Altre Patologie Mediche

Download Altre Patologie Mediche

Post on 23-Feb-2016

92 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

CAPITOLO 5_e. Altre Patologie Mediche. Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI - 2012. OBIETTIVI. DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE - PowerPoint PPT Presentation

TRANSCRIPT

<p>Presentazione standard di PowerPoint</p> <p>Altre Patologie MedicheLaboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI - 20121CAPITOLO 5_e12</p> <p>OBIETTIVIDEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE</p> <p>RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE</p> <p>IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVIT E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2DIABETEREAZIONE ALLERGICAREAZIONE ANAFILATTICAINTOSSICAZIONIDOLORI ADDOMINALI</p> <p>ALTRE PATOLOGIE MEDICHE3MALATTIA CRONICACARATTERIZZATA DA ALTERAZIONI DEL METABOLISMO ED ASSORBIMENTO DEGLI ZUCCHERI DOVUTA AD ALTERATO MECCANISMO ORMONALE (INSULINA)&gt; 120 mg/dlIPOGLICEMIA IPERGLICEMIA &lt; 70 mg/dl</p> <p>DIABETE4SEGNI E SINTOMIALTERAZIONE DELLA COSCIENZAALTERAZIONE DEI VALORI FR, FC e PASECREZIONI E VOMITOSUDORAZIONESECCHEZZA DELLA BOCCA (SENSO DI SETE)</p> <p>IPO e IPERGLICEMIA5OSSIGENO SE ALTERAZIONE PARAMETRI VITALIMONITORAGGIO CONTINUO DEI PARAMETRI PERVIETA VIE AEREE (SE NECESSARIO)FARE ESEGUIRE TEST GLICEMICO DAL PAZIENTE O DAI FAMILIARI (SE POSSIBILE) E RIFERIRE IL VALORE ALLA COEU/SOREU</p> <p>ASSISTENZA6COLLOQUIO CON IL PAZIENTE STORIA CLINICA DEL PAZIENTEDOCUMENTAZIONE SANITARIA SETE, AUMENTO DELLA DIURESI, ASTENIA, FAME, VERTIGINI, SENSAZIONI DI SVENIMENTOA.M.P.I.A. / DA QUANTO TEMPO? TERAPIA INSULINICA? TERAPIA ORALE? FEBBRE, INFEZIONI?RECENTE AGGIORNATA COMPLETA </p> <p>ASSISTENZA7 UNA RISPOSTA DEL SISTEMA IMMUNITARIO CARATTERIZZATA DA REAZIONI ECCESSIVE DEGLI ANTICORPI NEI CONFRONTI DI SOSTANZE ESTERNE, ABITUALMENTE INNOCUE</p> <p>CAUSE PI COMUNI:CIBOBEVANDEFARMACIAMBIENTI CHIUSI (POLVERI, MUFFE, PRODOTTI PER LA PULIZIA)AMBIENTI ESTERNI (POLLINE, GRAMINACEE, ALBERI, ECC.)ANIMALI (GATTI, CANI, INSETTI)</p> <p>REAZIONE ALLERGICA8SEGNI E SINTOMI PI COMUNI</p> <p>RINITIASMA ORTICARIADERMATITI DA CONTATTOIRRITAZIONE ED EDEMA A LABBRA, BOCCA E OCCHI</p> <p>REAZIONE ALLERGICA9OSSIGENOMONITORAGGIO CONTINUO DEI PARAMETRI POSIZIONE DEL PAZIENTE (QUELLA CHE LUI PREFERISCE)CONTATTO CON COEU/SOREU</p> <p>PERVIETA VIE AEREE</p> <p>ASSISTENZA10</p> <p> COLLOQUIO CON IL PAZIENTE ALLA RICERCA DI SEGNI/SINTOMI SPECIFICI:IRRITAZIONE CUTANEA, PRURITO, DOLORE LOCALIZZATO, DIARREA, NAUSEA</p> <p>STORIA CLINICA DEL PAZIENTEA.M.P.I.A. / DA QUANTO TEMPO SONO INSORTI I SINTOMI ? IL PAZIENTE HA DEI FARMACI SPECIFICI DI AUTO-SOMMINISTRAZIONE ? (COMUNICARE ALLA COEU E ATTENDERE INDICAZIONI)</p> <p>DOCUMENTAZIONE SANITARIARECENTE AGGIORNATA COMPLETA </p> <p>ASSISTENZA11 UNA REAZIONE CHE INTERESSA VARI ORGANI, ALLINIZIO I SINTOMI POSSONO ESSERE LIEVI MA SI POSSONO AGGRAVARE RAPIDAMENTE FINO A DIVENTARE POTENZIALMENTE LETALI.</p> <p>IN GENERE LA REAZIONE SI VERIFICA RAPIDAMENTE, ENTRO 5-15 MINUTI DAL CONTATTO CON LA SOSTANZA E RICHIEDE CURE IMMEDIATE.</p> <p>REAZIONE ANAFILATTICA12CIBO/ALIMENTIFARMACIINTOSSICAZIONI (SOSTANZE CHIMICHE, PRODOTTI PULIZIA CASA, ECC)ANIMALI (PUNTURE DINSETTI)</p> <p>CAUSE:</p> <p>REAZIONE ANAFILATTICA13FORMICOLIO ALLA BOCCA, EDEMA BOCCA E GOLA (VIE AEREE SUPERIORI)ALTERAZIONE DELLA VOCEALTERAZIONE DELLA COSCIENZADIFFICOLTA RESPIRATORIA, MANCANZA DI FIATO, SINTOMI DELLASMAIPOTENSIONENAUSEA E VOMITO, DOLORE ADDOMINALEPEGGIORAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI</p> <p>SEGNI e SINTOMI14</p> <p>OSSIGENOMONITORAGGIO CONTINUO DEI PARAMETRI POSIZIONE DEL PAZIENTE (QUELLA CHE LUI PREFERISCE, IN CASO DI PEGGIORAMENTO PARAMETRI VITALI POSIZIONE SUPINA)CONTATTO CON LA COEU/SOREU</p> <p>PERVIETA VIE AEREE</p> <p>ASSISTENZA15COLLOQUIO CON IL PAZIENTE ALLA RICERCA DI SEGNI/SINTOMI SPECIFICI</p> <p>STORIA CLINICA DEL PAZIENTEA.M.P.I.A. / DA QUANTO TEMPO SONO INSORTI I SINTOMI ?SE IL PAZIENTE HA DEI FARMACI SPECIFICI DI AUTO-SOMMINISTRAZIONE (COMUNICARE ALLA COEU E ATTENDERE INDICAZIONI)DOCUMENTAZIONE SANITARIARECENTE AGGIORNATA COMPLETA </p> <p>ASSISTENZA1617</p> <p>17RICONOSCERE LA PRESENZA DI SOSTANZE TOSSICHE (CODICI KEMLER, SEGNALI DI ALLARME, CARTELLI INDICATORI, ECC.)SICUREZZARICONOSCERE GLI SCENARI PIU TIPICI DI INTOSSICAZIONE (STUFE, CAMINI, CALDAIE, GAS DI SCARICO, FARMACI, DROGHE,FABBRICHE ECC.)</p> <p>COMUNICAZIONE COEU/SOREU</p> <p>INTOSSICAZIONI18SICUREZZARIFERIRE UNA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA SCENA E DEGLI EVENTIRACCOGLIERE E TRASPORTARE IN PRONTO SOCCORSO TUTTI I CONTENITORI E I FARMACI TROVATI SULLA SCENARILEVARE LE MODALIT DI INTOSSICAZIONE (INALAZIONE, INGESTIONE, CONTATTO CUTANEO, INIEZIONE)</p> <p>INTOSSICAZIONI19 AVVELENAMENTO DA SOSTANZE TOSSICHE:</p> <p>MONOSSIDO DI CARBONIOFARMACIDROGHEALIMENTICAUSTICI</p> <p>INTOSSICAZIONI20SEGNI E SINTOMIALTERAZIONE DELLA COSCIENZA (SOPORE)ALTERAZIONE DEI VALORI FC E PANAUSEA E VOMITOROSSORE CUTANEO E MUCOSOALTERAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIASATURAZIONE O2 NORMALE</p> <p>AVVELENAMENTO DA MONOSSIDO DI CARBONIO21SEGNI E SINTOMIALTERAZIONE DELLA COSCIENZA (SOPORE/AGITAZIONE/ALLUCINAZIONI)ALTERAZIONE DEI VALORI FC E PASCHIUMA, SECREZIONI E VOMITOSECCHEZZA DELLA BOCCAALTERAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIACIANOSI, ROSSORE, PALLORESEGNI DI VENIPUNTURA</p> <p>AVVELENAMENTI DA FARMACI E DROGHE22SEGNI E SINTOMIALTERAZIONE DELLA COSCIENZA (SOPORE/AGITAZIONE)ALTERAZIONE DEI VALORI FC e PANAUSEA e VOMITOALTERAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIA</p> <p>AVVELENAMENTI DA ALIMENTI23ALTERAZIONE DELLA COSCIENZA (SOPORE/AGITAZIONE)ALTERAZIONE DEI VALORI FC e PANAUSEA E VOMITOSCHIUMA E SECREZIONI DAL CAVO ORALEALTERAZIONE DELLA FREQUENZA RESPIRATORIACIANOSI, ROSSORE, PALLORE</p> <p>AVVELENAMENTI DA CAUSTICI (es. detersivi domestici)SEGNI E SINTOMI24OSSIGENO se alterazione parametri vitaliPERVIETA VIE AEREESe indicato AREARE il LOCALE eAUTOPROTEZIONEALLONTANARE il PAZIENTE dallAMBIENTE INQUINATORIMUOVERE VESTITI SE SPORCHI o CONTAMINATI E CONSERVARLI IN CONTENITORI CHIUSI E IDONEICONTATTO TEMPESTIVO CON LA COEU/SOREUASSISTENZAMONITORAGGIO continuo dei PARAMETRI 25A.M.P.I.A. / DA QUANTO TEMPO? FARMACI O DROGHE ? ATTIVIT LAVORATIVA?SE POSSIBILE RECUPERARE LA SOSTANZA (ES. ALIMENTI, DETERSIVI, ECC.)</p> <p>COLLOQUIO CON IL PAZIENTE STORIA CLINICA DEL PAZIENTEDOCUMENTAZIONE SANITARIA NAUSEA, DISPNEA, DELIRIO, DISTURBI DELLA VISTA, SECCHEZZA DELLE FAUCI, DOLORI E CRAMPI ADDOMINALI, DIARREA/STIPSI, DEBOLEZZA/ASTENIARECENTE AGGIORNATA COMPLETA ASSISTENZA2627</p> <p>27CARATTERISTICHE DEL DOLOREACUTOCRONICOINTERMITTENTECONTINUOVALUTAZIONE INTENSIT: 1-10POSIZIONE ANTALGICA OBBLIGATALOCALIZZAZIONE RISPETTO ALLOMBELICOUN DOLORE EPIGASTRICO, SPESSO RIFERITO COME OPPRESSIONE O MORSA PU ESSERE UN DOLORE DI ORIGINE CARDIACA</p> <p>DOLORE ADDOMINALE28NAUSEA, VOMITO E DIARREAALTERAZIONE DEI VALORI FC E PALIMITAZIONI DA DOLORE DELLA PROFONDIT DEL RESPIROEMATEMESI E MELENAALTERAZIONE DELLA COSCIENZA/AGITAZIONEDOLORE/DIFFICOLT ALLA MINZIONE ED EMATURIAPALLORE / SUDORAZIONEPOSSIBILI SEGNI e SINTOMI ASSOCIATI AL DOLORE ADDOMINALEEmatemesi: vomito ematico. Melena: feci con sangue digerito (scuro e maleodorante). Ematuria: sangue dalle vie urinarie.29OSSIGENO SE ALTERAZIONE PARAMETRI VITALIMONITORAGGIO CONTINUO DEI PARAMETRI PERVIETA VIE AEREECONSENTIRE LA POSIZIONE ANTALGICACONTATTO CON LA COEU/SOREUASSISTENZA30COLLOQUIO CON IL PAZIENTE STORIA CLINICA DEL PAZIENTEDOCUMENTAZIONE SANITARIA CRAMPI ADDOMINALI, DIARREA, NAUSEA, DISPNEA, DISTURBI URINARI, DOLORE LOCALE E GENERALIZZATO, PERDITE EMATICHEA.M.P.I.A. / DA QUANTO TEMPO ? GRAVIDANZA ? CICLO MESTRUALE?RECENTE AGGIORNATA COMPLETA ASSISTENZA3132</p> <p>3233</p> <p>CONCLUSIONILE PATOLOGIE MEDICHE RAPPRESENTANO LA MAGGIORANZA DELLE RICHIESTE DI SOCCORSO SANITARIOIL CORRETTO RICONOSCIMENTO E LIDENTIFICAZIONE DEI SEGNI E SINTOMI SPECIFICI, PERMETTONO DI GARANTIRE IL TRATTAMENTO PI IDONEO (INVIO MSA/MSI) E DI RIDURRE LA FASE EVOLUTIVA DELLA PATOLOGIA ACUTA33</p>

Recommended

View more >