ˆ˛ ˇ ˆ - giomi · pdf filegrazie alla regione veneto che, in que - sta materia,...

Click here to load reader

Post on 15-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

N. 22 - Febbraio 2009

Centrale Roma

Gri

lloParlan

t e

Febbr

aio

grilloparlante@giomirsa.com

Febbr

aio

Sommario2

Pagg. 4, 5, 6, 7, 8.

Le Interviste del Direttore.Sig.ra Maria Lucia.

Pag. 9.

Istituto Codivilla Putti Cortina Dampezzo

Pag. 17.Madonna che Barca!!!

Pagg. 14, 15, 16.

La Terapia occupazionalein Ambito Reumatologico.

Pagg. 12, 13.

Il Nostro Dott. Salvatore Caminiti...

Pag. 11.

Istituto Codivilla Putti Cortina Dampezzo

Pag. 18.

San Gaetano in Flaminia

Pag. 10.

Istituto Codivilla Putti Cortina Dampezzo

3grilloparlante@giomirsa.com

Giomi R.S

.A.

Giomi R.S

.A.

Pag. 43.

Dove Siamo.

Pag. 42.

Langolo della Poesia

Pag. 40, 41.

LOroscopo di...

Pagg. 38, 39.

Passatempo

Pag. 36.Pag. 37.Natale & Giomi ServiceR.S.A.Flaminia al Lavoro.Racconti di Vita...

Pagg. 32, 33, 34, 35.

Buon Compleanno.

Pagg. 30, 31.

Giovanni Battista.

Pagg. 28, 29.

Cena degli Auguri.Stelvio Cipriani in Concerto...

Pag. 27.

Centro CommercialeTuscia...

Pag. 26.

Giovanni XXIII...

Pag. 24, 25.

Residence Flaminia

Pag. 20, 21, 22, 23.

Evento Musicale...

Pag. 19.

Che Coro de Core!!!

Il Grillo ParlanteIl Grillo Parlante

4

Maria Lucia CELLA DE DAN Istituto Codivilla Putti di Cortina

a cura di Michele DUrso

Le Interviste del Direttore

Le vacanze di Natale sono finiteIl Grillo Parlante decide che per smaltirei chili di troppo messi su dopo le numero-se e ricche mangiate natalizie sarebbebene fare un po di sport; viste le abbon-danti nevicate che stanno ricoprendo lenostre amate Alpiperch non andare afare una bella settimana bianca?!?!Il Grillo Parlante, personaggio di spesso-re dal palato fine, decide allora di rag-giungere una delle localit sciistiche pirinomate del mondo, Cortina dAmpezzo;non a caso a Cortina c unaltra struttu-ra del Gruppo GIOMI:lIstituto Codivilla Putti.

Non senza fatica, per via delle stradeinnevate di fresco a causa delle eccezio-nali e copiose nevicate che da que-ste parti non si vedevano da quasi

quarantanni, riusciamo a raggiungerelingresso del comprensorio che racco-glie le due strutture.Ci troviamo di fronte lelegante e carat-teristico ingresso in pietra, frutto delprimo di una lunga serie di interventi diristrutturazione che sono stati effettuaticon lavvento della Giomi nel Luglio del2003. Finalmente giungiamo di fronteallingresso del Codivilla, che ospita gliuffici amministrativi e dove troviamo adaspettarci la Direttrice Amministrativa, laSig.ra Maria Lucia Cella De Dan.Cordiale ed elegante la Sig.ra Cella ciguida in un veloce tour della struttura,spiegandoci le attivit svolte e soffer-mandosi soprattutto su quei locali recen-temente ristrutturati e che nel 2003,quando arriv la GIOMI, non eranoaltro che dei locali grezzi;il reparto diriabilitazione cardiologica, il nuovoreparto di fisioterapia e la sala convegniintitolata al Prof. Colombani - illustreortopedico proveniente dalla scuoladellIstituto Rizzoli di Bologna e che pro-

5

Maria Lucia CELLA DE DAN

prio a Cortina diede il primo forte impul-so alla ricerca ed allo studio delle infe-zioni osteoarticolari - spiccano per icolori vivaci e larredamento sobrio edaccogliente. Terminata la visita delle due strutture,armato di lapis e taccuino, il Grillo ritie-ne di poter incominciare lintervista; laSig.ra Maria Lucia Cella DirettriceAmministrativa dallAprile del 2004, soloqualche mese dopo lavvento dellaGiomi a Cortina; cosa faceva prima diquestincarico?Ho lavorato per parecchi anni pressolUlss n. 1 Cadore e poi l Ulss n. 1 diBelluno nei Servizi Economico Finan -ziario e Economato, dove, soprattuttonegli ultimi anni prima di venire aCortina, ho seguito la ristrutturazionedell ala nuova dell Ospedale di Pievedi Cadore per quanto riguarda gli arre-di, attrezzature sanitarie ecc. e laper-tura del Centro di ProcreazioneAssistita, sempre presso lOspedale di

Pieve di Cadore- ci racconta sicura la Direttrice - poi il 1 luglio 2003, data di inizio della

Gestione Sperimentale dellIstitutoCodivilla Putti, il Direttore Generaledell Ulss n. 1 Belluno mi mand aCortina per seguire il passaggio diconsegne tra la vecchia gestione equella nuova. E da l nacque il rappor-to con la Giomi, con il Dott. EmmanuelMiraglia e il Dott. Massimo Miragliache, gi dopo qualche giorno, mi disse-ro avremmo piacere che Lei rima-nesse qui!.Si cre da subito una sim-patia e una stima reciproca che, dopoqualche mese, mi indusse a prendere ladecisione di lasciare il pubblico peressere assunta dalla nuova Societ.Ci sembra di capire quindi che si tro-vata da subito in sintonia con la nuovadirigenza chiede incalzante il GrilloParlante.A questa domanda rispondo con molto-piacere risponde sorridente la Sig.raCella. Con il Dott. Emmanuel Miraglia eil Dott. Massimo Miraglia ho avuto fin dasubito e ho tuttora un ottimo rapportosia sotto laspetto professionale cheumano. Il loro continuo appoggio e lafiducia che mi hanno dimostrato mi aiu-tano a risolvere i problemi che, quotidia-namente, si presentano. Potete immagi-nare come il primo periodo sia statoveramente molto impegnativo, ma gra-zie alla professionalit e alle capacitdel Dott. Massimo Miraglia, oltre allapreziosa collaborazione di personale

esterno della Giomi, siamo riusciti adare alla struttura una organizzazio-

Dott. Massimo Miraglia e Maria Lucia Cella

6

ne autonoma nei vari settoriAmministrativi (Contabilit, Acquisti,Personale, Ced); una autonomia cheprima non esisteva, in quanto lIstitutofaceva parte dellUlss n. 1 ed era in retecon gli altri Ospedali del territorio e conuna Direzione centralizzata a Belluno.Tutto questo determinava una lentezzaburocratica non solo sulloperativitdella struttura, ma anche nelle sceltestrategiche: chiaramente oggi sono sololontani ricordi!!!Oggi lIstituto Codivilla Putti gestito dalgruppo Giomi che della ULSS n. 1 diBelluno partner in una societ mistapubblico-privata. importante evidenziare ci raccontala Sig.ra Cella - che questa Societmista stata la prima GestioneSperimentale ad essere attivata in Italia,grazie alla Regione Veneto che, in que-sta materia, pu essere definitaIlluminata. Il nostro obbiettivo quellodi creare e quindi applicare forme inno-vative di gestione di un Ospedale,al fine di erogare le migliori presta-

Maria Lucia CELLA DE DAN zioni possibili, sempre nellinteresse deipazienti. LIstituto Codivilla Putti ha unastoria molto importante e di assolutoprestigio: viene inaugurato nel 1923 ed annesso allIstituto Rizzoli di Bologna.Nel 1980 passa alla Regione Veneto edal 1 luglio 2003 gestito da questaSociet mista pubblico-privato (Ulss n. 1 Giomi Spa). LIstituto, che formatoda due Padiglioni, uno denominatoCodivilla e laltro Putti, attualmente rap-presenta di sicuro un Centro di riferi-mento per la cura delle infezioni osteo-articolari in Italia, oltre che un Centro digrandissima esperienza nel trattamentodei traumi da sport invernali.Ci facciamo raccontare dei vari progetti,quelli raggiunti nel tempo ma soprattuttoquelli futuri:Lobiettivo del progetto di sperimenta-zione stato il potenziamento sia delleattivit di cura e trattamento riabilitativoin soggetti con patologie infettive delleossa, sia del settore dellOrtopedia chequello Traumatologico Sportivo. Inoltreabbiamo attivato, in collaborazione conlUniversit di Padova, un nuovoReparto di Prevenzione e RiabilitazioneCardiovascolare. Un impulso particolarein questi anni stato dato allattivitscientifica, con lorganizzazione di Con -ve gni anche a livello Internazionale.Sono state avviate nuove collaborazionicon diverse Universit Italiane e riattiva-te quelle gi in essere, che ci permetto-no di avere in Istituto una presenzacostante di 7-8 specializzandi diOrtopedia, Cardiologia e Anestesia. Allostesso tempo abbiamo allacciato un

buon rapporto con lANIO,

Nuova Palestra Riabilitazione Cardiologica

7

Istituto Codivilla Putti di CortinalAssociazione Nazionale Infezioni Oste -oarticolari, per creare una rete di infor-mazione on line, allo scopo di garanti-re al paziente la miglior cura possibile.Chiaramente tutto questo stato prece-duto da una ristrutturazione generaledelle due strutture, sia sotto laspettoestetico che della sicurezza, oltre allin-serimento di nuove apparecchiature didiagnosi e cura. Quanto ai progetti futu-ri, questi sono molto ambiziosi preve-dendo laccorpamento dei reparti in ununico Padiglione, il Codivilla, con unconseguente ampliamento della Strut -tura.Girando le due strutture ci sembratodi percepire un grande affiatamento trala Direttrice ed il personale, rapportoche non deve essere stato facile dainstaurare.Il rapporto con il Personale dipendente stato, nella fase iniziale, abbastanzadifficile, con la presenza di personalepubblico, in comando, che era chiara-mente perplesso per un tipo di gestioneinnovativa e non conosciuta e con inuovi assunti, circa un centinaio in pochianni, tra cui parecchio personale infer-mieristico straniero che necessitava diun periodo di inserimento e formazione.Adesso per, posso dire che c unabuona integrazione e collaborazione tradi loro: lo dimostra sia la rappresentazio-ne teatrale che viene fatta ogni anno, inoccasione dello scambio degli auguriNatalizi, dalla Compagnia I Putti for-mata dai dipendenti, che la cerimoniadella consegna delle borse di studio aifigli dei dipendenti, tradizione ormai ven-tennale del gruppo Giomi che il

Dott. Miraglia ha fortemente volutoinstaurare fin dal primo anno di gestio-ne, in

View more