1 www.bolognaprocess.i t Dal processo di Bologna allinternazionalizzazione delle Università Maria Sticchi Damiani 2 marzo 2011 Università Politecnica delle.

Download 1 www.bolognaprocess.i t Dal processo di Bologna allinternazionalizzazione delle Università Maria Sticchi Damiani 2 marzo 2011 Università Politecnica delle.

Post on 02-May-2015

212 views

Category:

Documents

0 download

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • 1 www.bolognaprocess.i t Dal processo di Bologna allinternazionalizzazione delle Universit Maria Sticchi Damiani 2 marzo 2011 Universit Politecnica delle Marche
  • Slide 2
  • 2 DUE LIVELLI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO SINGOLE ISTITUZIONI DEL SISTEMA
  • Slide 3
  • 3 INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Adesione al Processo di Bologna e allo Spazio Europeo dellIstruzione Superiore 1.Convergenza 2.Trasparenza 3.Mobilit 4.Dimensione internazionale degli studi
  • Slide 4
  • 44 1. Principi condivisi: Centralit dellapprendimento I corsi di studio sono progettati sulla base dei risultati di apprendimento desiderati Quanto gli studenti dovrebbero conoscere, comprendere o essere in grado di fare al termine del processo di apprendimento e dei tempi di apprendimento previsti Il tempo di cui gli studenti hanno generalmente bisogno per svolgere tutte le attivit di apprendimento (lezioni, seminari, esercitazioni, progetti, studio individuale, preparazione e svolgimento degli esami, ecc.) richieste per il raggiungimento dei risultati di apprendimento desiderati. Convergenza
  • Slide 5
  • 5 2.Una comune struttura dei titoli di studio basata su tre cicli e sullo stesso sistema di crediti (ECTS) Convergenza Durata: Primo ciclo: da 180 a 240 crediti Secondo ciclo: da 90 a 120 crediti Terzo ciclo: 3-4 anni Descrittori generali: Risultati generali di apprendimento per ciascun ciclo (Dublin Descriptors) basati su cinque elementi di base: Conoscenze e capacit di comprensione Utilizzazione delle conoscenze e capacit di comprensione Capacit di trarre conclusioni Abilit comunicative Capacit di apprendere
  • Slide 6
  • 6 Trasparenza 1.Strumenti comuni per la trasparenza Offerta formativa dellistituzione (Catalogo ECTS) Percorso formativo dello studente (Diploma Supplement)
  • Slide 7
  • 7 Mobilit di studenti e laureati Strumenti comuni per il riconoscimento Periodi di studio svolti allestero (procedure indicate nella Guida ECTS) Titoli di studio conseguiti allestero (Convenzione di Lisbona)
  • Slide 8
  • 8 Dimensione internazionale degli studi Cooperazione interuniversitaria attivazione di corsi congiunti con titolo congiunto o doppio mobilit dei docenti
  • Slide 9
  • 9 INTERNAZIONALIZZAZIONE DEGLI ATENEI Obiettivi Offrire competenze internazionali ai propri studenti per consentirne loccupazione allestero Attrarre studenti e docenti stranieri Inserirsi in reti internazionali per la didattica e la ricerca Creare sedi allestero
  • Slide 10
  • 10 INTERNAZIONALIZZAZIONE DEGLI ATENEI Strategie Internazionalizzare: 1.lorganizzazione 2.lofferta didattica 3. il corpo docente 4. il corpo studentesco
  • Slide 11
  • 11 1. Internazionalizzare lorganizzazione strutture accademico/amministrative dedicate sistemi informativi adeguati per la raccolta e lutilizzazione dei dati strumenti di trasparenza e comunicazione adatti ai contesti internazionali (Catalogo ECTS e Diploma Supplement)
  • Slide 12
  • 12 2. Internazionalizzare lofferta didattica a ) Corsi di studio internazionali Progettati ed attivati da una singola Universit italiana, al fine di attrarre per lintero ciclo di studi un numero significativo di studenti provenienti da paesi, culture e tradizioni accademiche diverse. Essi devono prevedere: Risultati di apprendimento rilevanti per un pubblico diversificato; Consapevolezza da parte dei docenti della diversit di culture presenti e attivit didattiche rispondenti alle diverse aspettative di apprendimento Uso di una lingua veicolare (es. Inglese); Servizi specifici per studenti internazionali Personale tecnico amministrativo di supporto in grado di interagire in un contesto internazionale; Una percentuale prestabilita di studenti e docenti internazionali.
  • Slide 13
  • 13 b) Corsi di studio congiunti Progettati, sulla base di accordi formali, da una universit italiana e da una o pi universit di altri paesi, realizzati in varie sedi e comprendenti un periodo di mobilit di tutti gli studenti (generalmente un semestre o un anno). Essi prevedono: Definizione congiunta dei risultati di apprendimento e delle attivit formative da offrire nelle varie sedi (gi esistenti o realizzate ad hoc) ; Uso delle lingue dei vari paesi o di una lingua veicolare; Selezione congiunta degli studenti all'atto della immatricolazione; Rilascio di un titolo congiunto o doppio o multiplo.
  • Slide 14
  • 14 C) Percorsi integrati di mobilit strutturata finalizzati al rilascio di titoli doppi (siano essi simultanei o consecutivi), o anche pi raramente - di titoli congiunti. Essi sono caratterizzati dai seguenti elementi : Il corso completamente attivato in ogni Ateneo. Il percorso integrato si basa sulla comparazione dei risultati di apprendimento previsti dai curricula delle due sedi e su schemi di mobilit che ne compensino le differenze (anche con estensione della durata del percorso integrato complessivo); I curricula offerti possono prevedere anche la mobilit di docenti fra le sedi partner; Gli studenti che desiderano ottenere anche il titolo dell'altro ateneo sono opportunamente selezionati
  • Slide 15
  • 15 3. Internazionalizzare il corpo docente a) Docenti internazionali: docenti a contratto presso istituzioni italiane che hanno svolto periodi significativi di formazione (conseguimento di titoli) o di attivit professionale di didattica e di ricerca documentata in istituzioni estere; docenti che hanno svolto periodi significativi di formazione (conseguimento di titoli) o di attivit professionale documentata in istituzioni estere e che divengano docenti di ruolo presso le nostre istituzioni.
  • Slide 16
  • 16 b) Visiting professors: docenti incardinati nell'ateneo che svolgono periodi di didattica in altre istituzioni sulla base di accordi e convenzioni stipulate dagli atenei; docenti incardinati in istituzioni con cui gli Atenei italiani hanno accordi e convenzioni di collaborazione che svolgono periodi di didattica presso le istituzioni italiane in Italia e all'estero;
  • Slide 17
  • 17 4. Internazionalizzare il corpo studentesco a)Mobilit in uscita: periodi di studio allestero Responsabilit degli Atenei, da riconoscere a livello statutario Considerare la mobilit come un diritto degli studenti, quindi: Garantire opportunit di mobilit a tutti coloro che desiderino partecipare Garantire il riconoscimento accademico dei periodi di studio allestero Garantire la qualit dei processi di gestione della mobilit
  • Slide 18
  • 18 Come fare? Inserire nel piano strategico obiettivi quantitativi per la mobilit e potenziare adeguatamente gli accordi di cooperazione con Atenei di altri paesi Accrescere la flessibilit dei corsi di studio (per mobilit di tipo individuale) e integrare i periodi di studio allestero nei percorsi formativi - finestre di mobilit, corsi congiunti, ecc. - (per mobilit di tipo strutturato) Adottare un Regolamento di Ateneo per il riconoscimento dei periodi di studio allestero Destinare alla gestione della mobilit strutture e risorse adeguate che ne garantiscano la qualit
  • Slide 19
  • 19 b) Mobilit in entrata: per periodi di studio o cicli completi Obiettivo degli Atenei, da inserire nel piano strategico Considerare la capacit dellAteneo di attrarre studenti internazionali come indicatore di qualit, quindi: Perseguire la reciprocit negli scambi di studenti con tutti gli Atenei partner Perseguire laumento delle immatricolazioni di studenti con titoli di studio di altri paesi, soprattutto nel secondo e terzo ciclo
  • Slide 20
  • 20 Come fare? Rendere lofferta formativa dellAteneo visibile e comprensibile a livello internazionale Offrire strutture adeguate per lapprendimento della lingua italiana Offrire corsi di studio internazionali e congiunti Garantire servizi di accoglienza e tutoraggio efficaci Rendere flessibili i requisiti curriculari per laccesso ai corsi di secondo ciclo Adottare un Regolamento per il riconoscimento dei titoli stranieri
  • Slide 21
  • 21 Sito dei Bologna Experts italiani www.processodibologna.it

Recommended

View more >