anima e corpo - e corpo “cosa sar di noi? ... in un corpo terribilmente fragile e limitante. ......

Download Anima e corpo -   e corpo “Cosa sar di noi? ... in un corpo terribilmente fragile e limitante. ... malgrado lo spartito sia datato

Post on 26-Mar-2018

219 views

Category:

Documents

4 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • OTTOBRE 2011

    Anno XIII Numero 9

    Mensile in A.P. 70% C.P.O. Vicenza

    Alexander Lonquich, pianista e direttore,alla guida dellOrchestra da Camera di Mantova

    per lapertura della 102 Stagione del Quartetto:lo spettacolo continua, con la musica, per la musica.

    Anima e corpo

    Cosa sar di noi?Intervista a Carlo Fabiano konzertmeister dellOCM:

    le realt musicali italiane non possono fare proiezioni oltre lanno di vita

    la musica e le parole della Societ del Quartetto

    di Vicenza

    Entusiasmo e sensibilitLappello di Enrica Volpi, ex prof di Storia dellArte:

    La musica sia parte del progetto didattico della scuola italiana

  • Trov

    ate

    a pa

    gina

    ...La notaAnno XIII - Numero 9 Ottobre 2011

    coordinamento editorialeGiovanni Costantini

    collaboratoriFilippo LovatoPaolo MeneghiniAndrea Scarpari

    impaginazioneAlessandra Melisonper le foto lEditore a disposizionedi quanti provassero diritti di Copyright

    Periodico di cultura, musica e spettacolodella Societ del Quartetto di VicenzaDirettore Resp.: Matteo SalinEditore: Societ del Quartetto di VicenzaRedazione: vicolo cieco Retrone, 24 Vicenza - Tel. 0444/543729 Fax 0444/543546web www.quartettovicenza.orge-mail info@quartettovicenza.orgPeriodico iscritto al registro Stampadel Tribunale di Vicenza n. 977Stampa: Tipolitografia Pavan sncsu carta Shiro Echo-logica da 100 g/mqTiratura 3000 copie

    Per questo numero si ringraziano Valentina Pavesi e Giulio Bernardi

    Paolo Pigatopresidente

    Riccardo De Fonzovice presidente

    Piergiorgio Meneghinidirettore artistico

    Antonio Manganotesoriere

    consiglieriDonata Folco Zambelli CattaneoFabio PupilloLuca Trivellato

    revisore dei contiAntonio Mangano

    organizzazione

    Giovanna Reghellinamministrazione

    Sandro Pupilloaffari generali

    Alessandra Melisoncomunicazione

    Maria Carolina di Valmaranarelazioni esterne

    Giovanni Costantiniprogetti

    ufficio stampaPaolo Meneghini

    In copertina: Alexander Lonquich, pianista tedesco, a Vicenza il 26 ottobre alla guida dellOrchestra da Camera di Mantova

    MusicaMeseBentornati al Concertodi Andrea Scarpari 4Frasi&AccordiCrescita ed essenzialitdi Giovanni Costantini 6NotEventiArchi protesi al futuro di Giovanni Costantini 11Registri&NoteEntusiasmo e sensibilitdi Enrica Volpi 12TracceIl suono di due orchestre europeedi Filippo Lovato 14

    Le definizioni filosofiche di SantAgostino si fon-dono con le provocazioni dissacranti di Michel Pe-trucciani. Potere della musica, che non si lascia mai inquadrare e definire fino in fondo.Poich la musica scienza del misurare ritmicamente secondo arte sostiene SantAgostino non si pu nega-re che appartengono alla sua stessa competenza di disci-plina tutti i movimenti che sono misurati ritmicamente secondo arte e quelli soprattutto che non sono riferiti ad altro, ma hanno in s come fine la bellezza estetica.Movimento e bellezza estetica. La natura, col piani-sta francese Michel Petrucciani, non era stata generosa in nessuno di questi due ambiti, affliggendolo con la sindrome delle ossa di cristallo (osteogenesi imper-fetta). Eppure quanto movimento e quanta bellez-za nella vita di quel piccolo grande uomo, originati e scaturiti dalla musica e de-generati in esagerazioni sentimentali, fisiche, vitali. Vedere Michel Petruccia-ni Body and Soul di Michael Radford per credere e capire. E aveva ragione Petrucciani a domandare ai suoi intervistatori chi era pi normale e chi pi han-dicappato tra lui e loro, esibendo con naturalezza le sue doti decisamente superiori alla media, costrette (o esaltate?) in un corpo terribilmente fragile e limitante.Ricordare il jazzista italo-francese e provare ad inscri-verlo nella definizione di SantAgostino deve farci stu-pire ancora una volta non solo della condizione della musica nella scuola italiana, ma di come questa sia ancora considerata scissa dalle altre arti e dallo svilup-po del corpo. La ragione di ci sta nella mancanza di una visione completa della formazione dellindividuo e nellincapacit di cogliere come la musica agisca sulla-nima - intesa come spirito, senso, volont, forza - e sul corpo, a livello di espressivit, postura, respiro, coordi-nazione. Body and soul, per lappunto.Le strade della musica possono condurre tanto a SantA-gostino quanto a un Petrucciani, tutto sta ad avere gli strumenti. E se qualcuno, conoscendo la storia di entrambi, dovesse vederli in antitesi, non scordi Eraclito: ci che guerra fra i contrari in superficie armonia in profondit.

    Giovanni Costantini

  • 5

    Mu

    sica

    Mes

    eM

    usiC

    are

    Ott

    obre

    201

    1

    4

    Mus

    iCar

    e O

    ttob

    re 2

    011

    Mu

    sica

    Mes

    e

    Bentornati al ConcertoMozart, Schubert, Mendelssohn: pianoforte e orchestra sul palco per i classici che non tramontano mai

    Alexander Lonquich e Orchestra da Camera di Mantova aprono la 102 Stagione Concertistica al Comunale

    La 102 stagione della Societ del Quar-tetto si apre allinsegna di due grandi ritorni: il concerto inaugurale dedi-cato ad Antonio Fogazzaro, fondatore della Societ del Quartetto, sar infatti affidato allOrchestra da Camera di Mantova, sotto la direzione di Alexander Lonquich. La com-pagine orchestrale, gi presente negli ultimi cartelloni del Quartetto, salir sul palco del Comunale per la serata di apertura, merco-led 26 ottobre, insieme al pianista tedesco nelle vesti di solista e direttore: la collabo-razione fra Lonquich e lOCM, iniziata nel 2004 con un progetto monografico dedicato ai concerti per pianoforte di Mozart, ormai unaffermata realt nel panorama musicale.Nel segno di Mozart inizier anche la se-rata di Vicenza, con lesecuzione del Con-certo per pianoforte e orchestra K595: in programma, poi, la V Sinfonia di Franz Schubert e il Concerto per pianoforte n. 1 di Mendelssohn. I tre pezzi furono tutti com-posti fra il 1791 ed il 1831: un quarantennio cruciale nellevoluzione del gusto musicale e nella formazione di quello spirito roman-

    tico che caratterizz culturalmente il XIX secolo e la cui eredit forte ancora oggi.Il programma consente proprio di cogliere il passaggio fra lepoca classica, i cui valo-ri sono magistralmente raccolti nellopera mozartiana, e quella romantica del concer-to di Mendelssohn, attraverso la cerniera costituita dalla sinfonia di Schubert, la pi matura fra le sinfonie giovanili. Saldamen-te ancorata ai modelli di Haydn e pi ancora di Mozart, che in alcuni punti ricalca fedel-mente, costituendo un grandioso tributo ai suoi ideali maestri, la quinta sinfonia con-tiene gi il seme di quella libert formale tipica delle ultime opere di Schubert si veda lampio secondo movimento , nelle quali lautore pone grande attenzione alla cantabilit dei temi, forte dellesperienza maturata con le centinaia di Lieder scritti allinizio della sua carriera compositiva.Marcato il contrasto fra i due concerti per pianoforte proposti da Lonquich. La datazione del Concerto n. 27 di Mozart incerta, malgrado lo spartito sia datato 1791: numerosi studiosi hanno suggerito

    periodi diversi ed probabile il pezzo sia stato concepito precedentemente e sola-mente completato nel 1791, divenendo co-munque lultimo concerto per pianoforte del catalogo mozartiano. La presenza di cadenze autografe e la scarsa complessit della parte pianistica hanno fatto ipotiz-zare che lopera fosse stata commissionata da qualche allievo di Mozart; la sempli-cit mozartiana tuttavia solo apparente: essa cela una raffinata ed elaborata ricer-ca di equilibrio, di regolarit e di ordine, cui coniuga la capacit di non ripetersi ed anzi di sorprendere con impreviste modu-lazioni e citazioni inattese, come lesordio dellultimo movimento, dove compare la stessa melodia utilizzata nel lied K596.Il Concerto n. 1 di Felix Mendelssohn, a dispetto del numero dopera, non il pri-mo approccio del maestro di Amburgo con questo organico: egli aveva gi scritto due concerti per due pianoforti ed aveva gi

    iniziato il Capriccio Brillante, ultimato nel 1832. Il concerto, probabilmente gi imma-ginato durante un viaggio a Roma nel 1830, fu scritto di getto nel corso di un soggiorno a Monaco nel 1831: nellopera Mendelssohn recupera limportanza dellorchestra come voce in dialogo con il pianoforte, evitando di concentrarsi esclusivamente sul solista e superando cos il suo eccessivo protagoni-smo, senza rinunciare tuttavia a quellenfasi romantica, tanto richiesta dal pubblico, che ha nel vigoroso virtuosismo la sua espres-sione privilegiata. Liszt am questo concer-to e lo port con successo a Parigi, dove fu apprezzato dal pubblico e da generazioni di pianisti che su di esso si cimentarono.Sar quindi interessante ascoltare come lOrchestra da Camera di Mantova, diretta dalla tastiera da Lonquich, sapr calibrarsi fra due brani di carattere tanto differen-te: una versatilit che certo non manca n allorchestra n al pianista, rafforzata dalla confidenza maturata in anni di collabora-zione proficua ad alto livello.Non solo quindi due protagonisti di elevato spessore, vincitori di numerosi riconosci-menti fra cui piace ricordare il Premio Franco Abbiati della critica musicale italia-na, ottenuto sia da Lonquich che dallOCM ma un sodalizio musicale con un grande valore aggiunto, che, ne siamo certi, inau-gurer nel migliore dei modi la Stagione Concertistica 2011/2012.

    Andrea Scarpari

    Lonquich e OCM, due protagonisti di elevato spessore, vincitori del Premio Franco Abbiati della critica musicale italiana: un sodalizio musicale con un grande valore aggiunto, che inaugurer nel migliore dei modi la Stagione Concertistica 2011/2012

    LOCM

    in c

    once

    rto

    con

    Lonq

    uich

  • Fra

    si&

    Acc

    ordi

    Mus

    iCar

Recommended

View more >