) lunga circa 7-8 cm, e creato percommemorare l'arrivo di San Lazzaro e delle Sante che giunsero sulle rivedella Provenza il 2 febbraio di circa 2000 anni fa.***Il Pastis: Artigiano, artista, ecologista appassionato, Paul Ricard crea ilpastis di Marsiglia nel 1923. Per un anno intero crea la sua opera, assaggiaogni aroma, fonde, unisce, mette in armonia e a punto dei metodi di estrazionee di macerazione dell'anice e di molte altre piante (liquirizia, artemisia,cardamomo). Altre marche sono venute ad arricchire questo mercatodell'aperitivo provenzale (Bardoin, Janot e il suo 51, Casanis), ma anche deipiccoli artigiani.***Il sapone: Nel XVI secolo, l'arte del sapone di Marsiglia, nata dopo leCrociate, supera il livello artigianale. Nel 1786, 48 saponerie producono aMarsiglia 76.000 tonnellate e danno lavoro a 600 operai. L'evoluzione dellafabbricazione del sapone nel XIX secolo permette alla saponeria marsigliese dicreare dei prodotti molto apprezzati (sapone all'olio d'oliva, all'olio dipalma). Oggi rimangono pochissime saponerie in attivit ma il sapone restasempre associato all'immagine di Marsiglia.***La Bouillabaisse: All'inizio si trattava di un piatto popolare tra ipescatori e che oggi fa parte integrante dell'alta gastronomia francese. Questopiatto viene proposto in due ricette: la zuppa e poi il pesce. Ma dei giovani chefnon esitano a reinterpretare la ricetta tradizionale: (frullato di bouillabaisse,hamburger di bouillabaisse) La bouillabaisse marsigliese deve comprenderealmeno 5 tipi di pesce tra i seguenti: rana pescatrice, scorfano bianco -anguilla, granchio (vivo) - scorfano, gallinella, San Pietro, cicala di mare,aragosta.

    p.33 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • NOAILLES, UN MERCATO AL

    CENTRO DEL MONDO

    Marsiglia il centro del mondo.Noailles al centro di Marsiglia.Dunque Noailles il centro delmondo.Andare al mercato di Noailles partirein viaggio. un momento sospeso. L,si sovrappongono le mostre, la follapasseggia, cerca, condivide, scambia etrova. Trova ricchezze umane.Marsiglia porta del Sud, ha elettodomicilio dietro la Canebire, a pochipassi dal Vecchio Porto e irriga lepiazze con odori degli orizzontilontani. Chi abita a Noailles, abita inun quartiere pieno di vita dovepossiamo incontrare il mondo sottocasa. Il giro del mondo si fa soprattuttodal droghiere Ali: fagioli neri diAmerica del Sud, mandorle diProvenza, peperoncini tunisini, wasabi,

    funghi di Cina, pistacchi d'Iran,lenticchie marocchine... Insomma, deiprodotti all'immagine del quartiere:colorato, atipico, cosmopolita, speziatoe soprattutto generoso! A creare ilmercato sono i vicini: quello che unomangia, l'altro lo assaggia. Es'incrociano, si mescolano le culture.-S, Marsiglia un viaggio, in quel casoun viaggio di sapori, dall'Asia alMediterraneo. Qui non troverete lacucina tipica ma la tipicit degliabitanti. Commercianti sorridenti,mercatini profumati, prodotti freschi, afare la ricchezza del quartiere sono gliabitanti e solo gli abitanti con la loroautentica cultura.

    Noailles, faro di migratori,mercato dei 5 continenti,vive, evolve e si arricchisce. un'armoniosamescolanza di persone chehanno fatto il loro percorsoaltrove e che hanno posatola loro valigia e la lorocultura a Marsiglia.Quando ricchezza rima conimmigrati dell'interomondo: benvenuti sottoil cielo di Noailles.

    p.34 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Un po' di Storia...

    M

    a quello che oggi un quartiere tipicamente popolareera all'inizio un quartiere nobile. Infatti, le grandifamiglie che lo popolavano dopo la sua costruzionenel 1666, gli diedero il nome Via Nobile. Il quartiereprese pi tardi il nome di Jacques de Noaillesabitante dell'Hotel privato, situato in via Nobile.

    -***L'Hotel fu edificato dallarchitetto Brengier nel 1865. uno splendidoedificio, molto pi sobrio nellarchitettura rispetto al Louvre et Paix, con unavancorpo centrale sormontato da un frontone triangolare. La facciata scandita dallalternanza di frontoni triangolari e curvilinei. Era un tempo unalbergo molto lussuoso e fino al 1979 i grandi di tutto il mondo, artisti o uominipolitici, scendevano al Noailles.***Tutti gli alberghi della Rue Noailles erano all'epoca cos famosi che ilgiornale dedicava loro una rubrica quotidiana. Oggi diventato sede di uffici, ilNoailles rimane comunque un indirizzo prestigioso.***Di fronte, sul luogo delledificio in cemento costruito dallarchitetto Pouillonnegli anni 50 si ergeva un tempo il bel palazzo che ospitava le NouvellesGaleries, i grandi magazzini che vendevano le novit. La famosa torrettadangolo, comune a quello stile di magazzini, appariva nella citt come unpunto di riferimento urbano importante per gli abitanti ma anche per i numerosiviaggiatori che attraversavano la Rue Noailles per scendere verso il VecchioPorto. Purtroppo, nellottobre 1938, un tragico incendio distrusse il GrandeMagazzino, e 73 persone vi trovarono la morte. ***Le carenze d'intervento deipubblici poteri durante quell'evento provoc un cambiamentodell'amministrazione municipale e dal 1939 al 1945, la citt venneamministrata dal prefetto, mentre il sindaco dellepoca non aveva che il ruolodi presidente del Consiglio Municipale. in quelloccasione che venne creatoil Corpo dei Pompieri di Marsiglia che ancora oggi vigila sulla sicurezza dellacitt.***La storia de questo curioso quartiere tuttavia legata ad una storiareligiosa. Nel 1665, i religiosi dei Cappuccini (Capucins) stabilirono il loroconvento su delle terre comprate nel 1579 da Caterina de Medici.Esattamente dove si svolge attualmente il mercato. Nel 1791, i religiosivennero espulsi perch il convento divenne propriet dello Stato. L'unicoricordo della loro presenza passata sono i nomi del mercato dei Cappuccini edella via Longue des Capucins.__----------------------------------------------------------------------_------Segue a pagina 36.

    p.35 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • "Noailles un labirintodi sapori e di civilt..."

    Tutto sommato, la via Noailles era unavia aristocratica, dove gli edificiborghesi fiancheggiavano dimore delXVI secolo come l'Hotel Mirabeau. Poicon lo sviluppo della citt e dellacircolazione, i commercianti della viasi spostarono in via Saint-Ferrol eessa divent popolosa. Nel 1860, ilMunicipio decise allora di allargare lavia distruggendo cos gli alberghiborghesi fino alla scomparsa totaledella via Noailles.Le curiosit attuali sono tantissime erisiedono quasi tutte nella stazionedella metropolitana. Prima di essereuna stazione, essa era nel 1887 laBorsa del Lavoro e nel dicembre 1893ci viene istallata la prima linea ditramway.

    Oggi, dentro la stazione Noailles,possiamo visitare gratuitamente laGalleria dei trasporti, un museo cherintraccia la storia dei trasportimarsigliesi.Il territorio di Noailles si estende su14,7 ettari per pi di 6000 persone.Per via delle difficolt sociali legate allapolitica della citt, circa il 38% dellapopolazione del quartiere senzadiploma mentre circa il 23% ha l'esamedi Stato pi 3 anni di studio nelSuperiore. Il tasso di disoccupazione del 32%. Stessa percentuale perrappresentare il tasso di famigliamonoparentale mentre le famiglie con4 bambini e pi rappresentano circa il12% della popolazione. Il 43% invece,beneficia di un aiuto economico delleStato.

    A Noailles, non si deveaver paura di uscire daisentieri battuti. Non veroche un quartiere daevitare. uno degli quartieri piricchi culturalmente estoricamente della citt. Percapire Noailles e apprezzarequesta zona, doveteperdervi: sotto terra, neipalazzi, nei negozi. Doveteincontrare e parlare con lagente. L nessuno si somigliaeppure sono tutti ugualinella loro generosit.

    p.36 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • NOAILLESINTRA MUROS

    A

    bbiamo trascorso una giornata intera nel quartieredurante la manifestazione urbana: "Faites Noailles". IlPresidente del Collettivo Noailles, MohamedBoukrouche ci ha portata con un gran entusiasmo inviaggio presso la gente locale. Il quartiere popolare hauna brutta fama che non corrisponde alla realt.

    ***C' poca insicurezza, Noailles un villaggio dentro la citt. Qui tutti siconoscono, tutti si parlano, sono tutti vicini nel senso proprio e figurato del termine.L'incrocio di civilt contemporaneamente pieno di vita grazie agli abitanti etrascurato dalla politica. paradossale, come Marsiglia! Siamo per al centro delcentro di Marsiglia. Ma essendo disprezzato, il quartiere deve cavarsela da solo.Infatti, l'obbiettivo del comune di decentralizzare il centro storico e di spostarloverso nord, cio Vecchio Porto, Major, Joliette. Lo scopo ovviamente creare unavetrina del capoluogo provenzale per i turisti che arrivano dal Mediterraneo. Il chesarebbe disastroso per la sopravvivenza di Noailles. Soprattutto che l'eventoMarseille Capitale 2013, non port nessun soldi e nessuna maniestazione allagente di Noailles mentre fondi economici sono stati sprecati nel acquisto di statueper il Vecchio Porto. *** una zona abbastanza indipendente rispetto alla crescita di Marsiglia, non neapprofitta veramente, qui prevalgono le realt locali come i collettivi del quartiere,dei commercianti, le associazioni culturali e sociali. Lo dimostra la festa FaitesNoailles che conobbe un bel successo per la sua prima auto-edizione. L'evento siarticola attorno agli abitanti, ai commercianti, agli attori sociali e culturali chevogliono migliorare la visibilit del quartiere. Dopo mesi di organizzazione, la genteha finalmente potuto scoprire il vero viso di Noailles, percorrere altri luoghi, trovarericchezze nascoste, condividere con gli abitanti. Lo scopo era di mostrare ladinamica attuale e rompere certe idee preconcette del quartiere e del suo modo divita.***Poi per quanto riguarda le esigenze del quartiere, la politica sociale della citt inesistente. Non c' di scuola, non c' d'asilo nido e quindi non ci sono sovvenzioniper la giovent ad esempio. Dobbiamo l'equilibrio di Noailles agli attori benevoli cheagiscono nelle associazioni per inquadrare la gente e sovvenire ai loro primibisogni. Durante l'anno, le associazioni sociali, tutte auto-finanziate, propongonoattivit gratuite come Mille Pattes che vuole rendere accessibile a tutti la praticaartistica; Recyclodrome che mira alla riduzione dei rifiuti e che vuole agire contro lospreco tramite la riutilizzazione; Destinations Familles che sostiene le famiglie,genitori e figli nel loro ruolo; L'Eolienne, una scena di incontri culturali che diffondeconti e musiche venuti dal Mediterraneo; C'est la Faute Voltaire che promuovegratuitamente la lettura e la scrittura; e infine il complesso lavoro sul campo deglieducatori che con pochissimi mezzi portano un grandissimo aiuto ai giovani indifficolt.

    p.37 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Certo, in periodo elettorale, tutte leetichette politiche amano Noailles. Ilsindaco socialista della zona, P.Menucci rimane comunque apprezzatoma a far andare avanti la vita delquartiere l'impegno individuale diogni abitante.Qui, troviamo di tutto: ricchi e poveri,bianchi e arabi, alta gastronomia epanini a basso costo, ristoranti italiani,russi..., c' di tutto! Fra le antiche case,ritroviamo Chez Sauveur, una delle 5migliori pizzeria della citt. Noailles inuna parola? Umano!-- Flyer della festa urbana "Fate Noailles"

    p.38 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Quelli che fanno Noailles

    Sotto il cielo di Noailles

    Ci si sente non so che cosa di orientale, ci si cammina tranquillamente, si respirafelice, la pelle si dilata e aspira il sole come un gran bagno di luce. G. Flaubert

    p.39 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Il Panier, tra tradizionie modernit italiane

    IL

    2013 segna una svolta per Marsiglia che viene eletta CapitaleEuropea della Cultura ma ben prima, il capoluogo provenzaleera la Capitale Culturale del Mediterraneo. Le diverse civiltche l'animano, continuano di accentuare la sua forte identit.A volte scenario cinematografico, a volte scena musicalemulticolore, Marsiglia naviga su diverse correnti artistiche frale quali l'Italia fa spicco.

    ****Sin dalla fine del XIX secolo, i migranti italiani si raggruppavano massivamente nelprimo quartiere della citt pi antica di Francia: il Panier.***L'immigrazione si articolava e si modellava attorno al Vecchio Port, vera anima storica.Per ragioni economiche, culturali e sociali, le popolazioni straniere appena arrivate, siraggruppavano tra di loro e cos, troviamo oggi giustapposti, i quartieri italiano, spagnolo,magrebino, greco, libano... immersi nelle tradizioni ed i paesaggi provenzali. In questafusione risiede tutta la particolarit di Marsiglia: l'unit.***Certo, ci sono Marsigliesi e marsigliesi ma tutti sono all'origine Mediterranei. Nonlimitiamoci al senso geografico del termine ma allarghiamolo al senso camusiano. E qualepu essere l'esempio pi rappresentativo di quello dello scrittore Albert Camus, il piprovenzale degli Algerini, amante dell'Italia di cui Mondov (TO) gli rese un bel omaggioquest'anno!***Il Mediterraneo ha saputo andare oltre i limiti geografici e politici per finalmente crearela Civilt del sole. Quel popolo attraversa i secoli, la Storia, si adatta alle evoluzioni sociali,culturali, politiche ma rimane l'identit.***Spesso citt-tappa verso gli Stati-Uniti, Massala diventata terra di sedentarizzazione.Cos, non sorprendente ritrovare oggi una grande comunit italiana, promotricedell'evoluzione di Marsiglia: tra vecchio stile e modernit.***Nel 1896, i quartieri della citt vecchia organizzati attorno alla collina del Panierospitavano il 23% degli Italiani. La sua prossimit con il mare, ne faceva il luogo dipredilezione dei pescatori napoletani e vi ritroviamo quindi le caratteristiche urbane eculturali di Napoli: un labirinto di viuzze dipinte con colori caldi, la biancheria che asciugaalle finestre, la forte identit dei suoi abitanti, la piazza di Lenche, ex-foro romano chemantiene il suo ruolo di agor. Insomma: la vita mediterranea. E senza sorpresa, l'attoreToni Servillo ha portato il suo dialetto napoletano sul palcoscenico del Teatro delGymnase, in occasione della messa-in-scena de Le voci di dentro d'Eduardo de Filippo.Marseille una commedia napoletana la cui fonte sorge dal Panier. ***Numerosi sono gli Italiani che oggi modellano il nuovo volto di Marsiglia e le vicinanzedello storico quartiere come il Museo delle Civilt dell'Europa e del Mediterraneo(MuCEM) la cui architettura stata pensata ed elaborata dall'italo-algerino Rudy Ricciotti(in partnership con Roland Carta) e condotta da Bruno Suzzarelli (in partnership con ZevGourarier). Fatto di pietra, d'acqua e di vento come ideato inizialmente, quest'edificioultra-moderno di 15,000m si affaccia simbolicamente sul mare, nello scopo di essere unapasserella tra le civilt.

    p.40 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • ***Vicinissimo al MuCEM si trova laVilla Mditerrane: centrointernazionale per il dialogo e gliscambi nel Mediterraneo. Ancora unavolta, questa prodezza architettonicavuole essere un edificio che accoglie ilmare, che si apre ad esso, che unaporta d'ingresso e non una barrierasecondo il suo architetto, il milanese eprofessore d'urbanistica, StefanoBoeri. La sua struttura unica (una parteaggettante di 40 metri di lunghezzainnalzandosi a 19 metri al di sopra diun bacino di 2,000m) la rende la parteaggettante abitata pi lunga al mondo.***Da Massala a Marseille, rimarrl'impronta italiana, quella diffusa nelPanier.

    p.41 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Un po' di Storia

    sulla riva nord del Vecchio Porto che si trovail sito di fondazione di Marsiglia, dove i Foceisi insediarono nel 600 a.C. su tre collinette:Saint-Laurent, Les Moulins e Les Carmes. Ilcuore del centro storico si chiama "Panier".

    ***Tale nome proviene dall'insegna di un albergo, "Le Logis du Panier ", situato nelXVII secolo nell'attuale Rue du Panier. Partite alla scoperta del quartiere pi anticodella Francia seguendo il tracciato rosso segnato a terra: tale percorso, costellato dilastre in lava smaltata, consente di scoprire il fascino e l'atmosfera di questo angolocos pittoresco di Marsiglia.***Passeggiando in questo labirinto di edifici storici, potrete ammirare la MaisonDiamante (la Casa dei Diamanti). Dopo essere stata costruita da ricchicommittenti di origine italiana e spagnola, la Maison Diamante sar abitata dagrandi famiglie marsigliesi, poi sar frazionata durante la Rivoluzione. Perfettoesempio del manierismo in Provenza, la Maison Diamante eccezionale per ildecoro di bugnato a punte di diamanti della sua facciata e le decorazioni della scalaa cassettoni, unica a Marsiglia. Alla fine del XIX secolo, ospitava i lavoratori delporto e gli immigrati italiani. Allinizio del XX secolo, in grave degrado e vicina allademolizione. Lassociazione "Arte e Carit" l'acquista nel 1922 e lascia in donazioneal Comitato della Vecchia Marsiglia. Classificata Monumento Storico nel 1925, salvata dalle distruzioni del 1943, e ospita dal 1967 il Museo della Vecchia Marsiglia.Attorno a grandi temi, le galere del Roy, la peste del 1720, il piano urbanisticoLavastre, i costumi marsigliesi, il mobilio, i presepi e le carte da gioco, il museo hal'obbiettivo di rievocare lidentit e le tradizioni della citt in diverse epoche. LaMaison Diamante di fatto, oggi, uno dei rari simboli dellantica citt scomparsa edelle dimore patrizie del ricco quartiere del cuore della citt, dedicato al mare e alcommercio.***Risalendo verso la Grand'Rue, vedrete il Padiglione Daviel, parzialmenteclassificato Monumento Storico nel 1945. Il Palazzo di Giustizia di Marsiglia statoedificato nella met del XVIII secolo dai fratelli Grard, architetti marsigliesi, sulluogo di unantica Casa di Giustizia del XVI secolo. Ledificio costruito in pietrarosa delle cave della Couronne e presenta una facciata relativamente stretta mameravigliosamente armonica che rammenta "lordine semplice e felice delle caseprovenzali del XVIII secolo". Lavancorpo, leggermente sporgente, sormontato daun frontone allegorico, il piano nobile ornato da uno splendido balcone in ferrobattuto costituito da pannelli detti "a margherita" tipici dellarte degli artigianimarsigliesi del XVIII secolo. Le sculture che rappresentano la mano della giustizia ela Torcia di Thmis, i putti che porgono le insegne del re (danneggiate durante laRivoluzione) e i bambini che presentano la tavola della legge e lo stemma diMarsiglia sono lopera dello scultore Verdiguier. da questo balcone che venivanorese note le sentenze rivoluzionarie, mentre la ghigliottina sorgeva sulla piazza.

    p.42 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Sotto il Secondo Impero un nuovo Palazzo diGiustizia fu costruito a partire dal 1875 e finoal 1893 la Scuola di Medicina occupledificio che pi tardi fu annesso alMunicipio.***Girate a destra e seguite la GrandRue.Essa segue il tracciato della principalestrada antica che ancora visibile nelGiardino delle Vestigia e che si pu seguirefino alla Place de Lenche, l'antica agor,ovvero la piazza della citt greca. Il livellodella via greca si trova 3 m. al di sotto dellivello della strada attuale. Nel VI secolo a.C. era gi molto animata poich collegava iprincipali edifici pubblici ed era luogo dimercati e attivit commerciali e artigianali.Ed davvero divertente notare che la suafunzione non molto cambiata nel corso di26 secoli! Diverse vie portano il nome dellecorporazioni, partendo dalla Grand'Rue indirezione del Porto, centro di tutte le attivit

    economiche della citt.***Pi in l, allangolo della Rue Bonneterie edella GrandRue si trova lHtel de Cabre.Questo palazzo costruito nel 1535 in uncurioso mix di stile gotico e rinascimentaleda Louis Cabre, mercante e console, unadelle abitazioni pi antiche di Marsiglia.Durante la distruzione dei vecchi quartieri nel1943, stata risparmiata, ma, per ragioni diurbanistica, essa fu spostata in un soloblocco su martinetti e ruotata di 90 peressere allineata con le vie attuali. Le facciatesono classificate Monumento Storico dal1941.***Quando vedete che l'antico diventa invecelussuoso, significa che vi trovate di fronte aL'Htel Dieu. LOspedale del santo spirito,creato nel XII secolo, stato ingrandito nelcorso dei secoli e unito allospedale di SanGiacomo di Galizia nel XVI secolo; divieneHtel-Dieu, ovvero ospedale maggiore,

    Quando l'antico diventa invece lussuoso,significa che vi trovate di fronte a L'Htel Dieu

    un secolo pi tardi. La sua ricostruzione intrapresa all'epoca dal nipote del celebrearchitetto Hardouin-Mansart, il suo vastoprogetto fu realizzato solo parzialmente ed sotto il Secondo Impero che lospedalemaggiore adotta la sua fisionomia attuale.Infatti, come tutti gli edifici ospedalieri delXVIII secolo, la costruzione era chiusa suquattro lati e divisa in due settori principali,uno per le donne e uno per gli uomini.Larchitetto Blanchet decise di aprirelospedale a sud e complet le due ali condei padiglioni. I tre piani sono aperti sugallerie di collegamento e passaggio,anch'esse tipiche dellarchitetturaospedaliera dell'epoca. Le scale sono operad i Joseph-Esprit Brun e qui come per ilmunicipio la spazialit delle volte notevolee le scale in ferro battuto sono un belesempio dell'arte marsigliese del ferro delXVIII secolo. L'Htel-Dieu iscrittonellinventario Supplementare deiMonumenti Storici dal 1963. FindallAntichit, Marsiglia ha sempre occupatoun posto importante nella pratica dellamedicina e la ricerca scientifica e ancoraoggi la medicina uno dei settori di punta

    oggi la medicina uno dei settori di puntadella citt. Sulla terrazza dell'Htel-Dieu sitrova un busto in bronzo che rappresentaJacques Daviel. Era oculista e si distinse aMarsiglia durante la Grande Peste del 1720.Nel 1745 realizz per la prima volta,allOspedale Maggiore, loperazione dicataratta con estrazione del cristallino. Treanni pi tardi, fu nominato oculista del ReLuigi XV. Oggi l'Htel fa parte dei 3 alberghia 5 stelle della citt.***Girate la testa a sinistra e accorgerete laChiesa degli Accoules. Dal XI secolo sieleva qui una piccola chiesa parrocchialededicata a Nostra Signora degli Accoules;lorigine di questo nome ancora incerta everrebbe o dalle piccole ancore depostecome ex-voto, o dagli archetti chesostengono ledificio. La chiesa fu ricostruitanel XIII secolo cos come il campanile dellaTorre Sauveterre che suonava la campana econvocava il Consiglio della Citt. Ilcomplesso fu raso al suolo nel 1794 e lachiesa fu ricostruita a una pianta centralepoco dopo la Monarchia di Luglio.

    p.43 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Sul luogo della chiesa iniziale statocostruito un Golgota in pietra in espiazionedi tutti i crimini commessi durante laRivoluzione. Nel corso del XIX secolo che furisistemata anche la guglia del campanile,iscritta nellInventario Supplementare deiMonumenti Storici nel 1964.Il complesso anche composto dalOsservatorio ossia il Prau desAccoules. Allinizio del XVII secolo, i Gesuiticreano la Chiesa di Santa Croce e ungrande collegio dove i giovani marsigliesiche volevano entrare nel commerciovenivano istruiti sulle lingue orientali: ilCollegio delle Quattro Lingue. Nel 1701, sudecisione di Luigi XIV e in conformit allasua volont di incrementare lo sviluppo delcommercio a Marsiglia, la scuola divieneOsservatorio Reale. Losservatorio caratterizzato dalla presenza di grandidirettori, Saint-Jacques de Silvabelle,

    Pezenas, Pons che con la scoperta di 37comete, dona allosservatorio granderilevanza a livello europeo. Nel 1863,losservatorio, divenuto troppo piccolo futrasferito sulle alture di Longchamp. Da quelmomento una scuola si insedia negli antichilocali dellosservatorio mentre il Prau desAccoules viene sistemato nella sala dellAccademia delle Belle Lettere, Scienze eArti, realizzata da Joseph-Esprit Brun.Questo museo interamente dedicato aibambini e presenta attivit culturali inrelazione alle grandi esposizioni presentatenei musei di Marsiglia. Accanto, si putrovare lAntica Fonderia, dove avevanosede in un primo tempo le fonderie reali, poinumerose confraternite e congregazioni.Scendendo per la monte des Accoules cisi rende conto della parcellizzazione ridottadellAntico Regime che obbligava iproprietari a costruire i loro immobili

    Il nome di Lenche viene da una famiglia corsa, i Lincio,che nel XVI secolo segn fortemente la piazza

    con la propria presenza

    in altezza per compensare la mancanza dispazio. Da notare gli splendidi ferri artisticidelle cancellate dette di conversazione.***Infine, potrete nel cuore del quartieregodervi la calma della nostra piazzapreferita: la Place de Lenche. Essa situata sullantica agor greca dalla quale icittadini potevano sorvegliare le attivit delporto. Allorigine la piazza era chiusa daiquattro lati ed a sud che nel V secolo SanCassiano fond il convento delle religiose diSaint-Sauveur proprio di fronte al monasterodi Saint-Victor sullaltra riva del porto. NelVIII secolo, queste religiose si tagliarono ilnaso per fare orrore ai saraceni e sfuggirealla loro lascivia, e furono cossoprannominate "desnarado"! Sotto lapiazza si trovano le cave di Saint-Sauveurche sarebbero di fatto le cisterne della cittgreca del III secolo a.C. classificateMonumento Storico nel 1840, consideratecome un monumento antico intatto. Il nomedi Lenche viene da una famiglia corsa, iLincio, che nel XVI secolo segn fortementela piazza con la propria presenza, aprendoqui un laboratorio di

    lavorazione del corallo, dei magazzini efacendosi costruire una sontuosa residenzaprivata. Nel 1553, Thomas Lenche fond laCompagnia del Corallo per poter andare allaricerca del corallo lungo le coste dellAlgeria,e nel 1561 la compagnia fonda il Bastioneper utilizzarlo come base delle operazionimarittime e commerciali (e ci fu alloriginedella presenza francese in Algeria).Diventata una delle pi ricche famiglie dimercanti marsigliesi, la famiglia strinse inseguito di brillanti alleanze che le valsero nel1660 l'onore di ospitare Luigi XIV durante ilsuo soggiorno a Marsiglia. Senza essere alcentro delle distruzioni dei vecchi quartieridurante la Seconda Guerra Mondiale, laparte sud della piazza stata demolitasecondo i piani dellautorit tedesca durantelinverno 1943 e gli edifici sono statiricostruiti dagli architetti del cemento. Sonostati realizzati qui scorci panoramici verso ilVecchio Porto e in ogni punto delle sculturetestimoniano la vocazione portuale delquartiere.

    p.44 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Il Panier non il nome ufficiale delquartiere. semplicemente unafamosa storica parte del quartiere LesGrands Carmes che raggruppa circa8500 persone. Circa il 48% dellapopolazione del quartiere senzadiploma mentre circa il 9% ha l'esamedi Stato pi 3 anni di studio nelSuperiore. Il tasso di disoccupazione del 41%. Il 29% delle famiglie monoparentale mentre le famiglie con4 bambini e pi rappresentano circa il9% della popolazione. Il 33% invece,beneficia di un aiuto economico delleStato.Dobbiamo tuttavia, tener conto che ilPanier intra muros ha percentualimolto pi gradevoli di quelle deiCarmes. Una causa certamente lacrescente gentrificazione che cambiail quartiere da storicamente popolaread attualmente borghese.

    p.45 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • L'Estaque, un villaggiopittoresco nella zona nord

    L

    L'abbiamo gi detto e ribadito, a Marsiglia l'apparenzainganna. A proposito dei quartieri nord, sentiamo e leggiamodi tutto. Zona solitamente rinnegata dai turisti, il nord dellacitt rinchiude per molte ricchezze. Abbiamo deciso diportarvi a L'Estaque! Qualche minuto con la metro e con iltraghetto ed eccoci in un villaggio marsigliese fuori Marsiglia,un villaggio tipico e pittoresco...

    ***All'estremit settentrionale di Marsiglia, rannicchiato ai piedi della catena della Nertheche lo protegge dal maestrale, il piccolo porto dell'Estaque (ormeggio in provenzale) ancora uno dei quartieri pi pittoreschi della citt. Il suo sviluppo nel corso dei secoli strettamente legato alla fabbricazione di tegole artigianali. All'inizio del XX secolo era unameta privilegiata per la possibilit di gustare ricci di mare, sardine e panisse (tipicipanzerotti di farinata di ceci) negli hotel e nei ristoranti situati in riva al mare. Case dicampagna, ville sul lungomare (Chteau Fallet, Villa la Palestine), vere e proprie "follie"architettoniche, fiorirono quindi accanto alle piccole abitazioni tradizionali degli operai chelavoravano nei vicini stabilimenti (fabbriche di tegole e cementifici). ***Tuttavia, per gli amanti dell'arte figurativa l'Estaque soprattutto uno dei luoghi dinascita della pittura moderna. Da Collioure a Mentone, considerando soltanto il latomediterraneo, non mancano luoghi che hanno attirato grandi pittori. Non sono certonumerose le localit che possono vantare di esser state frequentate per una sessantinad'anni (1860-1920) da una dozzina di artisti di grande fama. Impressionismo, fauvismo,cubismo: il nome dell'Estaque associato a queste tre epoche, che determinarono inlarga parte il destino della pittura contemporanea. Se Czanne e Braque sono le duefigure maggiori, anche i nomi di Derain, Dufy, Marquet, Friesz, Macke, Renoir, Guigou eMonticelli non possono essere dimenticati.***Georges BRAQUE (1882-1963)Venne ben quattro volte all'Estaque. Fine 1906 - inizio 1907 in un primo tempo, dovedipinge delle opere legate al periodo fauve. Poi, nel settembre 1907, dove comincia latransizione verso il cubismo. Durante la primavera e l'estate 1908, dove firma i primiquadri cubisti. Infine, nell'estate 1910, durante la quale nascono le due versioni delleUsines Rio-Tinto. Rappresenta in totale una ventina di tele.***Paul CEZANNE (1839-1906)Frequenta regolarmente l'Estaque durante pi di quindici anni: dal 1870 al 1885-86. Il suosoggiorno pi lungo dur un anno, dalla primavera 1878 alla primavera 1879. Ci dipingepi di trenta tele e numerosi disegni e acquerelli. ***Andr DERAIN (1880-1954) certamente il primo a venire dopo Czanne, nel 1905-1906. il periodo fauve e Derainmoltiplicher le viste del Porto e del Vallon de Riaux. Una quindicina di tele nascerannoda quell'esperienza.***Raoul DUFY (1899-1953)Non si sa quante volte esattamente Dufy venuto all'Estaque ma di sicuro ci venuto nel1908 in compagnia di Braque. Provenienti entrambi da Le Havre, i due pittori lavoravanoogni tanto e contemporaneamente sullo stesso paesaggio. Dufy abbozza cosi un passoverso il cubismo ma senza grandi prospettive artistiche. Ha fatto almeno una decina ditele e cinque appartengono al Museo di Marsiglia.

    p.46 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Emile-Othon FRIESZ (1879-1949)***Originario di Le Havre, come Braque eDufy, viene all'Estaque nel settembre 1907in compagnia dello stesso Braque. Sulla tela"Le Balcon", rappresenta il Castello Fallet e ilsuo giardino. Il quadro di braqueerroneamente intitolato "L'Estaque, vuedepuis l'Htel Mistral", rappresenta la stessavista. Ma il quadro di Friesz rimane fedele almodo fauve mentre quello di Braquemanifesta una prima evoluzione verso quelloche sar il Cubismo.Paul GUIGOU (1834-1871)***Tra il 1860 e il 1870, circa, frequenta conassiduit l'Estaque e i suoi dintorni,dipingendo con preferenza le rocce diquest'angolo marsigliese. Si concentraanche sulla piccola Cappella della Nerthe.Contiamo pi di una decina di quadri,acquerelli o disegni.

    August MACKE (1887-1914)***Passa all'Estaque all'inizio di aprile 1914,prima di imbarcare per la Tunisia con i suoiamici Paul Klee e Moilliet. Impressionatoqualche anno prima dalle opere di Braque,viene soprattutto in quanto ammiratore afotografare l'Estaque e pi particolarmente ilViadotto di Braque. Queste fotografie gliispirano poi parecchi disegni. Macke fuucciso durant la guerra in regioneChampagne nel settembre 1914.Albert MARQUET (1875-1947)***Fa diversi soggiorni all'Estaque nel 1918 e1919. Ci dipinge quasi sempre la terrazzadel Castello Fallet, dove soggiornavasicuramente. A l'Estaque nacquero unatrentina di tele, acquarelli e disegni.

    A far evolvere L'Estaque,sono state le stagioni pitturali

    Adolphe MONTICELLI (18241886)***Al meno due quadri - "Le RestaurantBernard l'Estaque" e "Saint-Henri, avant-port de l'Estaque" attestano del passaggiodi Monticelli all'Estaque, tra il 1880 e il 1883.Gli piaceva ritrovare il suo grandissimoamico, Czanne.Auguste RENOIR (18411919)***All'inizio dell'anno 1882, Renoir nasceall'Estaque dove dipinge in compagnia diCzanne. Dopo essersi ammalato, andr ariposarsi ad Alger. Torna all'Estaque a finedicembre 1883 dove, arrivando da Genovacon Monet, ritrova il suo amico Czanne.Quattro quadri di Renoir raffigurano il piccoloporto marsigliese. -La maggior parte di questi artisti ha dipintodecine di tele all'Estaque. Un destinoinsolito, quindi, per questa borgata,spiegabile innanzitutto con la sua situazione:si tratta effettivamente di un belvederenotevole con una vista sul golfo di Marsigliaspesso sorprendente.

    Tra le fonti dell'ispirazione di tali pittori inoltre possibile citare la molteplicit dimotivi, la diversit di forme e colori, il tuttoconcentrato in uno spazio relativamenteristretto: linea orizzontale del mare, lineaverticale delle ciminiere delle fabbriche, lineecurve delle colline e arcuate dei viadotti, congiochi di ocra e rosso che rispondonoall'intensit delle numerose sfumature diverde e blu. Un percorso pedestre locale consente diraccontare la storia di questo quartierepopolare dall'anima forte e multiforme, infondo poco diversa da quella che i pittorihanno conosciuto ed amato. Numerosetematiche sono ancora presenti: basta saperosservare bene per vederle. Partendo dalmolo del porto, seguite il cammino dei pittorie lasciatevi conquistare durante unapasseggiata di circa due ore nei luoghi cari atali artisti. Otto tappe indicate da pannelli dilava smaltata segnano il percorso.

    p.47 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • L'Estaque conta pressapoco 6100abitanti. Circa il 35% della popolazionedel quartiere senza diploma mentrecirca l'11% ha l'esame di Stato pi 3 annidi studio nel Superiore. Il tasso didisoccupazione del 16%. Il 19%rappresenta famiglie monoparentalementre le famiglie con 4 bambini e pirappresentano solo il 2% dellapopolazione. Il 17% invece, beneficia diun aiuto economico delle Stato.-Abbiamo finito il nostro viaggio in questaMarsiglia audace e atipica, citt popolare,storica e d'arte. Chi arriva a Marsiglia perla prima volta si sente sicuramentedisarmato, va e viene alla cieca, poimagari si perde e si compiace. Quandolascia questa terra, aperta ma prudentenell'accogliere eventuali migranti, se neva con gli occhi dipinti da innumerevolicolori, se ne va umanamente pi ricco eporta con s il profumo dei mille e unosapore.

    p.48 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Nel blu dipinto di blu

    L'Estaque vista dai pittori...

    1/ Czanne 2/ Braque 3/ Marquet 4/ Monticelli 5/ Friesz

    p.49 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • LE GRAND BLEU TRA PASSATO E FUTURO***Il titolo fa eco al film di Luc Besson ma si tratta qui del titolo diun'originale mostra fotografica su Marsiglia nella sua fase ditrasformazione architettonico-culturale in Capitale Culturale Europea2013. L'artista il bolognese Daniele Corsini, animato dalfotografare le pi importanti metropoli mondiali, e cos consideraMarsiglia: Quando una metropoli carica di storia riesce adaffermarsi per ci che sar e non per ci che stata, integrandocos sapientemente nella sua architettura lantico con il moderno, hagi vinto la sua sfida.***La mostra LE GRAND BLEU si svolse a Torino nel favolosoPalazzo Saluzzo Paesana prima di raggiungere Bologna e Roma, ed stata promossa da Marseille-Provence 2013 e Atout France/Italia.La giornalista e curatrice dell'evento Donatella Luccarini, e l'artista ciparlano della rinascita marsigliese, analizzata attraverso l'obiettivo.

    p.50 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Intervista a Daniele Corsini& Donatella Luccarini

    Marsiglia un crocevia di civilt, religioni e cultureche affascina dalla sua complessit tra modernit e vecchio

    stile, tra malavita e generosit

    Daniele, come si diventa fotografo? Checosa cerca di catturare?Si diventa fotografo tramite vari percorsi chehanno comunque un'origine comune:l'amore a prima vista per la macchinafotografica. Si testimone di ci che si vedee lo si racconta fotografando come un pittoretramite la tela. Io cerco di catturare con lamacchina fotografica il mondo che osservo.Per dipende dal contesto, dall'ambiente incui sono. A priori, non ho un'idea precisa.L'idea si costruisce dentro di me, mentrefotografo. un'interpretazione momentaneadella realt che sto vivendo.-Donatella, quale storia racconta quellamostra fotografica?-Innanzitutto ho avuto un grande interesseper Marsiglia e il fatto che diventasseCapitale Culturale. In realt non c' unastoria in questa mostra che fatta dadiverse concezioni grazie al nuovo design,come la Torre di Zaha Hadid o la villaMditerrane concepita dall'architettoitaliano Stefano Boeri, che costeggia gliantichi monumenti ma che si integranaturalmente nel paesaggio del centrostorico, del porto, della Cte Bleue e dellesue calanques. La mostra racconta questetante visioni che possiamo avere.

    Poi c'erano altre realt interessanti dastudiare con le altre citt coinvolte nelprogetto come Martigues, Aix-en-Provence oSalon-de-Provence che proponevano unapprofondimento alla nostra ricerca e quindinon abbiamo scelto un punto di vista unicoma abbiamo tradotto contemporaneamentel'autenticit e la trasformazione del territorioprovenzale.-Daniele, perch aver scelto Marsiglia alperiodo dei lavori della Capitale Culturale2013?-Ho visto Marsiglia per la prima voltaall'occasione di quel progetto di mostra. stata per me un'ottima opportunit propostadalla Donatella perch amo moltofotografare le citt, le metropoli. A Marsigliami sono trovato a mio agio. Avendola maivista, ho accettato lo stesso e ho cercato dicostruire quella storia direttamente l, giornodopo giorno, come si stava costruendo lacapitale.-Sapeva esattamente che cosa scattare o haseguito le Sue sensazioni e le emozioni cheoffre la citt ?-Non avevo idee precise anche perch nonconoscendo Marsiglia come citt, ne avevouna visione vergine. Mi sono affidato aDonatella che la conosceva meglio.

    p.51 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Cercavo comunque di fotografare postiche siano riconoscibili. Ma vero che lecose che riguardano il MuCEM ed ilCentre Rgional de la Mditerrane adesempio, sono stabili costruiti moltorecentemente che offrono un altro aspettodella citt, pi moderno che rendono iposti pi difficilmente riconoscibili.Geometricamente questi cantieri apertierano interessanti per la fotografia.

    Donatella, il colore blu molto importantenegli scatti. Quale significato ne darebbe?-Il blu stato un filo conduttore utilizzatonelle foto perch un colore moltoimportante in Provenza: c' il blu delmare, del cielo. E ovviamente la luceprovenzale che offre un blu particolarecon tante declinazioni. Perci, eguardando le foto, era ovvio chiamare lamostra Le Grand Bleu. In Provenza, ilMediterraneo unisce l'antico ed ilmoderno cos abbiamo potutorappresentare un connubio tra l'anticacitt marittima e la moderna capitaleurbana.-Daniele, qual' l'altra citt del territorioprovenzale che ha segnato di pi la suamente e la sua ricerca?-Sicuramente Arles. stata una bellissimascoperta, mi sono trovato benissimo inquesto posto anche perch mi moltopiaciuto il fatto che ci siano molte traccedell'Impero Romano. Ci tornernuovamente probabilmente.

    Quando una metropoli carica di storia riesce ad affermarsi per ci che"sar" e non per ci che " stata", integrando cos sapientemente nella

    sua architettura lantico con il moderno, ha gi vinto la sua sfida

    Ha ritrovato un po' di italianit aMarsiglia?-S! Sia nelle persone ma anche nei colorie nei profumi. Ho trovato alcune affinitcon tanti posti che possiamo trovare nelSud Italia. La prima citt che mi viene inmente sicuramente Napoli. Cos grandecon tante culture messe insieme e forseancora pi di Napoli.

    L'abbiamo detto pi volte, Marsiglia un crocevia di civilt, religioni eculture che affascina dalla suacomplessit tra modernit e vecchiostile, tra malavita e generosit.Dotata di un forte carattere, ilcapoluogo provenzale non lasciaindifferente il mondo artistico per ilpiacere in quel caso dei nostriocchi.

    p.52 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Contrasto: il fenomeno Rom.Immersione nel loro quotidiano

    S

    ono arrivati in massa, in silenzio, in tutta l'Europa eovviamente a Marsiglia. In Europa, i Rom sono 10milioni, in Francia le fonti ufficiali del Ministero degliInterni annunciano 20 000 Rom mentre le fonti delleassociazioni annunciano tra 350 000 e 1 300 000.

    ***Il loro arrivo stato un clamoroso dibattito mediatico: difensori contro radicali.Non veramente a casa loro in Romania o in Bulgaria, non veramente a casa loro innessuna altra parte del mondo, questi nomadi in cerca di sedentarizzazione erealizzazione sociale dividono l'opinione pubblica. ***Economicamente, le statistiche ed i sondaggi confermano che i Rom rallentanola crescita di un paese. Infatti, l'European Roma Rights Centre ha pubblicato datichiari nel 2007 che sono tutt'ora validi sull'esclusione dei Rom sul mercato dellavoro in Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania e Slovacchia: il 35% deiRom interrogati dicono di essere operai senza qualifica, il 27% sono operaiqualificati, il 18% dichiarano di fare le pulizie e solamente il 2% sono quadri o diprofessione liberale. Infine, il 61% disoccupato.***A Marsiglia, vivono solitamente in una grande insalubrit ed insicurezza. Nontutte le scuole possono accogliere i bambini, non tutte le famiglie possono essereaiutate dai servizi sociali, non tutti i campi clandestini possono essere protetti dalleassociazioni. Proposte alternative a quelle radicali non ci sono. L'urbanistica nonevolve rispetto ai flussi migratori. La gente ha paura, come si ha paura dellostraniero. Un primo flusso, un'altra onda e sono intere famiglie che si ricompongonoin terra provenzale. Durante l'era sarkoziana, numerose espulsioni sono statecontroverse. Ma dopo l'arrivo della Sinistra al governo, le espulsioni, nonostante ilsocialismo, s'intensificarono e nel 2012, sono 12 000 i Rom rimandati nel loropaese. Il 25 settembre 2013, Amnesty International ha lanciato l'allarme sui modi dievacuare i campi illeciti. E vedremo pi avanti perch le associazioni di difesa deidiritti umani sono cosi presenti per i Rom.***La Capitale della cultura vede ma nasconde la drammatica situazione. Campiindesiderati vengono distrutti senza scrupoli e senza avviso. Ci siamo immersi nelCampo di Aix-en-Provence al momento della sua distruzione e siamo stati urtatiperch fotografavamo l'illegalit della situazione dagli amministratori della citt.Tutto stato distrutto senza lasciare il tempo alla gente di recuperare le loro cosepersonali. Questo giorno i bambini sono diventati adulti di fronte a tanto disprezzoumano.***La complessit della situazione soprattutto dovuta all'economia europea chenon permette di tutelare questo fenomeno troppo ramificato. E si lascia i bambinigiocare nella spazzatura a due passi dall'autostrada, le mamme si ammalano...Purtroppo cosi. Niente aiuto legale quindi si offrono alla sopravvivenza illegale. Sicapisce per chi dice che per loro non c' posto. Non c' posto per loro perch nonc' posto neanche per gli autoctoni!

    p.53 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Nella sua atroce lucidit, vantal'istruzione come unico modo

    di vivere libero.

    Abbiamo trascorso un po' di tempo conuna coppia che vive sul Boulevardd'Athnes, vicino alla ferrovia St Charlesdi Marsiglia, erano su un materasso con iloro due figli. Lei ci ha parlatodell'indifferenza che la circonda. La gentepassa ma non si ferma, non guarda,disprezza, insulta. Lui ci ha parlato dellacolpevolezza in quanto capo di famiglia.Non riuscito ad offrire un altro futuroalla moglie e ai figli. Secondo lui, sononati nella miseria, e ci resteranno. Lecose sarebbero andate diversamente seavesse proseguito gli studi. Nella suaatroce lucidit, vanta l'istruzione comeunico modo di vivere libero. Sono prigionidi un'identit precaria, trasmessa ai lorofigli.***Del resto, nel 2011 e nel 2012, lacerimonia per premiare il migliorlavoratore di Francia, ha messo in luce il

    talento di due Rom, rispettivamente LinfaMihai e Cristina Dimitru. Dopo brillantistudi, lo Stato francese permise loroun'ascensione sociale degno di unameritocrazia.***In altri campi, la situazione sembra lacorte dei miracoli. Ci si trova di tutto manon il necessario. Marsiglia veste l'abitodi una dama elegante, ma ecco i limitidella politica sociale della citt. Fattoreale di una Capitale che puntasull'apparenza e non sul senso. Ledebolezze sono tante e certamente nontutte curabili dalle autorit. Non tutti i Romsono innocenti: caso recente di dueuomini coinvolti in un traffico di bimbicontro qualche euro e una macchina.Fanno le loro regole all'interno di unsistema esistente e quindi il corto circuito s che si usano metodi radicali.

    I diritti fondamentali sononegati con arroganzadunque i collettivi disolidariet e giustamente denunciano la continuapratica di espulsi senzasoluzioni alternative, chelasciano questi migrantisenza risorse e senzaprotezione. Questa un'altra realt di Marsiglia,un altro viso di una cittmoderna che guarda un po'troppo verso il futuro...

    p.54 - Azzurra Magazine - Novembre 2013

  • Rompere con l'immaginedella "Chicago Provenzale"

    C

    hi segue il telegiornale avr sicuramente sentito ladrammatica serie di omicidi avvenuti a Marsiglia. Nonpossiamo negare quei problemi legati alla criminalitorganizzata. Traffico di droga, di armi, giochi diazzardo, prostituzione... sono cose che capitano intutte le citt.

    ***Purtroppo Marsiglia stata vittima di una brutta visibilit mediatica: ogni mezzod'informazione si focalizzato sulle tensioni tra gang lasciando da parte sia i drammisuccessi nelle altre citt che le bellezze di Marsiglia. ***A tal punto che il capoluogo provenzale diventato la priorit del Governo francese edelle autorit locali come se ci fosse la guerra, del resto una deputata socialista, SamiaGhali, voleva perfino l'aiuto dei carri armati per rimettere ordine nella societ. Certol'insicurezza c' ma non tocca intenzionalmente gente esterna a questo sistema dimalavita marsigliese. ***Certe zone sono proibite per precauzione ma l'immagine della Chicago provenzalegenerata dai giornalisti, dai partiti dell'opposizione, dai politici che vorrebbero conquistarepi popolarit prima delle elezioni municipali del 2014, danneggia fortemente il flussoturistico e la secolare fama della citt. Marsiglia non pi la vetrina della cultura ma dellarottura come si dice, e quindi la gente arriva con degli a priori o non arriva pi. Ci si vivebene per. Come tutte le grandi citt, Marsiglia caotica, frenetica ma offre milleopportunit di nuova partenza. ***I dati sono contrari a quest'idea. Dall'inizio del 2013, gli omicidi sono 13 [ndr: almomento della stesura di quest'articolo]. La cifra importante e non lascia indifferenteanzi traduce un reale problema ma comunque inferiore ai dati di altre citt, come Parigio regioni come la Corsica e la Guadalupa. I rinforzi polizieschi sono importanti. La gente divisa in due: c' chi stufo e chi vanta la bellezza della citt. ***Marsiglia capitale blindata? Sicuramente non una Capitale per tutti ma per la Franciadiventa una priorit nazionale. Un patto di sicurezza e di coesione sociale statopromulgato a settembre per inceppare la violenza. una volont iniziale del Ministro degliInterni Manuel Valls. Tranne l'arrivo di alcuni poliziotti in pi, le soluzion